Fujitsu LifeBook U772 Ultrabook professionale

Fujitsu LifeBook U772 Ultrabook professionale

Fujitsu LifeBook U772 Ultrabook destinato alla clientela professionale, basato su un processore Intel Core i5-3427U e dotato di display da 14 pollici. Buona cura del design e ottima scelta dei materiali sono altri dettagli interessanti di questo prodotto

di Fabio Boneschi pubblicato il nel canale Portatili
 

LifeBook U772 dall'esterno

Fujitsu ha previsto per il LifeBook U772 la disponibilità di una doppia colorazione: a catalogo sono disponibili modelli dotati di cover del display rossa oppure altre soluzioni di colore grigio chiaro. In entrambi i casi il materiale utilizzato è alluminio con alcuni particolari in lega di magnaesio, caratteristica comune a tutto lo chassis del prodotto.

Al centro della cover è presente il caratteristico logo del produttore realizzato con una finitura lucida, mentre tutta la restante superficie ha una finitura spazzolata e immune da antiestetiche ditate. Abbiamo avuto a disposizione un LifeBook U772 con cover grigia che si fa notare per il design sobrio, moderno e elegante.

Le linee del prodotto sono molto squadrate, caratteristica che accentua forse il ridotto spessore: ci troviamo di fronte a un Ultrabook che a display chiuso ha uno spessore di soli 15,6mm. Inoltre, rispetto alla moltitudine di prodotti dotati di display da 13,3 pollici il produttore giapponese è riuscito a integrare un pannello da 14 pollici di diagonale, soluzione ben riuscita limitando in modo drastico le dimensioni della cornice del display.Purtroppo anche in questo caso ci troviamo di fronte a un pannello con risoluzione di 1366x768 pixel, caratteristica più volte criticata ma sulla quale ritorneremo più avanti nel corso di questa recensione.

Nella parte superiore del display è integrata l'ormai immancabile webcam mentre nella cornice inferiore sono visibili i due piccoli fori dedicati al microfono integrato posizionati ai lati del logo Fujitsu. Per il fissaggio del display alla base del portatile è prevista un'unica cerniera che occupando tutto lo spazio posteriore del prodotto ha imposto il posizionamento delle porte di espanzione sui due lati.

La base del portatile è realizzata con particolari in lega di magnesio e alluminio e pare di solida costruzione. La tasiera è collocata in posizione leggermente ribassata rispetto al profilo, caratteristica che dovrebbe migliorarne l'usabilità e evitare anche che i singoli elementi entrino in contatto con il pannello del display danneggiandolo.

La costruzione a isola della tastiera e la spaziatura tra i singoli elementi è nella norma: non abbiamo osservato eccessiva cedevolezza nella parte centrale o ai lati. La corsa dei singoli tasti ci è sembrata eccessivamente ridotta e anche il tocco molto mordido, inoltre non è prevista la retroilluminazione per un più comodo utilizzo notturno.

Tra la tastiera e il display è collocato il pulsante Power e un secondo controllo per abilitare la funzionalità ECO che agisce sui parametri di risparmio energito al fine di garantire la maggior autonomia possibile. Entrambi questi controlli sono collocati in posizione leggermente inferiore rispetto al piano e risultatono facilmente individuabili anche al buio.

Al centro dell'area poggiapolsi è collocato il touchpad di dimensioni generose, che integra nella parte inferiore anche i tasti di selezione: solo la parte più vicina al bordo esterno del portatile risulta cliccabile e non l'intera superficie. La superficie sensibile del sistema di puntamento non è a nostro avviso ben delimitata dal resto del palmrest, un piccolo particolare che poteva migliorarne di molto l'usabilità.

Chiudiamo ora il display e analizziamo cosa offre questo LifeBook U772 in merito a porte di espansione. Come già detto poco sopra le scelte fatte per integrare la cerniera del display impongono la collocazione di tutte le porte sui due lati, e così troviamo sul profilo destro un lettore di SD card, 2 porte USB 3.0 caratterizzate dal particolare plastico di colore blu, una connessione HDMI e una porta proprietaria a cui collegare l'accessorio necessario per avere a disposizione una porta Gigabit.

Sul lato opposto oltre al connettore di alimentazione è presente anche una porta USB 2.0 usabile per la ricarica di dispositivi con sistema in stand-by; nelle vicinanze trova posto un'ampia feritoia utilizzata dal sistema di raffreddamento dei componenti interni e l'asola per antifurto Kensinghton.

La parte inferiore di questo Ultrabook accoglie al centro un connettore per il rapido collegamento a una docking station e in posizione laterale è visibile il tasto di reset, dettaglio non da poco considerando che la batteria nel dispositivo non può essere rimossa con molta facilità. Nella parte superiore e in parte nascosto da un coperchio in gomma è accessibile lo slot per l'inserimento della SIM card da utilizzare per l'accesso alla rete 3G.

 
Trova il regalo giusto