Intel SSD 510, OCZ Vertex 3 e Crucial m4: sfida a 6Gbps

Intel SSD 510, OCZ Vertex 3 e Crucial m4: sfida a 6Gbps

Analisi comparativa fra tre dischi Solid State con interfaccia 6Gbps, nata per superare il collo di bottiglia costituito dalla SATA 3Gbps ormai stretta per questa tipologia di soluzione storage. Presi in esame i modelli Intel 510, OCZ Vertex 3 e Crucial m4

di Alessandro Bordin pubblicato il 19 Maggio 2011 nel canale Storage
 

OCZ Vertex 3

Il modello Vertex 3 è forse il modello più atteso dagli appassionati, grazie alla fiducia che OCZ ha saputo conquistarsi nel corso degli anni. L'utilizzo del controller SandForce, anche questo molto stimato, concorre a circondare il Vertex 3 di una particolare curiosità, anche in virtù delle nuove potenzialità garantite dal superamento dei collo di bottiglia dei 3Gbps.

La serie Vertex 3 si articola in tre modelli, differenziati dalla capienza e dal livello prestazionale. OCZ offre Vertex 3 nelle versioni con 120GB, 240GB e 480GB di capienza, le cui prestazioni massime dichiarate parlano di 550 MB al secondo in lettura per i tagli da 120GB e 240GB, che scendono a 530MB al secondo per il 480GB. Leggermente inferiore la scrittura: 500MB al secondo per il 120GB, 520MB al secondo per il 240GB e 450MB al secondo per il 480GB, riferendoci ovviamente al collegamento dei dischi alla porta SATA 6Gbps.

Il modello in prova  quello più performante da 240GB, che condivide con gli altri la garanzia di 3 anni, un MTBF di 2 milioni di ore e l'adozione di chip realizzati con processo produttivo di 25nm. Non si tratta di un'approssimazione nostra, figlia di scarso approfondimento: OCZ adotta, senza dichiararlo esplicitamente, differenti modelli di chip NAND Flash realizzati da diversi produttori, con piccole differenze anche a livello di processo produttivo.

Il controller mostrato in figura è il SandForce SF-2281, utilizzato di recente anche nei modelli 6Gbps Corsair e Adata. Si tratta di un controller fra i più apprezzati dagli appassionati, in grado di garantire prestazioni elevate e una tenuta delle stesse nel tempo, a prescindere dalla quantità di dati contenuti sul Solid State Drive.