View Full Version : Dopo quanti anni una moto diventa "storica" e non paga il bollo???


markus_81
06-04-2007, 10:56
Dopo quanti anni una moto diventa "storica" e non paga il bollo???
Perchè su una moto del 75 è arrivata la multa per un bollo del 2005 non pagato...possibile che siano 30 anni? per le macchine mi sembra sia meno:stordita:
:help:

Harvester
06-04-2007, 11:06
Dopo quanti anni una moto diventa "storica" e non paga il bollo???
Perchè su una moto del 75 è arrivata la multa per un bollo del 2005 non pagato...possibile che siano 30 anni? per le macchine mi sembra sia meno:stordita:
:help:

dopo 20 anni....ma il bollo lo paga lo stesso. ;)

paghi solo un importo simbolico (inferiore al normale).........ma per pagare di meno il modello deve essere nelle liste delle moto storiche (basta vedere nel sito FMI) e la moto deve essere registrata come moto storica (l'iter lo trovi sullo stesso sito).

ciao

markus_81
06-04-2007, 11:10
se non è iscritta a niente quindi il bollo lo deve sempre pagare????:stordita:

Harvester
06-04-2007, 11:12
se non è iscritta a niente quindi il bollo lo deve sempre pagare????:stordita:

si, e ti ripeto che lo devi pagare anche dopo......non è che non si paga più

markus_81
06-04-2007, 11:15
quindi anche nel limite dei 30 anni è sottointesa sempre l'iscrizione come moto storica?:confused:

Harvester
06-04-2007, 11:21
quindi anche nel limite dei 30 anni è sottointesa sempre l'iscrizione come moto storica?:confused:

si, devi iscriverla al registro.....e per farlo devi essere iscritto ad un motoclub e fare tutto l'iter. ci vogliono 2 o 3 mesi.

il limite è stato abbassato da 30 a 20 anni. in pratica non paghi il bollo ma paghi per farla stare nel registro delle moto storiche.

Harvester
06-04-2007, 11:22
informati qui: http://www.federmoto.it/Home/Motodepoca/tabid/54/Default.aspx

oppure vai in un qualsiasi motoclub



p.s. che moto è?

markus_81
06-04-2007, 11:23
Leggendo la legge, mi sembrava di aver czpito che l'iscrizione servisse per far abbassare il limite da 30 a 20, dopo i 30 però sembra sia automatico:stordita: :mc:



Con l'articolo 63 della legge 342/00 del 21/XI/2000 recante "Misure in materia fiscale", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25/XI/2000 è stata disposta l'abolizione della tassa di proprietà per i motoveicoli che abbiano compiuto 30 anni di età. Quelli che ne hanno compiuti 20 invece, potranno esserne dispensati solo se saranno presenti in un elenco redatto dalla Federazione Motociclistica Italiana (e dall'ASI) che ne accerti i requisiti "di interesse storico e collezionistico". Al posto della tassa di proprietà è stata istituita una tassa di circolazione di 20.000 lire che dovrà essere versata soltanto se il motoveicolo circola sulla pubblica strada. Se invece il motoveicolo rimane parcheggiato in garage per l'intero anno, nessuna tassa dovrà essere pagata. La FMI, attraverso l'istituzione di un Comitato Tecnico Moto d'Epoca, sta lavorando alla redazione dell'elenco dei veicoli di interesse storico e collezionistico, di età compresa tra i venti e i trenta anni, iscritti al proprio Registro Storico Nazionale, che potranno accedere all'esenzione dalla tassa di proprietà. Una circolare del Ministero delle Finanze ha chiarito che la tassa di circolazione deve essere pagata con conto corrente postale, oppure nelle tabaccherie o nelle agenzie di pratiche auto abilitate, proprio come avveniva per il pagamento del bollo. Sulla causale va scritto "esente dal pagamento della tassa di proprietà, ex art. 63 legge 342/2000". Per quanto riguarda i motoveicoli che hanno compiuto 30 anni di età, la FMI, tramite il proprio Registro Storico Nazionale, è orientata a fornire ai singoli mezzi che ne facciano richiesta, una certificazione comprovante, ove possibile, l'anno di costruzione del mezzo.

Harvester
06-04-2007, 11:25
Leggendo la legge, mi sembrava di aver czpito che l'iscrizione servisse per far abbassare il limite da 30 a 20, dopo i 30 però sembra sia automatico:stordita: :mc:



Con l'articolo 63 della legge 342/00 del 21/XI/2000 recante "Misure in materia fiscale", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25/XI/2000 è stata disposta l'abolizione della tassa di proprietà per i motoveicoli che abbiano compiuto 30 anni di età. Quelli che ne hanno compiuti 20 invece, potranno esserne dispensati solo se saranno presenti in un elenco redatto dalla Federazione Motociclistica Italiana (e dall'ASI) che ne accerti i requisiti "di interesse storico e collezionistico". Al posto della tassa di proprietà è stata istituita una tassa di circolazione di 20.000 lire che dovrà essere versata soltanto se il motoveicolo circola sulla pubblica strada. Se invece il motoveicolo rimane parcheggiato in garage per l'intero anno, nessuna tassa dovrà essere pagata. La FMI, attraverso l'istituzione di un Comitato Tecnico Moto d'Epoca, sta lavorando alla redazione dell'elenco dei veicoli di interesse storico e collezionistico, di età compresa tra i venti e i trenta anni, iscritti al proprio Registro Storico Nazionale, che potranno accedere all'esenzione dalla tassa di proprietà. Una circolare del Ministero delle Finanze ha chiarito che la tassa di circolazione deve essere pagata con conto corrente postale, oppure nelle tabaccherie o nelle agenzie di pratiche auto abilitate, proprio come avveniva per il pagamento del bollo. Sulla causale va scritto "esente dal pagamento della tassa di proprietà, ex art. 63 legge 342/2000". Per quanto riguarda i motoveicoli che hanno compiuto 30 anni di età, la FMI, tramite il proprio Registro Storico Nazionale, è orientata a fornire ai singoli mezzi che ne facciano richiesta, una certificazione comprovante, ove possibile, l'anno di costruzione del mezzo.

