Gmail supporta account di terze parti anche su iOS: al via la prima beta pubblica

Gmail supporta account di terze parti anche su iOS: al via la prima beta pubblica

Il client e-mail di Google si apre ai servizi di terze parti anche su iOS con la nuova beta pubblica. La feature è disponibile da tempo su Android

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:21 nel canale Apple
AppleiOSGoogle
 

Gmail non solo per consultare le e-mail del servizio proprietario di Big G ma per gestirle tutte, come del resto avviene su Android. La novità dovrebbe arrivare su iOS presto per tutti gli utenti, ma prima è necessario concludere la fase di beta pubblica che ha appena lanciato la compagnia. Google ha annunciato nelle scorse ore che sta testando una nuova versione di Gmail per iOS che consentirà agli utenti di aggiungere, oltre al proprio account Gmail, anche quelli di terze parti.

Fra questi anche Outlook, Yahoo, iCloud, proprio tutti. L'annuncio è stato fatto via Twitter, dove l'account ufficiale Gmail ha invitato gli utenti a registrarsi per partecipare al beta test della nuova versione del client. Indirizzando il proprio browser a questo indirizzo e compilando il modulo, accettando le condizioni, si può partecipare alla beta a patto di utilizzare attualmente l'app Gmail per iOS e avere almeno un indirizzo e-mail alternativo a Gmail, da aggiungere all'app.

Ricordiamo che App Store non accetta software non completato e segnalato come Beta, quindi l'applicazione viene distribuita attraverso la piattaforma Apple TestFlight introdotta con iOS 8. È la prima volta che Google utilizza questa opportunità per provare pubblicamente il proprio client e-mail su iOS prima del rilascio finale, anche perché in questo caso la funzionalità deve essere provata nella maniera più estesa possibile per poter effettivamente essere validata.

Google utilizza il sistema delle beta pubbliche comunque da anni sulle altre piattaforme, tuttavia Apple è stata sempre piuttosto limitante da questo punto di vista sui propri dispositivi mobile. Su Android, invece, la compagnia rilascia sistematicamente le versioni non ancora finalizzate del software attraverso i canali canonici, differenziandole naturalmente da quelle finali e stabili. Al momento in cui scriviamo non sappiamo quanti utenti Google accetterà su TestFlight.

Non sappiamo, inoltre, quando la funzionalità verrà integrata sul client iOS, ma potrebbe essere solo questione di tempo. La compagnia potrebbe però decidere di bloccare lo sviluppo della feature, soprattutto se viene accolta con poco interesse dagli utenti del sistema operativo della Mela. La beta su TestFlight potrebbe infatti essere solo un banco di prova per vedere se è possibile far allontanare gli utenti iOS dall'app Mail nativa. Se volete iscrivervi al beta testing potete farlo qui.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ImperatoreNeo19 Ottobre 2017, 16:52 #1

App discutibile

Io per esempio l'ho eliminata dopo 2 giorni perchè la visualizzazione obbligatoria come "conversazione" non mi piace.
Avrei preferito che me l'avessero fatta scegliere questa opzione. Outlook per iOS tutta la vita...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^