Mercato schede madri, un 2015 in negativo

Mercato schede madri, un 2015 in negativo

Calo sensibile per le consegne di schede madri destinate all'assemblaggio fai-da-te. I conti sorridono solo a Asustek e Gigabyte per via della maggior proporzione di schede di fascia media e alta, pur a fronte di un calo del 10% nei volumi di vendita

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:41 nel canale Schede Madri e chipset
 

Sempre a tinte fosche il mercato dei componenti hardware: il 2015 ha infatti visto un volume di consegne di schede madri DIY (do-it-yourself, cioè le schede madri destinate a finire in un sistema assemblato a cura dell’utente) di 54 milioni di unità complessive, che rappresentano un calo del 21,7% rispetto a quanto consegnato nell’anno precedente.

Asustek Computer e Gigabyte Technology, le due principali realtà del settore, arriveranno a consegnare ciascuno un volume complessivo di 17,1-17,5 milioni di schede madri DIY, con una flessione del 10% su base annua. Entrambe riusciranno tuttavia a mantenere una buona profittabilità per via dell’ampia proporzione di modelli di fascia media e alta nei loro volumi di vendita.

ASRock e MSI hanno invece consegnato cinque miloni di unità, registrando un contrazione rispettiva del 20% e del 10%-15%. ECS e Biostar vedono invece 2,5 milioni di schede madri consegnate, con la prima che ha già deciso per una graduale uscita dal mercato e la seconda che si trova invece a fare i conti con un passivo operativo.

Non va meglio ai produttori cinesi: Colorful Technology and Development, la principale realtà del fu Celeste Impero, si è concentrata sul mercato nazionale consegnando 2,2 milioni di schede madri, registrando comunque un passivo, così come altri vendor quali Onda, Maxsun, SUPoX e Yeston. In questo caso a pesare sui conti è la maggior proporzione di schede madri di fascia bassa, dove i margini sono molto sottili.

49 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pingalep30 Dicembre 2015, 11:03 #1
beh sai amd non se la fila nessuno per una nuova macchina, e intel si fa pagare troppo. rispetto all'anno scorso i prezzi dei processori sono veramente troppo alti, ovvio che molti evitano upgrade e assemblaggio.

praticamente dovremo veramente fare il tifo per apple e il "si fa tutto con ipad", forse così vedremo un po' di concorrenza e di prezzi decenti, naturalmente sul mercato concorrente android. alla fine anno su anno gli smartphone "vecchi" perdono minimo il 30% di valore da nuovi, e nell'usato anche di più. i tablet corrono meno come prezzi ma sicuramente di più di unamacchina intel che se te la propongono usata al prezzo netto dell'iva è già tanto.
pingalep30 Dicembre 2015, 11:12 #2
e la cosa simpatica è che da questa situazione di monopolio sullle cpu chi ci guadagna di più è samsung, perchè la gente fa l'upgrade parziale del solo ssd e perchè tende a spendere di più sul cell dove vede correre di più i prezzi.
tutto imho ovviamente
mamabil30 Dicembre 2015, 11:20 #3
Originariamente inviato da: pingalep
beh sai amd non se la fila nessuno per una nuova macchina, e intel si fa pagare troppo. rispetto all'anno scorso i prezzi dei processori sono veramente troppo alti, ovvio che molti evitano upgrade e assemblaggio.


Bisogna tener conto anche della svalutazione dell'euro nei confronti del dollaro, molte componenti hanno visto aumenti di prezzo per questo motivo.
Io che vorrei passare ad una scheda x99 attualmente la trovo a circa 40euro in più che qualche mese fa. Molte cpu hanno subito la stessa sorte.
Ora che la FED ha alzato i tassi e che la BCE continua a stampare, non potrà che peggiorare.
roccia123430 Dicembre 2015, 11:43 #4
C'è anche da dire che per la stragrande maggioranza delle persone non c'è alcuna esigenza/necessità di upgrade.

Solitamente la scheda madre si cambia al passaggio da una cpu all'altra, molto più raramente per altre ragioni... ma se tra una gen di cpu e l'altra cambia poco o nulla, ci si tiene quello che è già nel case, mobo inclusa.

