Windows si sposterà interamente sul cloud fra due anni, Aero di nuovo disponibile nel 2014

Windows si sposterà interamente sul cloud fra due anni, Aero di nuovo disponibile nel 2014

Alcuni rumor avrebbero rivelato quello che potrebbe essere il ruolino di marcia di Microsoft per quanto riguarda il futuro di Windows

di Nino Grasso pubblicata il , alle 08:21 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Si avvicina il primo anniversario per Windows 8 e per la maggior parte dei prodotti questo significa che una nuova major release potrebbe essere alle porte e prossima al rilascio. Tuttavia per Microsoft il discorso cambia, visto che ci ha abituati nel corso degli anni a cadenze nettamente più rilassate in modo da mantenere una singola versione stabile nel tempo, garantendo aggiornamenti continui.

La compagnia potrebbe però cambiare assetto e strategie di mercato, velocizzando le cose. Windows 9, in quest'ottica, sarebbe previsto già per il 2014 con un'interfaccia grafica leggermente rivoluzionata. Le trasparenze di Aero (tipiche di Windows Vista e Windows 7) potrebbero fare ritorno dopo essere state abbandonate del tutto con l'attuale versione, che adotta la controversa interfaccia Modern UI, presa in prestito dal settore mobile.

La stessa fonte anonima avrebbe divulgato anche alcune caratteristiche di Windows 10, che sarà un sistema operativo interamente basato sul cloud. Tutti i processi computazionali saranno eseguiti in pratica da remoto sui server di Microsoft e trasmessi al PC tramite internet, eliminando di fatto la necessità di disporre di terminali potenti per le operazioni basilari. Windows 10 potrebbe essere anche esclusivamente un servizio online di Microsoft, come gli attuali Office 365 e il nuovo Xbox Cloud di Xbox One, evolvendo così l'ecosistema in cloud della società di Redmond.

In ultima analisi c'è da considerare che tutte le presunte rivelazioni della fonte anonima vanno prese per quello che sono, cioè delle indiscrezioni non comprovate o comprovabili, né diffuse ufficialmente dalla stessa Microsoft e vanno di fatto affrontate con il beneficio del dubbio. Le tecnologie di oggi per il cloud sono disponibili e sufficienti a realizzare un servizio simile, ma probabilmente non a renderlo un prodotto di massa diffuso a livello globale dal momento che dovrà per forza di cose scontrarsi con i limiti delle connessioni ad internet.

Tornando ai giorni nostri, Windows 8.1 RTM è già stato rilasciato a produttori e OEM ed raggiungerà il mercato il 17 ottobre.

121 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco03 Settembre 2013, 08:30 #1
. Tutti i processi computazionali saranno eseguiti in pratica da remoto sui server di Microsoft e trasmessi al PC tramite internet, eliminando di fatto la necessità di disporre di terminali potenti per le operazioni basilari. Windows 10 potrebbe essere anche esclusivamente un servizio online di Microsoft, come gli attuali Office 365 e il nuovo Xbox Cloud di Xbox One


Ma Ballme non era andato via? Forse e' il caso di smetterla con queste perle...
DaRkNeSs_Fx03 Settembre 2013, 08:30 #2
quindi in teoria dovrebbe ritornare l'interfaccia desktop per intero nel prossimo OS (windows 9)..non male
DaRkNeSs_Fx03 Settembre 2013, 08:32 #3
@s0nnyd3marco
quoto!direi che è pressoché inutile e privo di senso una cosa del genere..che poi mi chiedo: che tipo di connessione dovrei avere?mah..
Coccitrone03 Settembre 2013, 08:32 #4
OS in cloud? ma lol
Darkon03 Settembre 2013, 08:38 #5
Vabbè è palese che siano della colossali cavolate. Nemmeno negli USA c'è una capillarizzazione delle linee internet tale da poter parlare così presto di un sistema operativo totalmente cloud.

Inoltre il cloud espone a problematiche non di poco conto visto che se tutto viene centralizzato basta che quel centro o un centro chiave abbia anche solo un danno accidentale che l'infrastruttura salvo farla sovrabbondante rischia il collasso.

