Come ottenere i 500 Euro di Bonus per i diciottenni - ecco tutto quello che serve sapere

Come ottenere i 500 Euro di Bonus per i diciottenni - ecco tutto quello che serve sapere

Parte, pur con ritardo, il bonus di 500 Euro offerto dal Governo per i nati nel 1998; ecco come muoversi fra siti, app e trafile burocratiche, al fine di rendere l'operazione più semplice per gli aventi diritto

di Alessandro Bordin pubblicato il nel canale Web
 

500 Euro a scalare per ognuno dei 575.000 ragazzi aventi diritto

Pur con ritardo, parte l'iniziativa del Governo destinata ai diciottenni, ai quali viene offerto un bonus di 500 Euro da spendere in buoni per cinema, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza. Partiamo dai concetti base, per poi capire come muoversi nella trafila burocratica, facendo chiarezza anche su punti non chiari a tutti.

Chi ne ha diritto: tutti i ragazzi che compiono il diciottesimo anno di età dal primo gennaio 2016 al 31 dicembre 2016.

Limiti: I ragazzi hanno tempo fino al 31 gennaio 2017 per registrarsi e fino al 31 dicembre 2017 per spendere il Bonus Cultura.

1. Non vengono dati 500 Euro in contanti, ma si tratta di un buono a scalare (come se fosse una ricarica telefonica). Il vantaggio è che non si anticipano soldi che poi verranno rimborsati (come è accaduto per il bonus insegnanti per l'acquisto di materiale informatico).

2. Per ottenere i buoni si passa per il sito https://www.18app.italia.it/ e/o dalla rispettiva app e solo da questi

3. Per accedere a sito e app, occorre dotarsi di un proprio e univoco SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale, che serve inoltre ad accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un'unica Identità Digitale (username e password) utilizzabile da computer, tablet e smartphone).

Seguendo quindi un ordine cronologico delle operazioni da effettuare per godere dei 500 Euro, occorre per prima cosa dotarsi di SPID, seconda cosa registrarsi sul sito o via app, per finire con la terza e ultima operazione di richiedere i buoni messi a disposizione dagli esercenti (sui quali torneremo dopo). Entriamo quindi nel dettaglio seguendo l'ipotetico percorso del diciottenne interessato. In Italia gli aventi diritto sono circa 575.000, portando a circa 290 milioni di Euro l'impegno del Governo per questa iniziativa.

1. Ottenere lo SPID

Senza lo SPID non si fa nulla. Per richiederlo serve aver già compiuto 18 anni, motivo per cui chi compie gli anni nell'ultima parte dell'anno deve attendere. Esistono diversi modi per ottenerlo, in forma gratuita o a pagamento, e li vediamo ora ad uno ad uno. Le informazioni sono ovviamente reperibili anche sul sito ufficiale, ma cerchiamo di semplificare schematicamente il tutto. Si passa per enti o strutture più o meno note, che rilasceranno un loro ID che varrà come SPID, in quanto compreso nel servizio di autenticazione. I procedimenti però variano da ente a ente.

Passando per InfoCert (a pagamento o gratis, dipende)

(Da dicembre 2015 InfoCert è uno dei gestori accreditati AgID dell'identità digitale di cittadini e imprese, in conformità ai requisiti regolamentari e tecnici dello SPID (Sistema Pubblico per la gestione dell'Identità Digitale)

I passaggi sono due: per prima cosa iscriversi a InfoCert (gratuito oppure no, ci arriviamo), POI richiedere loro la "funzionalità" SPID. La prima operazione è necessaria come in qualsiasi sito su cui eseguire delle operazioni o a cui richiedere un servizio. Secondo InfoCert l'operazione di iscrizione richiede circa 15 minuti e necessita di dati personali comprensivi di codice fiscale, un telefono cellulare, una casella email attiva ed una copia del documento in corso di validità in formato digitale o una webcam per fotografarlo nel corso della procedura. Il riconoscimento via webcam costa 19,99 Euro, mentre l'iscrizione è gratuita se si dispone di una porta elettronica certificata, oppure di una Carta di Identità Elettronica o una Carta Nazionale dei Servizi. Esiste una terza via, sempre gratuita, che consiste, meglio su appuntamento, nel recarsi presso uno degli sportelli InfoCert, che sono diffusi soprattutto nei grandi centri urbani e nel centro-nord Italia, meno a sud. Se volete conoscere l'ubicazione degli uffici su una mappa, cliccate questo link e attendete il caricamento. Il passo dopo è ovviamente richiedere che funzioni come SPID, seguendo le loro istruzioni.

