View Full Version : condizionatori, quale il migliore???


Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 [10] 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

Alessio.16390
23-06-2008, 20:27
Dato che il condizionatore in sala non riesce a rinferscare anche le camere, vorrei optare per quei presunti cosi che chiamano
"Condizionatori ad Acqua + Ghiaccio"
Che ne pensate?

Costano una 70Ina di €.
Consumano Max 100Watt.
Sono portatili, e senza tubo.

Su google,
"DAC 1000 amstrad condizionatore"
Oppure
"Antech Fresco Caldo"

Tralasciando la qualita delle due marche.. :D

Riescono a rinfrescare qualcosa ?
Qualcuno li ha provati personalmente?

Grazie :)

+Benito+
23-06-2008, 22:31
lascia stare, sono inutili e fare il ghiaccio con il frigo ti scalda la casa, che poi dovrai raffreddare con il condizionatore a ghiaccio. Visto che i sistemi evolvono verso entropia crescente, la tua casa con tutto questo traffico, si scalda invece di raffreddarsi.

Quelli ad acqua uguale, perchè portare un litro d'acqua da 15°C (acquedotto a stare bassi....) a 60°C (sempre che ci arrivino, dubito) comporta un assorbimento di 45 kcal/h. Se hai un serbatoio di 10 litri riesci ad usare il condizionatore per mezz'ora poi devi cambiare l'acqua.

Alessio.16390
23-06-2008, 22:54
lascia stare, sono inutili e fare il ghiaccio con il frigo ti scalda la casa, che poi dovrai raffreddare con il condizionatore a ghiaccio. Visto che i sistemi evolvono verso entropia crescente, la tua casa con tutto questo traffico, si scalda invece di raffreddarsi.

Quelli ad acqua uguale, perchè portare un litro d'acqua da 15°C (acquedotto a stare bassi....) a 60°C (sempre che ci arrivino, dubito) comporta un assorbimento di 45 kcal/h. Se hai un serbatoio di 10 litri riesci ad usare il condizionatore per mezz'ora poi devi cambiare l'acqua.

:(

Una soluzione economica, mobile, comoda (No tubi) per raffreddare due camere da 25-30mq esiste? :sofico:
Non vorrei optare per altri due condizionatori da parete, mi sembra uno spreco.
Grazie

+Benito+
23-06-2008, 22:56
no. Chiaramente per due locali non si montano due impianti ma un dual. Se lo usi molto e hai altri locali ti consiglio di togliere l'eventuale monosplit esistente e montare un trial o quad, come rendimento è migliore e hai una sola unità esterna. Considera comunque che condizionare una casa intera con una linea da 3 kW ti taglia un po' le gambe perchè anche con cop buoni 1500-2000W di assorbimento di pomeriggio ce li hai abbastanza facilmente.

Alessio.16390
24-06-2008, 00:28
Spiego un attimo,
La casa è di 170mq.
E' stato installato poco meno di una settimana fa un dual split freddo/caldo da 12000+12000 btu
nelle estremita della casa; che dire può che soddisfatto.
In sala-cucina-bagno-e due camere sembra di essere al polo nord.
Mettendo il tutto a turbo dai 30° si arriva a 23-24° quindi :O :O

Ora restano "scoperte" le altre due camere da letto, situate in modo "strano", difficile da spiegare :sofico:

Fatto sta che lì, il flusso d'aria fredda non arriva.

Dunque
L'Idea era quella di mettere un qualcosa di mobile sempre restando con una soluzione senza tubi, e sopratutto senza ricorrere a spese assurde, max 250/300€ anche perchè quelle camere sono usate solo in estate quando vengono amici/familiari a stare da noi.

Non sono un esperto in questo campo, dunque mi affido a voi.
Grazie.

+Benito+
24-06-2008, 00:40
per spendere quei soldi, l'unica cosa che mi viene in mente è mettere un ventilatore intubato con un canale che porti aria dall'area condizionata alle due camere...condizionatori che funzionano con 300€ non ce ne sono.

Un momento: un dual di quella taglia è facile che sia una macchina esterna predisposta per tre unità interne, di cui ne hanno collegate due. Se puoi verificare, ci sarebbe la soluzione di mettere una terza uità interna (piccola) nell'area camere. Ci sarebbe da tirare que tubetti, ma non penso che sia una cosa così assurda, puoi anche metterli in una canalina se proprio non vuoi spaccare le pareti. Poi se devi fare 80 metri, allora no....

Wales
24-06-2008, 01:49
Ciao a tutti! Mi è stato proposto - per un ambiente di circa 25/30mq - un Toshiba RAS 10000 SKV a 1100€ + iva con installazione a circa 250/300€...
Qualcuno lo conosce?

Andrei a spendere un totale di oltre 1500€... Non è un po' troppo? :eek: Dicono che questo installatore (che vende solo Toshiba e un'altra marca riconducibile sempre a Toshiba, mi pare l'ex importatore...) sia molto bravo...

Vale la pena?

Ciao e grazie!

EMAXTREME
24-06-2008, 02:27
salve ragazzi ho un problema enorme non riesco a trovare un maledetto tubo flessibile per il mio condizionatore ç_çsto diventando matto

non so dove trovarli o comprarli su google non ce pezza di riuscire

http://s3.supload.com/thumbs/default/Fot.0003.jpg (http://s3.supload.com/free/Fot.0003.jpg/view/)
Image hosting (http://www.supload.com)


intendo un tubo come questo

fastnaima
24-06-2008, 11:59
Ciao ragazzi qualcuno può aiutarmi? :help:
1) Ho un condizionatore in camera da letto con il motore montato su un terrazzino a circa 10 mt di distanza, ora ne vorrei montare uno anche nel salone (a circa 4 mt dallo stesso terrazzino) ma visto che il terrazzino è piccolo vorrei sapere se è possibile montare un dual split sostituendo quello in camera da letto ma utilizzando il vecchio impianto.
2)se è possibile, sapete consigliarmi su cosa indirizzarmi? Ho già letto tutto il forum ma di dual split si parla poco
3) E' vero che sono meno efficienti dei mono split? considerando che a me servirebbe un 9000 + 12000
Grazie a tutti

Niculescu
24-06-2008, 13:37
Ciao a tutti,
ho finalmente comprato il condizionatore, prendendo il panasonic con due split da 7000 e 12000.
il condizonatore funziona direi bene, ma ho un dubbio:

ho la sala insieme alla cucina abbastanza grande, 27mq, con 6 metri di parete rivolta a sud e che quindi beccano buon sole con pure 3 finestre (due porte finestre e una finestra doppia anta).
il condizionatore arriva alla temperatura di 25,5 gradi circa, piu' giù difficilmente ci va(temperatura esterna 32-33 gradi). (la temperatura la guardo sia sul mio termostato che su un termometro che ho in casa).
il condizionatore è però impostato su 22 gradi... è normale che non riesca a raggiungere quella temperatura? (il secondo split da 7mila è spento, quindi questo da 12 è pienamente sfruttato dal motore esterno).
il fatto che scenda alla temperatura impostata sul condizionatore di 22 gradi non mi interessa, nel senso che già con 26 gradi sto benissimo, ma oggi sto facendo questa prova (è dalle 9 che il condizionatore è acceso) e mi viene il dubbio che il condizionatore possa non essere installato bene e quindi l'efficienza non sia al massimo e quindi anche i consumi siano piu' alti...

potete aiutarmi?

grazie

alebonardi
24-06-2008, 13:42
Ciao a tutti,
ho letto i topic e avrei un'informazione da chiedervi, vorrei installare un condizonatore monosplit nell'appartamento dove vivo (circa 60mq) ma dato e vorrei metterlo nella camera da letto, mi hanno proposto (vari installatori) un Mitsubishi electric MSZ-HC25VA.
Cosa ne pensate? Il preventivo che mi hanno fatto è stato di 1200€ iva e montaggio compresi.

cosa ne pensate? è onesto come prezzo?

grazie.

+Benito+
24-06-2008, 14:18
Ciao a tutti! Mi è stato proposto - per un ambiente di circa 25/30mq - un Toshiba RAS 10000 SKV a 1100€ + iva con installazione a circa 250/300€...
Qualcuno lo conosce?

Andrei a spendere un totale di oltre 1500€... Non è un po' troppo? :eek: Dicono che questo installatore (che vende solo Toshiba e un'altra marca riconducibile sempre a Toshiba, mi pare l'ex importatore...) sia molto bravo...

Vale la pena?

Ciao e grazie!

alto

riaw
24-06-2008, 15:08
Oggi ho fatto un giro per catene di negozi, alla fine quello che è sembrato più preparato (almeno nella mia zona) è il commesso di trony.

mi son fatto fare 4 preventivi

sanyo mono mod. KCRV93EHE, eer 3,51 , 9000btu, 659€
sanyo multi (motore CMRV1424EH + 2 split KMRV74EHE) 2x7000btu,eer 4,32 , 938€+2*194€ tot. 1322€

mitshubishi mono mod MSZGA25,eer 3,91 , 8500btu, 816€
mitsubishi multi (motore MXZ2A40 + 2 split MSZ22VAE2) 2x7000btu, eer 3,83 , 908€+2*269€ tot. 1446€

prezzi già scontati del 15% (promo trony di questo periodo) per l'installazione standard vogliono 200€ l'uno per il monosplit e 400€ per una installazione dualsplit, a questo prezzo ci sarà fuori qualcosina (ma non troppo, tipo 2-3 metri di tubi) perchè la mia installazione non è proprio standard.

come prezzi come vi sembrano? tra le due marche di cui sopra cosa mi consigliate? e in generale meglio 2 clima mono o un dual split?

un grazie in anticipo entro oggi decido, promesso che smetto di stracciarvi i maroni :D

Wales
24-06-2008, 19:50
alto

Grazie Benito... Conosci per caso quella macchina? Sulla carta sembra davvero buona, se so leggere i dati tecnici...

http://www.toshibamclima.it/ linea residenziale, SKV inverter... C'è un pdf da scaricare...

Puoi darci un'occhiata? Il fatto che l'installatore sia notoriamente bravo e vicino a casa, è una garanzia in caso di problemi... Anche se fossero 2/300€ in più del dovuto, potrei accettarlo...

Ciao e grazie!

+Benito+
24-06-2008, 20:45
Oggi ho fatto un giro per catene di negozi, alla fine quello che è sembrato più preparato (almeno nella mia zona) è il commesso di trony.

mi son fatto fare 4 preventivi

sanyo mono mod. KCRV93EHE, eer 3,51 , 9000btu, 659€
sanyo multi (motore CMRV1424EH + 2 split KMRV74EHE) 2x7000btu,eer 4,32 , 938€+2*194€ tot. 1322€

mitshubishi mono mod MSZGA25,eer 3,91 , 8500btu, 816€
mitsubishi multi (motore MXZ2A40 + 2 split MSZ22VAE2) 2x7000btu, eer 3,83 , 908€+2*269€ tot. 1446€

prezzi già scontati del 15% (promo trony di questo periodo) per l'installazione standard vogliono 200€ l'uno per il monosplit e 400€ per una installazione dualsplit, a questo prezzo ci sarà fuori qualcosina (ma non troppo, tipo 2-3 metri di tubi) perchè la mia installazione non è proprio standard.

come prezzi come vi sembrano? tra le due marche di cui sopra cosa mi consigliate? e in generale meglio 2 clima mono o un dual split?

un grazie in anticipo entro oggi decido, promesso che smetto di stracciarvi i maroni :D

un dual, hai la metà degli ausiliari a consumare corrente, e di solito un dual è fatto meglio

+Benito+
24-06-2008, 20:51
Grazie Benito... Conosci per caso quella macchina? Sulla carta sembra davvero buona, se so leggere i dati tecnici...

http://www.toshibamclima.it/ linea residenziale, SKV inverter... C'è un pdf da scaricare...

Puoi darci un'occhiata? Il fatto che l'installatore sia notoriamente bravo e vicino a casa, è una garanzia in caso di problemi... Anche se fossero 2/300€ in più del dovuto, potrei accettarlo...

Ciao e grazie!

non conosco la macchina, ma 1500 euro per un solo locale nemmeno troppo grande mi sembrano troppi. Se poi è per tua tranquillità, compralo pure.

Alioth
24-06-2008, 21:58
Ciao gente, da qualche giorno l'appartamento in cui vivo solo da febbraio, si è trasformato in un fornetto per le brioche.
E' grande circa 65 mq, disposto in linea, con camera da letto e sala con cucina su i due lati opposti, ed il corridoio/ingresso fa da congiungimento tra i due vani predetti (bagno e cameretta si affacciano sul corridoio ma mi interessano meno come temperatura).
Devo installare un apparecchio monosplit (sarebbe troppo laborioso il dual e troppo dispendioso due apparecchi piccoli), pertanto pensavo di mettere una macchina da 12.000 btu.

Mi informo da alcuni specialisti che mi sparano per i panasonic con inverter con il montaggio dagli 800 ai 1100 € (di cui 350€ di montaggio).

Giro anche per i negozi... visto che i denari son limitati... e mi trovo presso una catena un SHINELCO da 12.000 in classe A in offerta a 320€, e su internet un YAMA CKEY 12HL da 250€ classe A+A consegnato a casa, tutti di tipologia on/off.

Adesso i quesiti... ma possibile che costi così tanto l'installazione? (dove lo metterei sarebbero circa 4 o 5 metri di tubatura)

Le marche dal suono giapponese (ma di ovvia produzione cinese) hanno la reputazione di ventilatore travestito oppure sono ugualmente affidabili?

12.000 btu sono sufficienti a stemperare la dimora, la cui camera da letto prende luce dall 7 del mattino fino alle 11 circa e le altre dalle 15 fino al tramonto? (tutto vetrocamera e serramenti funzionanti)

Cercasi consiglio prima dello squagliamento!

riaw
24-06-2008, 22:08
un dual, hai la metà degli ausiliari a consumare corrente, e di solito un dual è fatto meglio

ok non so cosa siano gli ausiliari ma mi fido, vada per il dual split sanyo :)

l'ultimissima cosa: avevo intenzione di mettere gli split e far passare i tubi nel controsoffitto (i tubi dovrebbero salire mezzo metro per andare nel controsoffitto, fare 3 metri in orizzontale per percorrere il controsoffitto e 2 metri in verticale per riscendere verso il motore), l'installatore me lo ha sconsigliato (consigliandomi di mettere una canalina che scorre lungo la parete senza la parte di "salita") perchè altrimenti avrei dovuto installare per ogni split una pompa elettrica per il recupero della condensa (pompe che costano 250€ l'una), poi mio fratello mi ha riferito che queste pompe, per quanto si ricorda lui, servono solo se lo split è pompa di calore e solo per il funzionamento in riscaldamento. domanda: se anche compro degli split pompa di calore, ma ho intenzione di usarli solo in modalità raffreddamento, devo comunque collegare lo scarico condensa?

grazie ancora :)

GUSTAV]<
25-06-2008, 18:22
Ma possibile.....? http://img522.imageshack.us/img522/5509/germanomosconivo2.jpg
http://www.hwupgrade.it/forum/showpost.php?p=23042194&postcount=1

EMAXTREME
25-06-2008, 18:33
salve ragazzi ho un problema enorme non riesco a trovare un maledetto tubo flessibile per il mio condizionatore ç_çsto diventando matto

non so dove trovarli o comprarli su google non ce pezza di riuscire

http://s3.supload.com/thumbs/default/Fot.0003.jpg (http://s3.supload.com/free/Fot.0003.jpg/view/)
Image hosting (http://www.supload.com)


intendo un tubo come questo

eddai ragazzi ç_ç

fastnaima
25-06-2008, 18:40
Salve ragazzi :D ! avrei degli altri dubbi!!!:confused:
Considerato il fatto che vorrei montare un dual split 9+12 e se la potenza del motore è 21.000... la domanda è questa: se io tengo spento il 9.000 quello da 12.000 raffredda di più??? e quanto di più???

fastnaima
25-06-2008, 18:44
Scusate ma avevo ancora un'altra domanda!!!!:doh:
E' possibile utilizzare lo split che ho già sostituendo il motore e comprando un secondo split?
Lo so che sono complicata ma quando;) di un argomento non ci capisco nulla divento così.... un po' rompi!

barbapapa84
25-06-2008, 19:12
Voglio comprarmi un climatizzatore portatile (non fisso, anche se so che è piu efficiente) che non abbia il tubo da dover far uscire fuori.
Mi pare che esistano da poco ma non me ne intendo proprio.

Qualcuno mi sa consigliare, a cosa badare, quali siano mediamente i prezzi?

Grazie


P.S. Gustav scusa non avevo letto questo thread :D

Wales
25-06-2008, 21:02
Qualcuno conosce i climatizzatori http://www.ecatech.it/ ?
Li vende il mio installatore in alternativa ai Toshiba... Dice che sono molto buoni, ma se avete esperienze dirette è moooolto meglio per me! :D

Ora mi faccio fare un preventivo e poi riferisco...

http://www.ecatech.it/page.php?sid=fdd328c03cd0073e5ea2d91143863403&pageid=SZ00300G

La serie precisa è la "Silver line"...

Ciao e grazie!

gigio2005
26-06-2008, 11:40
se volessi climatizzare una stanza (con un coefficiente elevato di CALURA :D) ho scoperto (dal sito daikin) che necessiterebbi di un condizionatore da 18000 btu

la mia domanda e': come faccio a sapere quanta potenza assorbe un animale del genere?


ps: cmq io sono convinto che questi siti dove puoi dimensionare il condizionatore SOVRAdimensionano apposta per farti comprare un cond piu' potente!

pps: DAIKIN ururu sarara rx g400 plus supermega inverter 16 valvole cambio shimano 1500€????
MA SIAMO IMPAZZITI?

ma i condizionatori non erano calati sui 2-300 euri?

riaw
26-06-2008, 14:48
se volessi climatizzare una stanza (con un coefficiente elevato di CALURA :D) ho scoperto (dal sito daikin) che necessiterebbi di un condizionatore da 18000 btu

la mia domanda e': come faccio a sapere quanta potenza assorbe un animale del genere?


ps: cmq io sono convinto che questi siti dove puoi dimensionare il condizionatore SOVRAdimensionano apposta per farti comprare un cond piu' potente!

pps: DAIKIN ururu sarara rx g400 plus supermega inverter 16 valvole cambio shimano 1500€????
MA SIAMO IMPAZZITI?

ma i condizionatori non erano calati sui 2-300 euri?

per avere un'idea delle btu che ti servono, posta mq della stanza, la sua altezza, quante pareti sono esterne e quante finestre hai, inoltre, se la stanza è all'ultimo piano, se il tetto è isolato bene o meno.
sui 200-300 euro trovi solo climatizzatori di classe bassa, di marca ignota, e non inverter ma on-off.
se invece vuoi un sistema con più di uno split, paghi tanto il motore ma poi il costo degli split è basso (nel mio caso, 1000€ il motore e 200€ a split e sono dei 9000 btu inverter con pompa di calore).

cat81
26-06-2008, 21:27
salve a tutti,

sarei propenso a prendere un daikin da 12000 btu da mettere in camera , prezzo 1170 euro comprensivo di installazione (io ho già la predisposizione)

la domanda è, visto che abito in un bilocale e la camera da direttamente sul soggiorno riesco a vedere i benefici anche lì o devo per forza prendere un dual split (con conseguente raddoppio del prezzo)

grazie a chi mi vuol dare una mano anche sulla base della sua esperienza :help:

riaw
26-06-2008, 21:31
ma da quanti mq è la tua camera per aver bisogno di un 12000btu?:D

cat81
26-06-2008, 21:34
meno di 15 :D
però pensavo che magari visto che la differenza di prezzo non è eccessiva posso usarlo anche per fare il soggiorno, magari solo il we, ma io non voglio 16 gradi, mi basta deumidificare l'ambiente e con 25 gradi si sta benissimo

il preventivo per il dual è 2200...

gigio2005
26-06-2008, 21:38
ma da quanti mq è la tua camera per aver bisogno di un 12000btu?:D

se ho capito bene influisce molto a che piano si trova la camera e quant'e' la superficie delle finestre...


cmq a me il sito daikin per la stanza (di cui al post precedente) di 25 m2 circa....ultimo piano...superficie finestrale estesa...2 pareti esposte...consigliava il 18.000 btu

cat81
26-06-2008, 21:40
è una mansarda, il soffitto va da circa 1,5 metri a 3,5

ma attraverso la porta l'aria passa per raffreddare anche il soggiorno? la porta è sulla parete di fronte al condizionatore

limpid-sky
27-06-2008, 20:10
ma qual è dal punto di vista tecnico il problema della poca efficienza dei climatizzatori portatili?
il fatto che non c'è scarico di condenza oppure il problema che scaldano troppo?

Wales
27-06-2008, 20:18
Ciao a tutti! Alla fine mi sono "rotto" ed ho preso da Unieuro un Panasonic RE12GKE per 676€...
Dovrebbe essere un modello 2007 che sulla carta pare buono... I valori EER ed altri sono migliori del pari livello SKV Toshiba...

Tuttavia, la mia domanda è: perchè non esistono più i condizionatori nel sito Panasonic??? Non ce n'è traccia!
Il manuale l'ho trovato online solo scaricandolo da qualche negozio che ancora lo vende...

Fatemi sapere se Panasonic ha smesso di fare condizionatori, con tutto quello che ne consegue in termini di garanzia ed eventuali pezzi di ricambio per il futuro!!!

Ciao!

riaw
27-06-2008, 21:08
Ciao a tutti! Alla fine mi sono "rotto" ed ho preso da Unieuro un Panasonic RE12GKE per 676€...
Dovrebbe essere un modello 2007 che sulla carta pare buono... I valori EER ed altri sono migliori del pari livello SKV Toshiba...

Tuttavia, la mia domanda è: perchè non esistono più i condizionatori nel sito Panasonic??? Non ce n'è traccia!
Il manuale l'ho trovato online solo scaricandolo da qualche negozio che ancora lo vende...

Fatemi sapere se Panasonic ha smesso di fare condizionatori, con tutto quello che ne consegue in termini di garanzia ed eventuali pezzi di ricambio per il futuro!!!

Ciao!

www.panasonic.it
clicchi su "prodotti"
clicchi su "Climatizzatori per la casa"

GUSTAV]<
27-06-2008, 21:28
ma qual è dal punto di vista tecnico il problema della poca efficienza dei climatizzatori portatili?
il fatto che non c'è scarico di condenza oppure il problema che scaldano troppo?
che riaspirano aria calda esterna...
tanta aria calda butti fuori, tanta aria deve rientrare.. :D
è come il cane che si morde la coda..

GUSTAV]<
27-06-2008, 21:30
salve ragazzi ho un problema enorme non riesco a trovare un maledetto tubo flessibile per il mio condizionatore ç_çsto diventando matto

non so dove trovarli o comprarli su google non ce pezza di riuscire

http://s3.supload.com/thumbs/default/Fot.0003.jpg (http://s3.supload.com/free/Fot.0003.jpg/view/)
Image hosting (http://www.supload.com)


intendo un tubo come questo

eddai ragazzi ç_ç
ce l'ha Castorama, viene circa 26€.. in alternativa prova nei vari Brico..

pentium one
27-06-2008, 22:16
scusate la domanda ma ne so poco sui climatizzatori

esiste qualche modello senza il tubo che va fuori per scaricare l'aria calda

che si può mettere in una stanza senza dover avere x forza un'uscita esterna

+Benito+
27-06-2008, 23:13
leggi indietro, ogni 20 post entra qualcuno a richiedere le stesse cose....comunque tranne quelli ad acqua che ho già spiegato perhcè non sono da prendere, no, ovviamente.

Wales
28-06-2008, 00:16
www.panasonic.it
clicchi su "prodotti"
clicchi su "Climatizzatori per la casa"

Grazie riaw! Ma a te appare qualcosa cliccando su quel link? :confused: Fino a ieri si apriva solo un download ad un "guida ai prodotti 2008.pdf" con tutti i prodotti Panasonic (TV, videocamere, fotocamere, ecc.) ad eccezione dei condizionatori, ed oggi mi rimane una pagina bianca senza niente... Ma dal link si vede che punta a quel pdf... Boh!?

Tramite Google ho trovato questo link http://www.panasonic-italia.info/Products_Category.asp?M=2116|767|4|1 in cui si può - a parte qualche link "rotto" - selezionare il condizionatore che ho acquistato, ma non c'è niente da scaricare (manuale, faq, ecc.)...
http://www.panasonic-italia.info/Products_Info.asp?M=3941|772|2116|767|4|1

Boh!? Speriamo sia solo in aggiornamento, certo che è stranissimo che nel 2008 ci siano ancora prodotti del 2007 e non sia pubblicizzato niente di nuovo...

Mah!? Se sapete qualcosa...

