Kingston, factory tour e futuro del settore memorie

Kingston, factory tour e futuro del settore memorie

Fountain Valley per i pignoli, Los Angeles per molti: è questo lo scenario del nostro factory tour, in quella California che ha visto John Tu e David Sun creare da zero Kingston, una delle aziende più floride nel panorama memorie. Immagini e considerazioni su un mondo che ha ancora molto da dire.

di Alessandro Bordin pubblicato il 27 Novembre 2009 nel canale Storage
 

Introduzione

Fra gli innumerevoli produttori di banchi memoria, schede memoria, USB stick o SSD che affollano il panorama informatico, Kingston riveste sicuramente un ruolo di primo piano, sebbene siano in molti a non averne la percezione. Un mercato complesso, quello in cui si muovono i produttori di memorie, in quanto esistono moltissimi modi per utilizzare chip memoria, così come sono molti i canali attraverso i quali vengono distribuiti.

Kingston è una realtà statunitense nata nel 1987, grazie allo slancio imprenditoriale di John Tu e David Sun. Da allora, con le eccezioni degli anni 2001 e 2008, occasioni in cui l'economia globale ha subito duri colpi per motivi che tutti conoscono, il fatturato dell'azienda è sempre salito. Non è nostra intenzione prolungarci troppo in questi discorsi, cercando più che altro di ottenere un quadro il più possibile chiaro nel panorama memorie.

Pensiamo infatti a tutti i prodotti dotati di memoria, volatile o non, che ci circondano: il PC che state utilizzando per leggere questo articolo ha sicuramente della memoria RAM installata, così come ritroviamo chip memoria nelle chiavette USB, nel lettore multimediale portatile, nel cellulare e via dicendo. Tutto questo, probabilmente, senza uscire dalla stanza in cui vi trovate. Una considerazione che serve per capire l'enorme mercato che ruota intorno a questo settore, divenuto fondamentale per il l'ambito informatico, mobile e di elettronica di consumo.

Assumono una dimensione comprensibile dunque i ben 300 milioni di unità vedute nel 2008 da Kingston, che annuncia di aver migliorato al propria posizione di mercato in questo anno di crisi, a causa di problemi dei principali concorrenti. E' in occasione della partecipazione ad una presentazione stampa e di un factory tour che abbiamo avuto modo di entrare maggiormente in contatto con questa realtà, motivo per cui vogliamo, con questo articolo, riportare le impressioni ricavate a Fountain Valley, California, dove l'azienda ha il proprio quartier generale.