Il parere di Eric Schmidt sull'Intelligenza Artificiale alla RSA Conference

Il parere di Eric Schmidt sull'Intelligenza Artificiale alla RSA Conference

Interessante intervento di Eric Schmidt, presidente esecutivo di Alphabet, presso la RSA Conference di San Franscisco. Si è parlato di Intelligenza Artificiale, e dell'iniziale scetticismo di Mr. Schmidt verso questa sezione della tecnologia

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 17:38 nel canale Sicurezza
RSAGoogle
 

Il mondo della tecnologia è caratterizzato da personaggi spesso bizzarri e singolari, dalla forte personalità e talvolta eccentrici. Senza arrivare agli eccessi di John McAfee, sono numerosi gli esempi di persone dall'apparente carattere forte e di gran polso, come ad esempio Steve Jobs o Elon Musk. Eric Schmidt è una persona molto diversa, quasi "normale", per quando il padre-padrone di Alphabet - Google possa esserlo.

Tiene un profilo basso, Mr Schmidt, senza eccentrismi o arie da santone. Lo dimostra anche nel corso del keynote tenutosi alla RSA Conference di San Francisco, durante il quale è stato intervistato sul palco sul tema dell'Intelligenza Artificiale, indicata spesso come AI, acronimo di Artificial Intelligence. Parte con un'ammissione di colpa che altri non si sarebbero mai sognati di fare, ovvero quella di essersi completamente sbagliato, inizialmente, sul tema.

Ci ha creduto poco o nulla, insomma, convinto che i problemi da risolvere fossero insormontabili e non ancora alla portata della tecnologia. Oggi non la pensa più così, anzi è convinto che sia un passaggio chiave sia per la società, sia per l'azienda che dirige. I piedi restano comunque ben ancorati a terra, poiché l'Intelligenza Artificiale che Mr. Schmidt intende non è quella da film di fantascienza, quanto al primo stadio del suo sviluppo e con un obiettivi chiari e non troppo complessi, per ora.

Diversa la versione di Elon Musk, sicuramente più visionario ma non per forza in accezione positiva, che teme che l'Intelligenza Artificiale possa un giorno ribellarsi all'uomo, proprio come in un film. Secondo il più pragmatico Eric Schmidt, la IA "buona" è quella che arricchisce l'esperienza umana e non la sostituisce. Esempi vengono dalla vista, sotto forma di videocamere sulle auto a guida autonoma, per esempio, con grande impatto anche sulla sanità, dove microcamere e sensori stanno facendo un lavoro impensabile per l'uomo in ambito chirurgico. Il tutto apprendendo e creando una mole immensa di dati da cui apprendere in autonomia.

Scherza anche, Mr. Schmidt, citando un esperimento sulle reti neurali per l'apprendimento tenuto da Google nel 2012. Lasciato libero di apprendere dai dati, non si sono fatti passi avanti nella matematica o nell'ingegneria ma... nel riconoscimento dei gatti nei video di Youtube. Eppure l'esperimento, dopo un iniziale imbarazzo, si è rivelato un successo: le macchine sono riuscite a trovare delle similitudini in piena indipendenza e selezionare "oggetti" simili (i gatti, in questo caso), accendendo l'ottimismo in chi lo aveva perso o ne aveva poco, proprio come Eric Schmidt. Insomma, la strada è solo al suo inizio ma ci sono prospettive interessanti per il futuro, se si decide di tracciare una via che permetta all'uomo di migliorare la propria esperienza di vita.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Alerto10016 Febbraio 2017, 19:35 #1
Tutto ovviamente dipende da che significato si vuol dare al termine intelligenza artificiale che ovviamente non consiste nel riconoscimento dei gatti o di altri oggetti, risultati peraltro già raggiunti in passato prima di Google e semplicemente non commercializzati se così si può dire. Del resto questi personaggi Schmidt o altri non parlano mai da un punto di vista tecnico scientifico ma da quello delle convenienze delle proprie società: del resto molto spesso, ad onta delle leggende che si creano, non sono nemmeno molto ferrati nel campo specifico ed è ben noto come, ad esempio, il tanto osannato Steve Jobs non avesse mai scritto una riga di codice dopo la scuola. Voglio dire che se volessimo delle opinioni sensate e fondate non sono certo i tycoon dell'informatica quelli da cui potremmo ricevere lumi. E' solo gossip.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^