Le schermate verdi della morte (GSOD) arrivano su Windows 10

Le schermate verdi della morte (GSOD) arrivano su Windows 10

Le vedranno gli addetti ai lavori e i cosiddetti Insider, in sostituzione delle ormai famigerate BSOD, le schermate blu della morte che informano di un crash irriparabile del sistema operativo

di Nino Grasso pubblicata il , alle 13:06 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Fioccano ancora novità man mano che gli utenti utilizzano in maniera profonda la nuova versione di Windows 10 trapelata online in via non ufficiale. Fra queste una nuova schermata di BSOD: la celebre - ma non per meriti - Blue Screen of Death (BSOD) è stata sostituita da una nuova variante identica nel testo ma dal colore diverso per lo sfondo, che diventa verde. Nel web è stata già battezzata come Green Screen of Death (GSOD), la Schermata Verde della Morte.

La funzione era stata anticipata in maniera piuttosto velata dall'impiegato di Microsoft Matthijs Hoekstra su Twitter, ma è stata scoperta in via definitiva dall'utente Chris123NT. Secondo quanto confermato in seguito dallo stesso Hoekstra la novità è prevista per tutte le build future del Programma Insider, quindi solo per gli utenti che usano le versioni beta del sistema operativo. Microsoft non ha ancora svelato il motivo del cambio di colore della schermata.

Ma possiamo supporlo: probabilmente la compagnia vuole creare una distinzione fra le schermate BSOD tradizionali delle build finalizzate e quelle, più probabili, che avvengono sulle build Insider per via di crash e problemi non ancora corretti sulle versioni beta del sistema operativo. Molti utenti Insider pubblicano screenshot delle schermate blu sui forum o sui social network per identificare i problemi che hanno causato il crash, e un colore diverso per le build Insider aiuterà Microsoft a capire meglio le origini dei problemi e dove questi si sono palesati.

Recentemente Microsoft ha aggiornato le BSOD introducendo in esse un codice QR, mentre in passato ha aggiunto un piccolo smile per edulcorare le sofferenze tipiche che portano negli utenti le schermate della morte (lavori persi, partite online abbandonate, non sono proprio il massimo della vita). Le ultime novità, incluso il cambio di colore, hanno il compito di rendere "più utili" le schermate al fine di identificare in maniera più precisa la causa dell'errore.

Windows 10 build 14997 è stata pubblicata online da fonti non ufficiali dopo che Microsoft aveva annunciato una pausa per le festività natalizie. Fra le novità scoperte dagli utenti le nuove cartelle del Menu Start, la possibilità di mettere in pausa gli aggiornamenti, una presunta Game Mode, ed anche questa nuova e insolita Schermata Verde della Morte.

45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LorenzAgassi29 Dicembre 2016, 13:10 #1
.
"Notizia" da prima pagina e intera anche sui Quotidiani nazionali direi
Da annotare sul taccuino di colore verde
Si immagina che per par condicio arriveranno "news" anche sui colori dei Kernel Panics di MacOs e di Linux
devilred29 Dicembre 2016, 13:22 #2
devo ammetterlo, da quando ho fatto l'upgrade da 7 a 10 sono diventate un ricordo, ma se capita anche una sola volta passo a linux.
TheZioFede29 Dicembre 2016, 13:29 #3
Se ti capita per un problema hardware dubito serva a qualcosa "passare a linux", ma forse non ho colto l'ironia
LorenzAgassi29 Dicembre 2016, 13:31 #4
Originariamente inviato da: TheZioFede
Se ti capita per un problema hardware dubito serva a qualcosa "passare a linux", ma forse non ho colto l'ironia




Non sa quanti Kernel Panic vedrà appena dovrà installare qualche driver particolare sotto una distro come Ubuntu etc.
Pegatorn29 Dicembre 2016, 13:37 #5
Ah sicuro guarda!
Per curiosità ho installato Ubuntu su un Samsung di 3 anni fa e venivano riconosciute al volo tutte le periferiche.
Dopo 15 minuti, lo potevi usare con tanto di pacchetto Office preinstallato.
Sullo stesso PC, dopo aver installato windows 10 e i soliti millesima aggiornamenti, c'era una periferica del mega che non veniva riconosciuta ne risolta da windows.
Ergo: dovevi spippolare con i driver e romperti le palle come da tradizione Windows.
s-y29 Dicembre 2016, 13:39 #6
secondo me qualcuno protestera' per la scelta cromatica

cmq sia, cosa cappero c'entra linux?
LorenzAgassi29 Dicembre 2016, 13:51 #7
Originariamente inviato da: Pegatorn
Ah sicuro guarda!
Per curiosità ho installato Ubuntu su un Samsung di 3 anni fa e venivano riconosciute al volo tutte le periferiche.
Dopo 15 minuti, lo potevi usare con tanto di pacchetto Office preinstallato.
Sullo stesso PC, dopo aver installato windows 10 e i soliti millesima aggiornamenti, c'era una periferica del mega che non veniva riconosciuta ne risolta da windows.
Ergo: dovevi spippolare con i driver e romperti le palle come da tradizione Windows.




Ma se solo per installare il driver di una scheda di rete WIFI ( ce ne sono a iosa di diverse) sotto Linux arrivano spessissimo Kenel Panic a iosa.

Tu ovviamente pur di dare contro al solito sistema operativo ne inventerai di ogni tipo anche per operazioni basilari di questo tipo
Per il resto delle N centinaia di perifeche anche vecchie meglio non proferire parola

PS: le macchine Dell o HP o Lenovo etc etc sono tutte vendute con driver certificati WHQL Microsoft..non sono di certo il Pc assemblato del supermercato per tirar la cinghia con periferiche/interfacce/schede interne da 5$ cadauna e relativi driver compilati coi piedi.
matsnake8629 Dicembre 2016, 13:54 #8
È incredibile come iniziate a parlare di cose a caso che non c'entrano nulla.
Ma sticazzi di ubuntu e del tuo samsung.
Epoc_MDM29 Dicembre 2016, 14:15 #9
A me è successo una volta con il driver del touchpad.
franksisca29 Dicembre 2016, 14:35 #10
- Abbiamo risolto tutti i problemi relativi alle BSOD
- Come?
- Abbiamo fatto le GSOD!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^