Non è uno scherzo: Ubuntu, Fedora e openSUSE arriveranno su Windows Store

Non è uno scherzo: Ubuntu, Fedora e openSUSE arriveranno su Windows Store

Continua l'apertura di Microsoft verso le altre piattaforme, con le principali distribuzioni Linux che arriveranno su Windows Store

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:01 nel canale Sistemi Operativi
WindowsMicrosoftUbuntu
 

Lo scorso anno sembrava difficile credere che Microsoft avrebbe inserito di lì a breve il supporto per la shell Bash su Windows 10. Questo è stato reso possibile grazie al Windows Subsystem for Linux, una sorta di ambiente capace di eseguire binari per Linux sul sistema operativo di Redmond. La feature è stata lanciata in collaborazione con Canonical su Windows 10 Anniversary Update e attivando la Developer Mode gli utenti possono adesso scaricare i binari di Ubuntu dai server dello sviluppatore. L'intero processo sarà a breve drasticamente più semplice.

Come? Introducendo Ubuntu direttamente su Windows Store. Sì, sappiamo che sembra una battuta o un pesce d'aprile, ma è davvero così. Portando Ubuntu su Windows Store Microsoft rende il processo di installazione degli strumenti compatibili solo con Linux una possibilità per tutte le tipologie di utenti, e non solo i più esperti o i professionisti del settore. L'obiettivo finale è quello di riuscire ad eseguire le applicazioni per Windows 10 e quelle di Linux l'una a fianco dell'altra. E all'orizzonte non c'è solo Ubuntu sullo store, ma ci sono anche Fedora e openSUSE.

Le applicazioni delle distribuzioni Linux saranno eseguibili all'interno di un ambiente virtualizzato, ma in maniera quasi del tutto indistinguibile dalle finestre del software per Windows. Si tratta di una funzione particolarmente interessante per gli sviluppatori, e proprio per questo è stata scelta la Build 2017 come trampolino di lancio. Microsoft vuole insomma attrarre gli addetti ai lavori che lavorano con prodotti open-source, e al tempo stesso consentire agli sviluppatori Windows attuali di cimentarsi su progetti a più ampio respiro che non considerano solo la piattaforma madre.

È chiaro che il messaggio è che il colosso di Redmond è estremamente interessato allo sviluppo su altre piattaforme e alle partnership con quelle che pochi anni fa venivano definite le società concorrenti. La shell Bash su Windows 10 non è stata una toccata e fuga nell'ambiente di sviluppo su Linux, ma l'inizio di un percorso che va nella direzione di rendere sempre più vicini i lontanissimi approcci usati su Windows e su Linux. Una novità che si può collegare facilmente anche all'introduzione di Windows 10 S, pensato per scuole e per l'ambito educativo.

Con il supporto delle distribuzioni più diffuse basate su Linux gli studenti e le scuole possono imbastire progetti pensati (anche solo in parte) per il sistema operativo open-source senza mai lasciare il sistema operativo di Microsoft, nemmeno per la stesura del codice.

66 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Zurlo12 Maggio 2017, 16:16 #1
Embrace, Extend, Extinguish?
csavoi12 Maggio 2017, 16:18 #2
Embrace, Extend, Extinguish!!! (senza punto interrogativo)
cata8112 Maggio 2017, 16:22 #3
Prossimo step far tornare in auge Xenix, poi la creazione di funzionalità estese solo per Xenix, poi la chiusura della baracca :asd.
AlexAlex12 Maggio 2017, 16:33 #4
Appunto è solo il Windows Subsystem for Linux, quindi solo terminale e nessun server grafico. Non serve all'utente normale per utilizzare linux in windows ma ad offrire utili strumenti a sistemisti e sviluppatori invogliandoli ad utilizzare direttamente windows.
Phoenix Fire12 Maggio 2017, 16:57 #5
Originariamente inviato da: AlexAlex
Appunto è solo il Windows Subsystem for Linux, quindi solo terminale e nessun server grafico. Non serve all'utente normale per utilizzare linux in windows ma ad offrire utili strumenti a sistemisti e sviluppatori invogliandoli ad utilizzare direttamente windows.


giusto per pignoleria, non è difficile eseguire anche l'ambiente grafico, ci sono tante guide online, non ho mai approfondito però la "qualità" e le performance
AlexAlex12 Maggio 2017, 17:02 #6
Originariamente inviato da: Phoenix Fire
giusto per pignoleria, non è difficile eseguire anche l'ambiente grafico, ci sono tante guide online, non ho mai approfondito però la "qualità" e le performance


immagino si possa anche installare X, ma non so come vada e se dia problemi. Sottolineavo più che altro che non è pensato per avere un sistema completo, o almeno non credo.
emiliano8412 Maggio 2017, 17:03 #7
ma che titolo e'??? ...e non e' uno scherzo
JJDanziger12 Maggio 2017, 17:04 #8
Originariamente inviato da: AlexAlex
Appunto è solo il Windows Subsystem for Linux, quindi solo terminale e nessun server grafico. Non serve all'utente normale per utilizzare linux in windows ma ad offrire utili strumenti a sistemisti e sviluppatori invogliandoli ad utilizzare direttamente windows.


Basta installare un X server per Windows, e funzionerano anche le applicazioni linux grafiche lanciate da bash.
demon7712 Maggio 2017, 17:15 #9
Originariamente inviato da: csavoi
Embrace, Extend, Extinguish!!! (senza punto interrogativo)


Effettivamente mi è immediatamente venuto in mente questo.
goku4liv12 Maggio 2017, 17:28 #10
io preferisco il contrario, UNIX è IL PADRE DI IOS E DI LINUX E DI ANDROID, ed è molto piu sicuro di winzoz, io resto fedele a ubuntu

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^