View Full Version : scala mobile....perchè è stata tolta?


serbring
20-10-2009, 00:12
Ragazzi discutiamo della scala mobile, essendo giovane e dal basso della mia ignoranza, mi sembra che fù una bella idea. Mi sapete dire pro e contro di tale sistema? Per quale motivo fù tolto?

blackgnat
20-10-2009, 00:20
tanto per partire:
http://it.wikipedia.org/wiki/Scala_mobile_(economia)

ecchecazz ..aggiungi una parentesi chiusa alla fine del link ( è un bug del forum)

superanima
20-10-2009, 00:21
Ragazzi discutiamo della scala mobile, essendo giovane e dal basso della mia ignoranza, mi sembra che fù una bella idea. Mi sapete dire pro e contro di tale sistema? Per quale motivo fù tolto?

In breve, perché agendo sul tasso di inflazione programmato era di fatto un elemento di pressione sull'inflazione stessa, che gravitava così stabilmente sopra al 15% anno.

Conseguente innalzamento del costo del lavoro che, oltre a provocare la fuga degli investitori stranieri (e italiani), rendeva estremamente difficoltoso esportare i nostri prodotti. Fu una sciagura per la nostra economia.
Non so se l'unica ma abolirla fu sicuramente la più mirabile opera di Craxi.

serbring
20-10-2009, 01:17
In breve, perché agendo sul tasso di inflazione programmato era di fatto un elemento di pressione sull'inflazione stessa, che gravitava così stabilmente sopra al 15% anno.

non l'ho mica capito questo discorso, potresti spiegarmelo in termini più semplici? Grazie

Conseguente innalzamento del costo del lavoro che, oltre a provocare la fuga degli investitori stranieri (e italiani), rendeva estremamente difficoltoso esportare i nostri prodotti. Fu una sciagura per la nostra economia.
Non so se l'unica ma abolirla fu sicuramente la più mirabile opera di Craxi.[/QUOTE]

solamente che ogni due anni ci son sempre problemi di rinnovo dei contratti a causa della riduzione del potere d'acquisto, quindi non sò fino a che punto per noi poveri mortali sia un bene oppure no. Inoltre considera che diverse uscite hanno l'innalzamento annuale per via dell'inflazione, come ad esempio affitti e mutui, ma non le entrate e quindi mi sembra che ci sia qualcosa che cozza. Magari mi sbaglio, sono ignorante in materia

superanima
20-10-2009, 01:34
non l'ho mica capito questo discorso, potresti spiegarmelo in termini più semplici? Grazie

La scala mobile introduceva degli automatismi nell'allineamento degli stipendi alla inflazione, il problema è che lo faceva su un tasso di inflazione che si presumeva, in anticipo. Di fatto quindi era questo meccanismo stesso che faceva leva sull'inflazione innescando in questo modo ogni anno una rincorsa preventiva verso un tasso sempre più elevato.
Bastarono pochi anni per mandare il paese a rotoli, con un tasso di inflazione spaventoso e conseguenti tassi bancari che oggi definiremmo da strozzinaggio.

Per fare un esempio: l'anno prossimo presumiamo che l'inflazione arriverà al 3% e di conseguenza incrementiamo gli stipendi del 3%. Stai tranquillo che - in seguito a questo tasso previsto - l'inflazione arriverà invece al 4%. L'anno prossimo dovrai quindi compensare la differenza e presumerai una inflazione al 4%, peccato che arriverà al 6. E così via.


solamente che ogni due anni ci son sempre problemi di rinnovo dei contratti a causa della riduzione del potere d'acquisto, quindi non sò fino a che punto per noi poveri mortali sia un bene oppure no.
Beh, quell'esperienza ha dimostrato che è un sistema automatico di incremento del potere d'acquisto su calcoli presunti è devastante per chiunque, dipendenti e imprese.

blackgnat
20-10-2009, 01:39
sulla presunta spinta inflazionistica della scala mobile trovi di tutto e di più.
senti per esempio cosa dice questo "tecnico":

" il blocco della scala mobile non puo' aver influito sul rallentamento dei prezzi "
l' accordo dello scorso dicembre tra governo e imprenditori

