Mining di Ethereum: quale GPU scegliere e come ottimizzarla?

Mining di Ethereum: quale GPU scegliere e come ottimizzarla?

La domanda di schede video tanto AMD come NVIDIA per utilizzi legati al mining delle criptovalute continua ad essere molto elevato e a saturare l'offerta di mercato. Vediamo come si comportano le proposte di fascia media e top di gamma in termini di potenza ed efficienza nel mining con Ethereum

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Schede Video
NVIDIAAMDRadeonGeForceVegaEthereum
 

Il tweaking per la massima efficienza con Vega 56 e GTX 1070

Sono due le schede che ci sono parse essere le più interessanti per il mining tenendo conto delle caratteristiche tecniche, della potenza messa a disposizione e del costo d'acquisto. Si tratta della proposta AMD Radeon RX Vega 56 e di quella NVIDIA GeForce GTX 1070, entrambe schede di fascia alta ma che si posizionano un gradino sotto quello che di meglio offrono rispettivamente AMD e NVIDIA sul mercato quanto a pura potenza di elaborazione

Per queste due schede abbiamo scelto un approccio legato al tweaking, grazie al quale cercare di migliorare ulteriormente l'efficienza complessiva. Siamo quindi intervenuti sulla frequenza di clock della GPU e della memoria video, agendo sul consumo complessivo onde minimizzarlo e mantenendo il più elevato valore di Hashrate possibile così da non penalizzare le prestazioni e migliorare l'efficienza complessiva.

mining_5.png (140036 bytes)

Questo primo grafico mette il relazione le variazioni del power target massimo della scheda, selezionabile da utility EVGA Prevision XOC, e della frequenza di clock della memoria (spinta ovviamente oltre il valore di default), così da identificare il risultato finale in termini di potenza di elaborazione e di consumo del sistema. Agendo su questi parametri la scheda NVIDIA GeForce GTX 1070, rispetto alle impostazioni di default, ottiene un netto incremento della potenza di elaborazione passando dai 26,8 MH/s delle impostazioni di default sino ai 34 MH/s con memoria video spinta sino a 10.008 MHz di clock effettivo contro gli 8.108 MHz di default per la scheda MSI utilizzata nell'analisi.

mining_gpu_6.png (98933 bytes)

Intervenire su questi parametri porta ovviamente ad un incremento dell'efficienza complessiva, che raggiunge il picco con power target 50% nei nostri test ma non con la frequenza di clock più elevata della memoria video; all'ultimo step di incremento della frequenza della memoria video, infatti, il consumo addizionale vanifica il miglioramento delle prestazioni in termini di efficienza finale.

mining_gpu_7.png (128149 bytes)

L'ultimo grafico della scheda GeForce GTX 1070 riporta le variazioni delle prestazioni velocistiche nel mining di Ethereum, oltre al cambiamento percentuale nei consumi, rispetto alle impostazioni di default. Il tweaking della scheda GeForce GTX 1070 effettuato via software su power target e frequenza di clock della memoria video ha permesso di ottenere un sensibile incremento dell'efficienza complessiva: una diminuzione del 12% del consumo della scheda a pieno carico e un incremento delle prestazioni nel mining del 25%, ottenuti con power target 50% e clock memoria di 9.908 MHz effettivi, evidenziano come sia possibile spingersi ben oltre quanto già di elevato si ottiene di default con una scheda basata su GPU NVIDIA GeForce GTX 1070.

