Acer Aspire S5: l'Ultrabook ultrasottile da 11 millimetri

Acer Aspire S5: l'Ultrabook ultrasottile da 11 millimetri

Aspire S5 è l'ultima proposta di Acer nel settore dei sistemi Ultrabook. Basato su piattaforma Ivy Bridge, abbina uno chassis molto sottile ad un pannello posteriore che nasconde tutte le porte di comunicazione. Tra le peculiarità lo storage con due SSD in Raid 0 e un display da 13,3 pollici che non convince per qualità

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Portatili
 

Analisi termica

Per valutare il comportamento del sistema di raffreddamento integrato nel notebook Acer Aspire S5 ed evidenziare la presenza di cosiddetti hotspots, cioè di aree delle superfici inferiore e superiore che tendono a raggiungere una temperatura più elevata della media, abbiamo eseguito uno stress test del processore servendoci del tool HyperPi, con il quale poter eseguire istanze in parallelo di SuperPI su tutti i threads che il processore può elaborare in parallelo. Dopo 10 minuti di test abbiamo rilevato, attraverso il tool CoolTemp, la massima temperatura raggiunta dal processore e proceduto a rilevare, attraverso una pistola termica, anche le temperature della parte superiore e inferiore del notebook in 9 punti distinti.

Segnaliamo come nel corso dei test abbiamo anche caricato la componente GPU integrata nel processore così da generare il massimo consumo dal sistema, servendoci del tool Furmark. La CPU Intel Core i5-3317U, al pari delle altre CPU Intel della famiglia Ivy Bridge, gestisce in modo dinamico le frequenze di clock tra CPU e GPU in funzione della temperatura di funzionamento della CPU e delle specifiche richieste delle applicazioni in uso. Mandando in esecuzione parallela le istanze di SuperPI assieme a Furmark la frequenza di clock della CPU, dopo alcuni minuti di test, scende sino a 800 MHz: la richiesta di potenza elaborativa è così elevata che per lasciare spazio alla GPU la CPU deve necessariamente diminuire di frequenza, così da incidere di meno sui consumi e lasciare parte del TDP complessivo a disposizione della GPU.

La risultante sono valori di temperatura massimi complessivamente inferiori, motivo per il quale abbiamo optato per i test con la sola CPU portata a pieno carico. I test in parallelo con la componente GPU messa sotto stress verranno sviluppati in presenza di sistemi dotati di GPU discreta, non basati quindi su quella integrata nella CPU, onde evitare il problema di downclock automatico delle frequenze di funzionamento della CPU.

temperature_front.jpg (62190 bytes)

temperature_back.jpg (44790 bytes)

Notiamo come a pieno carico l'Ultrabook Acer Aspire S5 evidenzi temperature sempre contenute nella parte superiore, quella che tipicamente non pone problemi di hotspots. Differente analisi per la parte inferiore, dove si individua un'area più calda di altre nella parte centrale superiore, quella nella quale trova posto il sistema di raffreddamento della CPU. La temperatura massima raggiunge un picco di poco meno di 47 gradi centigradi, valore non eccessivamente elevato in assoluto ma tale da non permettere di tenere il notebook appoggiato sulle gambe nude senza una sensazione di fastidio.

Ricordiamo che queste rilevazioni sono un picco massimo con processore occupato a pieno carico per vari minuti; durante un utilizzo ordinario del notebook le temperature massime si mantengono su valori ben più contenuti senza evidenziare particolari hotspot. La CPU ha raggiunto una temperatura massima pari a 76 gradi centigradi durante il funzionamento, valore che è ampiamente all'interno del range di funzionamento standard per questi processori, con una temperatura ambiente pari a 27 gradi.

 
Trova il regalo giusto