------------------------- PUBBLICATO ------------------------------ OCCUPAZIONE . I risultati del rapporto Cnel TITOLO: "Il blocco della scala mobile non puo' aver influito sul rallentamento dei prezzi" - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - ROMA . L' accordo dello scorso dicembre tra governo, imprenditori e sindacati "non ha risolto alcun problema". E i ministri, gli industriali e i sindacalisti che attribuiscono a quell' intesa il merito del leggero calo dell' inflazione sbagliano. Per ora, la cancellazione della scala mobile "non c' entra nulla" col rallentamento della corsa dei prezzi. Comunque, se non si fa presto un vero accordo, le ripercussioni sulle condizioni economiche del ' 93 potrebbero essere pesanti. Chi parla e' Renato Brunetta, economista e presidente della commissione informazione del Cnel, quella che sorveglia da vicino l' andamento dell' occupazione, delle retribuzioni, del costo del lavoro. Insieme al presidente del Consiglio nazionale dell' economia e del lavoro Giuseppe De Rita, Brunetta presentera' martedi' la nuova stesura del maxi.rappporto su retribuzioni e contrattazione. "Innanzitutto, quello del 10 dicembre . dice Brunetta . non e' un accordo ma un protocollo d' intesa. In realta' , un' occasione mancata, che ha prodotto piu' problemi che soluzioni, come dimostra il contenzioso sugli scatti di contingenza a maggio". Eppure l' inflazione arretra leggermente. Dal 6,1% di gennaio siamo scesi al 5,6% di marzo. Merito . dicono il ministro del Bilancio Paolo Cirino Pomicino, il segretario della Cisl Sergio D' Antoni e gli imprenditori . proprio dell' intesa che, tra l' altro, ha mandato in soffitta la scala mobile. "Si tratta . osserva Brunetta . di analisi un po' superficiali. Il protocollo se produrra' effetti, lo fara' solo nella seconda parte dell' anno, dopo il mancato pagamento degli scatti. Quanto alla fiscalizzazione degli oneri sociali, che abbassa di un punto il costo del lavoro, si tratta di una misura normalmente adottata da anni. Il controllo di prezzi e tariffe amministrate, infine, era gia' previsto dal documento di programmazione di maggio". Il calo dell' inflazione, quindi, "non e' assolutamente merito di quel cosiddetto accordo". E le prospettive per il ' 93 non sono buone: "Il mancato pagamento della scala mobile quest' anno potra' abbassare ancora di un altro punto, punto e mezzo, il costo del lavoro, e questo e' un bene, ma poi bisognera' pensare a come difendere il potere d' acquisto dei salari e le soluzioni che verranno trovate potrebbero ricaricare l' inflazione". Martedi' , come detto, Brunetta presentera' l' aggiornamento della colossale ricerca svolta un anno fa su "Retribuzioni, costo del lavoro, livelli della contrattazione". Uno studio comparato che suscito' interesse ma anche polemiche, perche' sosteneva che il costo del lavoro non era centrale per risolvere i problemi dell' industria, mentre la colpa sarebbe soprattutto dei servizi. "Gli industriali ci criticarono perche' i nostri dati erano fermi all' 88.89. Adesso in parte li abbiamo aggiornati. Ma gli andamenti di fondo non cambiano". C' e' ancora una dinamica delle retribuzioni e del costo del lavoro superiore a quella dell' inflazione. I dati contenuti nella Relazione del governo sulla situazione del Paese nel ' 91 lo confermano: mentre l' inflazione e' cresciuta del 6,4%, nell' industria le retribuzioni lorde sono salite del 7,5% e il costo del lavoro del 6,9%. E nel ' 92 la forbice non accenna a chiudersi. "Questo pero' . spiega Brunetta . non significa che retribuzioni e costo del lavoro siano, in assoluto, i piu' alti in Europa. C' e' infatti la Germania, dove queste voci hanno ripreso a correre, che ancora ci batte. Significa che e' urgente trovare un buon accordo di politica dei redditi e di riforma delle relazioni industriali". Enrico Marro

Marro Enrico

Pagina 19
(19 aprile 1992) - Corriere della Sera

AntonioBO
20-10-2009, 09:21
Ragazzi discutiamo della scala mobile, essendo giovane e dal basso della mia ignoranza, mi sembra che fù una bella idea. Mi sapete dire pro e contro di tale sistema? Per quale motivo fù tolto?

Perché abbiamo dei sindacati del cass.......

AntonioBO
20-10-2009, 09:24
In breve, perché agendo sul tasso di inflazione programmato era di fatto un elemento di pressione sull'inflazione stessa, che gravitava così stabilmente sopra al 15% anno.

