Recensione ASUS ROG Centurion 7.1: qualità (e prezzo) alle stelle

Recensione ASUS ROG Centurion 7.1: qualità (e prezzo) alle stelle

Abbiamo provato questo headset per giocatori che si fa notare per l'alta qualità, così come per l'alto prezzo. Ecco le nostre impressioni, anche in video, e qualche test sul campo

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Periferiche
ASUSROG
 
[HWUVIDEO="2375"]Asus ROG Centurion 7.1: recensione[/HWUVIDEO]

ASUS ROG Centurion 7.1 sono le nuove cuffie del famoso brand di ASUS dedicato al gaming. Si contraddistinguono per una serie di caratteristiche peculiari come le cinque coppie di altoparlanti con magneti al neodimio o l'amplificatore Hi-Fi ESS posizionato all'interno del box di controllo. Tutte dotazioni inserite per garantire la massima qualità dell'audio possibile, sia in termini di potenza sonora che di spazialità e direzionalità, anche se fanno lievitare oltremodo il prezzo a circa 220 Euro, a seconda del rivenditore.

ASUS ROG Centurion 7.1

Le ASUS ROG Centurion 7.1 si contraddistinguono per le cinque coppie di altoparlanti con magneti al neodimio o l'amplificatore Hi-Fi ESS posizionato all'interno del box di controllo
La presenza degli altoparlanti fisici restituisce un audio di tipo Surround 7.1 reale, in opposizione al Surround virtuale che troviamo nella maggior parte delle cuffie dedicate ai videogiocatori. La direzionalità è molto importante per il gaming, soprattutto quando si gioca in maniera competitiva perché permette di percepire la posizione degli avversari ancor prima che li si vedano. E' per questo che avere precisione da questo punto di vista può far la differenza tra un frag assestato e uno subito.

Solitamente i giocatori più impegnati preferiscono il Virtual Surround al Real Surround perché nel caso di disposizione fisica degli altoparlanti all'interno dei padiglioni, a causa degli spazi ridotti, si possono creare sovrapposizioni. Per il giocatore, quindi, può diventare difficoltoso individuare con esattezza la provenienza precisa di un suono all'interno del videogioco.

ASUS ROG Centurion 7.1

ASUS ROG Centurion 7.1, però, è un headset che non soffre di queste limitazioni, a causa dell'ottima qualità dei materiali scelti e di una disposizione adeguata degli altoparlanti all'interno delle cuffie. Dopo le nostre prove abbiamo rinvenuto una potenza sonora non facilmente riscontrabile in altre soluzioni della categoria, con bassi efficaci e grande precisione nella spazialità. Anzi, possiamo tranquillamente dire che le Centurion 7.1 garantiscono una qualità sonora fra le più alte rispetto a tutte le altre cuffie gaming che sono transitate qui nella redazione di Hardware Upgrade. Ma procediamo gradualmente e vediamo quali sono le caratteristiche di questa soluzione.

Che riprende anche visivamente lo stile accattivante tipico delle periferiche ROG, riproducendo allo stesso tempo la trama Maya che abbiamo visto sulla scocca di molte altre periferiche del brand. Le dimensioni sono abbastanza ingombranti, e questo è uno degli elementi più critici di questo prodotto, che esteticamente può essere giudicato bruttino. D'altronde non si può dire altrettanto se si passa a parlare di peso: i progettisti di Taiwan hanno infatti individuato il compromesso giusto per rendere l'esperienza di gioco confortevole anche nelle sessioni più lunghe.

ASUS ROG Centurion 7.1

Questo è possibile grazie alla presenza di due cuscinetti auricolari in pelle ultra-morbida. Sono altamente traspiranti e completamente memory foam, con la capacità di adattarsi alla testa di qualunque giocatore. Chi non gradisse la pelle, inoltre, può optare per la soluzione in tessuto, presente anch'essa nella confezione e facilmente installabile al posto di quella originale senza un grosso dispendio di risorse e di tempo.

Sempre restando in ambito comfort, va menzionato anche il supporto per l'headset presente nella confezione. Leggero e in plastica può essere posizionato sulla scrivania: a questo è possibile fissare le cuffie quando non le si usano, in modo da conservarle in maniera elegante senza aumentare la confusione sulla scrivania.

