Sistema Tecnocomputer SLI, potenza senza compromessi

Sistema Tecnocomputer SLI, potenza senza compromessi

Tecnocomputer ci offre la possibilità di toccare con mano un sistema configurato senza badare al compromesso, con la finalità di offrire il massimo delle prestazioni al gamer più esigente: ecco dunque una configurazione SLI di due schede NVIDIA GeForce GTX 580, processore Intel Core i7 980X Extreme Edition, boot disk OCZ Revo SSD PCIe e altro ancora. Un sogno non per tutti.

di Alessandro Bordin, Paolo Corsini pubblicato il 26 Novembre 2010 nel canale Sistemi
 

Componenti - sottosistema storage

Di particolare pregio l'adozione di un boot disk solid state, su cui trova spazio il sistema operativo e in genere il software che l'utente desidera installarvi. La soluzione scelta da Tecnocomputer però non è un Solid State Drive di quelli comunemente intesi, cioè con form factor da 2,5", bensì il più pregiato Revo Drive di OCZ. Siamo di fronte a una soluzione con interfaccia PCI Express 4x, in grado di superare i limiti dell'interfaccia Serial ATA 3Gbp poiché i valori nominali di questa unità di archiviazione sono di ben 540MB al secondo in lettura e 480MB al secondo in scrittura.

Il modello RevoDrive utilizzato nel sistema Tecnocomputer vanta una capienza di 120GB, un quantitativo di gran lunga superiore a quanto richiesto dal sistema operativo. Il fortunato possessore di questo sistema potrà quindi scegliere di utilizzare RevoDrive anche per un buon numero di titoli in ambito gaming, oltre ovviamente a qualsiasi altro software di produttività personale e non solo.

Non si tratta comunque dell'unica soluzione di storage adottata, in quanto è presente anche un disco Western Digital WD20EARS di tipo tradizionale e con capienza di 2TB. Questo disco va quindi ad associarsi al Revo Drive soprattutto in ottica storage, sebbene l'utente sia libero di farne l'uso che preferisce. Il sistema è venduto con l'opzione o meno del sistema operativo, motivo per cui starà al cliente fare al scelta più consona alle proprie esigenze.

Trovandoci di fronte a un sistema senza compromessi non poteva mancare un masterizzatore Blu-ray. A portare le potenzialità di questo standard all'interno del sistema è una unità Plextor PX-B940SA, attualmente il più veloce masterizzatore Blu-ray, in grado di registrare supporti BD-R a ben 12X massimi.

Per comodità e chiarezza di esposizione abbiamo preferito riportare le caratteristiche e le velocità di scrittura sui numerosi supporti compatibili. L'unità può infatti scrivere su praticamente tutti i formati ottici esistenti come CD, DVD nelle diverse declinazioni, compresi i doppio strato sia registrabili che riscrivibili, oltre al poco scontato DVD RAM.