Conseguente innalzamento del costo del lavoro che, oltre a provocare la fuga degli investitori stranieri (e italiani), rendeva estremamente difficoltoso esportare i nostri prodotti. Fu una sciagura per la nostra economia.
Non so se l'unica ma abolirla fu sicuramente la più mirabile opera di Craxi.

Vallo a dire agli stipendiati di oggi ....... era l'unico modo per rapportare gli stipendi al reale costo della vita. certo l'economia bla bla bla... è ora di decidere se contano le persone, la loro vita o altri fattori . No perché se l'economia è migliorata, mi devi spiegare - e anche bene- perché cazzo i dipendenti stanno mooolto peggioooooooo...

pegasoalatp
20-10-2009, 09:48
In breve, perché agendo sul tasso di inflazione programmato era di fatto un elemento di pressione sull'inflazione stessa, che gravitava così stabilmente sopra al 15% anno.

Conseguente innalzamento del costo del lavoro che, oltre a provocare la fuga degli investitori stranieri (e italiani), rendeva estremamente difficoltoso esportare i nostri prodotti. Fu una sciagura per la nostra economia.
Non so se l'unica ma abolirla fu sicuramente la più mirabile opera di Craxi.

Vero.
Inoltre, e' nato in quel periodo il "popolo del Bot" perche' con quell' inflazione, i tassi di rendimento erano molto elevati. Si aveva un paradosso economico: il singolo italiano con un piccolo capitale in BOT si arricchiva, ma il debito pubblico italiano schizzava in alto ogni anno di piu'.
Era chiaro che alla lunga sarebbe stato insostenibile e che quindi questa spirale doveva essere fermata in qualche modo.
P.S. la scala mobile e' stata abolita tramite referendum

pegasoalatp
20-10-2009, 09:52
Perché abbiamo dei sindacati del cass.......

c'e' stato un referendum popolare che ha abrogato la scala mobile.
Se ricordo bene, tutti i sindacati all' epoca si opponevano alla abrogazione, ma gli italiani sono stati di parere diverso.

Balthasar85
20-10-2009, 10:51
Vallo a dire agli stipendiati di oggi ....... era l'unico modo per rapportare gli stipendi al reale costo della vita. certo l'economia bla bla bla... è ora di decidere se contano le persone, la loro vita o altri fattori . No perché se l'economia è migliorata, mi devi spiegare - e anche bene- perché cazzo i dipendenti stanno mooolto peggioooooooo...
Io non mi metto a parlare di fisica nucleare senza saper un'H di fisica nucleare.
Quel che hai detto equivale a quel che faceva la Chiesa qualche centone di anni fa dicendo che la Terra fosse piatta arrivando a questa conclusione perché non possedeva i mezzi adatti per capire la realtà.

Ti consiglio di studiarti le basi dell'economia per aver una vaga idea di come funziona il mondo dell'economia. A prescindere da ciò fidati, se ci fosse la scala mobile staremmo molto ma molto peggio, forse no il primo anno ma quelli successivi staremmo peggio, molto peggio (al livello di un dopoguerra).


P.S.
Queste affermazioni son a livello di quelle che fece un mio amico di ragioneria (aggravante): "la soluzione per la crisi è far stampare più soldi dal conio" :doh: .


CIAWA

Wee-Max
20-10-2009, 10:56
io non ci capisco nulla di ste cose, però all'epoca la prof di diritto aveva detto che la scala mobile era un circolo vizioso che avrebbe mandato in malora lo stato (non che adesso siamo messi meglio...:rolleyes: ) era giusta questa interpretazione?

Amsirak
20-10-2009, 10:58
A quanto ho capito il solo fatto di aumentare l'offerta di moneta creava inflazione, nullificando i benefici della scala mobile. Giusto?

ALBIZZIE
20-10-2009, 11:02
La scala mobile introduceva degli automatismi nell'allineamento degli stipendi alla inflazione, il problema è che lo faceva su un tasso di inflazione che si presumeva, in anticipo. Di fatto quindi era questo meccanismo stesso che faceva leva sull'inflazione innescando in questo modo ogni anno una rincorsa preventiva verso un tasso sempre più elevato.
Bastarono pochi anni per mandare il paese a rotoli, con un tasso di inflazione spaventoso e conseguenti tassi bancari che oggi definiremmo da strozzinaggio.

