Ubuntu sarà disponibile solo a 64 bit dalla versione 17.10

Ubuntu sarà disponibile solo a 64 bit dalla versione 17.10

Ubuntu 17.10 non sarà disponibile in versione a 32 bit: Canonical ha annunciato la storica decisione di rinunciare a distribuire il suo sistema operativo con supporto per i processori a 32 bit, supportando solo le CPU a 64 bit

di Riccardo Robecchi pubblicata il , alle 16:41 nel canale Sistemi Operativi
UbuntuLinux
 

Ubuntu 17.10 sarà disponibile esclusivamente nella versione a 64 bit, con la versione a 32 bit che non sarà più supportata a partire dalla prossima versione come installazione tradizionale.

L'annuncio arriva a poca distanza dal lancio effettivo del sistema operativo; Canonical non metterà più a disposizione una ISO per sistemi a 32 bit, dal momento che il sistema non viene più testato attivamente su hardware a 32 bit, ma continueranno a rimanere disponibili gli archivi con il software a 32 bit.

Nel caso in cui si avesse necessità di installare Ubuntu in modalità 32 bit, Canonical manterrà comunque la disponibilità del net installer e dell'immagine mini. Chi avesse attualmente un'installazione a 32 bit potrà comunque aggiornare il proprio sistema alla versione 17.10 utilizzando i pacchetti dai nuovi repository.

Il destino delle varianti di Ubuntu più leggere, come Lubuntu e Ubuntu MATE, rimane incerto: queste derivate sono pensate per i computer più anziani e la rimozione del supporto ai processori a 32 bit potrebbe rivelarsi un grosso problema per i loro utenti.

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LucaLindholm28 Settembre 2017, 20:52 #1

Ovvio

Doveva accadere prima o poi...
silviop28 Settembre 2017, 21:13 #2
Sinceramente prima della 18.04 LTS non me lo aspettavo.
MaxFabio9328 Settembre 2017, 21:26 #3
Originariamente inviato da: LucaLindholm
Doveva accadere prima o poi...


Concordo, però trattandosi di un OS Open Source a tutti gli effetti si toglie un pò la libertà di scelta, che è anche la filosofia stessa di Linux, se poi consideriamo macchine non troppo recenti che sono perfette con Ubuntu...

Dall'altro lato però trattandosi non di una multinazionale come Microsoft da qualche parte dovevano pur tagliare...
andrew0428 Settembre 2017, 21:41 #4
Originariamente inviato da: MaxFabio93
Concordo, però trattandosi di un OS Open Source a tutti gli effetti si toglie un pò la libertà di scelta, che è anche la filosofia stessa di Linux, se poi consideriamo macchine non troppo recenti che sono perfette con Ubuntu...

Dall'altro lato però trattandosi non di una multinazionale come Microsoft da qualche parte dovevano pur tagliare...


Occhio che tolgono solo le iso "standard" ed il testing, ma rimangono ancora le iso netinstaller e le minimal per 32 bit, oltre la possibilità di aggiornare da versione precedenti

(E comunque, in ogni caso, l'utilizzo delle 32 bit su Linux è praticamente irrisorio, e quella piccola percentuale ci sarà una distro ad hoc)
bancodeipugni28 Settembre 2017, 22:19 #5
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/sistem...1710_71425.html

Ubuntu 17.10 non sarà disponibile in versione a 32 bit: Canonical ha annunciato la storica decisione di rinunciare a distribuire il suo sistema operativo con supporto per i processori a 32 bit, supportando solo le CPU a 64 bit

Click sul link per visualizzare la notizia.


sarà un mezzo poccio come la precedente o almeno ci sarà qualche passo in avanti nella gestione della parte di interfaccia grafica ?

e soprattutto si potrà tornare a mettere la x in alto a destra
per favore ?
Opteranium29 Settembre 2017, 00:43 #6
Era ora
Bellaz8929 Settembre 2017, 02:40 #7
Originariamente inviato da: MaxFabio93
Concordo, però trattandosi di un OS Open Source a tutti gli effetti si toglie un pò la libertà di scelta, che è anche la filosofia stessa di Linux, se poi consideriamo macchine non troppo recenti che sono perfette con Ubuntu...

Dall'altro lato però trattandosi non di una multinazionale come Microsoft da qualche parte dovevano pur tagliare...


Non credo che Ubuntu riesca a girare decentemente su macchine non X86_64. Chi vuole utilizzare hardware così vecchio si rivolge ad altre distribuzioni.
RouSou29 Settembre 2017, 06:18 #8
Originariamente inviato da: Bellaz89
Non credo che Ubuntu riesca a girare decentemente su macchine non X86_64. Chi vuole utilizzare hardware così vecchio si rivolge ad altre distribuzioni.


Ubuntu sicuramente no, ma xubuntu secondo me si. Poi se vuoi pure surfare il webbE...

Ma il problema rimane un altro...ovvero non sussiste...perchè usare ubuntu quando puoi avere debian?
s-y29 Settembre 2017, 07:02 #9
ci sta, anche se si potrebbe per certi versi inserire la cosa nel solco del recente 'ridimensionamento aziendale', chissà

e cmq come già scritto, per le macchine 32 bit le alternative restano
AleLinuxBSD29 Settembre 2017, 07:40 #10
Prevedibile ma non trovo la cosa drammatica dato che esistono altre alternative.

Ma la cosa che trovo più problematica è la rimozione del supporto di vecchio hardware nei nuovi sistemi Linuc.
Es. impossibilità di riconoscere la presenza di tutti i dischi in sistemi RedHat con controller che supporta SATA e PATA, bug non fissati relativi a schede grafiche che in teoria risultano ancora supportati, e probabilmente ci sono altri problemi in cui per il momento non mi sono ancora imbattuto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^