BitFenix Colossus: chassis full tower dalle molte luci

BitFenix Colossus: chassis full tower dalle molte luci

Uno chassis tower che punta su un aspetto esteriore originale il primo prodotto di BitFenix a debuttare sul mercato. Espandibilità tale da non creare limitazioni anche con il sistema desktop più complesso per un case rivolto principalmente all'utente più appassionato

di Davide Fasola, Paolo Corsini pubblicato il nel canale Sistemi
 

Considerazioni

Il primo chassis proposto da BitFenix sul mercato, il modello Colossus, è caratterizzato da una costruzione massiccia in grado di far fronte alle esigenze degli utenti più appassionati che utilizzano un sistema con un elevato numero di componenti. La qualità costruttiva, a fronte di un prezzo all'utente finale che è attorno ai 150,00€ IVA inclusa nel mercato nazionale, è di buon livello: valida la scelta dei materiali esterni, con una finitura curata e una certa robustezza nel complesso.

All'interno lo chassis Colossus evidenzia una disposizione ordinata delle varie aree riservate ai differenti componenti, con un'elevata espandibilità. Il raffreddamento prevede due sole ventole da ben 230 millimetri di diametro ciascuna, in grado di bilanciare un corretto flusso d'aria dall'interno all'esterno senza evidenti penalizzazioni in termini di rumorosità complessiva. Il posizionamento in un cassettino ricavato nella parte superiore dei più utilizzati connettori per periferiche e audio è apprezzabile, ma la fattura del coperchio ci è parsa essere sotto tono rispetto alla restante parte dello chassis.

Una delle peculiarità estetiche dello chassis Colossus è data dalla possibilità di illuminare in modo differente i pannelli lateriali e frontale, attraverso alcuni led preinseriti all'interno. La scelta della colorazione tra blu e rosso può essere fatta intervenendo su un apposito pulsante presente nel pannello superiore dello chassis, lo stesso nel quale si trova il controller delle ventole. Alla stessa stregua è possibile modificare l'intensità dell'illuminazione su due livelli, a onor del vero non particolarmente differenti tra di loro. Chi volesse può lasciar disattivati i led, sfruttando la colorazione bianca standard degli incavi presenti nei pannelli.

chassis_acceso_blu.jpg (20202 bytes) chassis_acceso_rosso.jpg (20771 bytes)

La risultante è un effetto complessivo che può venir apprezzato, ma che, interessando una superficie così ampia dello chassis è indubbiamente legata al gusto soggettivo. Apprezzabile la possibilità di abilitare e disabilitare facilmente l'illuminazione semplicemente accedendo al pannello superiore dello chassis; in alternativa è sempre possibile disconnettere del tutto i connettori dei pannelli laterali, lasciando l'illuminazione attiva solo per la parte frontale.

I test di temperatura e rumorosità confermano le buone qualitò di questo chassis; il confronto con il prodotto Obsidian 800D di Corsair vede quest'ultimo in lieve vantaggio, con un margine tuttavia che non compensa il costo ben più elevato a parità di espandibilità. Se dotazione accessoria, caratteristiche termiche e acustiche oltre a spazio interno rappresentano alcuni dei principali elementi di scelta tra gli chassis, l'elemento soggettivo dato dal gusto personale riveste un ruolo ancora molto importante.

Con Colossus BitFenix cerca di proporre qualcosa che sia nei limiti del possibile differente dalle soluzioni attualmente in commercio, puntando sul contrasto tra i pannelli neri e il sistema di illuminazione incorporato. L'esito è variabile: in redazione c'è chi apprezza questa scelta estetica e chi non la farebbe mai propria, ma come dice il ben noto adagio "de gustibus non est disputandum": ai gusti non si comanda. Le basi oggettive per un prodotto valido sono a nostro avviso presenti, abbinate ad un prezzo che ci pare essere allineato ai contenuti; sulla parte soggettiva la risposta ai lettori.