Passando per  Poste Italiane (gratuito e solo in un caso limite a pagamento, ma armarsi di pazienza)

La trafila è fino a un certo punto simile a quella di InfoCert. Per prima cosa occorre richiedere online il proprio PosteID abilitato a SPID. Come? Poste Italiane mette a disposizione queste opzioni online: con app PosteID da smartphone, con SMS da numero cellulare certificato, con lettore BancoPosta, Con Carta Nazionale dei Servizi o Carta di Identità elettronica attive, con Firma Digitale. Attenzione: per finalizzare la richiesta del PosteID abilitato SPID ci si dovrà comunque recare allo sportello in tutti i casi per l'identificazione.  Le alternative completamente offline sono due: andare di persona in un ufficio postale con tutto quello che serve o richiedere l'identificazione a domicilio (a pagamento, ma non abbiamo trovato informazioni sul costo) tramite il servizio Poste Interactive.

Passando per SielteID (gratuito)

Siamo in un caso simile a InfoCert. Anche in questo caso di si deve iscrivere per ottenere il SielteID, operazione possibile online in circa 8 minuti; servono indirizzo email, numero di cellulare, dati anagrafici, dati di residenza, codice OTP (codice di verifica sms), scansione o foto di un Documento di Riconoscimento (fronte e retro), scansione o Foto del Codice Fiscale / Tessera Sanitaria (fronte e retro).

Passando per TIM ID (gratuito)

TIM permette di richiedere l'attivazione del servizio in modalità online; la procedura prevede la registrazione sul sito Nuvola Store e può essere completata utilizzando la propria Carta nazionale dei servizi o Carta d’identità elettronica o firma digitale tramite un lettore di smart card da collegare al computer.

2. Registrarsi sul sito https://www.18app.italia.it

Possiamo affermare con certezza che, una volta ottenuto lo SPID, le cose complicate son finite. Sul sito ufficiale dell'iniziativa infatti basta inserire il proprio SPID, nome utente e password per accedere al catalogo di eventi, attività e negozi convenzionati.

Come si può notare, all'accesso viene richiesto lo SPID (i cui servizi sono inclusi negli ID dei partner precedentemente elencati), a cui far seguire l'inserimento di nome utente e password. La procedura è comunque coadiuvata da informazioni abbastanza dettagliate. Abbiamo parlato di app, con la quale fare praticamente le stesse cose e avere sempre sott'occhio il credito residuo, come se fosse un potafogli virtuale. Bene, anche se il servizio parte ufficialmente oggi, di questa app non c'è ancora traccia negli store, e il sito stesso è in beta. Le app, verosimilmente per ogni sistema operativo mobile, arriveranno molto a breve e ve lo segnaleremo a mezzo news, aggiornando al contempo questo articolo.

3. Dove e come spendere i 500 Euro

A questo indirizzo si accede alla pagina che permette di consultare per quali strutture o acquisti è possibile richiedere un buono. Attenzione: ricordiamo che il buono vale per cinema, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza. Non vengono rilasciati buoni per abbigliamento, materiale elettronico/informatico, musica online, abbonamenti in streaming, ricariche telefoniche e via dicendo. Ma tutto sommato è facile capire cosa si può acquistare e cosa no, poiché nella lista presente sul sito è tutto abbastanza chiaro.

...poi, per entrambi...

... e nel dettaglio...

Il sito permette di essere facilmente consultato, offrendo come inizio della ricerca la disponibilità i esercizi fisici (ad esempio un cinema) o online (esempio librerie). Si procede poi con la ricerca per nome, indirizzo o città. Segue poi un elenco con le opzioni di scelta.

Si procede poi con la creazione del buono, che sarà fruibile nella struttura senza anticipare denaro.

Nota importante: anche gli enti e le strutture devono iscriversi sul sito e mettersi a disposizione, motivo per cui attualmente non sono molte le opzioni disponibili. Col passare del tempo la lista sarà molto più lunga.

71 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
amd-novello03 Novembre 2016, 16:02 #1
madonnamia che trafila per avere lo spid. perché non ci invadono gli svedesi?

spero non sia come la pec, dopo pochi anni la versione gratuita l'hanno fatta fuori.
SoxxoZ03 Novembre 2016, 18:56 #2
Ma questi ci prendono per il culo.
MaxFabio9303 Novembre 2016, 20:17 #3
Originariamente inviato da: amd-novello
madonnamia che trafila per avere lo spid. perché non ci invadono gli svedesi?

spero non sia come la pec, dopo pochi anni la versione gratuita l'hanno fatta fuori.


Non mi sembra che sia questa faticaccia...chi ha un minimo di cervello ne è capace.

Originariamente inviato da: SoxxoZ
Ma questi ci prendono per il culo.


Perchè?

