HP TouchPad è il secondo tablet più venduto al mondo

HP TouchPad è il secondo tablet più venduto al mondo

Nonostante il periodo non proprio favorevole, attraversato in questo momento da HP, il tablet della compagnia di Palo Alto ha guadagnato il secondo posto nella classifica dei tablet più venduti

di Davide Fasola pubblicata il 24 Novembre 2011, alle 09:00 nel canale Tablet
 

Nel corso della giornata di ieri è stata diffusa una notizia secondo cui il tablet Touch Pad di HP sarebbe il secondo tablet più venduto al mondo nel 2011. Al contrario di quello che si potrebbe immaginare, il successo della tavoletta di produzione HP ha superato ogni aspettativa, merito indubbiamente degli enormi tagli di prezzo effettuati dalla casa produttrice.

Nella speciale classifica, il TouchPad Hewlett Packard è superato solamente da quella che indubbiamente è la soluzione più desiderata, ovvero iPad 2. Il prodotto Apple, attualmente copre da solo più della metà del mercato dei tablet, la parte restante è invece spartita tra HP con il 17% dello share, Samsung con il 16%, Asus con il 10% e Motorola con il 9%

È quindi abbastanza evidente che, in un mercato nettamente dominato dalla soluzione del colosso di Cupertino, per competere in maniera importante con la soluzione della mela morsicata, la strategia più appagante è quella della riduzione drastica dei prezzi. Esempio lampante proprio questo caso, in cui, nonostante la fine preannunciata del sistema operativo in dote con TouchPad (WebOS) gli utenti, ingolositi dal prezzo non hanno resistito e hanno preso d'assalto i pezzi disponibili.

Strategia che, siamo certi, sta facendo la fortuna anche delle soluzioni low cost rilasciate nel corso dell'ultimo periodo da Amazon e da Barnes & Nobles, che propongono rispettivamente Kindle Fire e Nook Tablet a 199$ e 249$, prezzi più che abbordabili se confrontati con i tariffari della concorrenza.

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lights_n_roses24 Novembre 2011, 09:15 #1
tra l'altro iltouchpad era un bel tablet...peccato lo abbiano abbandonato
demon7724 Novembre 2011, 09:40 #2
Come volevasi dimostrare:
I tablet non li comprano semplicemente perchè servono a poco e costano un botto.

Abbassare i prezzi e ridurre il margine di guadagno aumenta di brutto le vendite, con tutti i vantaggi della cosa.
Eraser|8524 Novembre 2011, 09:52 #3
Originariamente inviato da: demon77
Come volevasi dimostrare:
I tablet non li comprano semplicemente perchè servono a poco e costano un botto.

Abbassare i prezzi e ridurre il margine di guadagno aumenta di brutto le vendite, con tutti gli svantaggi della cosa.


FTFY

A parte gli scherzi, c'è chi può permettersi di vendere sottocosto puntando ai contenuti per guadagnare (come nel caso del Kindle Fire). Motorola, Asus, Samsung, etc.. non possono permetterselo. Non hanno modo di guadagnare se non dalla vendita dell'hardware. Per questo dovrebbero puntare esclusivametne su quello: processori più potenti e display qualitativamente migliori, features esclusive (tipo il beats audio di HTC) e altre cosucce per attrarre fidelizzare i clienti. Solo così possono sperare di giustificare il costo maggiore..
an-cic24 Novembre 2011, 10:03 #4
Originariamente inviato da: Eraser|85
FTFY

A parte gli scherzi, c'è chi può permettersi di vendere sottocosto puntando ai contenuti per guadagnare (come nel caso del Kindle Fire). Motorola, Asus, Samsung, etc.. non possono permetterselo. Non hanno modo di guadagnare se non dalla vendita dell'hardware. Per questo dovrebbero puntare esclusivametne su quello: processori più potenti e display qualitativamente migliori, features esclusive (tipo il beats audio di HTC) e altre cosucce per attrarre fidelizzare i clienti. Solo così possono sperare di giustificare il costo maggiore..