Per fare un esempio: l'anno prossimo presumiamo che l'inflazione arriverà al 3% e di conseguenza incrementiamo gli stipendi del 3%. Stai tranquillo che - in seguito a questo tasso previsto - l'inflazione arriverà invece al 4%. L'anno prossimo dovrai quindi compensare la differenza e presumerai una inflazione al 4%, peccato che arriverà al 6. E così via.


se fosse solo così, basterebbe adeguare gli stipendi con un anno di ritardo, cioè con inflazione consuntivata.

sempre meglio dell'adeguamento contrattuale sull'inflazione programmata come accade oggi.

gbhu
20-10-2009, 11:03
Vallo a dire agli stipendiati di oggi ....... era l'unico modo per rapportare gli stipendi al reale costo della vita.
Io non sono esperto di economia, ma mi pareva di aver letto che quasi tutti gli economisti concordano sul fatto che il meccanismo della scala mobile nel modo in cui era implementato causava inflazione, in quanto si pretendeva con un mero atto contabile di compensare l'andamento di un sistema economico, quasi come l'introduzione di un cambio forzato tra le monete che non sia il risultato del rapporto di forza economica tra le nazioni.
Cioè se il sistema ecomico perde terreno, degrada, e di conseguenza il potere di acquisto diminuisce, tentare di aumentarlo con un artificio contabile forzando gli stipendi verso l'alto non risolve il problema. E' quasi come ordinare alla zecca di stampare delle banconote in più e regalarle alla gente.
In effetti l'economia è una disciplina complessa e ci vorrebbe un tecnico del settore per spiegare bene.

ALBIZZIE
20-10-2009, 11:04
A quanto ho capito il solo fatto di aumentare l'offerta di moneta creava inflazione, nullificando i benefici della scala mobile. Giusto?

il link su qualcosa da leggere, lo hanno messo:

Nel dibattito di quel periodo i detrattori del sistema sostenevano che la scala mobile fosse causa d'inflazione, oltreché una misura di questo fenomeno che avrebbe dovuto mantenere inalterato il potere di acquisto dei lavoratori e il loro salario reale. L'aumento salariale non comportava una variazione della base monetaria, ma una riduzione dell'utile delle imprese, che veniva redistribuito ai lavoratori: diversi economisti, come quelli che si riconducono alla scuola monetarista austriaca di von Mises, ritengono che l'aumento dei prezzi dipenda unicamente da un aumento dell'offerta di moneta, e di conseguenza escludono un legame scala mobile-inflazione.

prio
20-10-2009, 11:08
Nel dibattito di quel periodo i detrattori del sistema sostenevano che la scala mobile fosse causa d'inflazione, oltreché una misura di questo fenomeno che avrebbe dovuto mantenere inalterato il potere di acquisto dei lavoratori e il loro salario reale. L'aumento salariale non comportava una variazione della base monetaria, ma una riduzione dell'utile delle imprese, che veniva redistribuito ai lavoratori: diversi economisti, come quelli che si riconducono alla scuola monetarista austriaca di von Mises, ritengono che l'aumento dei prezzi dipenda unicamente da un aumento dell'offerta di moneta, e di conseguenza escludono un legame scala mobile-inflazione.

Io economista non sono, ma l'idea che per rimediare alla riduzione di utile le imprese alzassero i prezzi mi sfiora, eh...

mixkey
20-10-2009, 11:15
Perché abbiamo dei sindacati del cass.......

La ha tolta la maggioranza degli italiani in un referendum.

Zenstation
20-10-2009, 11:18
Non so se l'unica ma abolirla fu sicuramente la più mirabile opera di Craxi.
Certo, infatti è passato alla storia per questo!!
:muro:

mixkey
20-10-2009, 11:21
Certo, infatti è passato alla storia per questo!!
:muro:

Per essere precisi Craxi la tolse, la CGIL ed il PCI raccolsero le firme per un referendum abrogativo che non passo'.

ALBIZZIE
20-10-2009, 11:26
Per essere precisi Craxi la tolse, la CGIL ed il PCI raccolsero le firme per un referendum abrogativo che non passo'.

in effetti, sempre dal link di wikipedia:

Il 14 febbraio 1984 un decreto del Governo Craxi taglia 4 punti percentuale della Scala Mobile, convertendo un accordo delle associazioni imprenditoriali con Cisl e Uil. Al decreto farà seguito la conversione nella legge 219 del 12 giugno 1984.

