Anche CPU Celeron nel futuro dei sistemi Ultrabook

Anche CPU Celeron nel futuro dei sistemi Ultrabook

Una strategia per contenere il prezzo delle proposte Ultrabook passa anche attraverso l'adozione di processori della serie Celeron, caratterizzati da prezzi più contenuti. Il target è di scendere sotto i 600 dollari per inizio 2013

di Paolo Corsini pubblicata il 18 Maggio 2012, alle 11:31 nel canale Processori
 

Una politica di prezzi maggiormente aggressiva per le prossime generazioni di piattaforme Ultrabook di Intel passa necessariamente attraverso l'utilizzo di processori che mantengano livelli di consumo contenuti, diminuendo in parte le prestazioni velocistiche pure e quindi anche il costo d'acquisto.

E' in questa direzione, secondo Digitimes,   che Intel vuole spingersi nel corso della seconda metà del 2012, con il debutto dei processori Celeron ULV 877 e Celeron ULV 807, previsti a listini ufficiali pari rispettivamente a 87 e a 70 dollari USA. Il target di riferimento è quello dei sistemi Ultrabook proposti a listini che partiranno da 699 dollari, con la possibilità di spingersi sino a 599 dollari nel corso dei primi mesi del 2013.

In questo modo Intel pensa di poter contribuire attivamente alla diffusione di sistemi Ultrabook sul mercato, superando in parte le limitazioni commerciali date dall'elevato costo dei modelli attualmente in vendita. Per poter contenere il costo complessivo delle piattaforme sarà tuttavia indispensabile intervenire anche sul prezzo dei restanti componenti, partendo dalle unità SSD sino ai materiali utilizzati per la costruzione degli chassis.

Intel avvierà la commercializzazione delle prime soluzioni Ultrabook basate su architettura Ivy Bridge a inizio Giugno, con una presentazione ufficiale che avverrà in concomitanza con il Computex 2012 di Taipei. Le versioni di CPU, appartenenti alla famiglia Core i7, saranno caratterizzate dall'utilizzo di architettura dual core per un TDP massimo di 17 Watt, tutte integrando GPU della famiglia HD 4000.

55 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Veradun18 Maggio 2012, 12:09 #1
Insomma la conclusione è quella che solo le pecore non avevano intuito nei primi dieci secondi della campagna di marketing di intel. Gli ultrabook non li vuole quasi nessuno, continueranno a chiamarli così ma rinunciando al peso ridotto, alle prestazioni, alla qualità dei materiali e al pregio estetico in modo da costare come un qualunque altro notebook.

Ultrabook è quindi solo il nome con cui Intel chiama i notebook.
serbring18 Maggio 2012, 12:14 #2
Originariamente inviato da: Veradun
Insomma la conclusione è quella che solo le pecore non avevano intuito nei primi dieci secondi della campagna di marketing di intel. Gli ultrabook non li vuole quasi nessuno, continueranno a chiamarli così ma rinunciando al peso ridotto, alle prestazioni, alla qualità dei materiali e al pregio estetico in modo da costare come un qualunque altro notebook.

Ultrabook è quindi solo il nome con cui Intel chiama i notebook.


a me personalmente gli ultrabook piacciono e non li vedo così costosi come si dice. Il MacBook Air è ben più costoso della maggior parte degli ultrabook
TheMonzOne18 Maggio 2012, 12:18 #3
Io credo invece che gli ultrabook li vorrebbero in molti...peccato che il requisito "costo contenuto" si sia rivelato un epic fail.
Quindi per raggiungere quest'unico requisito ora scenderanno a compromessi con tutti gli altri, qualità dei materiali e dei componenti in primis.
L'unico requisito di specifica rispettato sarà il peso (forse la durata della batteria).
Tutto ciò fa diventare gli ultrabook un epic flop dato che non potranno avere nemmeno il boom di successo dei netbook perchè un netbook ce l'hanno già tutti e il prezzo non è concorrenziale.
AceGranger18 Maggio 2012, 12:20 #4
Originariamente inviato da: Veradun
Insomma la conclusione è quella che solo le pecore non avevano intuito nei primi dieci secondi della campagna di marketing di intel. Gli ultrabook non li vuole quasi nessuno, continueranno a chiamarli così ma rinunciando al peso ridotto, alle prestazioni, alla qualità dei materiali e al pregio estetico in modo da costare come un qualunque altro notebook.

Ultrabook è quindi solo il nome con cui Intel chiama i notebook.


i vincoli sono questi

spessore inferiore a 21 mm
peso minore di 1,4 kg
Utilizzo di SSD
Utilizzo CULV

che poi usino plastica o alluminio poco importa, gli ultrabook in alluminio, magnesio o altre leghe continueranno ad esserci, poi ognuno acquistera come meglio preferisce, semplicemente si avra piu scielta, senza rinunciare a peso e dimensioni che sono vincolate.
calcolatorez3z2z118 Maggio 2012, 12:28 #5
Speriamo che ci siano dei buoni Celeron anche per i dekstop.Ho bisogno di una nuova piattaforma rombante,compatta nelle dimensioni e consumi e grande nelle prestazioni.
Shady 91'18 Maggio 2012, 12:38 #6

non

Sono d accordo. Gli ultrabook hanno un loro perchè dal punto di vista del marketing e sopratutto in ottica ecosistema.

In 10 anni spariranno tutti i supporti e il grosso si farà on line.

Faceboook è un esempio vivente di tale trasformazione che piace molto agli utenti.

Sarà un grosso problema per le nostre tasche: abbonamenti di 100/200 euro al mese per avere di tutto e di più, senza pensieri.

In altri termini gli ultrabook sono il nuovo mezzo, un ponte verso il futuro gestito dalle multinazionali di distribuzione digitale
TheMonzOne18 Maggio 2012, 12:45 #7
...Shady 91' credo proprio tu stia facendo confusione con qualcosa chiamato tablet... parlando di quelli, forse, il tuo discorso avrebbe un senso
diddum18 Maggio 2012, 12:53 #8
Originariamente inviato da: serbring
a me personalmente gli ultrabook piacciono e non li vedo così costosi come si dice. Il MacBook Air è ben più costoso della maggior parte degli ultrabook


Ben piu' costoso a parita' di prestazioni e soprattutto di dimensioni?
Non mi pare. Puoi fare esempi (significativi) ?

g
Vash_8518 Maggio 2012, 13:10 #9
Per pura curiosità al q1 2012 quale è la % di ultrabook venduti rispetto ai note-net? 0.1%/0.3%?
kuru18 Maggio 2012, 13:31 #10
Di questo passo si arriverà ad usare gli Atom... e proporranno gli "ultranet"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.