Consumi molto contenuti per le CPU Intel Xeon del 2013

Consumi molto contenuti per le CPU Intel Xeon del 2013

La prossima generazione di processori Intel Xeon per sistemi server, basati su architettura Ivy Bridge e tecnologia produttiva a 22 nanometri, sarà caratterizzata da livelli di consumo molto contenuti anche nelle versioni aa 10 core

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:21 nel canale Processori
 

Grazie al sito CPU-World emergono nuove informazioni sulle future generazioni di processore Intel Xeon destinate a sistemi server a 2 e a 4 socket, attese al debutto nel corso del 2013.

Al momento attuale Intel propone processori Xeon E5-2600 per sistemi sino a 2 socket, soluzioni basate su architettura Sandy Bridge-EP che ricalca quanto proposto in sistemi desktop socket 2011 LGA con i processori Core i7 delle serie 3800 e 3900. Per queste CPU troviamo versioni sino a 8 core con cache L3 da 20 Mbytes, dotate di controller memoria DDR3 quad channel.

Accanto a questi processori Intel propone anche le soluzioni Xeon E5-4600, basate sulla stessa architettura ma destinate all'utilizzo in sistemi server con un massimo di 4 socket. Sono infine presenti le CPU Sandy Bridge-EN, dotate di controller memoria DDR3 triple channel e di un solo link QPI: il nome commerciale è quello di Xeon E5-2400.

A partire dal prossimo anno Intel presenterà evoluzioni di questi processori basati su architettura Ivy Bridge, costruiti quindi con tecnologia produttiva a 22 nanometri contro quella a 32 nanometri delle CPU in commercio. I nomi commerciali di queste future CPU verranno mantenuti invariati, assumendo il suffisso v2 così da distinguerli dalle soluzioni di precedente generazione.

Le CPU Ivy Bridge-EP e Ivy Bridge-EN integreranno sino a 10 core, con valori di consumo sensibilmente più contenuti rispetto a quelli delle proposte attualmente in commercio. Per le CPU con 10 core saranno proposte versioni con TDP massimo di 95 Watt affiancate da altre con TDP di 70 Watt; per le versioni a 8 core il TDP massimo toccherà in alcune versioni i 60 Watt, mentre per le declinazioni con 6 e 4 core si potrà scendere sino a 45 Watt. Merito di questi risultati è legato proprio al passaggio alla tecnologia produttiva a 22 nanometri che già con le CPU destinate al segmento desktop aveva permesso di ottenere interessanti contrazioni nei consumi massimi.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PsychoWood25 Luglio 2012, 12:04 #1
Praticamente un consuma della metà degli Ivy Bridge "normali" per singolo core... compliments!
AceGranger25 Luglio 2012, 12:11 #2
Originariamente inviato da: PsychoWood
Praticamente un consuma della metà degli Ivy Bridge "normali" per singolo core... compliments!


e no...

gli IB "normali" avranno probabilmente frequenze piu alte di questi e poi hanno la parte GPU; credo che il singolo core consumi piu o meno uguale, forse un po meno visto il tempo che hanno per ottimizzarlo.
coschizza25 Luglio 2012, 12:17 #3
Originariamente inviato da: PsychoWood
Praticamente un consuma della metà degli Ivy Bridge "normali" per singolo core... compliments!


stavo per risponderti ma ha gia risposto correttamente AceGranger, i core sono praticamente gli stessi e anche i consumi, quello che cambia principalmente è la frequenza cioè per avere 10 core a 95w la frequenza massima sara bassa (diciamo 2-2,2GHz) infatti ci saranno versioni di questi xeon da 150W di tdp (come le attuali versioni) perche evidentemente i 10 core di quel modelli specifico saranno mandati a 3GHz e oltre.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.