Il 9 & 10 giugno 1985 si svolge il referendum abrogativo, promosso dal solo PCI di Enrico Berlinguer, della norma che comporta un taglio di quattro punti della scala mobile. Affluenza alle urne del 77,9%.


ed inoltre:
Dagli anni 2000, l'indennità di contingenza è confluita in un'unica voce retributiva, insieme al salario base previsto dai contratti nazionali per ogni livello di inquadramento. L'indennità è aggiornata, come minimo, a cadenza annuale. Invece, la scala mobile, indennità di contingenza, aggiornata ogni mese con l'inflazione corrente, è rimasta invariata per alcune categorie quali politici, magistrati, giornalisti, con reddito maggiore di 5 volte la pensione sociale INPS.

xcdegasp
20-10-2009, 11:41
Io non sono esperto di economia, ma mi pareva di aver letto che quasi tutti gli economisti concordano sul fatto che il meccanismo della scala mobile nel modo in cui era implementato causava inflazione, in quanto si pretendeva con un mero atto contabile di compensare l'andamento di un sistema economico, quasi come l'introduzione di un cambio forzato tra le monete che non sia il risultato del rapporto di forza economica tra le nazioni.
Cioè se il sistema ecomico perde terreno, degrada, e di conseguenza il potere di acquisto diminuisce, tentare di aumentarlo con un artificio contabile forzando gli stipendi verso l'alto non risolve il problema. E' quasi come ordinare alla zecca di stampare delle banconote in più e regalarle alla gente.
In effetti l'economia è una disciplina complessa e ci vorrebbe un tecnico del settore per spiegare bene.

il tutto sta in che campana vuoi che suoni la bella musica, quella pro aziendale è quella che tende al ribasso i benefici economici ai propri dipendenti "forza lavoro" quelli che storicamente erano i braccianti, rafforzando economicamente al tempo stesso i reparti dririgenziali.
è quella che è attualmente in vigore.

se vuoi che l'economia giri realmente e si risollevi va innescata dai piani bassi (più popolosi) e invertire così il processo di economizzazione fino a ottenere un reale equilibrio tra le parti. Del resto applicare modelli di sviluppo incentrati solo sul consumismo farà si che ogni debolezza economica porti ad una crisi marcatissima, quella attuale se non verrà contrastata sarà di proporzioni devastanti e assimilabile ad un vortice che risucchia..

Questo è quello che appare ai miei occhi, non sono pratico di economia, ma quello che so' è che la matematica non è un opinione e se possiedi 10 non puoi spendere 100 nonostante gli incentivi fiscali statali, e prestiti finanziari (pignoramento in caso d'insolvenza). Ed aggiungo che se i capitali piano piano vanno all'estero, metti anche a causa di acquisizioni e ope, poi lo stesso Stato non ha entrateinquanto deve far fronte alle varie casseintegrazioni, alle mancanza di riscossione di imposte dirette (poche vendite) e alla mancanza di introiti da imposte indirette (730).

queste sono solo miei personali considerazioni.. :boh:

Zenstation
20-10-2009, 11:51
Dagli anni 2000, l'indennità di contingenza è confluita in un'unica voce retributiva, insieme al salario base previsto dai contratti nazionali per ogni livello di inquadramento. L'indennità è aggiornata, come minimo, a cadenza annuale. Invece, la scala mobile, indennità di contingenza, aggiornata ogni mese con l'inflazione corrente, è rimasta invariata per alcune categorie quali politici, magistrati, giornalisti, con reddito maggiore di 5 volte la pensione sociale INPS.

Da notare che l'hanno tolta ai lavoratori dipendenti, ma se la sono lasciata per loro!!
:read:
Chissà come mai?

Proteus
20-10-2009, 11:58
c'e' stato un referendum popolare che ha abrogato la scala mobile.
Se ricordo bene, tutti i sindacati all' epoca si opponevano alla abrogazione, ma gli italiani sono stati di parere diverso.

Vero. Andrebbe anche aggiunto, col senno di poi, che forse abolirla non è stata un'idea buona, forse era meglio rivederne i meccanismi e rivedere il paniere sul quale veniva calcolata.

I sindacati si opposero blandamente perchè speravano di acquisire un peso maggiore con la contrattazione. Purtroppo le evoluzioni dell'economia li hanno miseramente bocciati e lo dico a malincuore perchè, dopotutto, sono sempre un lavoratore dipendente iscritto al sindacato..

Proteus
20-10-2009, 11:58
Da notare che l'hanno tolta ai lavoratori dipendenti, ma se la sono lasciata per loro!!
:read:
Chissà come mai?

Che ti aspettavi ?.

AntonioBO
20-10-2009, 12:05
c'e' stato un referendum popolare che ha abrogato la scala mobile.
Se ricordo bene, tutti i sindacati all' epoca si opponevano alla abrogazione, ma gli italiani sono stati di parere diverso.