Passiamo ora all'analisi della scheda AMD Radeon RX Vega 56 sempre puntando l'attenzione sull'ottenimento del miglior bilanciamento possibile in termini di efficienza. Anche in questo caso siamo intervenuti sulla frequenza di clock della memoria, del tipo HBM2 con frequenza di default di 800 MHz, oltre che sul power target della scheda attraverso il pannello di controllo dei driver Radeon Software Crimson ReLive Edition.

mining_8.png (87952 bytes)

Agendo sul power target notiamo come la scheda Radeon RX Vega 56 riduca il suo consumo senza apprezzabili riduzioni delle prestazioni: è solo con power target al 50% che la frequenza di clock effettiva della memoria HBM2 scende a 700 MHz dagli 800 di default con un impatto in termini di MH/s elaborati. Intervenendo sulla frequenza di clock della memoria siamo riusciti a raggiungere un valore di 950 MHz con un consistente incremento nella potenza di elaborazione della scheda al quale è seguito anche un parallelo innalzamento del consumo complessivo. Operando anche sul power target siamo riusciti a ridurre questo valore con un limitato impatto sulle prestazioni velocistiche complessive: con la memoria spinta al massimo a 950 MHz di clock non siamo però riusciti a selezionare un power target più contenuto dell'80%, in quanto sotto questo valore la scheda limita automaticamente la frequenza di clock della memoria per via dell'alimentazione non più sufficiente.

mining_9.png (68175 bytes)

L'analisi dell'efficienza energetica della scheda Radeon RX Vega 56 al variare del power target e della frequenza di clock della memoria video evidenzia come siano le impostazioni più conservative in termini di consumi quelle che fanno registrare i dati migliori. Sappiamo però che queste sono ben lontane dall'assicurare le prestazioni più elevate: ecco quindi che rinunciando a un poco di efficienza otteniamo un connubio ben più veloce con power target all'80% e frequenza di clock della memoria video di 950 MHz. In generale quello che si evidenzia è il netto balzo in avanti in termini di efficienza complessiva che si ottiene attraverso il tweaking della scheda su power target e clock memoria semplicemente da pannello driver.

mining_10.png (85090 bytes)

Quest'ultimo grafico conferma come sia possibile ottenere con il tweaking via software sia incrementi delle prestazioni velocistiche sia riduzioni dei consumi: è proprio l'impostazione con power target 80% e clock memoria di 950 MHz a permettere di ottenere le differenze più interessanti rispetto alle impostazioni di default con una riduzione dei consumi di circa il 12% e un aumento delle prestazioni nell'elaborazione del 16% con la scheda Radeon RX Vega 56.

I dati emersi dai nostri test mostrano come l'efficienza delle schede nell'elaborazione Ethereum vari molto, con impostazioni di default, a seconda della particolare GPU adottata. I modelli più potenti, visti nell'ottica dei risultati ottenuti con i giochi 3D, sono quelli che sulla carta sembrano essere preferibili ma per questo tipo di elaborazioni è più l'efficienza complessiva l'elemento da tenere in considerazione, bilanciato con il costo d'acquisto.

Identificata la GPU che a proprio avviso è quella che assicura il miglior connubio tra prestazioni, consumi e costo d'acquisto quale modello nello specifico bisogna acquistare? Il mining è un'attività che porta la scheda video a venir sfruttata al 100% delle proprie risorse di elaborazione di fatto 24 ore su 24, uno scenario d'uso che è ben più stressante di quello tipico quando si utilizzano applicazioni 3D videoludiche. Per questo motivo riteniamo sia preferibile acquistare schede custom più che reference board, ove possibile, così da avere a disposizione sistemi di raffreddamento più efficienti e beneficiare di circuiterie di alimentazione sovradimensionate pensate proprio per l'overclock dei componenti.

[HWUVIDEO="2405"]GPU e Mining con Ethereum[/HWUVIDEO]

Da ultimo, i sistemi destinati al mining di criptovalute devono essere particolarmente curati per quanto riguarda il tweaking delle impostazioni della scheda video. Abbiamo visto, nei due esempi con schede NVIDIA GeForce GTX 1070 e AMD Radeon RX Vega 56, come sia possibile ottenere un netto passo in avanti nelle prestazioni anche con una parallela riduzione dei consumi così da incrementare l'efficienza complessiva. E' anche in questo modo che il mining di criptovalute può diventare pià redditizio, per quanto riteniamo che a livello di singolo utente questa pratica sia al momento soggetta a troppe variabili e non sia consigliabile minare con il proprio sistema pensando in questo modo di ricavarne chissà quale profitto.

