Portégé Z830: l'Ultrabook targato Toshiba

Portégé Z830: l'Ultrabook targato Toshiba

Terzo Ultrabook a venir analizzato in redazione, Toshiba Portégé Z830 riprende le linee guida di questa nuova famiglia di soluzioni portatili. Peso e dimensioni contenute, buona autonomia con alimentazione a batteria e prestazioni velocistiche complessivamente interessanti

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Portatili
 

Introduzione

Abbiamo avuto modo di analizzare il fenomeno delle soluzioni Ultrabook con vari articoli e notizie nel corso degli ultimi mesi, a partire dal debutto ufficiale di questa nuova categoria di dispositivi portatili avvenuta in occasione del Computex 2011 di Taipei. Più recentemente abbiamo recensito il modello Acer Aspire S3, seguito da quello Asus UX31E Zenbook. La sintesi alla quale siamo giunti è che questa categoria di prodotti sia indubbiamente molto interessante, in quanto permette di coniugare una notevole cura estetica a facilità nel trasporto. D'altro canto il prezzo medio di acquisto sul mercato è ancora un po' troppo elevato per risultare complessivamente interessante: per raggiungere il successo commerciale auspicato da Intel e partner OEM è indispensabile che i prezzi degli Ultrabook scendano su valori più conservativi rispetto a quanto proposto sino ad ora.

notebook_completo.jpg (39550 bytes)

Tra i primi produttori ad aver proposto una soluzione Ultrabook sul mercato italiano, accanto a Acer e Asus, troviamo Toshiba con Portégé Z830. Nello specifico l'azienda giapponese propone 3 differenti versioni di Ultrabook Z830, tutte basate sullo stesso chassis e unità di storage: le differenze sono legate al sistema operativo preinstallato di default, con un paio di versioni di Windows 7 a 64bit tra le quali scegliere, e la CPU abbinata che è sempre un modello della famiglia Sandy Bridge del tipo Ultra Low Voltage.

Il design del Portégé Z830 è ovviamente molto curato, come del resto abbiamo visto anche per gli altri Ultrabook in commercio. Il pannello superiore è in alluminio, con il logo Toshiba incastonato al centro, mentre quello inferiore è in materiale plastico identico per colore a quello in alluminio. Lo schermo è incernierato al corpo del notebook ai due lati; l'apertura dello schermo è facilitata dalla presenza nella parte frontale di una lieve rientranza nella parte inferiore, oltre a due lievi aperture sui lati in corrispondenza della tastiera che uniscono la finalità estetica con quella di facilitare l'apertura del pannello.

sx.jpg (7469 bytes)
dx.jpg (7526 bytes)
posteriore.jpg (9299 bytes)

Toshiba ha scelto di inserire componenti su entrambi i lati del Portégé Z830 oltre che sul pannello posteriore: accanto alle due tradizionali porte USB 2.0 troviamo un connettore USB 3.0, mini-jack per cuffie e microfono, un lettore di schede SD, un connettore di rete e connessioni video VGA e HDMI. Dei 3 Ultrabook analizzati sino ad ora, complice in questo uno spessore lievemente superiore, il Toshiba Z830 è l'unico ad integrare un connettore di rete tradizionale: nella maggior parte degli ambiti di utilizzo la wireless integrata sarà la scelta di riferimento per il collegamento alla rete ma l'opzione del collegamento via cavo, grazie anche alla superiore velocità, è indubbiamente apprezzabile.

tastiera_particolare.jpg (36765 bytes)

Una particolare menzione per la tastiera, del tipo a isola: Toshiba ha implementato un sistema di retroilluminazione che può venir comandato attraverso un tasto funzione impostando il funzionamento continuo oppure uno con timer, che privilegia l'autonomia con batteria. In alternativa rimane sempre possibile il disabilitare del tutto la retroilluminazione.

tastiera_generale.jpg (35433 bytes)

La diagonale di 13,3 dello schermo ha permesso di utilizzare una tastiera ad isola con estensione dei tasti tradizionale; quelli funzione sono tutti dotati di doppia funzionalità, con la seconda accessibile premendo contemporaneamente il tasto FN. La digitazione è gradevole: la tastiera, nel sample a nostra disposizione, non flette e i singoli tasti forniscono un buon feedback durante la digitazione. Discorso simile vale per il touchpad: le dimensioni sono ampie e i due tasti alla base ben differenziati dalla superficie touch. Immediatamente sotto ai tasti troviamo una serie di led che informano su carica e funzionamento della batteria, sull'utilizzo dell'SSD e sull'abilitazione della rete wireless.

tasto.jpg (8807 bytes)

Nella parte superiore dell'Ultrabook Toshiba, tra tastiera e cerniera dello schermo, troviamo 3 pulsanti: il primo comanda l'accensione mentre i due restanti attivano l'accesso ad alcune funzionalità avanzate legate alla dotazione software accessoria fornita in bundle. Il primo gestisce le modalità di collegamento con uno schermo esterno, mentre il secondo attiva la funzione Toshiba eco Utility.

toshiba_eco_utility.jpg (33915 bytes)

Questo tool permette di monitorare il consumo istantaneo dell'Ultrabook evidenziando, attraverso un grafico, come questo tenda a diminuire nel momento in cui viene abilitata la modalità eco. Quali sono i parametri sui quali interviene questo tool? La luminosità del display, la retroilluminazione della tastiera e il forzare la CPU a entrare il più presto possibile nelle modalità di massimo risparmio energetico.