Inoltre anche cpu di 3-4-5 anni fa hanno potenza più che sufficiente per qualunque uso, anche pesante (escludendo ovviamente i soliti fanatici o coloro che hanno l'esigenza concreta di avere la massima potenza possibile a disposizione).
Per navigazione web, email, scrittura e pochi altri compiti leggeri, anche un core 2 duo dual core o equivalente AMD è più che sufficiente, e parliamo di cpu di 7-8 anni fa.

Basta sommare tutto e... non mi stupisce che vendano poco.
ferro7530 Dicembre 2015, 11:59 #5
Nel 2015: Intel ha iniziato a consegnare i nuovi processori con nuovo socket nel Q4, AMD non è nemmeno pervenuta... e che si aspettavano?
PaulGuru30 Dicembre 2015, 12:03 #6
Se non ci sono novità degne di nota sulle cpu di certo la gente non si compra la mobo nuova .......

Ringraziamo AMD per questo ....
RAMsterdam30 Dicembre 2015, 12:40 #7
Tutta colpa di AMD e Sandy Bridge
Baio7330 Dicembre 2015, 13:06 #8
Originariamente inviato da: roccia1234
C'è anche da dire che per la stragrande maggioranza delle persone non c'è alcuna esigenza/necessità di upgrade.

Solitamente la scheda madre si cambia al passaggio da una cpu all'altra, molto più raramente per altre ragioni... ma se tra una gen di cpu e l'altra cambia poco o nulla, ci si tiene quello che è già nel case, mobo inclusa.

Inoltre anche cpu di 3-4-5 anni fa hanno potenza più che sufficiente per qualunque uso, anche pesante (escludendo ovviamente i soliti fanatici o coloro che hanno l'esigenza concreta di avere la massima potenza possibile a disposizione).
Per navigazione web, email, scrittura e pochi altri compiti leggeri, anche un core 2 duo dual core o equivalente AMD è più che sufficiente, e parliamo di cpu di 7-8 anni fa.

Basta sommare tutto e... non mi stupisce che vendano poco.


Meno male che qualcuno ogni tanto scrive cose che hanno un senso... a parte gli smanettoni/fanatici (il 99% di questo forum, lo zerovirgola nel mondo reale) chi ha oggi davvero bisogno di upgradare il proprio hardware? Giusto qualcuno che fa elaborazioni pesanti... ma anche qua una percentuale esigua.

Poi è chiaro che se AMD avesse già buttato fuori ZEN, qualche mobo in più si sarebbe venduta, ma di certo in numeri che non avrebbero inciso sul totale.

Finalmente dopo anni ed anni la folle ricorsa all'hardware sta rallentando... il mercato inizia ad avere il fiatone.

Baio
PaulGuru30 Dicembre 2015, 13:19 #9
Originariamente inviato da: Baio73
Meno male che qualcuno ogni tanto scrive cose che hanno un senso... a parte gli smanettoni/fanatici (il 99% di questo forum, lo zerovirgola nel mondo reale) chi ha oggi davvero bisogno di upgradare il proprio hardware? Giusto qualcuno che fa elaborazioni pesanti... ma anche qua una percentuale esigua.

Poi è chiaro che se AMD avesse già buttato fuori ZEN, qualche mobo in più si sarebbe venduta, ma di certo in numeri che non avrebbero inciso sul totale.

Finalmente dopo anni ed anni la folle ricorsa all'hardware sta rallentando... il mercato inizia ad avere il fiatone.

Baio
Il mercato non ha il fiatone, è dovuto anche alla concorrenza di AMD che manca sul piano CPU.
Baio7330 Dicembre 2015, 13:44 #10
Originariamente inviato da: PaulGuru
Il mercato non ha il fiatone, è dovuto anche alla concorrenza di AMD che manca sul piano CPU.


E infatti l'ho scritto che l'uscita di ZEN avrebbe fatto fare ai produttori di mobo qualche numero (pochi) in più... ma il nocciolo della questione non cambia, ormai aggiornare il pc è uno sfizio, non una necessità.
Neanche mi ricordo più l'ultima volta in cui ho cambiato il pc perchè non ce la faceva a fare quello per cui mi serviva... e non sono neppure un utente abbastanza 'basico', mi sono sempre considerato nella piccola niccha degli smanettoni.
Anche Windows 10 pare meno esoso di richieste come SO... che motivo può avere la gente oggi di aggiornare un pc che soddisfa le proprie esigenze?

Il fiatone c'è eccome... i soldi in giro sono sempre di meno, ci si tiene il vecchio e ci si fa bastare...

Baio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^