Ciao!

fastnaima
28-06-2008, 10:47
.... perchè nessuno mi risponde?????:(

+Benito+
28-06-2008, 10:58
...Perchè magari hanno altro da fare?:rolleyes:

comunque, se l'unità esterna (che non è il "motore", ma buona parte della macchina) nasce per funzionare con n unità interne (ad esempio 2,3,4) anche se al momento della prima installazione non le monti tutte, puoi farlo in seguito.
Però considera che generalmente non tollerano una potenza installata come unità interne superiore al 110-120% della potenza dell'unità esterna. Chiaramente la resa massima sarà comunque quella dell'unità esterna.
Ad esempio se l'unità esterna rende 4 kW, e monti due macchine da 2,5 kW nominali interne, probabilmente funzionerà (chiaro che se metti mano ad un impianto esistente dovrai rifare il vuoto e questa volta obbligatoriamente caricare il gas), ma la resa delle unità interne non potrà superare 4 kW complessivi.
Per toglierti il dubbio cerca di contattare l'agente di zona (NON il tecnico installatore che normalmente non sa nulla di tutto questo) e spiegandogli la situazione fatti dire se quello che hai in mente si può fare.

Infine la resa nominale di un'unità interna è quella, indipendentemente dalla potenza utile della unità esterna.

GUSTAV]<
28-06-2008, 16:43
lascia stare, sono inutili e fare il ghiaccio con il frigo ti scalda la casa, che poi dovrai raffreddare con il condizionatore a ghiaccio. Visto che i sistemi evolvono verso entropia crescente, la tua casa con tutto questo traffico, si scalda invece di raffreddarsi.

Quelli ad acqua uguale, perchè portare un litro d'acqua da 15°C (acquedotto a stare bassi....) a 60°C (sempre che ci arrivino, dubito) comporta un assorbimento di 45 kcal/h. Se hai un serbatoio di 10 litri riesci ad usare il condizionatore per mezz'ora poi devi cambiare l'acqua.
Ma il portatile De Longhi ad acqua ? :confused:
http://delonghi.it/delonghi/data/Prodotti.nsf/b912ead30a9700cdc12569d000402e05/6593426faf7262cec1257290005065f3?OpenDocument
Io sapevo che x raffreddare il condensatore, l'acqua evaporata riusciva a sotrarre molto più calore,
con un flusso di aria molto più ridotto del solito aria/aria e con il vantaggio di reimmettere meno aria esterna.

chissà xò il calcare...
probabilmente è meglio usare l'acqua demineralizzata..

Jedi82
28-06-2008, 17:29
Ragazzi qui a casa quest'anno si farà sul serio e spero grazie a voi esperti di riuscire ad avere le idee ben chiare per poi passare all'acquisto di un paio di condizionatori da parete per la mia casa nella quale fa molto molto caldo...

Provo a descrivervi la situazione che ho qui e come vorrei refrigerare l'ambiente:

2 condizionatori per due stanze
Camera da letto - salone
Dimensioni camera da letto circa 16mt , salone 28mt
Potenza condizionatori 10000 come suggerito dal sito daikin
Interesse principale: deumidificare l'ambiente ed accendere poco l'aria condizonata (perche credo che gia' deumidificando si stia da dio in casa o sbaglio?), pompa di calore non saprei (sarebbe meglio dei miei termosifoni o avendone un bel po' in casa potrei usare quelli e basta? Anche perché ho l'impianto autonomo in casa)

Quindi, su quali modelli devo puntare contenendo la spesa? E poi potrei averne due di condizionatori con un solo motore esterno? In fondo dovrei mettere il motore fuori in balcone che si collegherebbe ai due condizionatori che per fortuna nn sarebbero molti distanti da quest'ultimo...

Sono di Roma, qualche consiglio poi su gente seria che nn se ne approfitti ma soprattutto che per montare due fili nn mi chieda l'anima?

frescodestate
29-06-2008, 12:44
ciao
mi consigliate un condizionatore portatile, ho proprio bisogno di un portatile,
max 500 euro?
Meglio ad aria oppure acqua?
Grazie

davidoff70
29-06-2008, 13:56
Ciao a tutti.
Vorrei prendere un condizionatore portatile (purtroppo non ho altra scelta) per la mia camera, sono intenzionato a fare tutto il necessario per una resa migliore (esempio foratura dei vetri) e cerco consigli su cosa comprare.
La mia camera è esposta al sole nelle ore più calde, ho un 32" lcd che scalda e le dimensioni sono circa 2,80 x 4,30.
Sapete consigliarmi su qualche modello e il tipo di installazione necessaria? il budget non è grosso problema.
Geazie ciao.

countzero_97
29-06-2008, 14:39
Ciao a tutti,

sono anch'io alla ricerca di un condizionatore che risponda alle mie esigenze (stanza da 14 mq con soffitto di poco meno di 3m, pensavo ad un 9000 btu). Visto che i rivenditori/installatori della mia zona hanno "sparato alto" nel fare i preventivi, stavo pensando di acquistare online. In particolare, c'è una promozione di un noto sito web (chiamiamolo... "mr prezzo") che propone l'installazione di un monosplit a soli 100 euro invece dei 275 che prevede il loro listino.
Alla fine, spenderei circa 900 euro per un Panasonic TE9-HKE installato, invece dei 1360 per uno Sharp o Mitsubishi come mi era stato proposto dai negozianti locali.

Ho due domande: innanzitutto, cosa ne pensate come scelta? E - ancor più importante - dite che posso stare tranquillo affidandomi agli installatori cui si appoggia il sito web in questione?
C'è qualcuno che ha acquistato il proprio condizionatore online e, se sì, come l'ha installato?

Ringrazio fin d'ora chi mi saprà aiutare!

manus75
29-06-2008, 15:12
error

manus75
29-06-2008, 15:16
Qualcuno mi sa dire a quanti gradi C dovrebbe uscire l aria dallo split in casa? In sti giorni è vero che ha fatto molto caldo e umido,ma mi pare che l efficienza del mio condizionatore sia calata, ho misurato l aria in uscita dopo mezz ora d accensione e a meno di 11-11,5 gradi non scende,è normale? Ah il tutto con ventola a media velocità e temperatura esterna a 31 gradi. Pensavo che dovesse essere di 5-6 gradi come i condiz. delle auto,anche se li le temperature da abbassare son ben+alte. Grazie.

+Benito+
29-06-2008, 15:19
<;23087426']Ma il portatile De Longhi ad acqua ? :confused:
http://delonghi.it/delonghi/data/Prodotti.nsf/b912ead30a9700cdc12569d000402e05/6593426faf7262cec1257290005065f3?OpenDocument
Io sapevo che x raffreddare il condensatore, l'acqua evaporata riusciva a sotrarre molto più calore,
con un flusso di aria molto più ridotto del solito aria/aria e con il vantaggio di reimmettere meno aria esterna.

chissà xò il calcare...
probabilmente è meglio usare l'acqua demineralizzata..


non li conosco particolarmente, ma se fai evaporare l'acqua nell'ambiente, oltre ad essere una baggianata dal punto di vista del confort, poi quell'acqua ti ricondensa sull'evaporatore....

+Benito+
29-06-2008, 15:23
Qualcuno mi sa dire a quanti gradi C dovrebbe uscire l aria dallo split in casa? In sti giorni è vero che ha fatto molto caldo e umido,ma mi pare che l efficienza del mio condizionatore sia calata, ho misurato l aria in uscita dopo mezz ora d accensione e a meno di 11-11,5 gradi non scende,è normale? Ah il tutto con ventola a media velocità e temperatura esterna a 31 gradi. Pensavo che dovesse essere di 5-6 gradi come i condiz. delle auto,anche se li le temperature da abbassare son ben+alte. Grazie.

Per fare una prova efficace, dovresti prendere due termometri (meglio a mercurio), uno lo metti nel flusso sparato e l'altro lo avvolgi in una piccola garza bagnata e lo metti accanto al primo. Con il primo misuri la temperatura a bulbo asciutto con il secondo la temperatura a bulbo umido. Fai lo stesso con l'aria ambiente (aiutandoti con un normale ventilatore per rilevare quella a bulbo umido). Una volta che hai rilevato le temperature, cerca sulla scheda tecnica della macchina la portata del ventilatore. Mi dai i dati, ti calcolo la potenza che sta rendendo il condizionatore e la confronti con la potenza nominale.

manus75
29-06-2008, 15:35
Per fare una prova efficace, dovresti prendere due termometri (meglio a mercurio), uno lo metti nel flusso sparato e l'altro lo avvolgi in una piccola garza bagnata e lo metti accanto al primo. Con il primo misuri la temperatura a bulbo asciutto con il secondo la temperatura a bulbo umido. Fai lo stesso con l'aria ambiente (aiutandoti con un normale ventilatore per rilevare quella a bulbo umido). Una volta che hai rilevato le temperature, cerca sulla scheda tecnica della macchina la portata del ventilatore. Mi dai i dati, ti calcolo la potenza che sta rendendo il condizionatore e la confronti con la potenza nominale.

Wow grazie ora provo! Ah devo fare una correzione,la temperatura esterna è di 33 gradi e non 31,ho misurato con un buon termometro a mercurio ora.

manus75
29-06-2008, 16:02
Niente da fare,non trovo il secondo termometro,però ho fatto la prova a bulbo umido,mi da come prima a secco 11,5 gradi. Va beh...

+Benito+
29-06-2008, 16:17
Niente da fare,non trovo il secondo termometro,però ho fatto la prova a bulbo umido,mi da come prima a secco 11,5 gradi. Va beh...

va bene anche lo stesso, fai due misure :D

Che la TBU sia quasi uguale alla TBS nell'aria reimmessa è un buon segno perchè significa che l'aria esce in condizioni di saturazione. Quando fai la prova in ambiente invece dovresti trovare qualche grado di differenza, se no non stai misurando correttamente. Pezzetto di garza bagnata sul bulbo, ventilatore, l'acqua evaporando sottrae calore al bulbo e leggi la TBU.

GUSTAV]<
29-06-2008, 16:36
non li conosco particolarmente, ma se fai evaporare l'acqua nell'ambiente, oltre ad essere una baggianata dal punto di vista del confort, poi quell'acqua ti ricondensa sull'evaporatore....
scusa, mi sono spiegato male..
Intendevo dire il tipo classico portatile con tubo che espelle l'aria calda nell' esterno..
se il condensatore fosse raffreddato anche ad acqua, e quindi il vapore, espulso
all' esterno, si potrebbe migliorare molto l'efficenza a parità d'aria espulsa.
Credo xò che x far evaporare l'acqua il condensatore deve raggiungere delle temperature
molto più altre.. :stordita:

GUSTAV]<
29-06-2008, 16:43
Qualcuno mi sa dire a quanti gradi C dovrebbe uscire l aria dallo split in casa? In sti giorni è vero che ha fatto molto caldo e umido,ma mi pare che l efficienza del mio condizionatore sia calata, ho misurato l aria in uscita dopo mezz ora d accensione e a meno di 11-11,5 gradi non scende,è normale? Ah il tutto con ventola a media velocità e temperatura esterna a 31 gradi. Pensavo che dovesse essere di 5-6 gradi come i condiz. delle auto,anche se li le temperature da abbassare son ben+alte. Grazie.
Tieni conto che la temperatura d'uscita non significa molto, se non è in relazione alla portata del ventilatore,
cioè più il ventialtore gira veloce, più la temperatura d'uscita sarà alta. :fagiano:

GUSTAV]<
29-06-2008, 16:50
Qualcuno mi sa dire a quanti gradi C dovrebbe uscire l aria dallo split in casa? In sti giorni è vero che ha fatto molto caldo e umido,ma mi pare che l efficienza del mio condizionatore sia calata, ho misurato l aria in uscita dopo mezz ora d accensione e a meno di 11-11,5 gradi non scende,è normale? Ah il tutto con ventola a media velocità e temperatura esterna a 31 gradi. Pensavo che dovesse essere di 5-6 gradi come i condiz. delle auto,anche se li le temperature da abbassare son ben+alte. Grazie.
si, è giusto che non scende sotto i 10°C questo xchè altrimenti la condensa
si ghiaccia sull' evaporatore e blocca il flusso d'aria, con possibili danni al climatizzatore.
Per il ghiaccio è prevista un apposita sonda, che interrompe il funzionamento
del compressore, quando c'è il pericolo del ghiaccio.
Sull' auto il discorso è diverso, xchè il clima dell' auto è molto più "potente"
e deve raffreddare anche in caso di sole diretto.

manus75
29-06-2008, 17:14
<;23098209']Tieni conto che la temperatura d'uscita non significa molto, se non è in relazione alla portata del ventilatore,
cioè più il ventialtore gira veloce, più la temperatura d'uscita sarà alta. :fagiano:

Ecco giusto infatti ho messo proprio volutamente a velocità media,per via della portata d aria,piu aria temperatura+alta,meno aria temperatura piu bassa,quindi ho scelto la media.

manus75
29-06-2008, 17:16
<;23098270']si, è giusto che non scende sotto i 10°C questo xchè altrimenti la condensa
si ghiaccia sull' evaporatore e blocca il flusso d'aria, con possibili danni al climatizzatore.
Per il ghiaccio è prevista un apposita sonda, che interrompe il funzionamento
del compressore, quando c'è il pericolo del ghiaccio.
Sull' auto il discorso è diverso, xchè il clima dell' auto è molto più "potente"
e deve raffreddare anche in caso di sole diretto.

A bene,quindi dovrebbe essere in ottima forma,forse mi pare ci metta un po piu a raffreddare la stanza x via del gran caldo di oggi.

manus75
29-06-2008, 17:27
va bene anche lo stesso, fai due misure :D

Che la TBU sia quasi uguale alla TBS nell'aria reimmessa è un buon segno perchè significa che l'aria esce in condizioni di saturazione. Quando fai la prova in ambiente invece dovresti trovare qualche grado di differenza, se no non stai misurando correttamente. Pezzetto di garza bagnata sul bulbo, ventilatore, l'acqua evaporando sottrae calore al bulbo e leggi la TBU.

Fatto la prova a bulbo umido e ventilatore,mi da 20 gradi,possibile?? Nella stanza ho però 27,5 gradi,1 in piu di prima con l altra prova. Cioè mi da quasi 8 gradi in meno di quello che c è veramente. Non ci capisco + eh eh!

+Benito+
29-06-2008, 19:34
quindi hai TBU ambiente 20°C, TBS ambiente 27.5°C, TBS=TBU aria trattata 11,5°C. Mi manca la portata d'aria (la trovi indicata normalmente nella scheda tecnica, c'è a velocità media minima e massima, indicata normalmente in mc/h)

Intanto hai delle buone condizioni interne perchè hai 27.5°C con il 55% di u.r. circa.

Hai un salto entalpico di circa 57-33= 24 kj/kg

Trovata la portata, indicala in mc/s, moltiplica per 1,2 (per convertirla in kg/s), moltiplica per 24 e trovi la potenza resa in kW. La confronti con quella che dovrebbe essere e hai risolto.


P.S. è normale che TBU<TBS, sono uguali solo quando l'aria è satura. la TBU è una mistura della saturazione di vapore nell'aria, perchè il tesso di evaporazione dell'acqua è funzione, appunto, della saturazione dell'aria. Se hai aria più carica di vapore (u.r. più alta) dalla garza ogni secondo evapora una frazione inferiore di acqua rispetto ad un ambiente secco. Quindi viene sottratta meno potenza al bulbo che si porta ad una temperatura di equilibrio più alta.

cat81
29-06-2008, 19:43
peso il Daikin monospilit FTXS35G :D

il rivenditore che verrà a installarmelo mi ha detto che mi offre un contratto di assistenza annuale per rimuovere i batteri dal filtro, la qual cosa mi ha un pò sconvolto, non è che sono pericolosi per la salute sti climatizzatori? :eek:

+Benito+
29-06-2008, 20:11
peso il Daikin monospilit FTXS35G :D

il rivenditore che verrà a installarmelo mi ha detto che mi offre un contratto di assistenza annuale per rimuovere i batteri dal filtro, la qual cosa mi ha un pò sconvolto, non è che sono pericolosi per la salute sti climatizzatori? :eek:

certamente.

I filtri sono sempre un ricettacolo di batteri. Alcuni produttori montano un filtro elettrostatico per limitare ciò e alcuni anche ionizzatori o altri sistemi per ovviare al problema, e in alcuni casi i risultati sono buoni.

limpid-sky
29-06-2008, 20:16
certamente.

I filtri sono sempre un ricettacolo di batteri. Alcuni produttori montano un filtro elettrostatico per limitare ciò e alcuni anche ionizzatori o altri sistemi per ovviare al problema, e in alcuni casi i risultati sono buoni.

ma nel caso non si può fare da se?
lo chiedo non possedendo climatizzatore:rolleyes:
quindi non fucilatemi.:)

+Benito+
29-06-2008, 20:17
ma nel caso non si può fare da se?
lo chiedo non possedendo climatizzatore:rolleyes:
quindi non fucilatemi.:)

beh la manutenzione di quel tipo BISOGNA farla da sè, generalmente i filtri sono fatti per essere rimossi e puliti facilmente.

Black Dawn
29-06-2008, 20:38
Ragazzi scusate ma è vero che quell'acqua che sgocciola dal tubicino esterno è acqua distillata? :confused:

+Benito+
29-06-2008, 20:40
Ragazzi scusate ma è vero che quell'acqua che sgocciola dal tubicino esterno è acqua distillata? :confused:

in teoria si pechè è la condensa, in pratica se la vaschetta di raccolta non è disinfettata e pulita regolarmente è acqua con dentro pulviscolo e batteri in quantità.

Bassmo
29-06-2008, 20:40
Ragazzi scusate ma è vero che quell'acqua che sgocciola dal tubicino esterno è acqua distillata? :confused:

assolutamente si, è acqua ottenuta per condensa! :)
per il ferro da stiro e simili è eccellente :O

Bassmo
29-06-2008, 20:46
in teoria si pechè è la condensa, in pratica se la vaschetta di raccolta non è disinfettata e pulita regolarmente è acqua con dentro pulviscolo e batteri in quantità.

occhio a non confondere "distillata" con "sterile" son due cose ben diverse :O
Distillata significa priva di sali minerali disciolti (ad esempio il calcare).
Si può avere acqua distillata non sterile e acqua sterile ma non distillata! Sicuramente quella che esce dal condizionatore è distillata, ma non sterile.

+Benito+
29-06-2008, 20:54
occhio a non confondere "distillata" con "sterile" son due cose ben diverse :O
Distillata significa priva di sali minerali disciolti (ad esempio il calcare).
Si può avere acqua distillata non sterile e acqua sterile ma non distillata! Sicuramente quella che esce dal condizionatore è distillata, ma non sterile.
non è nemmeno distillata in senso stretto perchè il pulviscolo si attacca alla condensa, e di pulviscolo ce n'è parecchio. Comunque se è per essere usata con il ferro da stiro, se è limpida va bene.

Jedi82
29-06-2008, 21:04
Benito puoi aiutarmi?:) :) :)

Ragazzi qui a casa quest'anno si farà sul serio e spero grazie a voi esperti di riuscire ad avere le idee ben chiare per poi passare all'acquisto di un paio di condizionatori da parete per la mia casa nella quale fa molto molto caldo...

Provo a descrivervi la situazione che ho qui e come vorrei refrigerare l'ambiente:

2 condizionatori per due stanze
Camera da letto - salone
Dimensioni camera da letto circa 16mt , salone 28mt
Potenza condizionatori 10000 come suggerito dal sito daikin
Interesse principale: deumidificare l'ambiente ed accendere poco l'aria condizonata (perche credo che gia' deumidificando si stia da dio in casa o sbaglio?), pompa di calore non saprei (sarebbe meglio dei miei termosifoni o avendone un bel po' in casa potrei usare quelli e basta? Anche perché ho l'impianto autonomo in casa)

Quindi, su quali modelli devo puntare contenendo la spesa? E poi potrei averne due di condizionatori con un solo motore esterno? In fondo dovrei mettere il motore fuori in balcone che si collegherebbe ai due condizionatori che per fortuna nn sarebbero molti distanti da quest'ultimo...

Sono di Roma, qualche consiglio poi su gente seria che nn se ne approfitti ma soprattutto che per montare due fili nn mi chieda l'anima?

Iverson
29-06-2008, 21:22
qualcuno saprebbe dirmi questo climatizzatore quanto consuma in modalità deumidificatore? 1 kilowatt/h??
grazie
http://img146.imageshack.us/img146/4003/scanph3.jpg

adarkar
30-06-2008, 00:24
mhh dovrebbe consumare uguale in raffreddamento e in deumidificazione? serve un esperto, anch'io me lo stavo chiedendo... :confused:

Bassmo
30-06-2008, 01:14
Benito puoi aiutarmi?:) :) :)

quando fa caldo deumidificare non basta...io sarò l'eccesso opposto dato che la deumidificazione non la uso mai, però quando fa caldo dovrai ben metterlo su condizionamento!

Se sei già orientato su daikin come mi pare di capire, vai sul sicuro...quelli sono ottimi prodotti! :)

Un dual split va benissimo, come hai giustamente detto tu, una unità esterna e due interne. Per l'onestà dell'installatore, se vai sul sito daikin c'è la possibilità di vedere l'elenco degli installatori della zona, fatti fare un po' preventivi, e pretendi che venga fatto il vuoto come si deve.
Tu hai scritto "per installare due fili"...hem, non è esattamente così :asd: ogni unità interna necessita 3 tubi (gas, liquido, condensa) oltre che i "due fili", quindi l'installazione non è semplice e non è economica...per un dual split non meno di 500 euro per l'installazione temo. Poi bisogna vedere come è fatta la casa per stabilire un prezzo, per questo ti dico fatti fare almeno 3 preventivi e poi scegli.

Jedi82
30-06-2008, 01:48
farsi fare un preventivo costa?

Bassmo
30-06-2008, 10:33
farsi fare un preventivo costa?

no in genere è gratuito, un tecnico esce su appuntamento, viene a casa tua e poi ti fa avere il preventivo per l'installazione.

Black Dawn
30-06-2008, 11:41
non è nemmeno distillata in senso stretto perchè il pulviscolo si attacca alla condensa, e di pulviscolo ce n'è parecchio. Comunque se è per essere usata con il ferro da stiro, se è limpida va bene.


Grazie, è quello che voleva sapere mia madre. :D

W4rfoX
30-06-2008, 11:50
Io stavo meditando l'acquisto di due unita'
Mitsubishi Heavy Industries modello SRK/SRC20ZFX-S
Qualcuno sa' se sono buoni prodotti? :)

kassym
30-06-2008, 12:10
Scusate vorrei un consiglio, dovrei comprare un condizionatore portatile....lo so sarebbe meglio un fisso....ma purtroppo non è casa mia, e spendere 200-300 per installare uno split da 200€ per poi magari toglierlo questo inverno non mi sembra pratico:(
Avevo pensato ad un modello con unità esterna, almeno dovrebbe fare meno rumore...voi cossa mi consigliate per una stanza di circa 20m2???
grazie a tutti in anticipo!

come spesa avevo preventivato dalle 500 alle 700 al max

W4rfoX
30-06-2008, 12:12
Scusate vorrei un consiglio, dovrei comprare un condizionatore portatile....lo so sarebbe meglio un fisso....ma purtroppo non è casa mia, e spendere 200-300 per installare uno split da 200€ per poi magari toglierlo questo inverno non mi sembra pratico:(
Avevo pensato ad un modello con unità esterna, almeno dovrebbe fare meno rumore...voi cossa mi consigliate per una stanza di circa 20m2???
grazie a tutti in anticipo!

come spesa avevo preventivato dalle 500 alle 700 al max

Io ho un argo clima classe A da 11k btu con unita' esterna e mi trovo benissimo.

kassym
30-06-2008, 12:16
Io ho un argo clima classe A da 11k btu con unita' esterna e mi trovo benissimo.
Fa molto rumore??la mia fobia con i portatili è il rumore, ne avevo uno di quelli a basso costo monoblocco, piccolo manegevole, ma rumorosissimo!

W4rfoX
30-06-2008, 12:22
Beh.. non e' un fisso.. se e' quello che cerchi. io ci dormo tranquillamente.. con il clima a meno di 3 metri.

kassym
30-06-2008, 12:35
lo so purtroppo:(
avevo visto anche issimo 11 che però non ha unità esterna, ma comunque si mantiene sotto i 40 db al minimo
Non so proprio cosa prendere

Senza Fili
30-06-2008, 13:33
quando fa caldo deumidificare non basta...io sarò l'eccesso opposto dato che la deumidificazione non la uso mai, però quando fa caldo dovrai ben metterlo su condizionamento!