IMHO l'OS cloud è semplicemente qualcosa che va contro la logica di internet e della solidità del sistema. Senza contare che poi esclusi i paesi meglio serviti da ADSL a larghissima banda di fatto microsoft si taglierebbe fuori dal mercato in tutti i paesi come Asia (Giappone escluso) e più in generale tutti quei paesi in via di sviluppo e qualcuno anche di quelli occidentali (vedi Italia).

Ora alla luce di questo forse gli piacerebbe avere in cloud l'OS già al 2015 ma è una pia illusione. Inoltre sinceramente non mi piace per niente che i miei processi e qualsiasi cosa faccia venga:

1- Trasmesso e parliamoci chiaro nel momento in cui trasmetti per quanto puoi avere un livello di criptazione elevato il rischio c'è sempre.

2- Giri su un server remoto di cui non saprò mai se ci già anche qualche software di analisi di quello che faccio, scrivo ecc... ecc...

In definitiva... per me anche ci fossero linee adsl estreme sarei per il cloud? no, grazie. (almeno relativamente all'OS)
cignox103 Settembre 2013, 08:46 #6
-----------------------------
Tutti i processi computazionali saranno eseguiti in pratica da remoto sui server di Microsoft e trasmessi al PC tramite internet, eliminando di fatto la necessità di disporre di terminali potenti per le operazioni basilari
-----------------------------

Non ci credo neanche se lo vedo! E le ragioni sono:
1-Di quali capacitá computazionali dovrebbe aver bisogno un SO che una qualsiasi CPU nel 2018 o giú di li non sarebbe in grado di svolgere ad occhi chiusi e con una sola mano?
2-Architettura Mainframe/terminale. Ci saranno anche le lucine lampeggianti come nei film di fantascienza degli anni 70?
3-Questa sarebbe un'ottima mossa, visto il successo dell'always online della XBox One.
4-Sono proprio curioso di sapere quali centri di calcolo dovrebbero avere per GARANTIRE il servizio ai 500 milioni e rotti di pc windows che saranno in esecuzione contemporaneamente...
5-Temo qualche sottile problema di privacy
6-Temo qualche sottile problema di banda
GM Phobos03 Settembre 2013, 08:49 #7
Ma...
A parte che usare il cloud richiederebbe risorse di banda non indifferenti (e che se tutti usassero potrebbe congestionare la connettività generale...) si rendono conto che nel malaugurato caso che la cosa funzionasse... si darebbero la zappa sui piedi?
Già il mercato PC è saturo... e difficilmente la gente cambia il PC come una volta. Ormai i PC moderni hanno una durata molto superiore a quelli di un tempo... nel caso in cui questo sistema dovesse funzionare... chi si preoccuperebbe più di aggiornare la propria macchina... tanto servirebbero risorse limitate visto che la parte computazionale sarebbe demandata al cloud...
in pratica... se la cosa non funziona sarà un flop... se la cosa funziona sarà la rovina dell'ecosistema PC... hanno proprio delle belle idee alla Microsoft.. sarà meglio che Balmer si spicci ad andarsene... altro che 12 mesi...
dobermann7703 Settembre 2013, 08:51 #8
OS in cloud è privo di significato.

Questa cosa mi ricorda
"Windows Vista non farà partire le applicazioni opensource".

Ma non c'e' problema, ormai siamo abituati a queste cose
M$ è sempre in difficoltà e fa solo cavolate
AlbertoF03 Settembre 2013, 08:53 #9

Host

Il sistema HOST centrico che ho visto nel 1988 quando lavoravo in IBM collegato ad un sistema sito in Inghilterra (aa Withorn se non ricordo male)
Il massimo della grafica era avere le lettere colorate .....e non tutti avevano il terminale a colori ...
Beh ... così funzionava
Totix9203 Settembre 2013, 09:16 #10
sono solo rumor... spero niente di vero... un os totalmente cloud? ma per favore... se sarà davvero cosi prevedo una bella migrazione di massa verso sistemi gnu/linux...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^