Assolutamente no, i sindacati erano d'accordo .

superkoala
20-10-2009, 12:14
Mah...
:rolleyes:

mixkey
20-10-2009, 12:20
Assolutamente no, i sindacati erano d'accordo .

All'interno della CGIL ci fu una spaccatura tra socialisti e comunisti. Molti sindacalisti socialisti passarono alla UIL.

Gli unici d'accordo erano i comunisti. Adesso gli stipendi sono bassi e si va a piangere dalla lega.

ALBIZZIE
20-10-2009, 12:25
Assolutamente no, i sindacati erano d'accordo .

cisl e uil si. cgil no

AntonioBO
20-10-2009, 12:28
cisl e uil si. cgil no

la CIGIL fece solo un'opposizione di facciata. In realtà ci fu la collaborazione di tutti per metterlo in quel posto -strano....- ai lavoratori. Con la scusa dell'inflazione, si fece un regalo enorme agli imprenditori e se ci fate caso, è da quel momento che comincia l'inevitabile caduta del potere d'acquisto dei lavoratori dipendendenti e il loro impoverimento e comincia un ulteriore arricchimento -con conseguente sperequazione sociale- dei lavoratori autonomi ed imprenditori (commercianti, artigiani ecc...)

AleLinuxBSD
20-10-2009, 15:16
Ragazzi discutiamo della scala mobile, essendo giovane e dal basso della mia ignoranza, mi sembra che fù una bella idea. Mi sapete dire pro e contro di tale sistema? Per quale motivo fù tolto?

Pro:
teoricamente "compensare" (almeno in una certa misura) della perdita del valore reale monetaria dovuto all'inflazione

Contro:
sapendo che ci sarebbe stata questa compensazione venivano aumentati i prezzi degli oggetti quindi, questo "aumento", nei fatti veniva vanificato (almeno nei redditti bassi che sono quelli tipici della maggioranza degli italiani ...).

Bertinotti, in una trasmissione televisiva, diverso tempo fà, aveva accennato ad un ripristino della scala mobile in chiave moderna, però è passato molto tempo, non ricordo molto bene.

Chiaramente non né è stato fatto niente, neanche una minima discussione, perché solo menzionare la parola scala mobile viene equiparato a bestemmiare.

Non ho idea se un suo ripristino, in forma aggiornata, potrebbe essere efficace, e di certo ci sono molti altri problemi che si sono sviluppati a dismisura ed all'epoca erano sconosciuti - di conseguenza, ovviamente, non sarebbero risolti puntato a questo strumento - tipo il lasciare totalmente allo sbando milioni di noi giovani (con il precariato, oppure senza lavoro), ma pensare un'insieme di mezzi diversi a favore di chi è usualmente trattato a pesci in faccia (indipendentemente dal titolo di studio o posizione rivestita nel lavoro), non farebbe male.

Wee-Max
20-10-2009, 16:48
la CIGIL fece solo un'opposizione di facciata. In realtà ci fu la collaborazione di tutti per metterlo in quel posto -strano....- ai lavoratori. Con la scusa dell'inflazione, si fece un regalo enorme agli imprenditori e se ci fate caso, è da quel momento che comincia l'inevitabile caduta del potere d'acquisto dei lavoratori dipendendenti e il loro impoverimento e comincia un ulteriore arricchimento -con conseguente sperequazione sociale- dei lavoratori autonomi ed imprenditori (commercianti, artigiani ecc...)

un classico insomma :sofico:

nomeutente
20-10-2009, 17:34
In breve, perché agendo sul tasso di inflazione programmato era di fatto un elemento di pressione sull'inflazione stessa, che gravitava così stabilmente sopra al 15% anno.


L'inflazione comincia a salire nel 1973 e comincia a scendere nel 1983. Non c'è un riscontro immediato con l'introduzione/abrogazione della scala mobile e ridurre tutto il discorso a questa variabile è abbastanza riduttivo, posto che negli anni 70 la banca d'Italia stampava lire a manetta.
C'è inoltre da considerare che due anni veramente pesanti sono stati il 1973 (inflazione che passa da 5 al 10%) e il 1980 (inflazione che passa dal 16 al 21%).
Pensando al 1973 e al 1979 la prima cosa che viene in mente a me sono le crisi petrolifere, non certo la scala mobile.