Comunque ben vengano assolutamente, è sempre positivo finanziare la cultura, almeno i 18enni non gli spenderanno in cose futili.
marchigiano03 Novembre 2016, 20:42 #4
Originariamente inviato da: MaxFabio93
Comunque ben vengano assolutamente, è sempre positivo finanziare la cultura, almeno i 18enni non gli spenderanno in cose futili.


a me sembra più un finanziamento mascherato agli amici degli amici della politica... nel senso, non posso mettere a bilancio 290 milioni di euro per finanziare il tuo stupido teatro o balletto o film che nessuno verrà a vedere perchè sei un incapace ma hai la fortuna di avere appoggi politici... allora mi invento l'intrallazzo di regalare 500€ in buoni ai giovani che poi quando vengono a vedere annoiati il tuo spettacolo noioso magari si addormentano o stanno tutto il tempo sullo smartphone ma chissene l'importante è che posso girarti i soldi del biglietto direttamente senza manco che ti sbatti a fare la prevendita...

vedrete che cultura alla fine di questa iniziativa... invece dare 500€ alle aziende per accogliere ragazzi e fargli vedere come si lavora no... sia mai che imparano qualcosa che potrebbe tornargli utile nella vita, poi come fai a ricattarli "votamichetitrovoqualcosa"
MaxFabio9303 Novembre 2016, 21:18 #5
Originariamente inviato da: marchigiano
a me sembra più un finanziamento mascherato agli amici degli amici della politica... nel senso, non posso mettere a bilancio 290 milioni di euro per finanziare il tuo stupido teatro o balletto o film che nessuno verrà a vedere perchè sei un incapace ma hai la fortuna di avere appoggi politici... allora mi invento l'intrallazzo di regalare 500€ in buoni ai giovani che poi quando vengono a vedere annoiati il tuo spettacolo noioso magari si addormentano o stanno tutto il tempo sullo smartphone ma chissene l'importante è che posso girarti i soldi del biglietto direttamente senza manco che ti sbatti a fare la prevendita...

vedrete che cultura alla fine di questa iniziativa... invece dare 500€ alle aziende per accogliere ragazzi e fargli vedere come si lavora no... sia mai che imparano qualcosa che potrebbe tornargli utile nella vita, poi come fai a ricattarli "votamichetitrovoqualcosa"


Uno, il "a me sembra" già dice tutto, è una tua opinione e finisce li, secondo, i 500€ non possono essere spesi solo nei teatri ma in tanti modi, tra cui libri, eventi culturali, musei, parchi, concerti e via di questo passo, di certo non sono favori di politici, tra l'altro musei e parchi che solitamente sono statali.

Tre, attualmente ci sono migliaia di progetti e tirocini da 500€ al mese in cui si permette alle aziende di ospitare ragazzi, quindi la tua teoria non regge proprio.

Queste sono le solite lamentele di chi non gli va mai bene niente e quando li fa comodo. Quando non ci sono misure come queste tutti si lamentano, per i giovani non si fa nulla, non si finanzia la cultura, non hanno soldi!
Pier Silverio03 Novembre 2016, 21:22 #6
Cavolo, avessi 18 anni mi farei tutti i musei di Roma, Firenze, Milano e Venezia, e probabilmente anche degli altri.
Mannaggia che invidia.
hitmanqz03 Novembre 2016, 23:22 #7

Ma guarda un po' che caso...

Il ritardo nell'attuazione del provvedimento dei 500 euro annunciato ormai un anno fa a favore dei diciottenni (e i diciannovenni invece se ne devono stare a casa? niente teatro e cinema? Si vede che non se lo meritano...) COINCIDE proprio con il voto del referendum costituzionale, un bel BONUS per risultare simpatici a potenziali 575000 nuovi elettori in vista dell'importante voto del 4 dicembre. Un modo di agire che proprio non mi piace.
TeenCool03 Novembre 2016, 23:34 #8
Originariamente inviato da: hitmanqz
Il ritardo nell'attuazione del provvedimento dei 500 euro annunciato ormai un anno fa a favore dei diciottenni (e i diciannovenni invece se ne devono stare a casa? niente teatro e cinema? Si vede che non se lo meritano...) COINCIDE proprio con il voto del referendum costituzionale, un bel BONUS per risultare simpatici a potenziali 575000 nuovi elettori in vista dell'importante voto del 4 dicembre. Un modo di agire che proprio non mi piace.


Ehm stiamo parlando di Renzie. L'ha sempre fatto. Di che ti stupisci???
MaxFabio9303 Novembre 2016, 23:39 #9
Originariamente inviato da: TeenCool
Ehm stiamo parlando di Renzie. L'ha sempre fatto. Di che ti stupisci???


Originariamente inviato da: hitmanqz
Il ritardo nell'attuazione del provvedimento dei 500 euro annunciato ormai un anno fa a favore dei diciottenni (e i diciannovenni invece se ne devono stare a casa? niente teatro e cinema? Si vede che non se lo meritano...) COINCIDE proprio con il voto del referendum costituzionale, un bel BONUS per risultare simpatici a potenziali 575000 nuovi elettori in vista dell'importante voto del 4 dicembre. Un modo di agire che proprio non mi piace.


E l'IMU, la TASI, l'IRAP costo del lavoro, tasse agricole ed il bonus IRPEF? Gombloddo
Carlyle03 Novembre 2016, 23:58 #10
Andiamo, è palese che si tratta di una, peraltro goffa, mossa politica per cercare di attrarre qualche voto favorevole.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^