OCZ Enyo, SSD esterno con connessione USB 3.0

OCZ Enyo, SSD esterno con connessione USB 3.0

OCZ Enyo è un dispositivo basato su memoria flash e caratterizzato da connessione USB 3.0. Una soluzione da con capienza di 128GB capace di garantire prestazioni degne di nota, che però si fa pagare a caro prezzo

di Gabriele Burgazzi pubblicato il 15 Ottobre 2010 nel canale Storage
 

Introduzione

La lenta ma progressiva proliferazione di schede madri e sistemi dotati del nuovo standard di connessione USB 3.0 hanno come conseguenza diretta l'arrivo delle prime periferiche capaci di supportare tale interfaccia di collegamento. Se da un lato è vero che USB 3.0 sia ancora ben lontano dal soppiantare USB 2.0, complice anche la mancata implementazione del controller all'interno dei chipset della piattaforme di Intel e AMD, è anche vero che le prime soluzioni abbiano fatto l'apparizione sul mercato già da qualche tempo.

Oggi andremo ad osservare più da vicino OCZ Enyo, un hard disk esterno sviluppato su memoria flash e dotato di connessione USB 3.0: caratterizzato da un costo non particolarmente competitivo, si presenta come una soluzione destinata a chi ha la necessità di spostare grandi moli di dati in tempi ridotti. Se nella sua fase iniziale la memoria flash è stata utilizzata per lo sviluppo dei classici pendrive, piccole soluzioni di archiviazione capaci di garantire prestazioni soddisfacenti per lo spostamento di contenute moli di dati, la lenta ma progressiva diminuzione del costo di questi chip consente ora di poter sviluppare soluzioni più performanti e soprattutto, più capienti. Siamo ancora però ben lontani dall'avere un prodotto che presenti un costo competitivo e, soprattutto, abbordabile.

La soluzione di OCZ si caratterizza per un design estremamente minimale e sottile: lo chassis, interamente prodotto in alluminio conferisce all'unità una robustezza che rende Enyo comodo da trasportare e soprattutto piuttosto resistente alle cadute accidentali. Come abbiamo detto, infatti, OCZ Enyo è un hard disk esterno sviluppato su memoria di tipo flash, caratterizzata pertanto dalla totale assenza di parti in movimento: niente dischi che girano o testine impegnate a leggere i cluster di memoria quindi. La struttura essenziale prevede la presenza di due soli LED sulla scocca superiore dell'unità: questi indicano lo stato del disco (acceso spento) e l'esecuzione dello stesso di operazioni. OCZ Enyo presenta una sola connessione, sulla parte posteriore dell'unità: si tratta di una porta mini-USB 3.0, destinata ovviamente ad interfacciare la periferica al sistema.

Aperta la confezione troviamo l'unità, avvolta nella classica busta elettrostatica: a corredo del prodotto OCZ offre il cavo di collegamento USB 3.0. Per riuscire a sviluppare una prodotto così sottile OCZ è dovuta ricorrere ad un collegamento sull'unità di tipo mini-USB 3.0. Il confronto sopra proposto, con una moneta da un euro, rende bene l'idea di quanto questa soluzione sia sottile. Queste le caratteristiche tecniche della soluzione OCZ Enyo:

 

OCZ Enyo

Capacità
64, 128, 256GB
Interfaccia
USB 3.0
Controller
Indilinx IDX110M01-LC
Peso
87,7 grammi
Dimensioni
56 x 120 x 10mm
Temperature operative
0°C - 70°C
Temperature di storage
-45°C - +85°C
Consumo
2,4 W in funzione - 1,1 Watt in idle