Pancho Villa
20-10-2009, 17:45
In breve, perché agendo sul tasso di inflazione programmato era di fatto un elemento di pressione sull'inflazione stessa, che gravitava così stabilmente sopra al 15% anno.

Conseguente innalzamento del costo del lavoro che, oltre a provocare la fuga degli investitori stranieri (e italiani), rendeva estremamente difficoltoso esportare i nostri prodotti. Fu una sciagura per la nostra economia.
Non so se l'unica ma abolirla fu sicuramente la più mirabile opera di Craxi.

Ottima spiegazione.

Pancho Villa
20-10-2009, 17:48
Vallo a dire agli stipendiati di oggi ....... era l'unico modo per rapportare gli stipendi al reale costo della vita. certo l'economia bla bla bla... è ora di decidere se contano le persone, la loro vita o altri fattori . No perché se l'economia è migliorata, mi devi spiegare - e anche bene- perché cazzo i dipendenti stanno mooolto peggioooooooo...

la CIGIL fece solo un'opposizione di facciata. In realtà ci fu la collaborazione di tutti per metterlo in quel posto -strano....- ai lavoratori. Con la scusa dell'inflazione, si fece un regalo enorme agli imprenditori e se ci fate caso, è da quel momento che comincia l'inevitabile caduta del potere d'acquisto dei lavoratori dipendendenti e il loro impoverimento e comincia un ulteriore arricchimento -con conseguente sperequazione sociale- dei lavoratori autonomi ed imprenditori (commercianti, artigiani ecc...)

Si stava meglio quando si stava peggio. :asd:

-kurgan-
20-10-2009, 18:53
Ragazzi discutiamo della scala mobile, essendo giovane e dal basso della mia ignoranza, mi sembra che fù una bella idea. Mi sapete dire pro e contro di tale sistema? Per quale motivo fù tolto?

perchè faceva aumentare l'inflazione.
quindi si decise di non far salire l'inflazione mettendola nel didietro ai lavoratori dipendenti: così ora quando il costo della vita aumenta, l'aumento dei salari non è automatico ma va contrattato (leggi: -> i salari non aumentano, il dipendente la prende nel fondoschiena senza vaselina).
l'inflazione non aumenta più come prima, eh.. funziona!

AntonioBO
20-10-2009, 19:04
Si stava meglio quando si stava peggio. :asd:

Non è questo è che con la scusa della modernità, lo cacciano nei punti oscuri corporei dei dipendenti con un effetto fisting allucinante.... E' moderno ciò che migliora la vita della collettività, ciò che fa stare meglio e non ciò che peggiora la qualità della vita. La cd. flessibilità -propagandata come modernità- è un obbrobrio culturale ed ora anche Tremonti se ne accorge.... anche se sulla sincerità dell'opportuna affermazione credo poco.

lupotto
20-10-2009, 21:22
perchè faceva aumentare l'inflazione.
quindi si decise di non far salire l'inflazione mettendola nel didietro ai lavoratori dipendenti: così ora quando il costo della vita aumenta, l'aumento dei salari non è automatico ma va contrattato (leggi: -> i salari non aumentano, il dipendente la prende nel fondoschiena senza vaselina).
l'inflazione non aumenta più come prima, eh.. funziona!

Quoto

Matteo Trenti
20-10-2009, 21:56
Io me ne intendo parecchio di economia

ma non sapevo avessero abolito la scala mobile domenica sono andato al Centro Commerciale e c'erano addirittura 4... :confused: :rolleyes: :muro: :D

blamecanada
23-10-2009, 22:15
Io economista non sono, ma l'idea che per rimediare alla riduzione di utile le imprese alzassero i prezzi mi sfiora, eh...
Questo può essere valido se le imprese vendessero soltanto in Italia.
In ogni caso alcuni economisti sostengono che non causi affatto inflazione.
Ed anche qualora la causi bisogna vedere se l'inflazione che causa è minore o maggiore dell'aumento del potere d'acquisto.

In ogni caso la correlazione tra scala mobile e inflazione in Italia non è affatto cosí pacifica, anzi, guardando i dati si notava che l'inflazione era molto alta già prima dell'introduzione della scala mobile, e che dopo la sua abolizione è rimasta alta per un po'.

Semmai causa d'inflazione era l'emissione di moneta da parte dello Stato, quello sí causa inflazione...

alphacygni
23-10-2009, 23:31
C'è inoltre da considerare che due anni veramente pesanti sono stati il 1973 (inflazione che passa da 5 al 10%) e il 1980 (inflazione che passa dal 16 al 21%).

