MSI 990FXA-GD80: la prima scheda socket AM3+

MSI 990FXA-GD80: la prima scheda socket AM3+

La prima scheda madre basata su socket AM3+ a giungere in redazione è modello MSI 990FXA-GD80. Basata su chipset AMD 990FX, questa soluzione si propone al pubblico degli appassionati ma non può sfruttarne ancora le potenzialità, quantomeno sino al debutto delle prime soluzioni AMD della serie FX

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Schede Madri e chipset
 

Introduzione

Martedì 31 Maggio è la giornata inaugurale del Computex 2011 di Taipei, la principale fiera per i produttori asiatici di componentistica legata al mondo dei PC. Di dimensioni ben più ridotte rispetto al CeBit di Hannover, Computex da varie decine di anni è diventato il punto di riferimento per gli operatori di settore in quanto posizionato in un periodo dell'anno che precede le decisioni di business legate al periodo "back to school", proseguendo poi con la ricca stagione di vendite natalizia.

Non sorprende quindi vedere molti produttori annunciare importanti novità proprio in questa cornice, alla ricerca di nuovi contratti con chi poi curerà la commercializzazione dei nuovi prodotti attraverso i vari canali di vendita. AMD ha da sempre utilizzato il Computex quale sede per importanti annunci: quello odierno riguarda i nuovi chipset della serie 9, evoluzione della famiglia AMD 800 specificamente sviluppata per l'abbinamento con processori socket AM3+ e quindi anche con le soluzioni basate su architettura Bulldozer.

La presentazione odierna ha tuttavia qualcosa di differente rispetto a quanto portato avanti in passato. AMD non ha fornito nessuna informazione ufficiale sui chipset della serie 9, preferendo delegare il compito ai produttori di schede madri e non gestendo direttamente alcun tipo di presentazione. Non c'è una motivazione ufficiale per questo, ma a nostro avviso tutto dipende dalla non presenza dei processori della famiglia Bulldozer che avrebbero dovuto accompagnare il lancio delle prime schede madri socket AM3+.

Vediamo in dettaglio come si componga la serie di chipset AMD 900:

  • AMD 990FX: è la proposta top di gamma, dotata di memory controller PCI Express capace di gestire un massimo di 32 linee contemporanee per le schede video dividendole sino ad un massimo di 4 socket ciascuno con 8 linee PCI Express elettriche. E' implementato supporto CrossFire sino alla versione a 4 schede, ovviamente a condizione che sulla scheda madre siano stati installati 4 slot PCI Express 16x meccanici.
  • AMD 990X: proposta compatibile con tecnologia CrossFire sino a 2 schede, che implementa controller PCI Express capace di gestire un massimo di 16 linee elettriche divise in due slot.
  • AMD 970: questo chipset è destinato al segmento di fascia media del mercato, essendo sprovvista della compatibilità con la tecnologia CrossFire.

Già dalla scelta dei nomi sono evidenti le similitudini con le proposte della serie 8; di fatto si tratta di una revisione delle proposte AMD 800 adattate all'utilizzo con socket AM3+, con differenze marginali che non vanno a intaccare la struttura base. Troviamo anche due nuovi south bridge: il modello SB950 è posizionato quale proposta di fascia alta e riprende le caratteristiche del modello SB850 già presente in commercio. Per la soluzione SB920 il target è maggiormente entry level pur implementando controller SATA 6 Gbps sprovvisto però di compatibilità con la tecnologia Raid 5.

socket_am3.jpg (42293 bytes)socket_am3+.jpg (41157 bytes)

Quali sono le differenze esistenti tra socket AM3 e AM3+? Il tutto si riconduce all'area evidenziata nelle due immagini dalla freccia rossa, con socket AM3 a sinistra e AM3+ sulla destra. Il secondo presenta un pin di contatto in più, cosa che permette meccanicamente l'installazione di processori socket AM3 ma che sulla carta non consentirebbe l'opposto, cioè il montaggio di processori socket AM3+ su schede madri socket AM3.

Negli scorsi mesi l'emergere di informazioni sulle CPU AMD socket AM3+ ha fatto intendere in modo chiaro che le soluzioni socket AM3+ non potessero venir installate in schede madri dotate di socket AM3, proprio per via dell'incompatibilità meccanica con il pin sopra menzionato. In seguito alcuni produttori di schede madri taiwanesi hanno annunciato compatibilità tra CPU socket AM3+ e proprie schede madri socket AM3, tipicamente di fascia alta: queste informazioni hanno lasciato intendere che le soluzioni socket AM3+ condividano con quelle socket AM3 numero e tipologia di pin di contatto, superando la limitazione meccanica che AMD aveva inizialmente introdotto.

Il debutto delle schede madri basate su chipset AMD della serie 900 è quindi coinciso con la disponibilità delle prime piattaforme socket AM3+, ma non con quella dei processori socket AM3+. AMD, infatti, non ha ancora annunciato le CPU della famiglia FX, nome commerciale scelto per identificare le CPU desktop basate su architettura Bulldozer. Ci troviamo quindi di fronte ad uno scenario particolare e per molti versi non atteso: i produttori di schede madri possono commercializzare da oggi le proprie nuove piattaforme per processori AMD di nuova generazione, ma questi processori non sono al momento disponibili sul mercato e non lo saranno, riteniamo, ancora per un paio di mesi.

La compatibilità con processori socket AM3 ci permette di analizzare anche schede madri dotate di socket AM3+, benché non sino al punto da poterne sfruttare le specifice innovazioni introdotte proprio pensandone all'abbinamento con processori socket AM3+. Per questo motivo nel corso dell'analisi prestazionale abbiamo adottato un processore Phenom II X6 1100T, al momento attuale la proposta più veloce tra le soluzioni AMD per sistemi desktop.

 
Trova il regalo giusto