Mica vero per tutti, il mio in funzione deumidificazione fa un freddo cane, infatti queste sere la notte ho dovuto mettere su normale freddo e non deumidificatore perchè in modalità deumidifica faceva troppo freddo :)

kassym
30-06-2008, 14:26
Salve a tutti, sapreste consigliarmi tra questi moddelli qual'è il più silenzioso?? lo dovrei mettere in camera da letto, avvevo pensato a i portatili con unità esterna, dovrebbero essere meno rumorosi di quelli monoblocco;)

i modelli che ho trovato sono questi:
OLIMPIA SPLENDID- Tuttto

ARGO CLIMA - 11 Oscar Twin

OLIMPIA SPLENDID - Frrido Split


OLIMPIA SPLENDID - Issimo 11 HE

S e avete altro da consigliarmi ne sarei felice.....vi prego aiutate un'accaldato:D

Grazie a tutti in anticipo

Lucrezio
30-06-2008, 15:22
Unisco al Thread Ufficiale ;)

Salve a tutti, sapreste consigliarmi tra questi moddelli qual'è il più silenzioso?? lo dovrei mettere in camera da letto, avvevo pensato a i portatili con unità esterna, dovrebbero essere meno rumorosi di quelli monoblocco;)

i modelli che ho trovato sono questi:
OLIMPIA SPLENDID- Tuttto

ARGO CLIMA - 11 Oscar Twin

OLIMPIA SPLENDID - Frrido Split


OLIMPIA SPLENDID - Issimo 11 HE

S e avete altro da consigliarmi ne sarei felice.....vi prego aiutate un'accaldato:D

Grazie a tutti in anticipo

Jedi82
30-06-2008, 16:22
Ragazzi mi sembra giusto tenervi aggiornati su come mi sto muovendo grazie ai vostri consigli:

ho poco fa' chiamato il numero verde Daikin, avendo alla fine optato per questi ottimi prodotti, il quale mi ha segnalato 4 rivenditori che permettono il sopraluogo in casa gratuito.
Il primo verra' giovedi nel pomeriggio, un altro mi ha lasciato il cellulare di due loro persone di fiducia ed un terzo mi ha comunicato un'idea di prezzo per telefono: un dual split comprensivo di montaggio sui 2300 euro, che ne dite?

Jedi82
30-06-2008, 16:23
quando fa caldo deumidificare non basta...io sarò l'eccesso opposto dato che la deumidificazione non la uso mai, però quando fa caldo dovrai ben metterlo su condizionamento!

Se sei già orientato su daikin come mi pare di capire, vai sul sicuro...quelli sono ottimi prodotti! :)

Un dual split va benissimo, come hai giustamente detto tu, una unità esterna e due interne. Per l'onestà dell'installatore, se vai sul sito daikin c'è la possibilità di vedere l'elenco degli installatori della zona, fatti fare un po' preventivi, e pretendi che venga fatto il vuoto come si deve.
Tu hai scritto "per installare due fili"...hem, non è esattamente così :asd: ogni unità interna necessita 3 tubi (gas, liquido, condensa) oltre che i "due fili", quindi l'installazione non è semplice e non è economica...per un dual split non meno di 500 euro per l'installazione temo. Poi bisogna vedere come è fatta la casa per stabilire un prezzo, per questo ti dico fatti fare almeno 3 preventivi e poi scegli.

Grazie per le dirtte e ti chiedo, per vuoto come si deve cosa intendi e come posso constatare che questo sia stato effettivamente fatto come si deve?

+Benito+
30-06-2008, 17:20
Sicuri che le batterie siano tanto calde da non deumidificare SEMPRE? Mi sembra molto strano.

Iverson
30-06-2008, 19:26
mhh dovrebbe consumare uguale in raffreddamento e in deumidificazione? serve un esperto, anch'io me lo stavo chiedendo... :confused:

qualcuno mi ha detto che in modalità deumidificatore assorbe un pò di meno ... per questo chiedevo!
purtroppo sul libretto non c'è scritto

Senza Fili
30-06-2008, 19:41
Ragazzi mi sembra giusto tenervi aggiornati su come mi sto muovendo grazie ai vostri consigli:

ho poco fa' chiamato il numero verde Daikin, avendo alla fine optato per questi ottimi prodotti, il quale mi ha segnalato 4 rivenditori che permettono il sopraluogo in casa gratuito.
Il primo verra' giovedi nel pomeriggio, un altro mi ha lasciato il cellulare di due loro persone di fiducia ed un terzo mi ha comunicato un'idea di prezzo per telefono: un dual split comprensivo di montaggio sui 2300 euro, che ne dite?

Un botto...

cat81
30-06-2008, 20:19
certamente.

I filtri sono sempre un ricettacolo di batteri. Alcuni produttori montano un filtro elettrostatico per limitare ciò e alcuni anche ionizzatori o altri sistemi per ovviare al problema, e in alcuni casi i risultati sono buoni.

ok ho capito, ma lui mi ha parlato di un filtro rimovibile che si può lavare e di uno fisso, in cui si sviluppano la maggior parte dei batteri. Esiste un prodotto che si può applicare periodicamente per ridurre la formazione dei batteri senza dover chiamare il tecnico? lui mi ha detto che non si può fare molto ma non è che mi fidi tantissimo visto il conflitto di interessi :D

comunque domani viene a installarmelo, non vedo l'ora!!

Bassmo
30-06-2008, 20:50
Ragazzi mi sembra giusto tenervi aggiornati su come mi sto muovendo grazie ai vostri consigli:

ho poco fa' chiamato il numero verde Daikin, avendo alla fine optato per questi ottimi prodotti, il quale mi ha segnalato 4 rivenditori che permettono il sopraluogo in casa gratuito.
Il primo verra' giovedi nel pomeriggio, un altro mi ha lasciato il cellulare di due loro persone di fiducia ed un terzo mi ha comunicato un'idea di prezzo per telefono: un dual split comprensivo di montaggio sui 2300 euro, che ne dite?

è un prezzo giusto...un dual split daikin viene sui 2000 euro, 2300 installato è un buon prezzo :-)

Bassmo
30-06-2008, 20:51
Un botto...

non è un botto...è un daikin mica un Firstline :fagiano:

manus75
30-06-2008, 21:02
quindi hai TBU ambiente 20°C, TBS ambiente 27.5°C, TBS=TBU aria trattata 11,5°C. Mi manca la portata d'aria (la trovi indicata normalmente nella scheda tecnica, c'è a velocità media minima e massima, indicata normalmente in mc/h)

Intanto hai delle buone condizioni interne perchè hai 27.5°C con il 55% di u.r. circa.

Hai un salto entalpico di circa 57-33= 24 kj/kg

Trovata la portata, indicala in mc/s, moltiplica per 1,2 (per convertirla in kg/s), moltiplica per 24 e trovi la potenza resa in kW. La confronti con quella che dovrebbe essere e hai risolto.


P.S. è normale che TBU<TBS, sono uguali solo quando l'aria è satura. la TBU è una mistura della saturazione di vapore nell'aria, perchè il tesso di evaporazione dell'acqua è funzione, appunto, della saturazione dell'aria. Se hai aria più carica di vapore (u.r. più alta) dalla garza ogni secondo evapora una frazione inferiore di acqua rispetto ad un ambiente secco. Quindi viene sottratta meno potenza al bulbo che si porta ad una temperatura di equilibrio più alta.

Intanto ti ringrazio tantissimo x le spiegazioni fisiche,e sopratutto almeno vedo che il mio condizionatore è ancora efficiente,anche xchè ha solo 1 anno di vita. Appena trovo la portata d aria faccio 2 conti!

Tittiba
30-06-2008, 21:32
Ciao a tutti, per favore qualcuno che ne sa più di me può gentilmente consigliarmi?
Ho una casa di 67 mq. Ha l'impianto predisposto per lo split su un disimpegno di circa 6mq circa sul quale si affacciano tre stanze (camera da 20 mq, bagno da 6 mq, salotto-cucina da 35 mq).
Ultimamente sono sorti in camera da letto problemi di condensa, non è una muffa, ma dal muro fuoriescono dei cristalli bianchi. C'è un'umidità dell'85% quasi sempre.
Ho pensato allora di comprare un condizionatore che faccia anche da deumidificatore, tuttavia per non bucare i muri, vorrei usufruire del fatto che ho già una parete predisposta nel disimpegno per appenderci un'unità.
Oggi ho fatto un giro in un centro commerciale. Il commesso mi ha detto che nella mia situazione è sconsigliabile un inverter perchè quelli si usano solo per un unico ambiente, mentre è meglio una pompa di calore perchè con un'unica pompa risolvo il problema.
A me non è sembrato tanto chiaro.
Io avrei optato per il modello della Daikin Ururu Sarara FTXR50E che costa 1900 euro senza istallazione.
Ora chiedo a chi ne capisce più di me:
- Risolverei qualcosa per l'umidità e per un pò di fresco mettendo un inverter o una pompa di calore nel mio piccolo disimpegno e nel caso, quale dei due è meglio?-
- Quale è la soluzione migliore usufruendo solo del fatto che c'è già l'impianto pronto?
- Oppure è meglio comprare un deumidificatore direttamente (il commesso sconsigliava i deumidificatori dicendo che portano fuori aria calda), e quale, l'Olimpia?
Per favore, aspetto un Vs consiglio
Grazie

countzero_97
30-06-2008, 21:44
Ciao a tutti,

sono anch'io alla ricerca di un condizionatore che risponda alle mie esigenze (stanza da 14 mq con soffitto di poco meno di 3m, pensavo ad un 9000 btu). Visto che i rivenditori/installatori della mia zona hanno "sparato alto" nel fare i preventivi, stavo pensando di acquistare online. In particolare, c'è una promozione di un noto sito web (chiamiamolo... "mr prezzo") che propone l'installazione di un monosplit a soli 100 euro invece dei 275 che prevede il loro listino.
Alla fine, spenderei circa 900 euro per un Panasonic TE9-HKE installato, invece dei 1360 per uno Sharp o Mitsubishi come mi era stato proposto dai negozianti locali.

Ho due domande: innanzitutto, cosa ne pensate come scelta? E - ancor più importante - dite che posso stare tranquillo affidandomi agli installatori cui si appoggia il sito web in questione?
C'è qualcuno che ha acquistato il proprio condizionatore online e, se sì, come l'ha installato?

Ringrazio fin d'ora chi mi saprà aiutare!

Scusate, uppo sperando di ricevere qualche consiglio.

Pipperesi
30-06-2008, 22:09
quando è consigliabile mettere un inverter e non un on\off?

io dovrei prendere un 12000btu per un uso domestico,non ufficio...la differenza di prezzo giustifica l'acquisto?

so che c'è un risparmio di energia e un rumore decisamente inferiore....

che mi dite?

Bassmo
01-07-2008, 00:17
so che c'è un risparmio di energia e un rumore decisamente inferiore....



la differenza è quella, quindi non è che ci sia differenza fra casa e ufficio. Consuma meno (cioè ha una efficienza maggiore) e fa meno rumore.
Se guardi ogni condizionatore ha fra le caratteristiche un numero, l ' EER. Quello indica l'efficienza. Ad esempio, un condizionatore che ha un EER 3,00 rispetto a un condizionatore che ha un EER 4,00 consuma il 33% in più.


Forse per un uso domestico può contare anche il fatto che una volta "a regime" consuma una potenza più bassa. Mi spiego. Per mantenere fredda al punto giusto una stanza un on/off fa, in termini di consumo:

1000w 5 minuti - spento 5 mimuti - 1000w 5 minuti - spento 5 minuti - 1000w 5 minuti - ecc ecc

metti che intnato vuoi stirare (2000w) potresti avere difficoltà, perchè:

1000w condiz + 2000 ferro + 300 luci,frigo, ecc superano i 3000 watt del contatore che salta.

Un inverter invece, non fa 1000w - spento - 1000w - spento - 1000w,
ma consuma, per fare un esempio, 500w in modo continuo, una volta raggiunta la temeperatura voluta in casa. Quindi se ci vuoi stirare

2000ferro + 500condiz + 300varie= 2800 e ci stai dentro.

Questi sono in sintesi i vantaggi di un inverter rispetto ad un on/off

Pipperesi
01-07-2008, 10:19
quindi ad oggi è consigliabile prendere un buon on off o un inverter entry level?

W4rfoX
01-07-2008, 10:27
Dico solo... inverter = 55%.. :) Chi vuol capire.. .capisce.. :P

Bassmo
01-07-2008, 10:33
quindi ad oggi è consigliabile prendere un buon on off o un inverter entry level?

è un domanda a cui non si può rispondere in assoluto, dipende dall'uso che ne fai!
Conosco tante persone che si hanno il condizionatore ma in realtà lo accendono un oretta ogni tanto proprio nelle giornate più calde...chiaramente a questi consiglerei un on/off entry level da 300 euro, perchè per l'uso che ne fanno non compenseranno mai il prezzo doppio di un inverter col risparmio sulla bolletta.

Per altri invece che ne fanno un grande uso (come me che se entro in casa alle 18:00 e riesco per tornare al lavoro alle 8:00 il condizionatore resta acceso dalle 18:01 alle 7:59 :eek: ) chiaramente consiglio un buon inverter di marca, sia per i consumi che per l'affidabilità sul lungo periodo.

In mezzo a questi due estremi ci sono tante sfumature...ognuno valuta per se cosa gli conviene fare.

Bassmo
01-07-2008, 10:37
Dico solo... inverter = 55%.. :) Chi vuol capire.. .capisce.. :P

55%...ma se uno lo fa andare per 50 euro di corrente ad estate (e ne conosco a bizzeffe) risparmia 25 euro ad estate. Prima che colma la differenza fra un on/off economico (300 euro) e un inverter (800 euro) ci mette:

500/25= 20 anni :D


Un condizionatore manco li dura 20 anni....
Non esiste quasi mai in nessun campo la soluzione "migliore in assoluto", la soluzione migliore dipende dal contesto e dall'uso che se ne fa!

m11
01-07-2008, 10:40
:rolleyes:
Salve a tutti gli esperti volevo una spiegazione per costatare se e' normale oppure no.
Ho una stanza salone e cucina da 40mq. con un condizionatore della mitsubishi electric non inverter da 12btu modello msc-ca35vb e una camera da letto da 20mq con uno della stessa marca non inverter da 9btu modello msc-ga25vb.
Penso che li conoscete i modelli hanno due led di cui quello a destra si spegne quando il condizionatore ha raggiunto la temperatura impostata.Il punto e' questo quando imposto la temperatura ad esempio a 27° in modo da avere uno sbalzo con l'esterno non inferirore a 4-5° il condizionatore raggiunge la temperatura e il led si spegne.Ma invece se volessi ragguingere ad esempio la temperatura (forse sto per dire una assurdita')di 22-24° il led non si spegne mai cioe' ho come l'impressione che il condizionatore non riesce a raggiungere tale temperatura.
questo equivale per tutti e due i modelli che ho;

quello che mi domando e' normale ? :stordita:
cioe' non riesce a raggiungere temperature troppo basse perche fuori fa troppo caldo?(31-32°):stordita:

mi aiutate a togliermi questo dubbio:help:

saluti m11

W4rfoX
01-07-2008, 10:43
55%...ma se uno lo fa andare per 50 euro di corrente ad estate (e ne conosco a bizzeffe) risparmia 25 euro ad estate. Prima che colma la differenza fra un on/off economico (300 euro) e un inverter (800 euro) ci mette:

500/25= 20 anni :D


Un condizionatore manco li dura 20 anni....
Non esiste quasi mai in nessun campo la soluzione "migliore in assoluto", la soluzione migliore dipende dal contesto e dall'uso che se ne fa!

Parlavo delle detrazioni. ;-) io sto cercando un clima di buona resistenza, con COP elevati da abbinare ad impianti FV di prossima installazione e dimenticarmi della caldaia nelle mezze stagioni. Aggiungi che se lo piglio ad inverter ce' possibilita' di averne il 55% in detrazione... direi non male.

m11
01-07-2008, 11:07
:rolleyes:
Salve a tutti gli esperti volevo una spiegazione per costatare se e' normale oppure no.
Ho una stanza salone e cucina da 40mq. con un condizionatore della mitsubishi electric non inverter da 12btu modello msc-ca35vb e una camera da letto da 20mq con uno della stessa marca non inverter da 9btu modello msc-ga25vb.
Penso che li conoscete i modelli hanno due led di cui quello a destra si spegne quando il condizionatore ha raggiunto la temperatura impostata.Il punto e' questo quando imposto la temperatura ad esempio a 27° in modo da avere uno sbalzo con l'esterno non inferirore a 4-5° il condizionatore raggiunge la temperatura e il led si spegne.Ma invece se volessi ragguingere ad esempio la temperatura (forse sto per dire una assurdita')di 22-24° il led non si spegne mai cioe' ho come l'impressione che il condizionatore non riesce a raggiungere tale temperatura.
questo equivale per tutti e due i modelli che ho;

quello che mi domando e' normale ? :stordita:
cioe' non riesce a raggiungere temperature troppo basse perche fuori fa troppo caldo?(31-32°):stordita:

mi aiutate a togliermi questo dubbio:help:

saluti m11

nessuno mi aiuta

limpid-sky
01-07-2008, 13:19
Parlavo delle detrazioni. ;-) io sto cercando un clima di buona resistenza, con COP elevati da abbinare ad impianti FV di prossima installazione e dimenticarmi della caldaia nelle mezze stagioni. Aggiungi che se lo piglio ad inverter ce' possibilita' di averne il 55% in detrazione... direi non male.

per ottenere la detrazione c'è bisogno di altre caratteristiche relative alla casa, chessò infissi a bassa trasmissione di calore, pareti isolate oppure danno la detrazione del 55% a tutti quelli che lo pigliano inverter?
Lo chiedo in vista di una prossima ristrutturazione radicale.

W4rfoX
01-07-2008, 13:24
per ottenere la detrazione c'è bisogno di altre caratteristiche relative alla casa, chessò infissi a bassa trasmissione di calore, pareti isolate oppure danno la detrazione del 55% a tutti quelli che lo pigliano inverter?
Lo chiedo in vista di una prossima ristrutturazione radicale.

Che io sappia a tutti quelli che lo pigliano inverter. Ti faro' sapere.

Ah.. se stai ristrutturando.. e per caso ti passa per la testa di installare pannelli fotovoltaici, sappi che se ti fai fare un certificato energetico del prima e del dopo, hai la possibilita' di un aumento della tariffa incentivante pari alla percentuale di risparmio energetico ottenuto (sino ad un massimo del 30%). La tariffa incentivante e' per 20 anni pari a 0.44 euro per Kwh.
Inoltre se ti fai fare un progetto, tutto quello che fai per migliorare il livello energetico della casa (infissi, doppi vetri, isolamento) puo' essere detratto al 55%.
Attenzione alle caratteristiche. Un isolamento e/o cappotto da meno di 5 cm in poliuretano ad esempio non ti garantisce accesso alle detrazioni perche' non forniscono le performance richieste per legge.
Valuta bene.. sono valanghe di soldini che si possono risparmiare.

limpid-sky
01-07-2008, 13:37
:rolleyes:
Salve a tutti gli esperti volevo una spiegazione per costatare se e' normale oppure no.
Ho una stanza salone e cucina da 40mq. con un condizionatore della mitsubishi electric non inverter da 12btu modello msc-ca35vb e una camera da letto da 20mq con uno della stessa marca non inverter da 9btu modello msc-ga25vb.
Penso che li conoscete i modelli hanno due led di cui quello a destra si spegne quando il condizionatore ha raggiunto la temperatura impostata.Il punto e' questo quando imposto la temperatura ad esempio a 27° in modo da avere uno sbalzo con l'esterno non inferirore a 4-5° il condizionatore raggiunge la temperatura e il led si spegne.Ma invece se volessi ragguingere ad esempio la temperatura (forse sto per dire una assurdita')di 22-24° il led non si spegne mai cioe' ho come l'impressione che il condizionatore non riesce a raggiungere tale temperatura.
questo equivale per tutti e due i modelli che ho;

quello che mi domando e' normale ? :stordita:
cioe' non riesce a raggiungere temperature troppo basse perche fuori fa troppo caldo?(31-32°):stordita:

mi aiutate a togliermi questo dubbio:help:

saluti m11

Salve, sono un profano ma credo che può dipendere solamente da 2 cose.
La tua stanza non è perfettamente isolata dall'esterno, prova ad abbassare le tapparelle anche se la discriminante sono gli infissi e l'isolamento generale della casa.
oppure il condizionatore non ce la fa anche se obiettivamente 22 gradi sono veramente pochi e difficili da mantenere costanti.

limpid-sky
01-07-2008, 13:42
Che io sappia a tutti quelli che lo pigliano inverter. Ti faro' sapere.

Ah.. se stai ristrutturando.. e per caso ti passa per la testa di installare pannelli fotovoltaici, sappi che se ti fai fare un certificato energetico del prima e del dopo, hai la possibilita' di un aumento della tariffa incentivante pari alla percentuale di risparmio energetico ottenuto (sino ad un massimo del 30%). La tariffa incentivante e' per 20 anni pari a 0.44 euro per Kwh.
Inoltre se ti fai fare un progetto, tutto quello che fai per migliorare il livello energetico della casa (infissi, doppi vetri, isolamento) puo' essere detratto al 55%.
Attenzione alle caratteristiche. Un isolamento e/o cappotto da meno di 5 cm in poliuretano ad esempio non ti garantisce accesso alle detrazioni perche' non forniscono le performance richieste per legge.
Valuta bene.. sono valanghe di soldini che si possono risparmiare.

Devo approfondire la questione incentivi per il condizionatore.
per i pannelli essendo in un condominio non c'è speranza.
Il resto mi sarà utile anche se essendo in un condominio sarà difficile mantenere le performance richieste non essendo possibile fare un cappotto esterno(la facciata è area condominiale e praticamente non si può toccare per le opere murarie). Forse potrei ottenere qualcosa per i soli infissi.Cmq grazie per l'intervento anche se la casa è dei miei genitori.

W4rfoX
01-07-2008, 14:05
Devo approfondire la questione incentivi per il condizionatore.
per i pannelli essendo in un condominio non c'è speranza.
Il resto mi sarà utile anche se essendo in un condominio sarà difficile mantenere le performance richieste non essendo possibile fare un cappotto esterno(la facciata è area condominiale e praticamente non si può toccare per le opere murarie). Forse potrei ottenere qualcosa per i soli infissi.Cmq grazie per l'intervento anche se la casa è dei miei genitori.

Tieni conto che e' applicabile anche a isolamenti interni, non solo al cappotto esterno.

+Benito+
01-07-2008, 14:35
qualcuno saprebbe dirmi questo climatizzatore quanto consuma in modalità deumidificatore? 1 kilowatt/h??
grazie
http://img146.imageshack.us/img146/4003/scanph3.jpg

1.65 kw in riscaldamento nelle condizioni più gravose.

+Benito+
01-07-2008, 14:42
Ciao a tutti, per favore qualcuno che ne sa più di me può gentilmente consigliarmi?
Ho una casa di 67 mq. Ha l'impianto predisposto per lo split su un disimpegno di circa 6mq circa sul quale si affacciano tre stanze (camera da 20 mq, bagno da 6 mq, salotto-cucina da 35 mq).
Ultimamente sono sorti in camera da letto problemi di condensa, non è una muffa, ma dal muro fuoriescono dei cristalli bianchi. C'è un'umidità dell'85% quasi sempre.
Ho pensato allora di comprare un condizionatore che faccia anche da deumidificatore, tuttavia per non bucare i muri, vorrei usufruire del fatto che ho già una parete predisposta nel disimpegno per appenderci un'unità.
Oggi ho fatto un giro in un centro commerciale. Il commesso mi ha detto che nella mia situazione è sconsigliabile un inverter perchè quelli si usano solo per un unico ambiente, mentre è meglio una pompa di calore perchè con un'unica pompa risolvo il problema.
A me non è sembrato tanto chiaro.
Io avrei optato per il modello della Daikin Ururu Sarara FTXR50E che costa 1900 euro senza istallazione.
Ora chiedo a chi ne capisce più di me:
- Risolverei qualcosa per l'umidità e per un pò di fresco mettendo un inverter o una pompa di calore nel mio piccolo disimpegno e nel caso, quale dei due è meglio?-
- Quale è la soluzione migliore usufruendo solo del fatto che c'è già l'impianto pronto?
- Oppure è meglio comprare un deumidificatore direttamente (il commesso sconsigliava i deumidificatori dicendo che portano fuori aria calda), e quale, l'Olimpia?
Per favore, aspetto un Vs consiglio
Grazie
Il commesso è chiaramente ignorante ;)
Inverter e pompa di calore non sono contrastanti, semplicemente un modello con motore pilotato da inverter (PAM o PWM a seconda delle marche) modula la potenza resa (e quindi assorbita) in funzione del fabbisogno istantaneo per mantenere le condizioni di setpoint. Vagli a dire perchè perchè abbiamo appena messo un gruppo da 2 milioni di frigorie a inverter se no ;)
Un pompa di calore può invertire il ciclo quindi fare freddo o caldo.
Se lo usi molto tempo un inverter è sicuramente da consigliare perchè il risparmio è evidente..
Il problema della condensa è di non facile soluzione, dovresti cercare un bravo progettista termotecnico della tua zona e farlo venire a casa tua per cercare di capire a cosa è dovuta e in quale modo contrastarla.
Un deumidificatore è un normale aggeggio a espansione diretta che non si occupa tanto di condizionare quanto di togliere umidità. Per farlo immagino che abbia entrambe le batterie in ambiente, quindi l'effetto in ambiente è di riscaldare (in quantità pari alla potenza assorbita) e di deumidificare perchè l'aria passando sull'evaporatore condensa.
E' la stessa cosa che prendere uno split mobile e non convogliare il tubo che espelle l'aria in esterno ma lasciarla in ambiente.