Ti sei dimenticato il 2002...


Cmq quando ero piccolo sentivo tutte queste discussioni al tg, di questi che davano contro alla scala mobile, che volevano abolirla ecc. ecc... e mi chiedevo "ma che avra' mai di cosi' terribile? eppure e' tanto comoda...", e gia' mi vedevo costretto a farmi a piedi non so quanti gradini ogni volta...:D

Quetzal
25-10-2009, 01:45
"ma che avra' mai di cosi' terribile? eppure e' tanto comoda...", e gia' mi vedevo costretto a farmi a piedi non so quanti gradini ogni volta...:D

Eh, mi sa che questo ragionamento lo hanno fatto tanti che sono intervenuti in questo thread.
Mi riferisco a quelli che blaterano di referendum o di de/merito di Craxi.

Signori, capisco che siete ggiovani e nel 1993 succhiavate ancora il latte dalla tetta, ma raramente ho letto in sole tre pagine tante corbellerie diverse dalla realtà.

La scala mobile NON VENNE ABOLITA PER REFERENDUM.
Il referendum del 1985, promosso dal solo PCI, non riguardava l' abolizione della scala mobile, ma la reintroduzione di una quota del 4%, tagliata (questa si') da Craxi l' anno precedente.
La scala mobile FU SOPPRESSA COMPLETAMENTE, CON PROTOCOLLO TRA GOVERNO E SINDACATI nel 1992, sotto il governo AMATO.


Le opinioni le rispetto, ma sappiate che in questo thread avete stuprato la storia.

AntonioBO
25-10-2009, 09:33
Eh, mi sa che questo ragionamento lo hanno fatto tanti che sono intervenuti in questo thread.
Mi riferisco a quelli che blaterano di referendum o di de/merito di Craxi.

Signori, capisco che siete ggiovani e nel 1993 succhiavate ancora il latte dalla tetta, ma raramente ho letto in sole tre pagine tante corbellerie diverse dalla realtà.

La scala mobile NON VENNE ABOLITA PER REFERENDUM.
Il referendum del 1985, promosso dal solo PCI, non riguardava l' abolizione della scala mobile, ma la reintroduzione di una quota del 4%, tagliata (questa si') da Craxi l' anno precedente.
La scala mobile FU SOPPRESSA COMPLETAMENTE, CON PROTOCOLLO TRA GOVERNO E SINDACATI nel 1992, sotto il governo AMATO.


Le opinioni le rispetto, ma sappiate che in questo thread avete stuprato la storia.

Ma difatti ricordo bene anche se ancora ero giovane che fu la più clamorosa calata di braghe (poi ci siamo abituati) di questi cadaveri che chiamiamo sindacati.

-kurgan-
25-10-2009, 14:07
sodomizzati e contenti, questi sono diventati gli italiani.

mixkey
25-10-2009, 14:32
Eh, mi sa che questo ragionamento lo hanno fatto tanti che sono intervenuti in questo thread.
Mi riferisco a quelli che blaterano di referendum o di de/merito di Craxi.

Signori, capisco che siete ggiovani e nel 1993 succhiavate ancora il latte dalla tetta, ma raramente ho letto in sole tre pagine tante corbellerie diverse dalla realtà.

La scala mobile NON VENNE ABOLITA PER REFERENDUM.
Il referendum del 1985, promosso dal solo PCI, non riguardava l' abolizione della scala mobile, ma la reintroduzione di una quota del 4%, tagliata (questa si') da Craxi l' anno precedente.
La scala mobile FU SOPPRESSA COMPLETAMENTE, CON PROTOCOLLO TRA GOVERNO E SINDACATI nel 1992, sotto il governo AMATO.


Le opinioni le rispetto, ma sappiate che in questo thread avete stuprato la storia.

Vero.
Non sono giovane ma evidentemente la memoria comincia a farmi brutti scherzi.
Ricordo che all'epoca del referendum il PCI veniva attaccatto dicendo che non valeva la pena affannarsi per una cifra tutto sommato piccola ed i dirigenti comunisti replicavano che quel 4% sarebbe stato il primo passo per togliere del tutto la scala mobile.
E a proposito di scarsa memoria i comunisti avevano dimenticato che all'epoca della solidarieta' nazionale approvarono l'abrogazione della contingenza sulle liquidazioni, atto che contribui' alla perdita del 4% (ancora questo numero?) alle politiche successive che fu l'inisco del declino del PCI.