hp ha venduto sottocosto per smaltire i magazzini dopo aver deciso di abbandonare webos e questa decisione gli è costata una perdita di oltre 3 miliardi di dollari

http://www.precentral.net/hp-report...3-billion-webos

però va detto che avendo un os proprietario potrebbe essere stato un investimento a lungo termine...... maggiori vendite -> più interesse degli sviluppatori -> migliora il market -> più interesse degli utenti -> più vendite..... per gli altri produttori invece questo discorso non regge visto che android lo usano in molti e quindi la vendita del dispositivo dipende esclusivamente dal rapporto prezzo/hw.
agiabuba24 Novembre 2011, 14:18 #5

percentuali completamente sballate

C'è un errore parecchio grosso nell'articolo:
le percentuali riportate (HP 17%, Samsung 16% etc.) riguardano le vendite di tablet NON iPad negli USA (so che è assurdo ma è così ), ciò significa che le percentuali reali di TouchPad & Co. sono PARECCHIO più basse, intorno al 2%... (con iPad che supera una cifra non ben precisata +80%)

se volete capirci qualcosa date un'occhiata a questo articolo che cerca di spiegare in modo lineare l'assurdo report di NPD:
http://daringfireball.net/2011/11/fun_with_numbers

(e comunque la vera domanda rimane... ma come cacchio si fa ancora a fidarsi degli analisti?)
an-cic24 Novembre 2011, 14:41 #6
Originariamente inviato da: agiabuba
C'è un errore parecchio grosso nell'articolo:
le percentuali riportate (HP 17%, Samsung 16% etc.) riguardano le vendite di tablet NON iPad negli USA (so che è assurdo ma è così ), ciò significa che le percentuali reali di TouchPad & Co. sono PARECCHIO più basse, intorno al 2%... (con iPad che supera una cifra non ben precisata +80%)

se volete capirci qualcosa date un'occhiata a questo articolo che cerca di spiegare in modo lineare l'assurdo report di NPD:
http://daringfireball.net/2011/11/fun_with_numbers

(e comunque la vera domanda rimane... ma come cacchio si fa ancora a fidarsi degli analisti?)


l'articolo non è sbagliato........ forse hai letto frettolosamente!!!

cit.
Il prodotto Apple, attualmente copre da solo più della metà del mercato dei tablet,[B][SIZE="3"] la parte restante è invece spartita[/SIZE][/B] tra HP con il 17% dello share, Samsung con il 16%, Asus con il 10% e Motorola con il 9%
monkey.d.rufy24 Novembre 2011, 14:50 #7
Originariamente inviato da: demon77
Come volevasi dimostrare:
I tablet non li comprano semplicemente perchè servono a poco e costano un botto.

Abbassare i prezzi e ridurre il margine di guadagno aumenta di brutto le vendite, con tutti i vantaggi della cosa.


e per questo Amazon insegna
agiabuba24 Novembre 2011, 15:12 #8
Originariamente inviato da: an-cic
l'articolo non è sbagliato........ forse hai letto frettolosamente!!!

l'articolo è stato aggiornato da Davide dopo che ho postato
[SIZE="1"](peccato che su HWUpgrade non ci sia l'abitudine di segnalare quando gli articoli vengono aggiornati, oltre a non citare le fonti)[/SIZE]
(IH)Patriota24 Novembre 2011, 15:16 #9
Originariamente inviato da: demon77
Come volevasi dimostrare:
I tablet non li comprano semplicemente perchè servono a poco e costano un botto.


Meno male che "non li comprano perché servono a poco e costano un botto".

Si parla di cifre di vendita nell' ordine dei 18.000.000 di iPad venduti nel 2010, nel 2011 le stime parlano di cifre attorno ai 35/40.000.000, senza contare Kindle, Galxy Tab 10.1 (bloccato in diversi paesi) ecc..ecc..

Non mi sembra così' male per un dispositivo nato dal nulla e mai esistito.


Abbassare i prezzi e ridurre il margine di guadagno aumenta di brutto le vendite, con tutti i vantaggi della cosa.


Hp non ha abbassato i prezzi per ridurre il margine di guadagno ma ha svenduto sottocosto i Tablet ed ha abbandonato WebOS, e la fetta di mercato più ampia se l' è procurata così'.Finite le scorte HP nel mondo tablet avrà share pari a zero.
an-cic24 Novembre 2011, 15:17 #10
Originariamente inviato da: agiabuba
l'articolo è stato aggiornato da Davide dopo che ho postato
[SIZE="1"](peccato che su HWUpgrade non ci sia l'abitudine di segnalare quando gli articoli vengono aggiornati, oltre a non citare le fonti)[/SIZE]



non me ne ero accorto..... come non detto allora!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.