è stata modificata

markus_81
06-04-2007, 11:29
quindi arriveranno le multe per anche per gli anni successivi al 2005??:stordita:

Harvester
06-04-2007, 11:34
quindi arriveranno le multe per anche per gli anni successivi al 2005??:stordita:

il fatto è che dopo 30 anni (non so se però ci deve essere la iscrizione all'ASI) la tassa di possesso si trasforma in bollo di circolazione....quindi da pagare solo se circoli.

vai nella sezione moto d'epoca e vedi meglio. io non me lo ricordo

markus_81
06-04-2007, 11:36
è come hai appena detto:

http://www.federmoto.it/Portals/0/Repository/Documenti/Regolamenti/Regolamento%20MotoEpoca07%20aggiornato.73fa7a06-ec26-4527-8542-d90eff53d83a.pdf

kikki2
06-04-2007, 17:19
Fonte agenzia delle entrate


Veicoli con almeno 30 anni

Sono esenti dalla tassa automobilistica i veicoli (autovetture, motoveicoli, eccetera) costruiti da almeno trent’anni, senza che sia necessario il possesso di particolari requisiti (per la Lombardia si veda il paragrafo successivo). Il beneficio spetta automaticamente, senza che sia necessario presentare una domanda apposita. Per verificare se si ha diritto al beneficio, fa fede la data di immatricolazione risultante dal “libretto” di circolazione. Se però il contribuente è in possesso di documentazione idonea che attesti una data di costruzione anteriore a quella di immatricolazione, fa fede ai fini dell'agevolazione la data di costruzione. Se i veicoli in questione sono messi in circolazione su strade pubbliche, essi sono tenuti al pagamento di una tassa forfetaria dovuta in misura fissa a titolo di tassa di circolazione (indipendentemente dalla potenza del motore). Il pagamento può effettuarsi, senza sanzioni, in qualsiasi mese dell’anno, purché anteriormente alla messa in circolazione del veicolo su strade pubbliche. Questo regime agevolato non si applica ai veicoli “ad uso professionale”. Sono da considerare tali, ad esempio, quelli adibiti al servizio pubblico da piazza, a noleggio da rimessa o a scuola guida.La tassa annuale è pari a:

per i motoveicoli

* € 10,33 su tutto il territorio nazionale
* € 11,36 per il Veneto, la Calabria, la Campania e l’Abruzzo
* € 11,15 per le Marche
* € 11,05 per il Molise
* € 20,00 per la Puglia e il Piemonte
Auto e moto con + di 20 anni ma meno di 30

I benefici indicati per i veicoli "anziani" nel paragrafo precedente si applicano con le stesse modalità nei riguardi dei veicoli che abbiano compiuto vent’anni e che abbiano i requisiti per essere considerati di particolare interesse storico e collezionistico. Si considerano tali i veicoli costruiti specificamente per le competizioni, quelli costruiti a scopo di ricerca tecnica o estetica, anche in vista di partecipazione ad esposizioni o mostre, ed infine i veicoli che rivestono un particolare interesse storico o collezionistico in ragione del loro rilievo industriale, sportivo, estetico o di costume. A differenza dei veicoli con almeno 30 anni, il beneficio in questo caso non spetta automaticamente, ma solo se vi è stata, da parte dell’apposito Ente associativo riconosciuto dalla legge (ASI - Automotoclub Storico Italiano), la preventiva determinazione che individui quali sono i veicoli di particolare interesse storico e collezionistico. I motoveicoli possono essere individuati anche dalla FMI (Federazione Motociclistica Italiana).Se i veicoli in questione sono messi in circolazione su strade pubbliche, essi sono tenuti al pagamento di una tassa forfetaria dovuta in misura fissa (indipendentemente dalla potenza del motore) a titolo di tassa di circolazione. Il pagamento può effettuarsi, senza sanzioni, in qualsiasi mese dell’anno, purché anteriormente alla messa in circolazione del veicolo su strade pubbliche.
Per i veicoli “ultraventennali” appartenenti a soggetti residenti in Toscana o in Lombardia, la tassa forfetaria annuale è dovuta ugualmente anche per i veicoli non circolanti. In Lombardia, inoltre, la riduzione è subordinata all’osservanza di particolari condizioni (articolo 48 legge regionale n. 10 del 14 luglio 2003) e valgono regole speciali per la scadenza di pagamento. Nel settore delle auto e delle moto storiche le singole Regioni potrebbero seguire prassi difformi.

La tassa annuale è pari a:

per i motoveicoli

* € 10,33 su tutto il territorio nazionale
* € 11,36 per il Veneto, la Calabria, la Campania e l’Abruzzo
* € 11,15 per le Marche
* € 11,05 per il Molise
* € 20,00 per il Piemonte, la Puglia e la Lombardia
* € 25,00 per la Toscana