142 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DukeIT11 Settembre 2017, 17:05 #1
Sarà un problema mio, ma il fatto che la crypto valuta possa essere ottenuta cercandola con un PC, mi ha sempre creato forti perplessità circa la validità di questo sistema economico e tenuto ben distante da questo tipo di valuta.
Sarà perché non riesco a capirne la logica, nel sistema attuale il denaro si ottiene in cambio di merci, lavoro o servizi, non riesco a capire quale servizio offra il mining, percui possa essere ricompensato da un guadagno...
diesel70111 Settembre 2017, 17:18 #2
Non sono esperto di criptovalute, ma da quel poco che ho capito non esiste una "banca" o un server che permette di gestire tutti i dati e gli scambi di denaro, ma il mining vuol dire offrire la proprio potenza di calcolo per mantenere questo "server virtuale e dislocato" e gestire la compravendita.
Vieni pagato con criptovaluta che penso sia parte della commissione della compravendita.
Un po' come se tu proprietario di uno stabile lo mettessi in affitto per una banca.. Non è la stessa cosa, ma ci si avvicina.

Sicuramente anche io sono un po' scettico sulle criptovalute; preferisco un bel lingotto d'oro
Vash8811 Settembre 2017, 17:19 #3
Originariamente inviato da: DukeIT
Sarà un problema mio, ma il fatto che la crypto valuta possa essere ottenuta cercandola con un PC, mi ha sempre creato forti perplessità circa la validità di questo sistema economico e tenuto ben distante da questo tipo di valuta.
Sarà perché non riesco a capirne la logica, nel sistema attuale il denaro si ottiene in cambio di merci, lavoro o servizi, non riesco a capire quale servizio offra il mining, percui possa essere ricompensato da un guadagno...


nel sistema attuale il denaro viene erogato dalle banche centralialle banche private a tassi molto bassi, queste lo investono e lo prestano, ottenendo un guadagno e inserendolo nel sistema economico, è la la cosiddetta manovra economica espansiva. Ogni criptomoneta ha una sua ideologia, o scopo specifico. E' un argomento molto interessante e complesso. Sicuramente al momento fanno la felicità degli speculatori. Penso che le banche centrali vedano le criptovalute come un tumore, basta vedere il recente ban da parte della cina.
Bestio11 Settembre 2017, 17:25 #4
Ma come i MOD nel forum ci bachettavano quando parlavamo di mining, ed ora ne fate un'intero articolo?
sintopatataelettronica11 Settembre 2017, 17:44 #5
Originariamente inviato da: Vash88
Ogni criptomoneta ha una sua ideologia, o scopo specifico.


Credo che i dubbi di DukeIT - che poi sono anche i miei - è che dietro la circolazione di denaro "tradizionale" c'è comunque dell'attività economica reale che crea qualcosa di reale a livello economico: produzione e scambio di beni e servizi.

C'è una quantità X di moneta "tradizionale" (le banche, gli stati, tutto quel che vuoi, non è questo il punto).. ma anche tutto un sistema economico reale dietro.

Ste cryptovalute, dal momento che le puoi scambiare con denaro reale (che resta sempre X come quantità, non è che aumenta per magia) fanno sì che parte di quel denaro si "perda" (a causa della speculazione, le criptomonete servono a nient'altro.. nel momento in cui son convertite in denaro "reale".. tradizionale) senza che vi sia dietro di fatto nessun beneficio, neanche minimo, per l'economia reale e il sistema economico.. come se quel denaro reale (facente parte di quella quota "fissa" X) sparisse nel nulla dal sistema in funzione di .... niente.

Un conto è se quella quantità X di moneta "reale" fosse stata aumentata.. ma non lo è stata.. quindi nel momento in cui 'sti coin-cosi vengono convertiti in denaro reale - in funzione di NULLA a livello di macro-economia e ripercussioni sul sistema economico reale - per quel sistema economico reale.. ce n'è di meno...