+Benito+
01-07-2008, 14:45
Dico solo... inverter = 55%.. :) Chi vuol capire.. .capisce.. :P

Per avere il 55% devi far fare le pratiche e non credo che un professionista te le faccia per meno di 200€, d'accordo che detrai il 55% delle spese tecniche, ma 100€ in più solo per prendere l'incentivo, senza curarsi dell'effettiva utilità, è stupido.
Un condizionatore ad inverter lavora con un COP medio stagionale elevato, mentre un on/off ha un cop che è funzione solo delle condizioni operative, perchè il rapporto tra la potenza erogata e l'efficienza degli scambiatori è costante.

+Benito+
01-07-2008, 14:53
Che io sappia a tutti quelli che lo pigliano inverter. Ti faro' sapere.

Ah.. se stai ristrutturando.. e per caso ti passa per la testa di installare pannelli fotovoltaici, sappi che se ti fai fare un certificato energetico del prima e del dopo, hai la possibilita' di un aumento della tariffa incentivante pari alla percentuale di risparmio energetico ottenuto (sino ad un massimo del 30%). La tariffa incentivante e' per 20 anni pari a 0.44 euro per Kwh.
Inoltre se ti fai fare un progetto, tutto quello che fai per migliorare il livello energetico della casa (infissi, doppi vetri, isolamento) puo' essere detratto al 55%.
Attenzione alle caratteristiche. Un isolamento e/o cappotto da meno di 5 cm in poliuretano ad esempio non ti garantisce accesso alle detrazioni perche' non forniscono le performance richieste per legge.
Valuta bene.. sono valanghe di soldini che si possono risparmiare.


Attenzione a dire cose campate per aria. Detrazione o no, ci sono parametri minimi da rispettare in caso di ristrutturazione. Inoltre l'ace non si può ancora fare se non in lombardia liguria e, forse, piemonte, mentre in E-R da oggi dovrebbe essere operativa la normativa regionale ma in realtà non lo è ancora, ci sono alcuni incontri nei prossimi giorni.
Dove è presente la procedura regionale, l'ACE è NECESSARIO per l'accesso a qualsiasi tipo di incentivo, mentre dove non c'è la normativa l'AQE è NECESSARIO per le stesse cose. Per cui non c'è un "se ti fai fare il prima e dopo.....", se vuoi avere l'incentivo, serve la certificazione/qualificazione. In lombardia, però è appena uscita una versione del software di certificazione (boiata colossale e irrispettoso delle leggi della natura nonchè delle normative) ch ha dei problemi, per cui probabilmente se ne hai bisogno in questi giorni, dovrai attendere.

Se ti fai fare un progetto non fa bene. il progetto è OBBLIGATORIO, così come sancito dalla 37/08 nonchè dalla L10/91, dpr. 412/93 etc etc.
Le detrazioni sono accessibili SOLO ED ESCLUSIVAMENTE dietro il rispetto di precisi requisiti, non è che se prendo le finestre a doppio vetro invece di quelle a vetro semplice posso detrarle. Idem per coibentazione, impiantistica etc.

+Benito+
01-07-2008, 14:54
Devo approfondire la questione incentivi per il condizionatore.
per i pannelli essendo in un condominio non c'è speranza.
Il resto mi sarà utile anche se essendo in un condominio sarà difficile mantenere le performance richieste non essendo possibile fare un cappotto esterno(la facciata è area condominiale e praticamente non si può toccare per le opere murarie). Forse potrei ottenere qualcosa per i soli infissi.Cmq grazie per l'intervento anche se la casa è dei miei genitori.

Perchè dici questo? guarda che se ti riferisci all'incentivo anche i condomini ne hanno accesso.

W4rfoX
01-07-2008, 15:16
Per avere il 55% devi far fare le pratiche e non credo che un professionista te le faccia per meno di 200€, d'accordo che detrai il 55% delle spese tecniche, ma 100€ in più solo per prendere l'incentivo, senza curarsi dell'effettiva utilità, è stupido.
Un condizionatore ad inverter lavora con un COP medio stagionale elevato, mentre un on/off ha un cop che è funzione solo delle condizioni operative, perchè il rapporto tra la potenza erogata e l'efficienza degli scambiatori è costante.

Considerando che sto per fare l'acquisto nell'ottica di usare sia il raffrescamento che il riscaldamento in modo considerevole (visto l'impianto FV), mi sembra d'obbligo valutare macchine ad inverter. Dai preventivi che mi hanno fatto si va' dai 2500 ai 4000 euro per Due/Tre Split e Due/Tre Motori per diverse marche. Anche con 2500 euro di spesa, la detrazione mi sembra sia un opzione da considerare. O sbaglio qualcosa?
Per il discorso detrazioni non ho approfondito nel post perche' volevo solo dare una spinta ad informarsi.
A proposito, visto che mi sembra che ne sai :) Mitsubishi Heavy Industries con COP 5 (Monomotore Dual Split) cosa ne pensi?

Jedi82
01-07-2008, 15:32
allora 2300 dite che va bene? Ora aspetto giovedi per dirvi quanto invece il tipo che mi viene in casa mi chiede:)

Bassmo
01-07-2008, 17:07
allora 2300 dite che va bene? Ora aspetto giovedi per dirvi quanto invece il tipo che mi viene in casa mi chiede:)

è piu o meno allineato a quello che ti puoi aspettare! però fatti fare due o tre preventivi (meglio 3) con sopralluogo, perchè le condizioni di installazione fanno variare parecchio il costo. La cifra detta al telefono è puramente indicativa...

Iverson
01-07-2008, 19:03
1.65 kw in riscaldamento nelle condizioni più gravose.

grazie della risposta!!
però ... che c'entra il riscaldamento con la modalità deumidificatore?? assorbe lo stesso?? io lo uso solo come deumidificatore per questo chiedo ;)

+Benito+
01-07-2008, 19:11
Considerando che sto per fare l'acquisto nell'ottica di usare sia il raffrescamento che il riscaldamento in modo considerevole (visto l'impianto FV), mi sembra d'obbligo valutare macchine ad inverter. Dai preventivi che mi hanno fatto si va' dai 2500 ai 4000 euro per Due/Tre Split e Due/Tre Motori per diverse marche. Anche con 2500 euro di spesa, la detrazione mi sembra sia un opzione da considerare. O sbaglio qualcosa?
Per il discorso detrazioni non ho approfondito nel post perche' volevo solo dare una spinta ad informarsi.
A proposito, visto che mi sembra che ne sai :) Mitsubishi Heavy Industries con COP 5 (Monomotore Dual Split) cosa ne pensi?

mitsu fa 100 mila modelli...comunque nel tuo caso, se ho ben capito, vuoi montare molti dual, cosa che sconsiglio, piuttosto metti un quad.

+Benito+
01-07-2008, 19:12
grazie della risposta!!
però ... che c'entra il riscaldamento con la modalità deumidificatore?? assorbe lo stesso?? io lo uso solo come deumidificatore per questo chiedo ;)

in estivo massimo 1,6 kW

Framol
01-07-2008, 19:36
Una domanda:avendo un climatizzatore da 2500 btu,montando in un ingresso,questo riesce a raffreddare due camere da letto di 15 mq,se acceso prima?
Ovvero il freddo si spande verso il basso vero?

+Benito+
01-07-2008, 20:34
Una domanda:avendo un climatizzatore da 2500 btu,montando in un ingresso,questo riesce a raffreddare due camere da letto di 15 mq,se acceso prima?
Ovvero il freddo si spande verso il basso vero?

in teoria sì, ma 2500 btu sono pochette, dubito che tu ci possa fare molto . Almeno abbassa le tapparelle.

Baronfederigo
01-07-2008, 21:44
salve, considerando che devo raffreddare una camera che è una mansarda di 22 metri quadri e quando si rende necessario anche il salattino adiacente e considerando che tale camera/mansarda ha 2 porte finestre e va in altezza da 1,70 metri a poco piu di 3 metri nel punto piu alto ed è esposta a sud ovest (2 pareti esterne) di cui la sud completamente soleggiata con presenza di tende da sole mi sono stati consigliati i seguenti prodotti:

1 toshiba super daiseikai 3
2 daikin ftxs 35 g
3 mitsubishi kirigamine

nelle versioni da 12 000 btu monospilit: mi è stato detto che sono tutti ottimi prodotti, il toshiba è superiore agli altri per la maggiore efficienza e minor consumi e la presenza di particolari filtri conpreso l anti legionella, mentre se voglio qualcosa di molto silenzioso devo andare sul kirigamine. io sono orientato sul toshiba voi che dite? grazie

+Benito+
01-07-2008, 22:30
Due stanze -> dual split senza pensarci se lo vuoi usare con profitto. Se no conta che l'altra stanza non la tratti perchè a sapere come girerà l'aria ci vuole un genio.

Baronfederigo
01-07-2008, 22:51
ok ammesso che l altra stanza non mi interessi? va bene il toshiba?

+Benito+
01-07-2008, 22:55
basta che non prendiate gli shengquibao, per citare uno degli n marchi cinesi o orientali sconosciuti, van tutti bene....
Toshiba, panasonic, mitsubishi, daikin....alla fine cambia poco tra uno e l'altro, l'utente normale è difficile che possa cogliere differenze.

spidermann
02-07-2008, 00:33
Io stavo meditando l'acquisto di due unita'
Mitsubishi Heavy Industries modello SRK/SRC20ZFX-S
Qualcuno sa' se sono buoni prodotti? :)
vai tranquillo! ottimi prodotti consumi bassissimi, eer e cop piu' alti del mercato! io ci lavoro e sono ottimi!

IcEMaN666
02-07-2008, 00:59
ragazzi ho bisogno di un consulto..
allora la mia camera è dal lato opposto alla parete esterna nella quale posso montare l'unità esterna (i miei genitori non vogliono piazzare l'unità nella parete frontale della nostra casa).
per installare un condizionatore dovrei mettere l'unità interna in camera mia e far passare i tubi nel controsoffitto fino a giungere nel balcone dove ci sarà l'unità esterna.
ora per corrente e gas no problem...ma per quanto riguarda la condensa come si fa? mio padre dice che non è possibile perchè lo scarico deve avere la pendenza...ma non c'è un sistema automatico per espellere l'acqua anche se il percorso che deve fare il tubo è in salita (come nel mio caso)?

Tittiba
02-07-2008, 01:17
Il commesso è chiaramente ignorante ;)
Inverter e pompa di calore non sono contrastanti, semplicemente un modello con motore pilotato da inverter (PAM o PWM a seconda delle marche) modula la potenza resa (e quindi assorbita) in funzione del fabbisogno istantaneo per mantenere le condizioni di setpoint. Vagli a dire perchè perchè abbiamo appena messo un gruppo da 2 milioni di frigorie a inverter se no ;)
Un pompa di calore può invertire il ciclo quindi fare freddo o caldo.
Se lo usi molto tempo un inverter è sicuramente da consigliare perchè il risparmio è evidente..
Il problema della condensa è di non facile soluzione, dovresti cercare un bravo progettista termotecnico della tua zona e farlo venire a casa tua per cercare di capire a cosa è dovuta e in quale modo contrastarla.
Un deumidificatore è un normale aggeggio a espansione diretta che non si occupa tanto di condizionare quanto di togliere umidità. Per farlo immagino che abbia entrambe le batterie in ambiente, quindi l'effetto in ambiente è di riscaldare (in quantità pari alla potenza assorbita) e di deumidificare perchè l'aria passando sull'evaporatore condensa.
E' la stessa cosa che prendere uno split mobile e non convogliare il tubo che espelle l'aria in esterno ma lasciarla in ambiente.

Grazie davvero per la risposta. Vedrò di chiamare qualche esperto a vedere la condensa.
Altra domandina, secondo la tua opinione, viste le dimensioni della casa (67 metri quadri) il modello inverter della daikin Ururu Sarara FTXR42E oppure FTX50E ti sembra sufficiente come condizionatore per tutta la casa se lo sistemo nel disimpegno piccolo (6 mquadri) su cui si affacciano tre stanze? Grazie ancora.

Bassmo
02-07-2008, 10:41
Grazie davvero per la risposta. Vedrò di chiamare qualche esperto a vedere la condensa.
Altra domandina, secondo la tua opinione, viste le dimensioni della casa (67 metri quadri) il modello inverter della daikin Ururu Sarara FTXR42E oppure FTX50E ti sembra sufficiente come condizionatore per tutta la casa se lo sistemo nel disimpegno piccolo (6 mquadri) su cui si affacciano tre stanze? Grazie ancora.

A me sembra una soluzione stranina...metti un bisplit nelle due stanze principali...per carità un ftx50 nel dispimpegno come potenza basta, ma per avere le stanze fresche avrai un disimpegno ibernato coi pinguini, a passarci attraverso ti prende un colpo nel giro di 2 giorni hai il mal di gola :(

Niculescu
02-07-2008, 10:42
Ciao a tutti,
ho finalmente comprato il condizionatore, prendendo il panasonic con due split da 7000 e 12000.
il condizonatore funziona direi bene, ma ho un dubbio:

ho la sala insieme alla cucina abbastanza grande, 27mq, con 6 metri di parete rivolta a sud e che quindi beccano buon sole con pure 3 finestre (due porte finestre e una finestra doppia anta).
il condizionatore arriva alla temperatura di 25,5 gradi circa, piu' giù difficilmente ci va(temperatura esterna 32-33 gradi). (la temperatura la guardo sia sul mio termostato che su un termometro che ho in casa).
il condizionatore è però impostato su 22 gradi... è normale che non riesca a raggiungere quella temperatura? (il secondo split da 7mila è spento, quindi questo da 12 è pienamente sfruttato dal motore esterno).
il fatto che scenda alla temperatura impostata sul condizionatore di 22 gradi non mi interessa, nel senso che già con 26 gradi sto benissimo, ma oggi sto facendo questa prova (è dalle 9 che il condizionatore è acceso) e mi viene il dubbio che il condizionatore possa non essere installato bene e quindi l'efficienza non sia al massimo e quindi anche i consumi siano piu' alti...

potete aiutarmi?

grazie

:D

Bassmo
02-07-2008, 10:51
:D

Mah guarda, non è detto che il termometro interno sia preciso, per esempio il mio tiene circa 2 gradi in piu di quanto impostato (se metto 22 tiene 24, se metto 20 tiene 22 ecc).

Invece che impostare 22 prova a impostare 19 e vedi se la temperatura scende o no...se resta 25,5 vuol dire che hai raggiunto il limite della potenza del condizionatore. Comunque da quel che dici li di potenza ce ne vuole, la paretona a finestre esposta al sole è terribile! Specialmente se tieni le porte aperte, mi pare già un buon risultato...

fastnaima
02-07-2008, 17:17
...Perchè magari hanno altro da fare?:rolleyes:

comunque, se l'unità esterna (che non è il "motore", ma buona parte della macchina) nasce per funzionare con n unità interne (ad esempio 2,3,4) anche se al momento della prima installazione non le monti tutte, puoi farlo in seguito.
Però considera che generalmente non tollerano una potenza installata come unità interne superiore al 110-120% della potenza dell'unità esterna. Chiaramente la resa massima sarà comunque quella dell'unità esterna.
Ad esempio se l'unità esterna rende 4 kW, e monti due macchine da 2,5 kW nominali interne, probabilmente funzionerà (chiaro che se metti mano ad un impianto esistente dovrai rifare il vuoto e questa volta obbligatoriamente caricare il gas), ma la resa delle unità interne non potrà superare 4 kW complessivi.
Per toglierti il dubbio cerca di contattare l'agente di zona (NON il tecnico installatore che normalmente non sa nulla di tutto questo) e spiegandogli la situazione fatti dire se quello che hai in mente si può fare.

Infine la resa nominale di un'unità interna è quella, indipendentemente dalla potenza utile della unità esterna.

geazie sei stato utilissimo ed esaustivo!!!:D

W4rfoX
02-07-2008, 17:44
mitsu fa 100 mila modelli...comunque nel tuo caso, se ho ben capito, vuoi montare molti dual, cosa che sconsiglio, piuttosto metti un quad.

Nooo.. mi sono spiegato da cani in effetti.
L'intenzione e' di montare un dual della mitsubishi. Per la precisione questa unita' esterna MXZ-2A30VA e due di MSZ-GA25VA che sono le unita' interne. Alcuni installatori mi hanno detto che il una sola unita' non riuscirebbe a farmi la zona notte e quindi consigliavano un terzo motore con terza unita'.

Antonio fa caldo!
02-07-2008, 20:12
Ciao Pippocalo, ho capito che sei uno che se ne intende.
Volevo chiederti (anche agli altri se lo sanno):
1- Il riscaldamento, per i modelli a pompa di calore, è utile fino a quale temperatura? Io ho i termosifoni, ma avendo pochi elementi e 1 casa fredda non riesco ad avere 1 temper superiore a 19-20 °C, e d'inverno 21-22 sarebbero 1 altra cosa. Ma mi hanno detto che quando fa molto freddo il rendimento è molto basso anke x i modd con l'inverter. Allora a cosa serve la pompa di calore? Infatti il problema si presenta proprio quando fa molto freddo. Ecco xkè sn indeciso se prenderlo cn pompa di calore.
2- Hai detto che se il montaggio è fatto bene non ci dovrebbe essere necessità di ricarica o problemi vari. Un mio amico mi ha detto che mi può aiutare nel montaggio, e secondo lui fare il vuoto non è necessario quando i tubi sn corti. Spero di non fare cappellate. Mi aiuti?

tmaxraiden
02-07-2008, 21:51
Scusate se mi intrometto nella discussione ma vista la mia totale ignoranza in materia chiedo lumi a voi.:D
Devo installare un climatizzatore in un soggiorno di circa 30mt/q e la mia scelta era orientata verso questo modello: SAMSUNG AQV12FC.
E' un inverter 12000btu classe A/A.
C'è qualcuno che conosce tale modello? Vi sentite di consigliarmi qualcos'altro in alternativa considerato che l'ho trovato a 539euro?
Grazie a tutti:)
http://www.samsung.com/it/consumer/detail/detail.do?group=homeappliances&type=airconditioners&subtype=classicseries&model_cd=AQV12FCN

manus75
02-07-2008, 22:21
Scusate se mi intrometto nella discussione ma vista la mia totale ignoranza in materia chiedo lumi a voi.:D
Devo installare un climatizzatore in un soggiorno di circa 30mt/q e la mia scelta era orientata verso questo modello: SAMSUNG AQV12FC.
E' un inverter 12000btu classe A/A.
C'è qualcuno che conosce tale modello? Vi sentite di consigliarmi qualcos'altro in alternativa considerato che l'ho trovato a 539euro?
Grazie a tutti:)
http://www.samsung.com/it/consumer/detail/detail.do?group=homeappliances&type=airconditioners&subtype=classicseries&model_cd=AQV12FCN

Ciao,io ho un AQV09M SAN serie premium 9000btu classe AA inverter da 1 anno,bellissimo ok,molto efficiente pieno di funzioni come lo ionizzatore e il pulitore automatico del radiatore... Veramente niente da dire sull unità interna silenziosissima,però c è un problemino famoso dei Samsung,l unità esterna che all accensione e allo spegnimento fa un po rumore,sembra un aeroplano,e in piena notte non èproprio il max... A me fa sto rumore ma è ancora sopportabile,ad alcuni gli vibrano i muri e sembra crolli la casa da casino che fa! Quando invece gira costante nulla da dire è silenzoso. Il problema sembra l errata programmazione della scheda che comanda la velocità del compressore risolvibile in garanzia.

adarkar
03-07-2008, 01:12
ma i condizionatori consumano uguale o no nelle modalità Raffreddamento e modalità Solo Deumidificazione? Se il consumo è differente, più o meno che differenza percentuale c'è?

Grazie!!!

m11
03-07-2008, 11:56
:rolleyes:
Salve a tutti gli esperti volevo una spiegazione per costatare se e' normale oppure no.
Ho una stanza salone e cucina da 40mq. con un condizionatore della mitsubishi electric non inverter da 12btu modello msc-ca35vb e una camera da letto da 20mq con uno della stessa marca non inverter da 9btu modello msc-ga25vb.
Penso che li conoscete i modelli hanno due led di cui quello a destra si spegne quando il condizionatore ha raggiunto la temperatura impostata.Il punto e' questo quando imposto la temperatura ad esempio a 27° in modo da avere uno sbalzo con l'esterno non inferirore a 4-5° il condizionatore raggiunge la temperatura e il led si spegne.Ma invece se volessi ragguingere ad esempio la temperatura (forse sto per dire una assurdita')di 22-24° il led non si spegne mai cioe' ho come l'impressione che il condizionatore non riesce a raggiungere tale temperatura.
questo equivale per tutti e due i modelli che ho;

quello che mi domando e' normale ? :stordita:
cioe' non riesce a raggiungere temperature troppo basse perche fuori fa troppo caldo?(31-32°):stordita:

mi aiutate a togliermi questo dubbio:help:

saluti m11

Salve, sono un profano ma credo che può dipendere solamente da 2 cose.
La tua stanza non è perfettamente isolata dall'esterno, prova ad abbassare le tapparelle anche se la discriminante sono gli infissi e l'isolamento generale della casa.
oppure il condizionatore non ce la fa anche se obiettivamente 22 gradi sono veramente pochi e difficili da mantenere costanti.

il fatto del condizionatore che non ce la fa non penso perche in camera da letto che e' 20mq con quello da 9000 btu fa lo stesso.... mi date qualche altra dritta...............:help: :help: :help:

m11

+Benito+
03-07-2008, 14:35
Ciao Pippocalo, ho capito che sei uno che se ne intende.
Volevo chiederti (anche agli altri se lo sanno):
1- Il riscaldamento, per i modelli a pompa di calore, è utile fino a quale temperatura? Io ho i termosifoni, ma avendo pochi elementi e 1 casa fredda non riesco ad avere 1 temper superiore a 19-20 °C, e d'inverno 21-22 sarebbero 1 altra cosa. Ma mi hanno detto che quando fa molto freddo il rendimento è molto basso anke x i modd con l'inverter. Allora a cosa serve la pompa di calore? Infatti il problema si presenta proprio quando fa molto freddo. Ecco xkè sn indeciso se prenderlo cn pompa di calore.
2- Hai detto che se il montaggio è fatto bene non ci dovrebbe essere necessità di ricarica o problemi vari. Un mio amico mi ha detto che mi può aiutare nel montaggio, e secondo lui fare il vuoto non è necessario quando i tubi sn corti. Spero di non fare cappellate. Mi aiuti?

Per il vuoto si è già detto, per il riscaldamento in inverno, considera che i problemai sono due: uno è un calo di resa a causa del ridotto scambio tra il liquido nella batteria esterna e l'aria esterna, l'altro è il brinamento della batteria esterna. Il primo fattore è graossomodo lineare con la temperatura e prendere un modello inverter tagliato sulla resa effettiva nel punto di funzionamento invernale garantisce di avere la macchina che rende il giusto e d'estate e negli altri momenti parzializza, con quindi incremento del COP effettivo. Il problema della brina è legato alla combinazione temperatura/umidità relativa. Per esempio in val padana già intorno ai 2 gradi ci sono problemi di brina (quando la macchina deve sbrinare, va in blocco e inverte il ciclo, quindi non scalda niente, almeno su queste piccole taglie) mentre in zone più secche anche a -2 non ci sono problemi.

L'unico modo per sistemare la questione, oltre a sovradimensionare ancora la macchina, è portare, se disponibile, u'espulsione vicino alla batteria della macchina esterna in modo da innalzare un pochino la temperatura di lavoro in inverno.

Jedi82
04-07-2008, 10:57
ragazzi allora che bello, credo il mio ultimo aggiornamento:

sono a quota 5 rivenditori chiamati qui a Roma per un preventivo di costo per la soluzione pensata per la mia casa ( due unita' interne in dual split marca Daikin) e nulla, si conferma la media di 2400 € a rivenditore quindi che ne dite?

