View Single Post
Old 14-06-2017, 20:53   #94114
ironmark99
Senior Member
 
L'Avatar di ironmark99
 
Iscritto dal: Jan 2015
Città: Torino
Messaggi: 1340
Quote:
Originariamente inviato da allelo Guarda i messaggi
Piccola domanda: ma perchè non fanno connessioni simmetriche in up e down?
Che bello! Una domanda interessante finalmente...

Per due ordini di motivi.
Il primo è, diciamo, politico-economico. Fin dai primi tempi della diffusione dei servizi a larga banda ci si accorse di un fenomeno interessante: la sommatoria dei flussi DS dell'insieme dei clienti ADSL risultava praticamente pari alla sommatoria dei loro flussi US. Questo può significare una sola cosa, ossia che l'utilizzo principale della larga banda è per fare peer to peer. Ora, che non sia certo la navigazione il motivo per desiderare di avere servizi con molti Mbit/s di banda è chiaro a tutti (anche se i siti ora come ora sono pochissimo ottimizzati e il "bisogno" di apparenza e di controllo sulla estetica finale del sito spinge all'uso di una quantità sempre maggiore di immagini ad alta risoluzione)... chi usa la banda per vedere flussi in streaming di fatto usa quasi esclusivamente il DS. Quindi se la somma di tutti gli US è quasi pari a quella di tutti i DS l'unica spiegazione possibile è che le "sorgenti" dei dati sono principalmente altri clienti privati.

Breve nota: può non sembrare così... di primo acchito si può essere tentati a pensare che il singolo cliente può benissimo scaricare a Mbit/s e fare upload a velocita molto più bassa, è ciò è vero, se si guarda il singolo. Tuttavia guardando l'insieme dei dati scambiati se io scarico a 1Mbit/s è perché ci saranno (per esempio) 10 clienti che forniscono un upload ad 100kbit/s. Se questa è la loro massima banda US potranno fornire dati a me e a nessun altro, dunque la somma dei loro US è pari al mio unico DS. Aumentanto il numero di clienti che tra loro si scambiano dati il risultato non cambia: se ci sono 1000 clienti che scaricano a 1Mbit/s ci dovranno essere 10000 clienti che fanno upload a 100kbit/s. In altre parole la massima quantità di dati che può essere scambiata in peer to peer è pari alla somma di tutti gli US dei clienti connessi alla rete.

Limitando quindi solo le bande US di fatto limito la possibilità di scambio dati in peer to peer senza nessun bisogno di altri controlli o strozzature, e dunque senza colpo ferire... Poiché poi gli apparati di rete sulle grandi dorsali sono tutti simmetrici, se io fornisco apparati casalinghi con un rapporto DS/US di 5/1 so per certo che non più di 1/5 della mia banda totale disponibile, macroscopicamente parlando, sarà occupata da peer to peer, e il resto resterà disponibile per servizi a pagamento ben più redditizi.

L'altra questione a cui accennavo è più squisitamente tecnica e relativa ai sistemi xDSL. Dato che i vari modem sono posti a distanze diverse dall'armadio, per evitare che la diafonia dei più vicini accechi la sensibilità dei ricevitori delle ONU, sono costretto a limitare la potenza dei modem vicini in modo da riceverli allo stesso livello al quale ricevo la potenza dei più distanti, per far si che anche questi ultimi riescano a "farsi sentire". Questa limitazione di potenza di fatto riduce l'ottenibile massimo in US di tutti, indipendentemente dalla distanza, a quello dei modem più distanti: in pratica in US è come se fossimo tutti sempre a 6-700 metri dall'armadio. E questo riduce sensibilmente la massima capacità dei nostri US, che, almeno in xDSL non potranno mai raggiungere i massimi ottenibili dei DS.
__________________
Il mio PC autocostruito e raffreddato ad acqua: http://irom.eu/w --- Modem reader: qui l'installer e qui l'help on line --- Qui il simulatore VDSL
ironmark99 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso