WD Velociraptor 1TB VS Sandisk Extreme SSD VS RAID0

WD Velociraptor 1TB VS Sandisk Extreme SSD VS RAID0

Sono molti gli appassionati combattuti fra il disco tradizionale più performante in ambito consumer e un SSD di buon livello, molto meno capiente. Oppure due "normali" dischi SATA in RAID 0. Ecco come è andata la sfida.

di Alessandro Bordin pubblicato il nel canale Storage
 

Introduzione

Gli appassionati di tecnologia, specie nel campo dei PC, sono da tempo consapevoli dell'importanza che hanno assunto gli SSD all'interno del panorama storage. Fino a qualche anno fa queste soluzioni sono state fuori portata, destinate soprattutto a ambiti professionali, militari e aerospaziali. Con il progressivo abbassamento del costo dei chip memoria i Solid State Drive sono diventati sempre più accessibili in termini di prezzo, andando a occupare la fascia alta consumer per quanto riguarda le soluzioni di archiviazione di massa.

Questo non ha però condannato i dischi tradizionali a una morte rapida e senza scampo, come testimonia la quasi totalità di PC venduti che ne fanno uso. Il motivo è presto detto: se da una parte gli SSD stabiliscono nuovi riferimenti prestazionali, gli hard disk tradizionali sono avanti di diverse lunghezze per quanto riguarda le capienze offerte, il tutto a un prezzo per GB notevolmente inferiore.

Non stupisce quindi che quasi tutti i PC messi in commercio utilizzino hard disk tradizionali, in grado di offrire uno spazio molto elevato in termini di capienza e prestazioni più che soddisfacenti per la maggior parte degli utenti. Al crescere delle esigenze però, in termini prestazionali, valutare l'acquisto di un Solid State Drive diventa quasi un obbligo, tanta è la differenza con le soluzioni tradizionali a piatti rotanti.

Esiste però da molti anni un disco unico nel suo genere, in grado di portare i 10.000 giri al minuto all'interno dei computer desktop di fascia consumer, offrendo al tempo stesso una capienza molto elevata. Gli appassionati avranno già capito che stiamo parlando della serie Velociraptor di Western Digital, rinnovatosi proprio da poco con un modello da ben 1TB.

In questo articolo lo analizzeremo a livello prestazionale, mettendolo a confronto con un Solid State Drive. Certo, lo scontro appare impari vista l'enorme differenza di tecnologie e latenze in termini di tempi di accesso, ma siamo davvero sicuri che ci sia questo abisso? E se inserissimo in questa comparativa anche due dischi SATA da 7200 giri in RAID 0? Scopriamo insieme quali sono i risultati, dopo aver analizzato brevemente i concorrenti.