ATI Radeon HD 5850: RV870 in formato ridotto

ATI Radeon HD 5850: RV870 in formato ridotto

La seconda scheda video della famiglia ATI Radeon HD 5800 ripropone tutte le innovazioni architetturali della versione HD 5870 ad un costo ben più contenuto, rinunciando a circa il 20% di prestazioni medie. Un ottimo connubio, per una scheda con pieno supporto alle API DirectX 11

di Gabriele Burgazzi, Paolo Corsini pubblicato il 08 Ottobre 2009 nel canale Schede Video
 

Un nuovo filtro anisotropico

Dopo il ritorno del SuperSampling Anti Aliasing, con tutte le limitazioni prestazionali che abbiamo evidenziato, segnaliamo anche l'implementazione di un nuovo filtro anisotropico con le schede Radeon HD 5800, non più di tipo angle dependent. Le precedenti generazioni di schede video ATI della serie Radeon HD 4800 hanno sofferto, nel confronto con le soluzioni NVIDIA GeForce GTX 200, di un livello qualitativo inferiore nell'applicazione del filtro anisotropico.

Non solo: le soluzioni ATI hanno applicato il filtro trilineare molto spesso utilizzando un algoritmo di tipo adattivo, così da minimizzare l'impatto sulla GPU in termini di elaborazioni da eseguire pena una inferiore qualità complessiva; un filtro adattivo applica più o meno blending tra textures confinanti a seconda del livello di contrasto tra le due. Con le schede Radeon HD 5800 ATI ha optato per l'applicazione di un filtro trilineare non più di tipo adattivo: questo implica che la qualità complessiva dell'immagine sia superiore in ogni situazione, come del resto più elevata è la mole di calcoli che vengono eseguiti.

af_285.jpg (22092 bytes)
NVIDIA GeForce GTX 285

af_4870.jpg (22235 bytes)
ATI Radeon HD 4870

af_5870.jpg (22020 bytes)
ATI Radeon HD 5870

Utilizzando il tool AF-Tester, impostando filtro anisotropico 16x, evidenziamo quale sia il progresso qualitativo ottenuto da ATI con le schede Radeon HD 5800. Il test evidenzia sia la qualità di applicazione del filtro anisotropico sia di quello trilineare: il primo è tanto più efficiente, e non legato a ottimizzazioni di tipo adattivo, quanto più le linee colorate sono di forma circolare. Il filtro trilineare è tanto più correttamente applicato quanto più continua è la transizione da una linea di colori all'altra.

Evidenziamo come passando dalle GPU Radeon HD 4800 a quelle Radeon HD 5800 ATI abbia introdotto in tangibile incremento qualitativo, sia per quanto riguarda il filtro anisotropico sia per quello trilineare; la qualità complessiva è ora superiore a quella ottenibile con le schede NVIDIA della serie GeForce GTX, a loro volta capaci di una qualità più elevata rispetto a quella delle schede Radeon HD 4800. Ricordiamo come l'analisi della qualità dei filtri attraverso test specifici come AF-Tester permetta di evidenziare al meglio eventuali differenze, ma produca uno scenario di analisi che difficilmente può essere replicato nei giochi. Durante un'azione di gioco, detto in alto modo, è improbabile che ci si soffermi ad un confronto tra i vari livelli qualitativi del filtro anisotropico evidenziando differenze tra le varie architetture di GPU.