Remix OS è morto: Jide si sposta verso i servizi alle aziende

Remix OS è morto: Jide si sposta verso i servizi alle aziende

Jide ha annunciato la morte del ramo consumer di Remix OS, il suo sistema operativo fork di Android e destinato agli utenti che desiderano utilizzare Android anche per la produttività di base, con un'interfaccia che ricorda Windows.

di Riccardo Robecchi pubblicata il , alle 08:41 nel canale Sistemi Operativi
Android
 

Remix OS è ufficialmente arrivato al capolinea. Il sistema operativo basato su Android e pensato per offrire un'interfaccia più simile a quella di Windows non sarà più sviluppato, come annunciato da Jide.

L'azienda ha comunicato che non intende più sviluppare prodotti e servizi per i consumatori, focalizzandosi invece sui servizi alle imprese:

Nel corso dell'ultimo anno, abbiamo ricevuto un numero crescente di richieste da imprese operanti in diversi settori, e abiamo iniziato ad aiutarle a creare degli ottimi strumenti per le loro organizzazioni utilizzando il software e l'hardware di Jide. Vediamo un grande potenziale nel ruolo che Jide può ricoprire per rivoluzionare il modo in cui queste aziende operano. E viste le nostre risorse attuali, abbiamo deciso di focalizzare la nostra società solo sul mercato aziendale da qui in avanti.

Cambieremo il modo in cui ci approciamo a Remix OS e ci allontaneremo dal mondo consumer. Lo sviluppo di tutti i prodotti esistenti come Remis OS per PC, così come prodotti in arrivo come Remix IO e IO+, sarà interrotto. Verranno inviati rimborsi completi a tutti i finanziatori via Kickstarter sia per Remix IO che per Remix IO+. Qualunque ordine effettuato tramite il nostro negozio online che non è stato ancora completato verrà rimborsato completamente. Non ci sarà bisogno di alcuna azione da parte vostra e cominceremo a inviare i rimborsi a partire dal 15 agosto.

Nonostante un discreto successo delle campagne Kickstarter, Remix OS non è riuscito a catturare l'attenzione di molti produttori ed è rimasto confinato ad una nicchia specifica di utenti. L'interruzione dello sviluppo sembra però mettere una parola di conclusione alle speranze di chi avrebbe voluto vedere Android anche su PC e con un'interfaccia maggiormente orientata ad un uso lavorativo.

A meno di sviluppi in questo senso da parte di Google, quindi, sembra per il momento escluso che Android arrivi a competere con Windows e macOS sui computer o sui 2-in-1 di taglio più professionale.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bonzoxxx19 Luglio 2017, 08:55 #1
Ma no dai è bellissimo!
nickmot19 Luglio 2017, 09:05 #2
Beh, non è che avesse tutta questa utilità.
Le app mobile non sono pensate per un uso su desktop, avere la UI del SO adattata ed il resto del SW no non è che fornisca tutti questi vantaggi.
pabloski19 Luglio 2017, 10:41 #3
Originariamente inviato da: nickmot
Beh, non è che avesse tutta questa utilità.
Le app mobile non sono pensate per un uso su desktop, avere la UI del SO adattata ed il resto del SW no non è che fornisca tutti questi vantaggi.


lo scopo era sfruttare l'ondata di dispositivi mobile x86 che avrebbe dovuto arrivare

l'ondata non c'e' stata, intel si e' ritirata da quel mercato e jide si e' resa conto che il progetto non aveva piu' ragione di esistere
TheZioFede19 Luglio 2017, 10:54 #4
Magari in mezzo c'era anche il fatto che avrebbe dovuto concorrere con Google e il suo ChromeOs, chissà.
pabloski19 Luglio 2017, 12:35 #5
Originariamente inviato da: TheZioFede
Magari in mezzo c'era anche il fatto che avrebbe dovuto concorrere con Google e il suo ChromeOs, chissà.


anche

ma prima sapevano che c'era un mercato e decisero di accettare la sfida

oggi quel mercato non c'e' piu', intel ritorna sui suoi passi e anzi e' arm ad apprestarsi ad invadere i segmenti pc, wokrstation e server
Fdb19 Luglio 2017, 15:34 #6
Per me Remix Singularity aveva molto senso, trasformando lo smartphone nel proprio desktop si andava ad annullare quello che era il settore laptop, con una portabilità senza pari. Peccato avrei voluto si sviluppasse questa idea.
biometallo19 Luglio 2017, 20:41 #7
Per me la parte più grave questa:
così come prodotti in arrivo come Remix IO e IO+, sarà interrotto. Verranno inviati rimborsi completi a tutti i finanziatori via Kickstarter sia per Remix IO che per Remix IO+


Cioè sta gente ha ingolosito l'utenza proponendo un mini pc super economico tramite esso hanno raccattato un bel po' di dollari e quando ormai avrebbe dovuto essere consegnato (le spedizioni leggo altrove dover partire da giugno) se escono con "non se ne fa niente ma tranquilli prima o poi riavrete i vostri soldi"

Scusate se sono in cattiva fede, ma mi viene da pensare che loro abbaino semplicemente sfruttato il crowdfunding per farsi pubblicità e farsi fare un bel prestito che poi hanno sfruttato in tutt'altro modo, se quel che sospetto è vero direi che non basta che i soldi vengano restituiti ai finanziatori ma ci vorrebbe qualche sistema che controlli e se il caso sanzioni chi abusa di questo tipo di raccolta fondi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^