2 modelli Stylish bianchi ed un motore da 40 compresa installazione qui vicino mi verrebbe a costare sui 2500 euro, insomma vado, procedo?:D :D :D

Altra cosa urgente: per questa storia della defiscalizazione, in soldoni mi conviene o no? Saranno a pompa di calore i condizionatori ed a casa ho il sistema di riscaldamento autonomo, che faccio?

Grazie

Jedi82
04-07-2008, 11:00
Grazie per le dirtte e ti chiedo, per vuoto come si deve cosa intendi e come posso constatare che questo sia stato effettivamente fatto come si deve?

piccolo up per questa mia domanda, nn ho trovato risposta o almeno credo..

+Benito+
04-07-2008, 11:04
ragazzi allora che bello, credo il mio ultimo aggiornamento:

sono a quota 5 rivenditori chiamati qui a Roma per un preventivo di costo per la soluzione pensata per la mia casa ( due unita' interne in dual split marca Daikin) e nulla, si conferma la media di 2400 € a rivenditore quindi che ne dite?

2 modelli Stylish bianchi ed un motore da 40 compresa installazione qui vicino mi verrebbe a costare sui 2500 euro, insomma vado, procedo?:D :D :D

Altra cosa urgente: per questa storia della defiscalizazione, in soldoni mi conviene o no? Saranno a pompa di calore i condizionatori ed a casa ho il sistema di riscaldamento autonomo, che faccio?

Grazie

Devi contattare un professionista che ti faccia un preventivo per fare l'aqe e le pratiche per l'accesso ai preventivi.
Prima mi sono dimenticato di dire che ho letto che si vuol mettere degli ururu sarara. Questi modelli hanno anche la necessità di un foro (mi pare 8 cm di diametro) perchè effettuano anche un rinnovo d'aria. Questo va bene per il confort, ma aumenta un po' i consumi. C'è di buono che d'inverno se non c'è troppo freddo (qualche grado) permettono di umidificare leggermente che male non fa.

Jedi82
04-07-2008, 11:11
ehm no no Benito, nel mio caso ho pensato a degli Stylish, gli Ururu in dual nn si posson mettere credo e comunque non ho in mente quelli per la mia soluzione.

Ok ma questa stima da parte del professionista puo' esser fatta quando voglio dopo i lavori o prima di montare tutto? Quanto costera'? E' una rottura sinceramente?

+Benito+
04-07-2008, 11:32
ehm no no Benito, nel mio caso ho pensato a degli Stylish, gli Ururu in dual nn si posson mettere credo e comunque non ho in mente quelli per la mia soluzione.

Ok ma questa stima da parte del professionista puo' esser fatta quando voglio dopo i lavori o prima di montare tutto? Quanto costera'? E' una rottura sinceramente?

Diciamo che prima lo senti meglio è perchè deve verificare che l'impianto che vuoi fare può accedere agli incentivi (non è detto). Poi devi pagare con un modo ben preciso, ci sono insomma delle condizioni sotto cui sottostare.
Il discorso è semplice: se l'impianto costa 2500€ e il professionista 500, con la detrazione spendi meno di 1500€ ;)

major1977
04-07-2008, 11:36
scusate ragazzi avrei intenzione di prendere un clima portatile dato che sono in affitto..sarei propenso di spendere sulle 700 euro e vorrei sapere da voi quale modello puntare..

p.s.

il bocchettone ci va sempre vero?..se nn volessi bucare muri o vetri l'unica sarebbe quella di lasciare la tapparella aperta di quel tanto che basta?

grazie!

Bassmo
04-07-2008, 11:46
ehm no no Benito, nel mio caso ho pensato a degli Stylish, gli Ururu in dual nn si posson mettere credo e comunque non ho in mente quelli per la mia soluzione.

Ok ma questa stima da parte del professionista puo' esser fatta quando voglio dopo i lavori o prima di montare tutto? Quanto costera'? E' una rottura sinceramente?

Se fai mettere dei serie G invece degli stylish risparmi qualche centinaio di euro ( a occhio 200/300 euro).
Sono tecnicamente identici, cambia solo il design, e sinceramente chissenefrega del design, sempre un condizionatore è...

Serie G:
http://img353.imageshack.us/img353/2770/ftxsgeq0.jpg

Stylish:
http://img353.imageshack.us/img353/30/stylishbm6.jpg

Jedi82
05-07-2008, 11:56
Esatto la scelta ricadra' su questi due modelli....devo vederli per bene in negozio e decidere anche se gli stylish son eleganti parecchio:D :D

m11
05-07-2008, 17:10
Originariamente inviato da m11

Salve a tutti gli esperti volevo una spiegazione per costatare se e' normale oppure no.
Ho una stanza salone e cucina da 40mq. con un condizionatore della mitsubishi electric non inverter da 12btu modello msc-ca35vb e una camera da letto da 20mq con uno della stessa marca non inverter da 9btu modello msc-ga25vb.
Penso che li conoscete i modelli hanno due led di cui quello a destra si spegne quando il condizionatore ha raggiunto la temperatura impostata.Il punto e' questo quando imposto la temperatura ad esempio a 27° in modo da avere uno sbalzo con l'esterno non inferirore a 4-5° il condizionatore raggiunge la temperatura e il led si spegne.Ma invece se volessi ragguingere ad esempio la temperatura (forse sto per dire una assurdita')di 22-24° il led non si spegne mai cioe' ho come l'impressione che il condizionatore non riesce a raggiungere tale temperatura.
questo equivale per tutti e due i modelli che ho;

quello che mi domando e' normale ?
cioe' non riesce a raggiungere temperature troppo basse perche fuori fa troppo caldo?(31-32°)

mi aiutate a togliermi questo dubbio

saluti m11

Quote:
Originariamente inviato da limpid-sky
Salve, sono un profano ma credo che può dipendere solamente da 2 cose.
La tua stanza non è perfettamente isolata dall'esterno, prova ad abbassare le tapparelle anche se la discriminante sono gli infissi e l'isolamento generale della casa.
oppure il condizionatore non ce la fa anche se obiettivamente 22 gradi sono veramente pochi e difficili da mantenere costanti.




il fatto del condizionatore che non ce la fa non penso perche in camera da letto che e' 20mq con quello da 9000 btu fa lo stesso.... mi date qualche altra dritta...............:help: :help: :help:

m11


ma nessuno mi da retta vi prego!:help: :rolleyes: :muro: :read:

bagoa
05-07-2008, 17:40
io ho un mitsubishi electric solo freddo da 18000 btu. e se lo imposto a 22/23°praticamente la spia di destra non si spegne mai, modello ms-a18wv

m11
05-07-2008, 18:48
:mbe:
che vuol dire questo? che e' normale .....:rolleyes:


m11

bagoa
05-07-2008, 19:15
:mbe:
che vuol dire questo? che e' normale .....:rolleyes:


m11penso di si, se ci sono 32° o + gradi esternamente, non penso proprio che ci siano macchine in grado di mantenere una temperatura interna sotto i 20/22° almeno credo.

+Benito+
05-07-2008, 19:29
penso di si, se ci sono 32° o + gradi esternamente, non penso proprio che ci siano macchine in grado di mantenere una temperatura interna sotto i 20/22° almeno credo.

tutto dipende da quanta potenza serve per amntenere quella temperatura. In una casa moderna con 12.000 btu in una stanza da letto 22°C li tieni tranquillamente, in una casa vecchia con i vetri semplici senza tende 26°C fai fatica.

major1977
06-07-2008, 16:50
ma rispondete solo a clima fissi o anche sui portatili? :stordita:

m11
06-07-2008, 18:50
tutto dipende da quanta potenza serve per amntenere quella temperatura. In una casa moderna con 12.000 btu in una stanza da letto 22°C li tieni tranquillamente, in una casa vecchia con i vetri semplici senza tende 26°C fai fatica.

quindi da quanto ho capito dovrei arrivare ad una temperatura fino a quando si spegne il led.....sto provando in questi giorni e per il mio ambiente da 38 mq con 12000 btu riesco as arrivare a 25° anche per la camera da letto da 20mq con 9000 btu.....
da premetter che e' una costruzione di 5 anni fa....

che ne dite vado bene:)

m11

+Benito+
06-07-2008, 18:51
ma rispondete solo a clima fissi o anche sui portatili? :stordita:

ma mi sembra che è già stato detto abbastanza tutto sia sull'uno che sull'altro!

m11
06-07-2008, 18:55
ma mi sembra che è già stato detto abbastanza tutto sia sull'uno che sull'altro!

scusa della mia insistenza volevo sapere solo se vado bene cosi' o se e' normale...

grazie m11

+Benito+
06-07-2008, 20:59
scusa della mia insistenza volevo sapere solo se vado bene cosi' o se e' normale...

grazie m11


E' molto difficile dare una risposta certa alla tua domanda...per quanto possibile una risposta è stata data. Considera che una parte del mio mestiere è calcolare i carichi degli ambienti e per qualche centinaio di locali il pc va avanti anche un'ora a ragionare. Non è una cosetta banale.

Framol
06-07-2008, 21:35
tutto dipende da quanta potenza serve per amntenere quella temperatura. In una casa moderna con 12.000 btu in una stanza da letto 22°C li tieni tranquillamente, in una casa vecchia con i vetri semplici senza tende 26°C fai fatica.

E il tempo per raffreddare l'ambienta raddoppia,vero,in quanto non si riesce a eliminare sufficientemente l'umidità?

Jedi82
07-07-2008, 14:31
Ragazzi comprati!!!!!!!!!!!!!!!

Motore da 40, 2 unità interne Daikin Stylish, montaggio con iva --> 2600 €, insomma che ne dite?

Venerdi il montaggio, consigli su come comportarmi?

Pe rla defiscalizzazione, mi hanno dato il modulo per il 36%, e a quanto sembra nn devo far fare nulla a nessun tecnico, me lo confermate?

yuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

W4rfoX
07-07-2008, 15:01
Ragazzi comprati!!!!!!!!!!!!!!!

Motore da 40, 2 unità interne Daikin Stylish, montaggio con iva --> 2600 €, insomma che ne dite?

Venerdi il montaggio, consigli su come comportarmi?

Pe rla defiscalizzazione, mi hanno dato il modulo per il 36%, e a quanto sembra nn devo far fare nulla a nessun tecnico, me lo confermate?

yuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

36? Io sapevo 55% per modelli inverter.. O_o...

+Benito+
07-07-2008, 15:04
E il tempo per raffreddare l'ambienta raddoppia,vero,in quanto non si riesce a eliminare sufficientemente l'umidità?

l'eliminazione del latente (umidità) è legato alla temperatura della batteria. La quota di latente normalmente necessaria per condizionare l'ambiente è assai più bassa rispetto alla quota di sensibile. Per dare un'idea, per portare un normale ambiente da 33° con il 50% di umidità a 26°C con il 50% di umidità possono servire 1500W, di cui 1300W per raffreddamento sensibile e 200W per condensare.
Per cui, no.

AlexB
07-07-2008, 15:40
Ragazzi comprati!!!!!!!!!!!!!!!

Motore da 40, 2 unità interne Daikin Stylish, montaggio con iva --> 2600 €, insomma che ne dite?

Venerdi il montaggio, consigli su come comportarmi?

Pe rla defiscalizzazione, mi hanno dato il modulo per il 36%, e a quanto sembra nn devo far fare nulla a nessun tecnico, me lo confermate?

yuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

io ho il tuo stesso motore esterno, da 40, 2 split, un 12 ed un 9000 btu...vanno benissimo, appartamento di circa 65-70 mq...pagati nella primavera del 2006 2250€ montaggio ed iva inclusi, a Milano.

Ottimo prodotto, imho, noi almeno ci troviamo splendidamente.

Ale

ddregs
08-07-2008, 13:23
Ciao a tutti, vista la competenza dimostrata in quest'articolo, vi scrivo anch'io per chiedervi qualche info:
Vorrei installare un'unità Daikin con 3 split. In sede di costruzione della casa avevo già fatto predisporre tutto l'impianto per attaccare esternamente il motore e internamente i 3 split, non ho quindi bisogno di far tracce nei muri e tirare tubi e cavi, c'è già tutto.
Premesso questo, mi stavo orientando su di un modello con pompa di calore , il 3MXS52E , e 3 split, 1 per il salotto - Stylish FTXG25E e 2 per le camere FTXS20G. Ho visto che il tutto , su internet, si trova intorno ai 2600-2700 euro circa.
1) E' secondo voi un prezzo buono , o si può trovare di meglio (e dove nel caso, visto che sono in provincia di Milano?).
2) Quanto debbo attendermi come costi di installazione e montaggio, visto che si tratta solo di posizionamento ed allacciamento delle unità, senza dovermi aspettare dei furti?
Grazie a tutti per l'attenzione, ciao :)

AlexB
08-07-2008, 13:46
Ciao a tutti, vista la competenza dimostrata in quest'articolo, vi scrivo anch'io per chiedervi qualche info:
Vorrei installare un'unità Daikin con 3 split. In sede di costruzione della casa avevo già fatto predisporre tutto l'impianto per attaccare esternamente il motore e internamente i 3 split, non ho quindi bisogno di far tracce nei muri e tirare tubi e cavi, c'è già tutto.
Premesso questo, mi stavo orientando su di un modello con pompa di calore , il 3MXS52E , e 3 split, 1 per il salotto - Stylish FTXG25E e 2 per le camere FTXS20G. Ho visto che il tutto , su internet, si trova intorno ai 2600-2700 euro circa.
1) E' secondo voi un prezzo buono , o si può trovare di meglio (e dove nel caso, visto che sono in provincia di Milano?).
2) Quanto debbo attendermi come costi di installazione e montaggio, visto che si tratta solo di posizionamento ed allacciamento delle unità, senza dovermi aspettare dei furti?
Grazie a tutti per l'attenzione, ciao :)

Sperando ti possa essere utile, hai PVT.

Jedi82
08-07-2008, 20:19
36? Io sapevo 55% per modelli inverter.. O_o...

gli ho detto cosi anche io alla tipa del negozio ma mi ha detto che il 55 vien applicato solo a chi decide di rimuovere la caldaia e quindi rimanere in inverno con i soli condizionatori...bah...a me sembra assurdo, voi che ne dite?
Ma soprattutto chi di voi mi conferma che basta solo compilare il modulo e consegnarlo in negozio senza obbligo di certificato del tecnico esperto?

io ho il tuo stesso motore esterno, da 40, 2 split, un 12 ed un 9000 btu...vanno benissimo, appartamento di circa 65-70 mq...pagati nella primavera del 2006 2250€ montaggio ed iva inclusi, a Milano.

Ottimo prodotto, imho, noi almeno ci troviamo splendidamente.

Ale

:D :D :D :D e vaiiiiiiiiiiii, ottimo ottimo e grazie per la tua esperienza, io vi faro' sapere appena montati come andranno!!!

+Benito+
08-07-2008, 20:58
gli ho detto cosi anche io alla tipa del negozio ma mi ha detto che il 55 vien applicato solo a chi decide di rimuovere la caldaia e quindi rimanere in inverno con i soli condizionatori...bah...a me sembra assurdo, voi che ne dite?
Ma soprattutto chi di voi mi conferma che basta solo compilare il modulo e consegnarlo in negozio senza obbligo di certificato del tecnico esperto?



:D :D :D :D e vaiiiiiiiiiiii, ottimo ottimo e grazie per la tua esperienza, io vi faro' sapere appena montati come andranno!!!

Non me ne occupo direttamente quindi posso essere impreciso ma sulla seconda domanda ti rispondo con sicurezza NO, perchè dall'ottobre 2005 per avere accesso a qualsiasi tipo di contributo serve avere l'attestato di certificazione energetica (ACE) o in mancanza della normativa regionale l'attestato di qualificazione energetica (AQE). Questo lo può fare solo un tecnico qualificato, richiede tempo e impegno e conoscenze che la gente non del mestiere non ha.
Per cui i passaggi sono:

-penso a cosa voglio fare
-contatto un tecnico e gli spiego cosa voglio fare
-il tecnico mi dice se posso avere accesso agli incentivi
-compro la roba
-pago il tecnico che mi fa l'aqe/ace e la richiesta dell'incentivo
-ottengo il rimborso irpef del 55% relativo a costi e spese tecniche documentate.

Non so sul primo punto com'è la situazione. Attualmente il panorama normativo riguarda il riscaldamento invernale e non il raffrescamento estivo (ahimè sarebbe ora che uscissero sti benedetti decreti che considerassero anche il raffrescamento che sta diventando energeticamente simile al riscaldamento anche in italia), quindi che l'incentivo sia limitato ai casi in cui la pompa di calore venga usata per riscaldare non mi sembrerebbe strano.
Detto questo, non credo che sia così, ma come dicevo, posso sbagliarmi. Di certo non è un negoziante che può rispondere a questa domanda, ma un tecnico qualificato. Per contattarne uno, o cerchi sulle pagine gialle uno studio di termotecnica, oppure puoi provare a sentire uno di quelli accreditati presso il Cened, sul sito www.cened.it, organismo di accreditamento per la regione lombardia (ma gli accreditati possono lavorare anche fuori sede se vogliono).
Non perdere tempo a leggere le cose che trovi sul sito del cened perchè è una bolgia al limite della legalità che ha fatto incazzare tutti quelli che lavorano nel settore.

Jedi82
08-07-2008, 21:30
Benito io ti ringrazio infinitamente avendomi risposto in modo preciso ed esaustivo, grazie davvero!!

Ma essendo del tutto a secco in materia e non volendo impelagarmi troppo in questa situazione a questo punto che ne dici, e se lasciassi perdere questa storia della defiscalizzazione che in fondo è poca cosa?

La tipa mi ha raccomandato di consegnare il modulo prima dei lavori quindi avrei tempo fino a giovedi sera ma nn ho ben capito se, decidessi di non consegnarlo, a cosa "andrei in contro" insomma...

Bassmo
08-07-2008, 22:15
Ragazzi comprati!!!!!!!!!!!!!!!

Motore da 40, 2 unità interne Daikin Stylish, montaggio con iva --> 2600 €, insomma che ne dite?

Venerdi il montaggio, consigli su come comportarmi?

Pe rla defiscalizzazione, mi hanno dato il modulo per il 36%, e a quanto sembra nn devo far fare nulla a nessun tecnico, me lo confermate?

yuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

io avrei preso almeno l'unità da 50 (ma io sono un pinguino :p ) però posso assicurarti che i daikin sono macchine eccellenti :D
ottimo acquisto

Bassmo
08-07-2008, 22:19
Ciao a tutti, vista la competenza dimostrata in quest'articolo, vi scrivo anch'io per chiedervi qualche info:
Vorrei installare un'unità Daikin con 3 split. In sede di costruzione della casa avevo già fatto predisporre tutto l'impianto per attaccare esternamente il motore e internamente i 3 split, non ho quindi bisogno di far tracce nei muri e tirare tubi e cavi, c'è già tutto.
Premesso questo, mi stavo orientando su di un modello con pompa di calore , il 3MXS52E , e 3 split, 1 per il salotto - Stylish FTXG25E e 2 per le camere FTXS20G. Ho visto che il tutto , su internet, si trova intorno ai 2600-2700 euro circa.
1) E' secondo voi un prezzo buono , o si può trovare di meglio (e dove nel caso, visto che sono in provincia di Milano?).
2) Quanto debbo attendermi come costi di installazione e montaggio, visto che si tratta solo di posizionamento ed allacciamento delle unità, senza dovermi aspettare dei furti?
Grazie a tutti per l'attenzione, ciao :)

2460 :D
velocissimi e affidabili, ho appena comprato da loro :)
http://www.climashopping.it/magento/catalog/product/view/id/196/s/3mxs52e-ftxs20g-ftxs20g-ftxs25g/category/27/

ddregs
08-07-2008, 22:54
Fantastico! Grazie bassmo! ora, hmmm.... Hai idea di quanto mi possano chiedere eventuali idraulici per l'allacciamento nel caso di acquisto online dei pezzi? ;)

Bassmo
08-07-2008, 23:51
Fantastico! Grazie bassmo! ora, hmmm.... Hai idea di quanto mi possano chiedere eventuali idraulici per l'allacciamento nel caso di acquisto online dei pezzi? ;)

mi sa che tu avevi linkato gli stylish...quelli sono serie g, sugli stylish hanno altre combinazioni e il prezzo ovviamente è un filo piu alto. Beh vabbè spulcia il sito, vedilo tu, di combinazioni ne hanno una marea :D

Purtroppo non te lo so dire cosa chiedono per l'allacciamento...dipende moltissimo dall'onestà dell'installatore. Come consiglio sempre, chiedi almeno a tre installatori diversi. qualcuno ladra delle gran cifre anche per fare il solo allaccio, ma sono convinto che a trovare una persona onesta ti dovrebbe far pagare il giusto...

*edv*
09-07-2008, 20:06
Nuovo del forum - La domanda è: se nei pressi del punto di installazione del condizionatore non vi sono prese elettriche, prima di chiamare l'installatore devo chiamare l'elettricista oppure possono operare gli stessi installatori? Inoltre e oppurtuno avere un interruttore I/O per staccare la corrente (qualche amico diceva che anche da spenti i condizionatori hanno un consumo anche se minimo) Grazie per le eventuali risposte! EDV

Swisström
09-07-2008, 20:14
Prima o poi convincerò i miei a far mettere sti stupidi condizionatori... non ha senso essere nel 2008 e stare a morir dal caldo (ovvero + di 30°C).

Per curiosità, quanto costerebbero dei condizionatori (senza l'installazione, che tanto nons arebbe indicativa visto che qui i prezzi sono più alti) in grado di coprire tutta la casa (due piani per un totale di circa 3-400m^2 mi pare)??

Condizione necessaria: che siano silenziosi!

ddregs
09-07-2008, 23:20
Intanto ieri ho ricevuto 2 preventivi; uno intorno ai 3000+IVA e l'altro intorno ai 4000 dove non si specifica nulla in merito ad IVA e si parla di un possibile "sconticino". Possibile ci sia cosi tanta differenza tra 2 installatori? Ne sto sentendo un terzo per dovere di cronaca.... :help:

GUSTAV]<
10-07-2008, 00:41
Prima o poi convincerò i miei a far mettere sti stupidi condizionatori... non ha senso essere nel 2008 e stare a morir dal caldo (ovvero + di 30°C).

Per curiosità, quanto costerebbero dei condizionatori (senza l'installazione, che tanto nons arebbe indicativa visto che qui i prezzi sono più alti) in grado di coprire tutta la casa (due piani per un totale di circa 3-400m^2 mi pare)??

Condizione necessaria: che siano silenziosi!
x 400 mq ti serve una fornitira di elettricità di oltre 5kW.. :asd:

Bassmo
10-07-2008, 01:17
Nuovo del forum - La domanda è: se nei pressi del punto di installazione del condizionatore non vi sono prese elettriche, prima di chiamare l'installatore devo chiamare l'elettricista oppure possono operare gli stessi installatori? Inoltre e oppurtuno avere un interruttore I/O per staccare la corrente (qualche amico diceva che anche da spenti i condizionatori hanno un consumo anche se minimo) Grazie per le eventuali risposte! EDV

Dipende dall'installatore...secondo me fanno tutto loro tranquillamente! Tu chiamali per il preventivo, se hanno bisogno di un elettricista te lo diranno loro...anche se la parte elettrica è quella più banale, percui sicuramente non sarà un problema .

L'interrutore fallo mettere, il condizionatore anche spento un 15w circa li assorbe, visto che per un buon 9 mesi all'anno è del tutto inutile lasciarlo attaccato è tutta energia sprecata.

Bassmo
10-07-2008, 01:18
Intanto ieri ho ricevuto 2 preventivi; uno intorno ai 3000+IVA e l'altro intorno ai 4000 dove non si specifica nulla in merito ad IVA e si parla di un possibile "sconticino". Possibile ci sia cosi tanta differenza tra 2 installatori? Ne sto sentendo un terzo per dovere di cronaca.... :help:

Possibilissimo....ecco perchè dico sempre almeno tre preventivi a costo di essere ripetitivo! questa è la dimostrazione....

Bassmo
10-07-2008, 01:27
Prima o poi convincerò i miei a far mettere sti stupidi condizionatori... non ha senso essere nel 2008 e stare a morir dal caldo (ovvero + di 30°C).

Per curiosità, quanto costerebbero dei condizionatori (senza l'installazione, che tanto nons arebbe indicativa visto che qui i prezzi sono più alti) in grado di coprire tutta la casa (due piani per un totale di circa 3-400m^2 mi pare)??

Condizione necessaria: che siano silenziosi!

dipende da un sacco di cose....non è detto che tu debba per forza condizionare tutte le stanze di tutta la casa! Comunque ad esempio daikin ha unità in grado di gestire 9 split, che penso possano bastare nel tuo caso...

non copriranno tutto tutto ma le stanze principali sicuramente.