Non sono un economista.. ma penso che tutto ciò poterà ripercussioni negative profonde a livello di stabilità economica.. nel lungo termine... visto che quella quantità di denaro X che conta .. quella che serve "pe' magnà".. tale resta... non aumenta.
melo8611 Settembre 2017, 18:20 #6
La cryptovaluta viene usata come scambio per beni o servizi, la differenza è un'altra: Invece che essere stampata dalle zecche, viene generata dal mining.

Riflettendoci sopra, non è molto più strano. In entrambi i casi si produce valuta "dal nulla", che poi viene usata come scambio.
sintopatataelettronica11 Settembre 2017, 18:35 #7
Originariamente inviato da: melo86
La cryptovaluta viene usata come scambio per beni o servizi, la differenza è un'altra: Invece che essere stampata dalle zecche, viene generata dal mining.


Per lo scambio di beni e servizi viene usata valuta reale, convertita dal valore cha arbitrariamente qualcuno riconosce alle criptovalute (rare eccezioni a parte).. la cui quota rimane fissa a prescindere dal mining... non aumenta in funzione della nuova quantità "virtuale" di moneta generata col mining, resta la stessa.. per quello penso che di ripercussioni economiche disastrose a medio termine ce ne saranno.

Un fenomeno nuovo del tutto.. la cui cosa più simile forse è la svalutazione dell'oro (e quindi del valore della moneta) dopo che i conquistadores immisero e fecero circolare nel sistema tutto quello che "minavano" (eheh.. sorry for the joke .. ) , in enormi quantità, nelle americhe...
maxmix6511 Settembre 2017, 18:47 #8
Originariamente inviato da: Bestio
Ma come i MOD nel forum ci bachettavano quando parlavamo di mining, ed ora ne fate un'intero articolo?


Ma infatti seguendo vari 3D di questo forum ho visto utenti sospesi perche' del mining non se ne doveva parlare ora fanno un articolo..sono perplesso
sintopatataelettronica11 Settembre 2017, 18:54 #9
Originariamente inviato da: maxmix65
Ma infatti seguendo vari 3D di questo forum ho visto utenti sospesi perche' del mining non se ne doveva parlare ora fanno un articolo..sono perplesso


Niente di nuovo : come in passato con lo streaming e la pirateria...

Mo'.. "So' sordi".
DukeIT11 Settembre 2017, 19:15 #10
Originariamente inviato da: melo86
La cryptovaluta viene usata come scambio per beni o servizi, la differenza è un'altra: Invece che essere stampata dalle zecche, viene generata dal mining.

Riflettendoci sopra, non è molto più strano. In entrambi i casi si produce valuta "dal nulla", che poi viene usata come scambio.


Premesso che non sono un esperto di ecobomia, a mio parere non è proprio così, un paese può produrre moneta in funzione della sua economia, altrimenti si potrebbero risolvere tutti i problemi mondiali relativi al debito interno ed esterno semplicemente producendo moneta, ma se un paese produce troppa moneta, questa va incontro ad inflazione.
Ma la moneta viene prodotta da uno stato, non da una singola persona, e viene distribuita a singoli o società attraverso il sistema bancario, ed in tutti questi casi parliamo di prestito.
Che la moneta possa spuntare dal nulla tra le mani di singole persone che non hanno fatto altro che accendere un PC, io lo trovo ridicolo, così come trovo discrminatoria la distribuzione di ricchezza in questi termini, perché non tutti sono messi nelle stesse condizioni per accedervi. E se io, singolo, società o paese, non accetto quel tipo di valuta (personalmente perché non riesco a capire perché "tu" la possegga), viene a cadere un altro fondamento che caratterizza la moneta, cioè che sia universalmente accettata e che garantisca al suo possessore il corrispondente del suo valore estrinseco.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^