  • Articoli Correlati
  • Cooler Master CM690 II Advanced, chassis equilibrato Cooler Master CM690 II Advanced, chassis equilibrato Interessante organizzazione interna per la soluzione mid-tower CM690 II Advanced di Cooler Master, che mette inoltre a disposizione un funzionale slot esterno per il collegamento di hard disk
  • Corsair Obsidian 800D, case oversize con classe Corsair Obsidian 800D, case oversize con classe Obsidian 800D, ovvero la proposta oversize nel mondo dei cabinet per PC targata Corsair, che va a collocarsi nella fascia alta del mercato. Una soluzione per chi è alla ricerca di molto spazio per il proprio hardware, il tutto con un occhio di riguardo alla cura costruttiva
34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Stech198721 Febbraio 2011, 14:28 #1
Molto particolare esteticamente, e nel complesso sembrerebbe un ottimo case... Per la fascia a cui si rivolge, anche il prezzo mi sembra ragionevole vista anche la concorrenza...
mr.mounts21 Febbraio 2011, 14:32 #2
esteticamente secondo me è un pugno in un occhio!
non lo comprerei mai...
Stappern21 Febbraio 2011, 14:34 #3
ma era difficile dare una pulita alle paratie del case prima di fotografarle?


quelle manate sono davvero disgustose
niciz21 Febbraio 2011, 14:35 #4
personalmente come estetica lo trovo..inguardabile
ma quelle temperature, soprattutto quelle della gpu, non sono un pò alte?
redeagle21 Febbraio 2011, 14:36 #5
santo cielo Stappern, è una recensione hardware, non un'esposizione commerciale.
avvelenato21 Febbraio 2011, 14:43 #6
Io credo che si possano fare critiche estetiche più approfondite del "de gustibus non disputandum est sputandum ovest". E' chiaro che risulterà difficile far compiere un'analisi simile a un redattore di tecnologia, abituato a interpretare numeri e valori, per loro natura oggettivi, però esattamente come divengono oggetto di critica opere d'arte, quadri, sculture, elementi architettonici, c'è il margine per compiere un'analisi più soddisfacente e meno banalotta anche per i case considerati dal loro pdv estetico.

Parliamo di questo case: ma prima di tutto delle tendenze dei case in generale. I filoni si possono ricondurre a due: il case elegante, e il case tamarro. Può non piacere il primo, troppo semplice, o può non piacere il secondo, troppo esuberante.
Questo cos'è? Vorrebbe essere "esuberante", ma certo tamarro colle grechette non lo definirei.
Nel contempo è evidente che il concetto di sobrietà è agli antipodi. Non so, io non sono un critico d'arte e quindi faccio anch'io fatica ad andare oltre il "sui gusti non si discute", ma non riesco a vedere un senso in questa roba: sembra uscito da un film sci-fi '80, dove si credeva che nel 2010 avremmo tutti guidato auto volanti spigolose e bruttissime, con mille cazzabubboli e lucine colorate. Per me è oggettivamente una porcata!
Custode21 Febbraio 2011, 15:54 #7
Commenterò solo il lato estetico:
per me è orripilante.

Il frontale, forse ci poteva anche stare...poi ho visto le foto dei pannelli laterali e mi son cadute le braccia: ci sono case da 30 Euro che pur non potendo vantare la stessa qualità costruttiva e di materiali, hanno un gusto del bello, un senso estetico anni luce superiore.

Non mi capacito di come un'azienda possa pagare dei deigner per partorire e mettere in commercio simili offese alla vista, bha...
maumau13821 Febbraio 2011, 16:04 #8
Io lo trovo molto ma molto brutto, sia per il design delle paratie che per quello del frontale (da considerare però che preferisco i case senza frontalino apribile), forse però la versione bianca è un po meglio.
Trovo abbastanza intelligente la soluzione di nascondere le porte di espansione nel vano superiore, si possono lasciare attaccate chiavette e HD esterni senza paura di colpire accidentalmente il connettore, inoltre (almeno per le pennette) si può richiudere il vano in modo da lasciare pulita l'estetica; comodo inoltre il potenziometro singolo per gestire tutte le ventole.
Riguardo alla disposizione interna forse qualche adattatore da 2.5 a 3.5 avrebbe fatto comodo ma tutto sommato non è indispensabile, visto che solitamente negli SSD viene fornito in bundle l'adattatore.
Comunque lo trovo un'ottima soluzione, soprattutto per il prezzo, anche se IMHO preferisco il twelve hundred.
La Paura21 Febbraio 2011, 16:20 #9
orrendo ed estremamente tamarro.
ma a me non piacciono le luci (già la flebile luce del mio haf non mi piace; meno male che è disattivabile).
Per il resto ricorda un po l'haf sia per il sistema di ancoraggio delle unità da 5,25 sia per la disposizione delle ventole grandi appunto come un haf.
Maxt7521 Febbraio 2011, 16:41 #10
Una bella ventola al posto di quelle inutili onde luminose e si poteva pure prendere in considerazione, ma cosi... bah.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.