Fra unità esterna e 9 unità interne viene circa 8000 euro, ma l'installazione sospetto che richiederà diverse migliaia di euro anche quella, direi altrettanto...fai 16.000 in tutto, a occhio.

PS: consuma 5,5 Kw

Se poi non basta, raddoppi :asd: io credo che con una casa da 300 metri quadri metterei una centrale nucleare, per casa mia ho messo giù 30.000 BTU per 90 mq...ma io sono uno che a dicembre con 0° C esce di casa senza giacca spesso, percui fai tu due conti :asd:
Mio padre si era fatto installare il condizionatore in automobile nel 1975 importando l'accrocco dagli stati uniti dove già li installavano all'epoca...un vizio di famiglia insomma :stordita:

khamo
10-07-2008, 17:37
buongiorno a tutti,
vorrei un consiglio: per i Samsung serie Style AQV09NS mi hanno chiesto 700 euro installazione compresa, è un buon prezzo?
Vi ringrazio

Bassmo
10-07-2008, 18:25
buongiorno a tutti,
vorrei un consiglio: per i Samsung serie Style AQV09NS mi hanno chiesto 700 euro installazione compresa, è un buon prezzo?
Vi ringrazio

Direi di si, mi pare un ottimo prezzo...immagino che sia un installazione spalla a spalla molto semplice ma è comunque un ottimo prezzo :p

khamo
10-07-2008, 18:51
Direi di si, mi pare un ottimo prezzo...immagino che sia un installazione spalla a spalla molto semplice ma è comunque un ottimo prezzo :p

si, è una installazione spalla-a-spalla
ti ringrazio

Jedi82
10-07-2008, 19:17
altre news: ho appena consegnato al negozio la documentazione per la defiscalizzazione al 36%, son andato alla posta per inviare la busta e tutto qui, non è risultata una cosa difficile, speriamo bene...

E domani mi vengon a montare i condi!!!!!!!!!!!!!! Consigli su come mi devo comportare e cosa devo controllare per bene del loro operato?

Framol
10-07-2008, 22:01
E' vero che più è lontano il climatizzatore dall'unità esterna(e quindi più giro di tubi),peggiore è la resa totale?

IcEMaN666
10-07-2008, 22:05
ragazzi ho bisogno di un consulto..
allora la mia camera è dal lato opposto alla parete esterna nella quale posso montare l'unità esterna (i miei genitori non vogliono piazzare l'unità nella parete frontale della nostra casa).
per installare un condizionatore dovrei mettere l'unità interna in camera mia e far passare i tubi nel controsoffitto fino a giungere nel balcone dove ci sarà l'unità esterna.
ora per corrente e gas no problem...ma per quanto riguarda la condensa come si fa? mio padre dice che non è possibile perchè lo scarico deve avere la pendenza...ma non c'è un sistema automatico per espellere l'acqua anche se il percorso che deve fare il tubo è in salita (come nel mio caso)?

scusate se la ripropongo...ma qualcuno che ne sa di più può illuminarmi? grazie:)

Bassmo
10-07-2008, 22:18
altre news: ho appena consegnato al negozio la documentazione per la defiscalizzazione al 36%, son andato alla posta per inviare la busta e tutto qui, non è risultata una cosa difficile, speriamo bene...

E domani mi vengon a montare i condi!!!!!!!!!!!!!! Consigli su come mi devo comportare e cosa devo controllare per bene del loro operato?

Controlla che facciano il vuoto con la pompa del vuoto come si deve...tanti installatori approssimativi non lo fanno.

Bassmo
10-07-2008, 22:24
E' vero che più è lontano il climatizzatore dall'unità esterna(e quindi più giro di tubi),peggiore è la resa totale?

no, non in modo significativo, entro una soglia ragionevole. Se guardi il libretto del condizionatore in genere c'è:

-la distanza massima fra unità interna ed esterna (es. 20 metri)
-la distanza massima oltre la quale il gas refrigerante precaricato nell'unità esterna non è più sufficiente e si rende necessario un rabbocco (es. 10 metri)

Il che significa che entro 10 metri non c'è nessun problema, fai una normale installazione; fra i 10 ed i 20 metri puoi ancora installare ma devi far aggiungere del gas per non perdere pesantemente efficienza; oltre i 20 metri non dovresti andare pena una significativa perdita di efficienza (quindi resa minore, consumi piu alti, ecc ma 20 metri sono anche una bella distanza, andare oltre è raro)

Bassmo
10-07-2008, 22:29
scusate se la ripropongo...ma qualcuno che ne sa di più può illuminarmi? grazie:)

Qualche pompetta esiste, però sono un po' carucce, comunque un pochino di rumore lo fanno, magari dopo qualche anno si guastano, ecc
Come dire, se non se ne può fare a meno van bene, ma se se ne può fare a meno...
La condensa non è detto che tu la debba far andare per forza con gli altri tubi! Puoi far salire i tubi lungo il controsoffitto e la condensa mandarla dall'altra parte verso la facciata, o sul retro, su un balcone, dove vuoi. In genere una soluzione c'è, pensa bene :)

un esempio di pompetta: http://www.ingrossoclima.it/prid_AC420425.html

IcEMaN666
10-07-2008, 22:50
grazie per la risposta :)
bè sinceramente 21db non credo sia udibile da 1 metro di distanza, figuriamoci in una canalina :D
se da problemi dopo 4-5 anni fa niente, la compro volentieri pur di montare sti maledetti condizionatori e dormire finalmente in condizioni civili.:)
ti ringrazio per il consulto, ora vediamo se riesco a convincere papà a fare il multisplit e coprire anche la sua camera da letto o fare un impianto solo per la camera mia ;)

Framol
10-07-2008, 23:05
no, non in modo significativo, entro una soglia ragionevole. Se guardi il libretto del condizionatore in genere c'è:

-la distanza massima fra unità interna ed esterna (es. 20 metri)
-la distanza massima oltre la quale il gas refrigerante precaricato nell'unità esterna non è più sufficiente e si rende necessario un rabbocco (es. 10 metri)

Il che significa che entro 10 metri non c'è nessun problema, fai una normale installazione; fra i 10 ed i 20 metri puoi ancora installare ma devi far aggiungere del gas per non perdere pesantemente efficienza; oltre i 20 metri non dovresti andare pena una significativa perdita di efficienza (quindi resa minore, consumi piu alti, ecc ma 20 metri sono anche una bella distanza, andare oltre è raro)

Quindi tra i 10 e 20 metri,richiede una carica maggiore?

Bassmo
10-07-2008, 23:10
Quindi tra i 10 e 20 metri,richiede una carica maggiore?

esatto.
le misure sono un esempio, per le misure vere devi guardare le specifiche del tuo modello di condizionatore. Ho detto 10 e 20 perchè l'ultimo che ho comprato, un daikin 12.000 btu inverter monosplit, riportava questi dati. Magari un altra marca o un altro modello sono 8 e 16, o 15 e 30...bisogna guardare.

In genere i multisplit accettano lunghezze di tubi maggiori, perchè dato che sono fatti per avere una unità esterna e più interne, si presuppone che qualche unità interna sia per forza più lontana di altre :O

+Benito+
11-07-2008, 14:43
Prima o poi convincerò i miei a far mettere sti stupidi condizionatori... non ha senso essere nel 2008 e stare a morir dal caldo (ovvero + di 30°C).

Per curiosità, quanto costerebbero dei condizionatori (senza l'installazione, che tanto nons arebbe indicativa visto che qui i prezzi sono più alti) in grado di coprire tutta la casa (due piani per un totale di circa 3-400m^2 mi pare)??

Condizione necessaria: che siano silenziosi!


se inizi ad avere 6-7 stanze da climatizzare, lascia perdere gli split, prendi un frigorifero, togli i radiatori, riutilizzi nel limite del possibile i tubi (DEVONO essere coibentati!) monti dei fancoil e ci fai caldo e freddo. Un impianto vrf (i multisplit banali arrivano al massimo generalmente a 4 unità interne, oltre l'impianto è meno banale e costa un casino di dindi) non te lo consiglio, meglio un frigo con un serbatoio di accumulo da 300-500 litri (diffida dai venditori di frigo che dicono che non serve l'accumulo, negli impianti piccoli i tubi contengono troppa poca acqua e anche i frigo inverter fanno fatica).

+Benito+
11-07-2008, 14:47
scusate se la ripropongo...ma qualcuno che ne sa di più può illuminarmi? grazie:)

normalmente i modelli tipo high wall (tipo split per intenderci) non hanno mai la pompetta integrata, e nemmeno come optional, almeno tra quelli che conosco. Ce l'hanno spesso quelli a cassette da controsoffitto, ma anche questi posso avere problemi perchè la pompetta deve essere comandata da dei livellostati, che facilmente in assenza di manutenzione e pulisia non funzionano. Ugualmente hanno una prevalenza ridicola (mezzo metro per intenderci) quindi è certamente meglio andare via in pendenza, cercando di andare in traccia o a pavimento e convogliare in uno scarico o in un pluviale.

networking
12-07-2008, 01:18
ciao, dovrei acquistare dei condizionatori per una casa di circa 80mq 4 stanze ,tutte non è possibile condizionarle ( soldi ) togliendo la cucina con annessa veranda , rimangono tre stanze ,un negozio mi aveva proposto per spendere meno due unità dà 12000 btu dà mettere in due stanze situate opposte, mà non mi convincono 2 cose 1) per le 2 unità ( cinesi ) più l'installazione ci vogliono 1000 euro 2) oltre alla cifra grossa le stanze climatizzate sarebbero due dovendo sceglierne una da lasciare senza, mi sono buttato sù internet è hò scoperto che esistono anche sè ormai stanno scomparendo delle macchine solo freddo che costano molto poco ( hò il riscaldamento autonomo ) un multisplit con tre macchine dà 9000 di marca costa veramente poco cosa ne pensate ? in un grande centro della mia citta inoltre hò visto addirittura un daikin inverter dà 9000 a 400 euro :eek: c'è qualche controindicazione ? grazie

*edv*
13-07-2008, 20:23
12000 BTU - Meglio un ottimo on/off oppure un inverter economico (Es. LGS12AM S41G) Inoltre quale on/off per qualità/prezzo, silenziosità e soprattutto bassi consumi?

spidermann
13-07-2008, 21:38
12000 BTU - Meglio un ottimo on/off oppure un inverter economico (Es. LGS12AM S41G) Inoltre quale on/off per qualità/prezzo, silenziosità e soprattutto bassi consumi?

on/off panasonic!

+Benito+
13-07-2008, 22:21
12000 BTU - Meglio un ottimo on/off oppure un inverter economico (Es. LGS12AM S41G) Inoltre quale on/off per qualità/prezzo, silenziosità e soprattutto bassi consumi?

Devi valutare in base a quanto tempo lo userai: un on/off va bene se lo usi poco, un inverte se lo usi molto. Un inverter garantisce anche un confort migliore ed una temperatura più stabile e con meno oscillazioni.

Furlo
14-07-2008, 13:58
Salve a tutti, vorrei chiedere a chi ne sa più di me quanto siano buoni i condizionatori Tata fujitsu Multi inverter.

Devo climatizzare una casa abbastanza grande già attrezzata per gli allacciamenti condizionatore in 3 diversi punti
Per evitare sovraffollamenti nel terrazzo mi hanno proposto l'unità esterna MULTI 3 modello AOY24LM2 a cui allacciare 2 split ASY12LMA e uno split (che alimenta una sola camera di circa 10 mq) ASY7LMA

a seguito i dati tecnici:
http://www.tatamolinella.it/siti/sito_tatamolinella/upload/documenti/51239_multi_inverter.pdf

il catalogo che posto con relativo sito di negozio è semplicemente l'unico catalogo che ho trovato attraverso google se ci sono problemi gli admin possono eliminare il collegamento

Bassmo
14-07-2008, 19:21
Salve a tutti, vorrei chiedere a chi ne sa più di me quanto siano buoni i condizionatori Tata fujitsu Multi inverter.

Devo climatizzare una casa abbastanza grande già attrezzata per gli allacciamenti condizionatore in 3 diversi punti
Per evitare sovraffollamenti nel terrazzo mi hanno proposto l'unità esterna MULTI 3 modello AOY24LM2 a cui allacciare 2 split ASY12LMA e uno split (che alimenta una sola camera di circa 10 mq) ASY7LMA

a seguito i dati tecnici:
http://www.tatamolinella.it/siti/sito_tatamolinella/upload/documenti/51239_multi_inverter.pdf

il catalogo che posto con relativo sito di negozio è semplicemente l'unico catalogo che ho trovato attraverso google se ci sono problemi gli admin possono eliminare il collegamento

Io sinceramente non ho mai visto condizionatori di quella marca, non li conosco...i dati tecnici riportati sul catalogo però sembrano molto buoni. Tutto sta a cosa te li fanno pagare...è chiaro che se costano come quelli delle marche piu note allora non vale la pena. Se invece c'è un risparmio consistente magari val la pena provare :)
sulla carta sono buoni :O

PS: mi pare di capire che alla fine sono prodotti Fujitsu, quella della fujitsu-siemens...quindi non sono proprio di marca sconosciuta, non sarà un gran nome nel campo della climatizzazione ma è una grossa società.
Cosa ti fanno pagare questa soluzione? (se riesci a separare il costo degli apparecchi da quello dell'installazione è meglio)

Framol
14-07-2008, 21:55
http://www.daikin.it/pageProductCasa?section=prodotti&tipo=residenziale&list=parete&prodnum=1&prod=prodotto.2006-07-13.3744&tit=Ururu%20Sarara&app=mono


Cosa serve la funzione umidificazione?

Capisco la deumidificazione,ma ........

+Benito+
14-07-2008, 22:04
http://www.daikin.it/pageProductCasa?section=prodotti&tipo=residenziale&list=parete&prodnum=1&prod=prodotto.2006-07-13.3744&tit=Ururu%20Sarara&app=mono


Cosa serve la funzione umidificazione?

Capisco la deumidificazione,ma ........

In inverno, riscaldando l'aria senza umidificarla, si arriva a temperature di confort (20/22°C) ma con livelli di umidita dell'rdine del 20-25%, che sono la principale causa dei problemi alle vie respiratorie. Ogni metro cubo di aria che viene scaldato da 0° con il 70% di umidità (condizione abbastanza usuale in inverno) a 20°C richiede circa 5 grammi di acqua per portaresi in condizioni di 50% di u.r. che sono quelle migliori dal punto di vista del confort e delle condizioni igienico/sanitarie. Negli impianti di condizionamento più complessi si umidifica a vapore (l'acqua è vettore di contaminazioni batteriche), mentre nel residenziale di inizia a pensare all'umidificazione. Daikin usa la zeolite, materiale igroscopico, per trasportare umidità dall'aria espulsa all'aria immessa. I recuperatori di varie marche usano invece carta trattata per permettere ai flussi incrociati di scambiarsi umidità oltre che temperatura.

WhiteHawk
16-07-2008, 18:01
se inizi ad avere 6-7 stanze da climatizzare, lascia perdere gli split, prendi un frigorifero, togli i radiatori, riutilizzi nel limite del possibile i tubi (DEVONO essere coibentati!) monti dei fancoil e ci fai caldo e freddo. Un impianto vrf (i multisplit banali arrivano al massimo generalmente a 4 unità interne, oltre l'impianto è meno banale e costa un casino di dindi) non te lo consiglio, meglio un frigo con un serbatoio di accumulo da 300-500 litri (diffida dai venditori di frigo che dicono che non serve l'accumulo, negli impianti piccoli i tubi contengono troppa poca acqua e anche i frigo inverter fanno fatica).

Ciao +Benito*
scusami, premettendo che sono nuovo, e che sto seguendo questo forum da diverse pagine a questa parte per farmi un'idea, ed evitare domande trite e ritrite, non ho ben capito cosa inendi per FRIGO..
Ho fatto una ricerca con il termine VRF ed ho capito che intendi, ma per FRIGO con serbatoio proprio non ho capito che intendi. Puo fari qualche esempio o darmi qualche marca modello in modo da potermela ricercare e istruirmi anceh da solo ?
ciao e grazie

Wales
16-07-2008, 18:56
Ciao +Benito*
scusami, premettendo che sono nuovo, e che sto seguendo questo forum da diverse pagine a questa parte per farmi un'idea, ed evitare domande trite e ritrite, non ho ben capito cosa inendi per FRIGO..
Ho fatto una ricerca con il termine VRF ed ho capito che intendi, ma per FRIGO con serbatoio proprio non ho capito che intendi. Puo fari qualche esempio o darmi qualche marca modello in modo da potermela ricercare e istruirmi anceh da solo ?
ciao e grazie

Mi intrometto nell'attesa che Benito confermi... Se vuoi info sulle macchine "frigo" dovresti cercare "chiller"...

http://www.google.it/search?hl=it&q=chiller&meta=lr%3Dlang_it

Io ne ho una in ufficio di marca Clivet...
In due parole, il presupposto del loro utilizzo è l'uso di fancoil (ventilconvettori) al posto dei tradizionali termosifoni per il caldo e degli split per il freddo...

L'impianto idraulico è "condiviso" con quello della caldaia... Pertanto:
- in inverno, con la caldaia accesa, circola acqua calda (circa 50°) nell'impianto e i fancoil fanno aria calda...
- in estate, col chiller in funzione, l'acqua dell'impianto viene refrigerata a circa 10° e automaticamente dai fancoil esce aria fredda...

La comodità è che - appunto - elimini la necessità di montare 2 o più macchine multisplit per fare il freddo e in ogni stanza hai solo un "bussolotto" (fancoil) invece di termosifone + split... Un solo bussolotto che ti permette di regolare al meglio la temperatura di ogni stanza singolarmente.

Un altro vantaggio dovrebbe essere il consumo di gas in inverno... I fancoil, per funzionare in riscaldamento, hanno bisogno di acqua a temperature relativamente basse (45/50° contro gli 80° dei termosifoni tradizionali) e si può sfruttare al meglio una caldaia a condensazione (almeno, così dicono... :D )...

L'unico dubbio che ho è relativo ai consumi elettrici del chiller... A vederlo incute paura perchè è un cassonetto bello grande con 2 grosse ventole di estrazione, ma in realtà non saprei come controllare... Spero consumi poco... :D
Il mio Clivet (del 2003) usa l'R407 per refrigerare l'acqua ed è un on/off... Ho visto che oggi li fanno anche inverter...

Ah. l'ultima cosa: non ho assolutamente idea di quanto possa venire a costare un sistema completo Chiller + n fancoil... :eek:
Fatti due conti e poi decidi!
Io ho trovato lo studio già "pronto" e devo dire che non è male come soluzione: soprattutto d'inverno l'aria (per via della temperatura bassa dell'acqua) è molto meno secca rispetto ai termosifoni tradizionali che - oltretutto - concentrano il calore in un punto preciso della stanza...

Certo, in una casa non predisposta potrebbe essere un problema l'installazione, dal momento che ogni fancoil necessita dell'impianto elettrico e di un suo condotto di uscita per la condensa estiva... Se non li si prevedono in partenza potrebbe essere un problema...


Ciao!


P.S: scusa l'eventuale confusione, ma ho scritto "a braccio" nel poco tempo a disposizione... :) Altro che "in due parole"... :D

WhiteHawk
16-07-2008, 19:28
Mi intrometto nell'attesa che Benito confermi... Se vuoi info sulle macchine "frigo" dovresti cercare "chiller"...

http://www.google.it/search?hl=it&q=chiller&meta=lr%3Dlang_it

Io ne ho una in ufficio di marca Clivet...
In due parole, il presupposto del loro utilizzo è l'uso di fancoil (ventilconvettori) al posto dei tradizionali termosifoni per il caldo e degli split per il freddo...

L'impianto idraulico è "condiviso" con quello della caldaia... Pertanto:
- in inverno, con la caldaia accesa, circola acqua calda (circa 50°) nell'impianto e i fancoil fanno aria calda...
- in estate, col chiller in funzione, l'acqua dell'impianto viene refrigerata a circa 10° e automaticamente dai fancoil esce aria fredda...

La comodità è che - appunto - elimini la necessità di montare 2 o più macchine multisplit per fare il freddo e in ogni stanza hai solo un "bussolotto" (fancoil) invece di termosifone + split... Un solo bussolotto che ti permette di regolare al meglio la temperatura di ogni stanza singolarmente.

Un altro vantaggio dovrebbe essere il consumo di gas in inverno... I fancoil, per funzionare in riscaldamento, hanno bisogno di acqua a temperature relativamente basse (45/50° contro gli 80° dei termosifoni tradizionali) e si può sfruttare al meglio una caldaia a condensazione (almeno, così dicono... :D )...

L'unico dubbio che ho è relativo ai consumi elettrici del chiller... A vederlo incute paura perchè è un cassonetto bello grande con 2 grosse ventole di estrazione, ma in realtà non saprei come controllare... Spero consumi poco... :D
Il mio Clivet (del 2003) usa l'R407 per refrigerare l'acqua ed è un on/off... Ho visto che oggi li fanno anche inverter...

Ah. l'ultima cosa: non ho assolutamente idea di quanto possa venire a costare un sistema completo Chiller + n fancoil... :eek:
Fatti due conti e poi decidi!
Io ho trovato lo studio già "pronto" e devo dire che non è male come soluzione: soprattutto d'inverno l'aria (per via della temperatura bassa dell'acqua) è molto meno secca rispetto ai termosifoni tradizionali che - oltretutto - concentrano il calore in un punto preciso della stanza...

Certo, in una casa non predisposta potrebbe essere un problema l'installazione, dal momento che ogni fancoil necessita dell'impianto elettrico e di un suo condotto di uscita per la condensa estiva... Se non li si prevedono in partenza potrebbe essere un problema...


Ciao!


P.S: scusa l'eventuale confusione, ma ho scritto "a braccio" nel poco tempo a disposizione... :) Altro che "in due parole"... :D

grazie mille
vado subito a vedere come funzionano..

cmq nel mio caso dovendo fare casa da zero l'idea era quella di fare una valutazione solo raffreddamento in quanto per il riscaldamento avrei altre idee rispetto alla tradizionale caldaia ecc..
ovviamente tutto dipednerà dalla convenienza economica di creare due impianti separati oltre che quelli di benessere in inverno ed estate.

Grazie ancora

Wales
16-07-2008, 20:13
grazie mille
vado subito a vedere come funzionano..

cmq nel mio caso dovendo fare casa da zero l'idea era quella di fare una valutazione solo raffreddamento in quanto per il riscaldamento avrei altre idee rispetto alla tradizionale caldaia ecc..
ovviamente tutto dipednerà dalla convenienza economica di creare due impianti separati oltre che quelli di benessere in inverno ed estate.

Grazie ancora

Ah, perfetto... Quindi puoi vagliare tutte le soluzioni possibili...

Buona ricerca e buona scelta! Poi, se hai voglia, riferisci il come e il perchè! Può sempre tornare utile! :)

Ciao!

+Benito+
16-07-2008, 21:24
grazie mille
vado subito a vedere come funzionano..

cmq nel mio caso dovendo fare casa da zero l'idea era quella di fare una valutazione solo raffreddamento in quanto per il riscaldamento avrei altre idee rispetto alla tradizionale caldaia ecc..
ovviamente tutto dipednerà dalla convenienza economica di creare due impianti separati oltre che quelli di benessere in inverno ed estate.

Grazie ancora

Ti hanno già illustrato bene il concetto. Non è altro che un frigorifero, esattamente come quello di casa, solo che invece di raffreddare l'aria interna al volume del frigorifero, c'è uno scambiatore che raffredda dell'acqua. E' esattamente la stessa cosa di uno split, solo che invece di avere il circuito del freon che va dal condensatore (l'unità esterna) all'evaporatore (l'unità interna) in giro per casa, è tutto nella stessa macchina e al posto dell'unità interna c'è uno scambiatore freon/acqua che raffredda l'acqua. Per evitare gli attacca/stacca è bene negli impianti con piccoli contenuti (fino a 4-5000 litri almeno) prevedere un serbatoio che aumenti il volume d'acqua permettendo di accumulare freddo.
Visto che questi impianti funzionano a bassa temperatura per deumidificare (normalmente si usa 7-12°C o 11-15°C in presenza di immissione di aria trattata e deumidificata) è necessario realizzare l'isolamento a regola d'arte se no condensano i tubi. Quindi vanno usate coppelle di polistirolo (semigusci preformati) o guaine elastomeriche a cellule chiuse che sono dei tubi di gomma, simili al neoprene, spessi almeno 12-15 mm (più sono spessi e meglio è) tagliati per il lungo che si "infilano" sul tubo.
I frigoriferi sono normalmente macchine fatte meglio degli split e arrivano a cop/eer più alti. Il consumo elettrico complessivo è paragonabile a causa della presenza della pompa di circolazione, ma in questo modo si ha un impianto unico che fa caldo e freddo. Volendo il frigorifero si mette in pompa di calore e con temperature esterne ragionevolmente miti (fino a 2-3 °C) è conveniente produrre acqua calda (a 40-45°C) con il frigorifero, e quindi fino a ottobre/novembre si è quasi sicuri di poter scaldare con il frigorifero. Abbinato ad un impianto fotovoltaico, permette un grosso risparmio rispetto ad un impianto tradizionale caldaia+split. Volendo andare sul sicuro, oppure se si vive in zone dove le temperature esterne scendono spesso sotto i 2-3°C d'inverno con alti tassi di umidità, si mette anche una caldaia (a condensazione) che entra in funzione quando il frigo deve sbrinare (in inverno per scaldare la batteria esterna deve andare a temperatura più bassa di quella dell'aria esterna, quindi a -5/-10°C e brina) per alcuni minuti (invertendo il ciclo) oppure si può chiudere il circuito del frigo e aprire quello della caldaia (normalmente queste cose nei piccoli impianti si fanno a mano con 4 valvole). E' bene stare attenti al fatto che l'acqua del circuito, se il frigo d'inverno è spento, può gelare nelle tratte esterne e nel frigo stesso, quindi si aggiunge del glicole in percentuale opportuna.
Con un impianto del genere ci puoi fare andare anche un impianto a pannelli a pavimento o a soffitto o a parete (solo in caldo, in freddo richiede una regolazione costosa per non fare casini), fancoil, travi fredde, praticamente tutto.

Il frigorifero può essere anche una pompa di calore acqua acqua con sonde geotermiche, acqua di pozzo o di falda...

limpid-sky
16-07-2008, 23:24
Ti hanno già illustrato bene il concetto. Non è altro che un frigorifero, esattamente come quello di casa, solo che invece di raffreddare l'aria interna al volume del frigorifero, c'è uno scambiatore che raffredda dell'acqua. E' esattamente la stessa cosa di uno split, solo che invece di avere il circuito del freon che va dal condensatore (l'unità esterna) all'evaporatore (l'unità interna) in giro per casa, è tutto nella stessa macchina e al posto dell'unità interna c'è uno scambiatore freon/acqua che raffredda l'acqua. Per evitare gli attacca/stacca è bene negli impianti con piccoli contenuti (fino a 4-5000 litri almeno) prevedere un serbatoio che aumenti il volume d'acqua permettendo di accumulare freddo.
Visto che questi impianti funzionano a bassa temperatura per deumidificare (normalmente si usa 7-12°C o 11-15°C in presenza di immissione di aria trattata e deumidificata) è necessario realizzare l'isolamento a regola d'arte se no condensano i tubi. Quindi vanno usate coppelle di polistirolo (semigusci preformati) o guaine elastomeriche a cellule chiuse che sono dei tubi di gomma, simili al neoprene, spessi almeno 12-15 mm (più sono spessi e meglio è) tagliati per il lungo che si "infilano" sul tubo.
I frigoriferi sono normalmente macchine fatte meglio degli split e arrivano a cop/eer più alti. Il consumo elettrico complessivo è paragonabile a causa della presenza della pompa di circolazione, ma in questo modo si ha un impianto unico che fa caldo e freddo. Volendo il frigorifero si mette in pompa di calore e con temperature esterne ragionevolmente miti (fino a 2-3 °C) è conveniente produrre acqua calda (a 40-45°C) con il frigorifero, e quindi fino a ottobre/novembre si è quasi sicuri di poter scaldare con il frigorifero. Abbinato ad un impianto fotovoltaico, permette un grosso risparmio rispetto ad un impianto tradizionale caldaia+split. Volendo andare sul sicuro, oppure se si vive in zone dove le temperature esterne scendono spesso sotto i 2-3°C d'inverno con alti tassi di umidità, si mette anche una caldaia (a condensazione) che entra in funzione quando il frigo deve sbrinare (in inverno per scaldare la batteria esterna deve andare a temperatura più bassa di quella dell'aria esterna, quindi a -5/-10°C e brina) per alcuni minuti (invertendo il ciclo) oppure si può chiudere il circuito del frigo e aprire quello della caldaia (normalmente queste cose nei piccoli impianti si fanno a mano con 4 valvole). E' bene stare attenti al fatto che l'acqua del circuito, se il frigo d'inverno è spento, può gelare nelle tratte esterne e nel frigo stesso, quindi si aggiunge del glicole in percentuale opportuna.
Con un impianto del genere ci puoi fare andare anche un impianto a pannelli a pavimento o a soffitto o a parete (solo in caldo, in freddo richiede una regolazione costosa per non fare casini), fancoil, travi fredde, praticamente tutto.

Il frigorifero può essere anche una pompa di calore acqua acqua con sonde geotermiche, acqua di pozzo o di falda...

che figata sta roba tecnica, ho divorato il post.

paracelso70
17-07-2008, 12:30
Salve a tutti vorrei approfittare della vostra competenza per un parere su un problema che ho con il condizionatore fisso del soggiorno un olimpia splendid inverter da 14.000 BTU. Ha funzionato tranquillamente per tre anni(solo in funzione freddo) ma da una settimana circa quando lo accendo la ventola dell'unita' esterna parte per poi fermarsi dopo pochi secondi senza piu' dare segni di vita mentre l'unita' interna funziona normalmente (tranne per il fatto che non raffredda logicamente). Ho chiamato un tecnico dell'olimpia splendid il quale mi ha detto che il test interno della macchina faceva riferimento ad un problema di alimentazione dovuto ad un guasto su una delle quattro schede elettroniche interne(sbalzi di tensione) e che lui non sapendo con precisione quale fosse le avrebbe cambiate una per volta partendo dalla piu' probabile fino a sistemare il guasto.Ora partendo dal fatto che la garanzia e' ormai scaduta e che quindi ogni suo intervento a per me ha un costo vi chiedo se e' prassi normale che un tecnico vada "a tentativi" per riparare un guasto e se secondo voi la causa del problema non sia invece dovuta a qualcosaltro.Grazie

Bassmo
17-07-2008, 14:42
Salve a tutti vorrei approfittare della vostra competenza per un parere su un problema che ho con il condizionatore fisso del soggiorno un olimpia splendid inverter da 14.000 BTU. Ha funzionato tranquillamente per tre anni(solo in funzione freddo) ma da una settimana circa quando lo accendo la ventola dell'unita' esterna parte per poi fermarsi dopo pochi secondi senza piu' dare segni di vita mentre l'unita' interna funziona normalmente (tranne per il fatto che non raffredda logicamente). Ho chiamato un tecnico dell'olimpia splendid il quale mi ha detto che il test interno della macchina faceva riferimento ad un problema di alimentazione dovuto ad un guasto su una delle quattro schede elettroniche interne(sbalzi di tensione) e che lui non sapendo con precisione quale fosse le avrebbe cambiate una per volta partendo dalla piu' probabile fino a sistemare il guasto.Ora partendo dal fatto che la garanzia e' ormai scaduta e che quindi ogni suo intervento a per me ha un costo vi chiedo se e' prassi normale che un tecnico vada "a tentativi" per riparare un guasto e se secondo voi la causa del problema non sia invece dovuta a qualcosaltro.Grazie


si è un approccio normale se si tratta dell'elettronica...comunque non è che esce n-volte spero :)
uscirà una volta sola portandosi dietro le schede e in loco farà tutti i tentativi che deve fare. Sempre che il problema sia quello ovviamente.

+Benito+
17-07-2008, 14:44
Salve a tutti vorrei approfittare della vostra competenza per un parere su un problema che ho con il condizionatore fisso del soggiorno un olimpia splendid inverter da 14.000 BTU. Ha funzionato tranquillamente per tre anni(solo in funzione freddo) ma da una settimana circa quando lo accendo la ventola dell'unita' esterna parte per poi fermarsi dopo pochi secondi senza piu' dare segni di vita mentre l'unita' interna funziona normalmente (tranne per il fatto che non raffredda logicamente). Ho chiamato un tecnico dell'olimpia splendid il quale mi ha detto che il test interno della macchina faceva riferimento ad un problema di alimentazione dovuto ad un guasto su una delle quattro schede elettroniche interne(sbalzi di tensione) e che lui non sapendo con precisione quale fosse le avrebbe cambiate una per volta partendo dalla piu' probabile fino a sistemare il guasto.Ora partendo dal fatto che la garanzia e' ormai scaduta e che quindi ogni suo intervento a per me ha un costo vi chiedo se e' prassi normale che un tecnico vada "a tentativi" per riparare un guasto e se secondo voi la causa del problema non sia invece dovuta a qualcosaltro.Grazie

mai usato roba olimpia splendid, comunque come avrai capito se hai letto un po il thread, gli "splittari" non godono di buona fama in quanto a competenza e professionalità, in genere.

Jedi82
17-07-2008, 15:58
ragazzi a breve la mia esperienza ma intanto vi chiedo:

l'acqua dello scarico che accumulo fuori in balcone, può esser usata per annaffiare alla sera le piante o è malsana?:) :)
Son serio, non mi va di sprecarla quando magari posso riusarla in qualche modo...

WhiteHawk
17-07-2008, 18:07
Ti hanno già illustrato bene il concetto.

.... omissis ...

Il frigorifero può essere anche una pompa di calore acqua acqua con sonde geotermiche, acqua di pozzo o di falda...

Ommamma...
mi son fatto un giro con la ricerca chiller e forte delle spiegazioni ricevute qui ho cercato di farmi un'idea.. ma decisamente è troppo complicato per le mie conoscenze/capacità in campo pari a zero :(

Questi frigoriferi sembrano interessanti, ho trovato diversi siti con relative caratteristiche ecc.. ma tradurre i valori che indicano con la finalità personale è complicato per chi non è del settore..

Il problema è che anche chiedendo ad istallatore classico di condizionatori, mi cascano dalle nuvole, o li vedi fare voli pindarici per cercare di dare le spiegazioni piu' disparate con poco senso di logica alla fine.

Quindi volevo tagliare la testa al toro e chiedere qualcosa di piu' terra terra per vedere se vale la pena approfondire la storia..

Per i condizionatori, ho capito che viene valutata in BTU la portata degli stessi, commisurata in base agli ambienti (poi ci sono i COP per vedere quale e' meglio ecc..)

con un chiller, che si deve vedere ? trovo come valore di riferimento sempre dei kW che dicono nominali in qunato poi per quanto riguarda i consumi son differenti

Insomma... giusto per fare i calcoli del salumiere, ponendo base 200mq di ambiente diviso in X vani; che cosa serve come configurazione con chiller ?
n.1 Chiller da quanto ?
n.X Ventilconvettori ?
n. YY cosa altro ?

Ripeto non pretendo il calcolo preciso, lungi da me, è giusto per capire di massima i pezzi che servirebbero ed relativi costi, in modo da valutarne poi la convenienza ad approfondire il discorso o spostarsi eventualmente su multisplit.

grazie

WhiteHawk
17-07-2008, 18:07
Ti hanno già illustrato bene il concetto.

.... omissis ...

Il frigorifero può essere anche una pompa di calore acqua acqua con sonde geotermiche, acqua di pozzo o di falda...

Ommamma...
mi son fatto un giro con la ricerca chiller e forte delle spiegazioni ricevute qui ho cercato di farmi un'idea.. ma decisamente è troppo complicato per le mie conoscenze/capacità in campo pari a zero :(

Questi frigoriferi sembrano interessanti, ho trovato diversi siti con relative caratteristiche ecc.. ma tradurre i valori che indicano con la finalità personale è complicato per chi non è del settore..

Il problema è che anche chiedendo ad istallatore classico di condizionatori, mi cascano dalle nuvole, o li vedi fare voli pindarici per cercare di dare le spiegazioni piu' disparate con poco senso di logica alla fine.

Quindi volevo tagliare la testa al toro e chiedere qualcosa di piu' terra terra per vedere se vale la pena approfondire la storia..

Per i condizionatori, ho capito che viene valutata in BTU la portata degli stessi, commisurata in base agli ambienti (poi ci sono i COP per vedere quale e' meglio ecc..)

con un chiller, che si deve vedere ? trovo come valore di riferimento sempre dei kW che dicono nominali in qunato poi per quanto riguarda i consumi son differenti

Insomma... giusto per fare i calcoli del salumiere, ponendo base 200mq di ambiente diviso in X vani; che cosa serve come configurazione con chiller ?
n.1 Chiller da quanto ?
n.X Ventilconvettori ?
n. YY cosa altro ?

Ripeto non pretendo il calcolo preciso, lungi da me, è giusto per capire di massima i pezzi che servirebbero ed relativi costi, in modo da valutarne poi la convenienza ad approfondire il discorso o spostarsi eventualmente su multisplit.

grazie

WhiteHawk
17-07-2008, 18:09
OPS
scusate doppio invio

+Benito+
17-07-2008, 21:28
Stai facendo confuzione.

Una cosa è la tecnologia, e come dicevo è fondamentalmente la stessa tra split e impianto con gruppo frigorifero e fancoil.
L'altra è il dimensionamento dell'impianto.
Per sapere con precisione qualto calore devi asportare d'estate e apportare in inverno per attoenere in casa le condizioni termoigrometriche che desideri, è necessario fare dei calcoli con dei software perchè a mano è un procedura lunga (oddio, per qualche vano forse ci si mette meno a mano).
Una stima invernale, per ambiente medi, puoi farla considerando dalle 10 alle 20 kcal/h a metro cubo di volume degli ambienti (bisognerebbe ragionare in watt, ma la caloria è molto usata perchè un'unità di misura pratica; 860 kcal/h = 1000W) a seconda della qualità costruttiva. Edifici nuovi stanno facilmente entro le 10 kcal/hmc, mentre edifici di edilizia standard di qualche anno fa vanno via via aumentando verso le 20 e oltre. Serve un po' di tatto per valutarlo spannometricamente in questo modo.

Detto questo, in base ai calcoli si sa che per esempio in un ambiente servono 700W apportati in inverno e 600W asportati in estate per avere 21° in inverno e 27° d'estate.
Se fai un impianto a split, scegli le unità interne che asportino/apportino quella potenza, se fai un impianto a fancoil, uguale. Poi fai la somma delle potenzialità effettive delle unità interne (con gli split anche di quelle nominali) e quindi dimensioni la macchina che produce il freddo, che sia un frigorifero, l'unità esterna dell'impianto split o qualsiasi altra cosa in base alla somma delle potenze richieste. Nel caso split va anche controllata la potenzialità nominale totale delle unità interne perchè sebbene da progetto debbano erogare ad esempio 2000W, la somma delle potenzialità nominali massime delle unità interne è sempre maggiore di quelle effettive (vuoi per tenere un piccolo margine di sicurezza, vuoi perchè le taglie delle macchine non standard e quindi la macchina rende sempre un po' di più del richiesto), e l'unità esterna non può fuzionare sempre e comunque ma ha un limite di "sovracapacità". Ad esempio se hai un impianto con una potenza richiesta per mantenere le condizioni di progetto di 5000W, ma la somma delle potenze nominali massime delle unità interne è 9000W, occorre cntrollare che l'unità esterna (dimensionata per 5000W e non per 9000W) possa comunque tollerare il collegamento di unità che hanno il 180% della potenzialità della machcina esterna (chiaramente la resa massima effettiva è determinata dalla unità esterna).
Qesto discorso di solito con gli splittini non serve farlo perchè sono pacchetti predeterminati senza possibilità di grosse variazioni. In impianti grandi, invece, dove la scelta delle singole unità interne è indipendente da quella esterna, da cui partono solo due tubi che poi si diramano e non tanti tubi quante sono le unità interne come in un piccolo split, è necessario controllare questi parametri, con il rischio di dover scegliere una unità esterna una tagli più grande anche se non ce ne sarebbe bisogno.
Con l'impianto frigorifero/pompa di calore, una volta stabilita la potenza estiva/invernale totale, si prende la macchina della taglia corretta e si dimensionano le pompe di circolazione in base al salto di temperatura che si è utilizzato per dimensionare i terminali in ambiente.

Per esempio, in inverno, potrebbero servirti 12 kW, con un terminale in ogni ambiente e un frigorifero in pompa di calore oppure una caldaia che eroghi 12 kW. La dimensione dei fancoil sarà dettata dalla temperatura dell'acqua. Con un pompa di calore questa sarà bassa (40-45°), con una caldaia a condensazione sarà più alta (60-65°), con una caldaia normale ancora di più (70-75°C). Più alzi la temperatura, più i corpi scaldanti diventano piccoli perchè aumenta la resa.
In estate è difficile fare un calcolo a spanne perchè l'aggravio maggiore sono le finestre, quindi a secnda di esposizione, schermatira, tipologia etc cambiano e non di poco le cose. Per esmepio, potresti aver bisogno di 15 kW frigoriferi come di 8.

Se vuoi fare un impianto a fancoil, ti serve un frigorifero (se abiti in zone in cui si può usare fino a novembre ti cnosiglierei in pompa di calore), un serbatoio di accumulo della'cqua refrigerata che faccia da accumulo di freddo (un 300 litri dovrebbe andare), una pompa di circolazione che faccia girare la'cqua nel circuito fino ai fancoil, i fancoil che più ti piacciono, e un po' di regolazione che di solito forniscono quasi tutti per questi impiantini (che controlli l'accensione del frigorifero o dei ventilatori dei fancoil). Per l'inverno ti serve una caldaiaetta (adesso ne fanno anche da 9 kW) che se è a condensazione va bene com'è l'impianto, se no si complica un po' perchè è sconveniente mandare acqua troppo calda ai fancoil, ma qui entriamo in dettagli tecnici.

Alla fine spendi un po' di più che mettere degli split, però hai un impianto più robusto ( i frigo non si scaricano, gli splittini voglio vedere dopo sette o otto anni se il gas è ancora tutto dov'era), ben fatto, che con un'unico terminale fa caldo e freddo.

WhiteHawk
18-07-2008, 14:49
Stai facendo confuzione.

Una cosa è la tecnologia, e come dicevo è fondamentalmente la stessa tra split e impianto con gruppo frigorifero e fancoil.
L'altra è il dimensionamento dell'impianto.
Per sapere con precisione qualto calore devi asportare d'estate e apportare in inverno per attoenere in casa le condizioni termoigrometriche che desideri, è necessario fare dei calcoli con dei software perchè a mano è un procedura lunga (oddio, per qualche vano forse ci si mette meno a mano).
Una stima invernale, per ambiente medi, puoi farla considerando dalle 10 alle 20 kcal/h a metro cubo di volume degli ambienti (bisognerebbe ragionare in watt, ma la caloria è molto usata perchè un'unità di misura pratica; 860 kcal/h = 1000W) a seconda della qualità costruttiva. Edifici nuovi stanno facilmente entro le 10 kcal/hmc, mentre edifici di edilizia standard di qualche anno fa vanno via via aumentando verso le 20 e oltre. Serve un po' di tatto per valutarlo spannometricamente in questo modo.

Detto questo, in base ai calcoli si sa che per esempio in un ambiente servono 700W apportati in inverno e 600W asportati in estate per avere 21° in inverno e 27° d'estate.
Se fai un impianto a split, scegli le unità interne che asportino/apportino quella potenza, se fai un impianto a fancoil, uguale. Poi fai la somma delle potenzialità effettive delle unità interne (con gli split anche di quelle nominali) e quindi dimensioni la macchina che produce il freddo, che sia un frigorifero, l'unità esterna dell'impianto split o qualsiasi altra cosa in base alla somma delle potenze richieste. Nel caso split va anche controllata la potenzialità nominale totale delle unità interne perchè sebbene da progetto debbano erogare ad esempio 2000W, la somma delle potenzialità nominali massime delle unità interne è sempre maggiore di quelle effettive (vuoi per tenere un piccolo margine di sicurezza, vuoi perchè le taglie delle macchine non standard e quindi la macchina rende sempre un po' di più del richiesto), e l'unità esterna non può fuzionare sempre e comunque ma ha un limite di "sovracapacità". Ad esempio se hai un impianto con una potenza richiesta per mantenere le condizioni di progetto di 5000W, ma la somma delle potenze nominali massime delle unità interne è 9000W, occorre cntrollare che l'unità esterna (dimensionata per 5000W e non per 9000W) possa comunque tollerare il collegamento di unità che hanno il 180% della potenzialità della machcina esterna (chiaramente la resa massima effettiva è determinata dalla unità esterna).
Qesto discorso di solito con gli splittini non serve farlo perchè sono pacchetti predeterminati senza possibilità di grosse variazioni. In impianti grandi, invece, dove la scelta delle singole unità interne è indipendente da quella esterna, da cui partono solo due tubi che poi si diramano e non tanti tubi quante sono le unità interne come in un piccolo split, è necessario controllare questi parametri, con il rischio di dover scegliere una unità esterna una tagli più grande anche se non ce ne sarebbe bisogno.
Con l'impianto frigorifero/pompa di calore, una volta stabilita la potenza estiva/invernale totale, si prende la macchina della taglia corretta e si dimensionano le pompe di circolazione in base al salto di temperatura che si è utilizzato per dimensionare i terminali in ambiente.

Per esempio, in inverno, potrebbero servirti 12 kW, con un terminale in ogni ambiente e un frigorifero in pompa di calore oppure una caldaia che eroghi 12 kW. La dimensione dei fancoil sarà dettata dalla temperatura dell'acqua. Con un pompa di calore questa sarà bassa (40-45°), con una caldaia a condensazione sarà più alta (60-65°), con una caldaia normale ancora di più (70-75°C). Più alzi la temperatura, più i corpi scaldanti diventano piccoli perchè aumenta la resa.
In estate è difficile fare un calcolo a spanne perchè l'aggravio maggiore sono le finestre, quindi a secnda di esposizione, schermatira, tipologia etc cambiano e non di poco le cose. Per esmepio, potresti aver bisogno di 15 kW frigoriferi come di 8.

Se vuoi fare un impianto a fancoil, ti serve un frigorifero (se abiti in zone in cui si può usare fino a novembre ti cnosiglierei in pompa di calore), un serbatoio di accumulo della'cqua refrigerata che faccia da accumulo di freddo (un 300 litri dovrebbe andare), una pompa di circolazione che faccia girare la'cqua nel circuito fino ai fancoil, i fancoil che più ti piacciono, e un po' di regolazione che di solito forniscono quasi tutti per questi impiantini (che controlli l'accensione del frigorifero o dei ventilatori dei fancoil). Per l'inverno ti serve una caldaiaetta (adesso ne fanno anche da 9 kW) che se è a condensazione va bene com'è l'impianto, se no si complica un po' perchè è sconveniente mandare acqua troppo calda ai fancoil, ma qui entriamo in dettagli tecnici.

Alla fine spendi un po' di più che mettere degli split, però hai un impianto più robusto ( i frigo non si scaricano, gli splittini voglio vedere dopo sette o otto anni se il gas è ancora tutto dov'era), ben fatto, che con un'unico terminale fa caldo e freddo.

che dire....
GRAZIE sia per la precisione che per disponibilita'

+Benito+
18-07-2008, 20:44
Aggiungo, per la precisione, che la caldaietta non è strettamente necessaria, in questo senso:

In inverno più la temperatura esterna si abbassa ( e più c'è umido), più spesso la macchina deve invertire il ciclo (scaldare la batteria esterna) per sbrinarla.
Questo comporta che mentre la macchina sbrina, non scalda, e che il consumo in quel momento è buttato. Per cui il COP effettivo si abbassa. Calcolando ogni quanto tempo e per quanto tempo la macchina sbrina, e guardando i grafici della potenza resa in funzione della temperatura esterna, si vede che la macchina, mettiamo in un'ora, è in grado di fornire X Wh, dove x è sicuramente minore del valore standard nominale della macchina. Di quanto è minore lo si calcola. Volendo non montare la caldaia, si può fare caldo anche con -10°C fuori (non con tutte le macchine), ma ad un costo energetico maggiore e con meno convenienza. Anche perchè quando fuori c'è più freddo è il momento in cui la macchina dovrebbe generare la massima potenza in riscaldamento. Cosa si fa in questi casi? Si dimensiona la potenzialità della pompa di calore (che sia ad espansione diretta e quindi con gli split oppure tutta in uno in un frigorifero pdc collegato ad un impianto idronico non fa differenza) sulle condizioni di funzionamento sfavorite, considerando calo di resa per il freddo e sbrinamenti.
Questo comporta una macchina più grande, che durante tutto il resto dell'anno sarà sovradimensionata. Se è sovradimensionata il giusto può portare ad un aumento del COP effettivo perchè lavorerà a quesi carichi parziali che ne ottimizzano il rendimento, ma se è troppo sovradimensionata e deve funzionare sempre molto parzializzata (per esempio al 20%) il suo COP effettivo su base annua può anche essere inferiore ad una macchina non inverter.
In questi termini, un frigorifero in pompa di calore non ha grosso vantaggio dall'applicazione di un inverter perchè il serbatoio di acqua compensa i picchi, mentre un impianto ad espansione diretta è meno confortevole.

Jedi82
19-07-2008, 15:48
Allora ragazzi, dopo una settimana dall'installazione, vi posso dire che l'impianto che mi han montato va benissimo, son molto soddisfatto del lavoro volto e dei condizionatori che son davvero molto silenziosi ed efficenti.

Quindi che dire, grazie a tutti per i consigli, dritte e quant'altro e non posso che aggiungermi alla lista di chi vota come miglior condizionatore, la marca Daikin!

WhiteHawk
21-07-2008, 02:34
ragazzi a breve la mia esperienza ma intanto vi chiedo:

l'acqua dello scarico che accumulo fuori in balcone, può esser usata per annaffiare alla sera le piante o è malsana?:) :)
Son serio, non mi va di sprecarla quando magari posso riusarla in qualche modo...

X quanto ne sappia io è come acqua distillata. A me fu detto che poteva essere usata appunto al posto di acquistare l'acqua distillata ( x ferro da stiro ad esempio).
E sinceramente l'acqua distillata x le piante non fa proprio bene.. Nel senso che non ha nulla che faccia bene alle piante,

pissicchia
22-07-2008, 13:39
salve, che ne dite per 24 metri quadrati di questo? K09AH-U41 LG 9500btu

19spike83
22-07-2008, 18:53
Salve ragazzi sono in fase di acquisto di un mitsubishi MSZ-GA 25VA , da mettere in camera da letto , la camera è relativamente piccola sui 16 metri quadri.
Non basterebbe anche un 7000 ?? oppure conviene prendere lo steso un 9000 ?

Chiedo a voi come faccio per usufruire degli incentivi al 36/55 % .

Siccome lo compro da negoziante e poi lo monterà l'installatore mitsubishi hanno loro tutte le carte da compilare per usufruire di questi incentivi?

Bassmo
22-07-2008, 22:55
Salve ragazzi sono in fase di acquisto di un mitsubishi MSZ-GA 25VA , da mettere in camera da letto , la camera è relativamente piccola sui 16 metri quadri.
Non basterebbe anche un 7000 ?? oppure conviene prendere lo steso un 9000 ?

Chiedo a voi come faccio per usufruire degli incentivi al 36/55 % .

Siccome lo compro da negoziante e poi lo monterà l'installatore mitsubishi hanno loro tutte le carte da compilare per usufruire di questi incentivi?

io metterei comunque il 9000, data l'esigua differenza di prezzo...raggiunge la temperatura impostata piu velocemente, e non si sa mai qualche estate particolarmente calda...

Bassmo
22-07-2008, 22:57
salve, che ne dite per 24 metri quadrati di questo? K09AH-U41 LG 9500btu

io metterei un 12.000 però dipende anche dalle tue esigenze...forse il 9 ti può bastare :)

andreadoh
24-07-2008, 14:47
per piacere un consiglio:

stanza da letto di circa 40 m^3

da usare solo la notte ho visto questi 2 de longhi

de longhi DPW 120E C'05 8700btu 350€
de longhi one 120 9000btu 440€

il secondo è quello che vorrei prendere perchè ha i filtri all'argento che spero siano migliori, ma sul sito della delonghi non è proprio presente il modello; non è che è fuori produzione per qualche problema?
eppure sembrerebbe più nuovo e con qualche caratteristica in più(es. il display sull'unità)

in alternativa avevo visto un mithubishi msh ga25vb 9000btu a 500€
non ha niente di particolare in più, (solo i filtri alla "catechina"?), ma li vale i cento euro in più?
e i de longhi li posso prendere in considerazione?
grazie

19spike83
28-07-2008, 00:14
io metterei comunque il 9000, data l'esigua differenza di prezzo...raggiunge la temperatura impostata piu velocemente, e non si sa mai qualche estate particolarmente calda...

montato funziona benissimo e silenziosissimo...
direi molto esagerato un 9000 , se prendevo un 7000 bastava e avanzava e risparmiavo pure 100 euro.

Bassmo
28-07-2008, 01:24
montato funziona benissimo e silenziosissimo...
direi molto esagerato un 9000 , se prendevo un 7000 bastava e avanzava e risparmiavo pure 100 euro.

eh come sempre dipende dalle esigenze...io in 20mq ho messo un 12.000 e mi sta "giusto giusto".
In genere però le persone quando sentono la mia "temperatua benessere" mi dicono che sono matto :sofico: ognuno ha i propri pallini :p

Framol
29-07-2008, 21:13
Ma c'è un metodo per calcolare la temperatura ideale in base alla metratura di un'ambiente?

Bassmo
29-07-2008, 21:18
Ma c'è un metodo per calcolare la temperatura ideale in base alla metratura di un'ambiente?

cosa c'entra la temperatura con la metratura?
La temperatura è quella a cui stai bene tu :confused:
Vorrai dire la potenza del clima da installare rispetto alla metratura :D
purtroppo però come già è stato detto non è cosi semplice...ed è anche molto soggettivo a seconda di cosa vuoi ottenere!
C'è quello che con 35 gradi di temperatura esterna vuole solo un po' di freschino, diciamo 30 gradi, e a 28 comincia a dirti che quella è una bufera che sei matto come un cavallo e si mette la felpina...

C'è quello che non sopporta il caldo e vuole sempre e comunque 22 gradi a prescindere dal fatto che fuori ce ne siano 25/28/32/96 :fagiano:

Framol
29-07-2008, 21:25
Quindi tra mettere un clima più potente e uno meno potente per la stessa metratura,la differenza è la velocità di raffreddamento?

Bassmo
29-07-2008, 21:35
Quindi tra mettere un clima più potente e uno meno potente per la stessa metratura,la differenza è la velocità di raffreddamento?

Anche la velocità...poi chiaramente al di sotto di una certa potenza ovviamente non è detto che il clima riesca a raggiungere la temperatura impostata.

E' ovvio che se metti un condizionatore sottodimensionato probabilmente anche se imposti 22 magari meno di 26 nelle giornate calde non arriverà mai, ad esempio. Se lo metti di potenza adeguata dovrebbe raggiungere la temperatura che imposti.

+Benito+
29-07-2008, 23:01
Ma c'è un metodo per calcolare la temperatura ideale in base alla metratura di un'ambiente?

me ti ha già detto Bassmo, domanda impropria :D

Le condizioni di progetto "standard" sono 26-27°C con il 40-60% di u.r. in estate e 18-21°C con il 40-60% di u.r. in inverno.
Questo va adeguato alla situazione degli occupanti, in termini di attività e di tipo di vestiario. Certo in inverno senza umidificazione difficilmente si raggiungerà il 40% di u.r. Più è alta la velocità dell'aria nel volume convenzionalmente occupato, più il confort estivo viene raggiunto con una temperatura più elevata. Per intederci, con aria quasi ferma a 26° puoi stare bene uguale a con aria a 0,3 m/s e 28°C. Certo va valutato attentamente il flusso d'aria perchè se è vero che permette di usare temperature leggermente più aòte, può dare fastidio.
Normalmente la velocità terminale del flusso si imposta come dato di progetto inferiore a 0,2 m/s.

Pajuco
31-07-2008, 23:10
faccio una richiesta tecnica sul consumo qui :D

se metto il clima con la ventola automatica poniamo a 24 gradi lei lavora al massimo dei giri e dopo un pò diminuisce progressivamente fino a spegnersi quando raggiunge la temperatura per poi riprendere etc.
quindi suppongo spenga anche la pompa del gas che dovrebbe essere quella che consuma di più, ma non ne sono sicuro

se invece metto la ventola fissa che gira sempre quasi al massimo in modo da far circolare l'aria secondo voi quando raggiunge la temperatura spegne la pompa del gas lasciando la ventola girare o la pompa funziona sempre ?

:confused:

+Benito+
01-08-2008, 14:35
faccio una richiesta tecnica sul consumo qui :D

se metto il clima con la ventola automatica poniamo a 24 gradi lei lavora al massimo dei giri e dopo un pò diminuisce progressivamente fino a spegnersi quando raggiunge la temperatura per poi riprendere etc.
quindi suppongo spenga anche la pompa del gas che dovrebbe essere quella che consuma di più, ma non ne sono sicuro

se invece metto la ventola fissa che gira sempre quasi al massimo in modo da far circolare l'aria secondo voi quando raggiunge la temperatura spegne la pompa del gas lasciando la ventola girare o la pompa funziona sempre ?

:confused:

il ventilatore consuma 20-50 W e il suo funzionamento è indipendente dal funzionamento del compressore, nel senso che può funzionare a compressore spento. Puoi lasciare su manuale acceso se vuoi sempre ventilare, oppure su automatico per far partire il ventilatore secondo la logica di gestione della macchina.

Laura1
03-08-2008, 14:38
Ciao a tutti. L'unità esterna del il mio Daikin quadri split non funziona. La diagnostica rileva un errore definito sovracorrente in uscita. Che significa ? Le unità interne funzionano regolarmente, ma ovvimente solo in ventilazione. Ciao e grazie per la risposta.

+Benito+
04-08-2008, 10:44
Ciao a tutti. L'unità esterna del il mio Daikin quadri split non funziona. La diagnostica rileva un errore definito sovracorrente in uscita. Che significa ? Le unità interne funzionano regolarmente, ma ovvimente solo in ventilazione. Ciao e grazie per la risposta.

Non ne ho idea :mbe: :confused:

Scatta la termica del compressore?

RossoPazzo
04-08-2008, 12:39
Eccomi qua anche io.

Avrei da climatizzare 3 ambienti di un'appartamento posto al primo piano e disposto su due piani:
- camera matrimoniale di 14mq posta al piano basso con 2 pareti esposte di rispettivamente 3,2mt e 4,4mt x h 2,7mt e finestra di 1,6mt x 1mt sulla parete da 3,2mt.
- ambiente 'living' da una 30ina di mq con 2 lucernari a tetto diciamo di 90cm x 90 cm ciascuno (piano mansardato con h da 1,2mt a 2,5mt)
- camera da 13mq con un lucernario a tetto sempre di 90cm x 90 cm (sempre mansarda idem come sopra)

Essendo una nuova costruzione, la predisposizione al condizionamento è già presente (è disposta una bocchetta anche in cucina, ma li ne faccio a meno), quindi il montaggio consisterebbe solo nell'attaccare le unità interne e piazzare l'unità esterna in terrazza. Ah, la casa è anche dotata di 'cappotto'.

Sono orientato quindi ad una soluzione trial split (inverter e pompa di calore con classi di consumo A sia in raffreddamento che in riscaldamento per avere diritto al famoso 55%) e per ora ho vagliato Daikin e Mitsubishi, ma sarei anche curioso di vagliare marche che seguono a ruota i due leader. Sapreste dirmi quali sono nell'ordine Toshiba, Panasonic, Sharp e quant'altro?

Per Daikin ho avuto proposte molto distanti tra loro (sono partito da 2800euro iva inclusa + montaggio stimato in 500/600euro fino ad arrivare a una proposta da tipo 4600euro iva e montaggio compresi :eek: per soliti modelli sia di esterna che di interne, ovvero 3MXS52E e 2 FTXS25G + FTXS35G).

Per Mitsubishi mi discosto di poco dai 2700euro iva inclusa ma montaggio escluso.

Sapevate che ultimamente c'è la possibilità in caso di ristrutturazione o nuova costruzione (dimostrabile con relativa documentazione) di pagare l'iva al 10% anzichè al 20%? Mi è stato detto da uno degli addetti Euronics dove ho fatto dei preventivi... Bufala o notizia fondata?

Sapreste darmi qualche consiglio sul dimensionamento delle macchine interne, o posso ritenere valide già quelle consigliate per l'impianto Daikin? Ovvero 2Kw per le camere e 3Kw per la zona living.

Grazie a tutti! ;)

+Benito+
04-08-2008, 14:33
2 kW se è una nuova costruzione in un ambiente normale senza dissipazione di potenza interna sono tantini, starei maggiormente poco sopra il kW.

Hai una bocchetta in cucina, ma per che cos'è? Non c'è un canalizzato, vero? Hai predisposti dei canali?
L'IVA al 10% mi pare sia applicabile solo sulla componente di prezzo relativa alle apparecchiature principali.

RossoPazzo
04-08-2008, 15:44
2 kW se è una nuova costruzione in un ambiente normale senza dissipazione di potenza interna sono tantini, starei maggiormente poco sopra il kW.
Si, si tratta di una nuova costruzione infatti, costruita da zero.
Per quanto riguarda le dissipazioni, come detto sopra la camera più grande presenta solo la finestra ed ha due pareti esposte, mentre la seconda stanza è a tetto. Dici che nonostante tutto poco più di 1kW per stanza possa bastare?


Hai una bocchetta in cucina, ma per che cos'è? Non c'è un canalizzato, vero? Hai predisposti dei canali?

No, no... nessuna canalizzazione, altrimenti avrei dovuto cercare soluzioni centralizzate anzichè multisplit. ;)
Per "bocchetta" (ho sbagliato il termine, sorry :P) intendevo dire che è stata predisposta anche in cucina l'installazione di una unità interna, quindi c'è la sua cassetta con tutta la tubazione necessaria e l'alimentazione.
Solo che per quanto ne so in cucina, visto tutto il carico termico presente (lavastoviglie, frigo, kappa aspirante e soprattutto piano cottura e forno) è solo condannare al martirio continuo sia l'unità esterna che la povera unità interna per rincorrere una temperatura che difficilmente potrebbe essere raggiunta, leggi: spreco di energia a gogò per avere poco beneficio. Quindi ho scartato sin da subito l'idea di un multisplit quadruplo per condizionare anche questo ambiente.


L'IVA al 10% mi pare sia applicabile solo sulla componente di prezzo relativa alle apparecchiature principali.
Ovvero? La sola unità esterna?

Framol
04-08-2008, 21:23
Il cappotto è un isolamento in più di un abitazione?

RossoPazzo
04-08-2008, 22:50
Il cappotto è un isolamento in più di un abitazione?
Esatto. Si tratta di un isolante che viene messo sull'esterno della costruzione (ma sotto l'intonaco se non bado errato). Tra un paio d'anni diventerà obbligatorio per tutte le nuove costruzioni.

niospa
08-08-2008, 18:29
Ragazzi ho bisogno di un consiglio per favore!
Ho un climatizzatore della Seitech (un'obrobrio) da 3 anni.
E lo devo cambiare urgentemente, per i seguenti motivi:

1) Il motore ESTERNO, che si trova in corrispodenza della cameretta, mi fa vibrare tutta la libreria interna, e il rumore è a dir poco insopportabile!
2) Nella sala in cui è situato, non si può assolutamente stare, senza raffreddarsi, perchè lo split, ti spara l'aria fredda addosso, anche se lo regolo tutto verso l'alto!
3) Non avendo l'inverter, e tenendolo tutto il giorno acceso notte compresa, mi procura bollette Enel da 450€ e oltre!...
4) Se decido di umidificare solamente, è la fine!! perchè mi abbassa anche la temperatura di tanto ghiacciandomi la casa, e quindi sono costretto ad alzare i gradi, e così inizia a spegnersi e ad accendersi, di continuo, consumando un botto di energia elettrica!
In sostanza mi funziona meglio d'inverno, visto ke mi sostituisce completamente il riscaldamento tradizionale senza problemi.
A questo punto, ho deciso di buttarmi su un Mitsubishi electrik (magari il Kirigamine) opuure sul Daikin in modo da non sbagliare.
Ho sentito parlare anche degli Sharp, che col sistema Coanda, dicono non ti spara l'aria addosso (cosa che odio), ma la distribuisce uniformemente in tutto l'ambiente.
Io cerco un clima, che mi umidifica senza congelare, che ha il motore esterno silenzioso, e che non mi spara l'aria addosso!
Cosa mi consigliate? :cry: :)

spidermann
08-08-2008, 18:39
Ragazzi ho bisogno di un consiglio per favore!
Ho un climatizzatore della Seitech (un'obrobrio) da 3 anni.
E lo devo cambiare urgentemente, per i seguenti motivi:

1) Il motore ESTERNO, che si trova in corrispodenza della cameretta, mi fa vibrare tutta la libreria interna, e il rumore è a dir poco insopportabile!
2) Nella sala in cui è situato, non si può assolutamente stare, senza raffreddarsi, perchè lo split, ti spara l'aria fredda addosso, anche se lo regolo tutto verso l'alto!
3) Non avendo l'inverter, e tenendolo tutto il giorno acceso notte compresa, mi procura bollette Enel da 450€ e oltre!...
4) Se decido di umidificare solamente, è la fine!! perchè mi abbassa anche la temperatura di tanto ghiacciandomi la casa, e quindi sono costretto ad alzare i gradi, e così inizia a spegnersi e ad accendersi, di continuo, consumando un botto di energia elettrica!
In sostanza mi funziona meglio d'inverno, visto ke mi sostituisce completamente il riscaldamento tradizionale senza problemi.
A questo punto, ho deciso di buttarmi su un Mitsubishi electrik (magari il Kirigamine) opuure sul Daikin in modo da non sbagliare.
Ho sentito parlare anche degli Sharp, che col sistema Coanda, dicono non ti spara l'aria addosso (cosa che odio), ma la distribuisce uniformemente in tutto l'ambiente.
Io cerco un clima, che mi umidifica senza congelare, che ha il motore esterno silenzioso, e che non mi spara l'aria addosso!
Cosa mi consigliate? :cry: :)
ciao, attualmente il kirigamne dovrebbe essere il migliore in commercio! silenziosita' e resa da primato assoluto!

manus75
08-08-2008, 19:42
Ragazzi ho bisogno di un consiglio per favore!
Ho un climatizzatore della Seitech (un'obrobrio) da 3 anni.
E lo devo cambiare urgentemente, per i seguenti motivi:

1) Il motore ESTERNO, che si trova in corrispodenza della cameretta, mi fa vibrare tutta la libreria interna, e il rumore è a dir poco insopportabile!
2) Nella sala in cui è situato, non si può assolutamente stare, senza raffreddarsi, perchè lo split, ti spara l'aria fredda addosso, anche se lo regolo tutto verso l'alto!
3) Non avendo l'inverter, e tenendolo tutto il giorno acceso notte compresa, mi procura bollette Enel da 450€ e oltre!...
4) Se decido di umidificare solamente, è la fine!! perchè mi abbassa anche la temperatura di tanto ghiacciandomi la casa, e quindi sono costretto ad alzare i gradi, e così inizia a spegnersi e ad accendersi, di continuo, consumando un botto di energia elettrica!
In sostanza mi funziona meglio d'inverno, visto ke mi sostituisce completamente il riscaldamento tradizionale senza problemi.
A questo punto, ho deciso di buttarmi su un Mitsubishi electrik (magari il Kirigamine) opuure sul Daikin in modo da non sbagliare.
Ho sentito parlare anche degli Sharp, che col sistema Coanda, dicono non ti spara l'aria addosso (cosa che odio), ma la distribuisce uniformemente in tutto l'ambiente.
Io cerco un clima, che mi umidifica senza congelare, che ha il motore esterno silenzioso, e che non mi spara l'aria addosso!
Cosa mi consigliate? :cry: :)


Hai provato a cambiare i gommini di appoggio al muro dell unità esterna? Avevo anche io un problema simile anche se meno evidente col mio Samsung,però ho messo 2 gommini antivibrazioni tra muro e zanche spessi 10mm l uno,vibrazioni azzerate praticamente,mentre prima si sentiva quando partiva il compressore.. Le zanche originali avevano i gommini un po piccoli e non filtravano le vibrazioni. X lo split che ti spara l aria addosso potresti mettergli una striscia di cartone fissata con nastro adesivo in corrispondenza dell uscita dell aria cosi da spararla almeno in orizzontale piu possibile,io l ho fatto al lavoro e funziona.

niospa
09-08-2008, 12:22
Ti ringrazio per il consiglio!
Effettivamente per i gommini ho già fatto tantissime prove ne ho cambiati una decina, da subito, appena montato! il problema rimane! e soprattutto oltre alla vibrazione, dico proprio il rumore!
Per il cartoncino ho provato, ma lo split, mi ha cominciato a fare molti rumori di plastica e poi mi risolve sotto, ma nella stanza, l'aria mi arriva sempre addosso!
Credo sia proprio arrivato il momento di buttarlo!..
Ho sentito che i Daikin hanno i compressori silenziosi abbastanza! e che gli Sharp non ti buttano l'aria addosso?
Finchè non sono sicuro al 100% non mi azzardo!!

Framol
09-08-2008, 12:25
Hai provato a mettere un pannello fonoassorbente dietro l'unita esterna?

manus75
10-08-2008, 18:06
Hai provato a mettere un pannello fonoassorbente dietro l'unita esterna?

Ciao Framol,penso che con un pannello fonoassorbente non risolverebbe nulla,almeno di non inglobare tutta l unità esterna con pannelli x isolamento acustico molto spessi con lastra di piombo,ma l unità non puo essere rinchiusa naturalmente.
Purtroppo se il rumore/vibrazione si ripercuote anche nelle pareti cosi forte non c è nulla da fare,anche perchè il ronzio prodotto dal compressore è di bassa frequenza,molto dispersiva e difficile da isolare a differenza delle alte frequenze.

fabio_1974
11-08-2008, 18:28
Salve mi chiamo Fabio ed espongo subito il mio problema.
Sei anni fa acquistai 2 condizionatori de longhi a muro da 9000 btu e quindi con gas R22, dopo un paio d'anni di buon funzionamento ho cambiato residenza per motivi di lavoro, e decisi di portarli con me, per poterli istallare nella casa dove sarei andato ad abitare.A distanza di tanto tempo proprio la scorsa settimana li ho fatti istallare,ma purtroppo il loro funzionamento non è piu come quello di una volta. Cosi ho deciso di farli svuotare del gas e ricaricarli.Ma il problema persiste: riescono a partire normalmete, raffreddano pure ma dopo pochi minuti i compressori staccano e gira solo la ventola esterna . A volte invece partono con la sola ventola, dall'unita interna quindi esce solo aria normale e lasciandoli accesi per mezz'ora circa cominciano a rinfrescare le stanze :( ma questo dura solo pochi minuti e il compressore stacca nuovamente .Naturalmente in casa fa caldo, non staccano perchè hanno raggiunto la temperatura , secondo voi da cosa può dipendere?

Framol
11-08-2008, 18:32
Qualche filtro intasasato?

Bassmo
11-08-2008, 18:43
Salve mi chiamo Fabio ed espongo subito il mio problema.
Sei anni fa acquistai 2 condizionatori de longhi a muro da 9000 btu e quindi con gas R22, dopo un paio d'anni di buon funzionamento ho cambiato residenza per motivi di lavoro, e decisi di portarli con me, per poterli istallare nella casa dove sarei andato ad abitare.A distanza di tanto tempo proprio la scorsa settimana li ho fatti istallare,ma purtroppo il loro funzionamento non è piu come quello di una volta. Cosi ho deciso di farli svuotare del gas e ricaricarli.Ma il problema persiste: riescono a partire normalmete, raffreddano pure ma dopo pochi minuti i compressori staccano e gira solo la ventola esterna . A volte invece partono con la sola ventola, dall'unita interna quindi esce solo aria normale e lasciandoli accesi per mezz'ora circa cominciano a rinfrescare le stanze :( ma questo dura solo pochi minuti e il compressore stacca nuovamente .Naturalmente in casa fa caldo, non staccano perchè hanno raggiunto la temperatura , secondo voi da cosa può dipendere?


purtroppo dei de longhi non ho sentito parlare bene...

Comunque una delle cose che non va bene in quanto hai raccontato è quella che ho messo in grassetto. Immagino che allo smontaggio siano rimasti da qualche parte coi tubi aperti per mesi, e questo non va bene. le parti interne della serpentina e del compressore non devono restare esposte all'aria aperta e alla sua umidità. In particolare l'olio usato dentro i climatizzatori per lubrificare le varie parti è un olio lubrificante apposito, che però ha la brutta caratteristica di essere fortemente igroscopico. Ciò significa che lasciato all'aria aperta assorbe l'umidità dell'atmosfera e si degrada fino a dare problemi al compressore.

EDIT: sto leggendo in giro e mi pare di capire che quanto ho detto forse non vale per i climatizzatori con gas R22...comunque penso possa essere un info utile almeno sui nuovi condizionatori, percui la incollo qua:

L'olio poliesterico ha una caratteristica negativa, e una positiva, rispetto a quello minerale tradizionale. Quella negativa è che è fortemente igroscopico, ossia assorbe fortemente l'acqua e, anche con piccole quantità, si degrada; questo fa capire quanto sia pericoloso, in fase di installazione, lasciare tracce d'aria e di umidità nel circuito frigorifero (cioè non eseguire un vuoto spinto); la degradazione si trasforma in grumi di sostanza collosa, che possono ostruire il capillare e alla lunga danneggiare il compressore.