Ma il cuore di questa nuova soluzione ASUS ROG riguarda il box di controllo, che permette di personalizzare in maniera accurata l'esperienza uditiva anche grazie ai quattro profili espressamente dedicati al gaming. Inoltre, tramite questo box si può controllare il volume di ciascun canale surround: per esempio attutire i suoni centrali per favorire quelli laterali o posteriori, oppure configurare l'incidenza dei toni bassi a seconda delle preferenze personali e al tipo di gioco che si sta giocando.

ASUS ROG Centurion 7.1

Il cuore di questa nuova soluzione ASUS ROG riguarda il box di controllo, che permette di personalizzare in maniera accurata l'esperienza uditiva anche grazie ai quattro profili espressamente dedicati al gaming
Il tutto avviene in maniera molto semplice utilizzando la rotella centrale per selezionare una delle varie opzioni a disposizione, ovvero: Main, Mic, Side, Rear, Center, Lighting, Front, Sub e Spectrum. Una volta selezionata l'opzione, con la rotella posta nella parte superiore del box si controlla il volume: se la si preme, invece, si spegne il canale corrispondente.

Con questo sistema si regola anche l'effetto di illuminazione interno alle cuffie (optando per la voce Lighting) oppure si seleziona il profilo di gioco. I quattri profili a disposizione sono associati rispettivamente a sparatutto generici, sparatutto nell'accezione passi, giochi di ruolo e corsa. Una volta che si seleziona un profilo viene abilitata una certa equalizzazione che potenzia i suoni all'interno di un certo range di frequenze in funzione delle caratteristiche uditive del tipo di gioco.

Ad esempio, potenziando le frequenze associate ai passi si rimarcheranno soprattutto i passi dei soldati nemici presenti sul campo di battaglia. Chi gioca Counter-Strike: Global Offensive, ad esempio, sa bene che tramite i passi è possibile anticipare il comportamento del nemico e percepire la sua posizione sulla mappa anche se non lo si vede direttamente. Il profilo effettivamente funziona, distorce leggermente i suoni alle altre frequenze, per cui depaupera l'esperienza uditiva complessiva, ma effettivamente risalta i passi.

Per quanto riguarda il profilo dei giochi di ruolo, è meglio associarlo a quei giochi in terza persona, per cui l'ambiente uditivo ha caratteristiche leggermente differenti rispetto ai titoli in prima persona. Usando il software in allegato, comunque, il giocatore può perfezionare con un ulteriore strato di precisione l'equalizzazione da lui desiderata.

Nel box centrale si trovano altri quattro pulsanti che consentono di effettuare ulteriori regolazioni, come abilitare o disabilitare il Surround 7.1, escludere l'amplificatore interno al box, silenziare il microfono e abilitare il set di altoparlanti che si può connettere al box stesso. A tal proposito bisogna da una parte puntualizzare come il box consenta di gestire un set di altoparlanti domestico esterno, ma allo stesso tempo come le cuffie non funzionino senza il collegamento al suddetto box, che quindi è una parte integrante e irrinunciabile del sistema. L'amplificatore, quindi, gestisce contemporaneamente le cuffie e il set esterno, e permette di passare al volo fra i due sistemi mantenendo le stesse impostazioni.

ASUS ROG Centurion 7.1

Il box di controllo è dotato di un'uscita USB con cui lo si collega al PC, abilitando dunque la possibilità di trasmettere segnali digitali. L'amplificatore, infatti, si può controllare anche tramite il software Sonic Studio come vedremo meglio dopo. Inoltre, la connessione tra amplificatore e cuffie avviene tramite cavo HDMI, il che può sembrare strano per delle cuffie, ma rimarca ulteriormente la mole di dati che viene scambiata rispetto all'unità centrale per un sistema talmente complesso come le Centurion 7.1. Sulla parte destra dell'unità di configurazione troviamo la porta USB e la porta HDMI per la connessione dell'unità al sistema di altoparlanti esterno, mentre sul lato sinistro si trova la porta HDMI che funge da connessione tra box e cuffie.

ASUS ROG Centurion 7.1

Il box consente di gestire un set di altoparlanti domestico esterno
Il cavo USB incluso nella confezione è di Tipo a Y, e questo vuol dire che richiederà due porte USB del PC per essere collegato correttamente. Il cavo ha una lunghezza di un metro e mezzo. Per quanto riguarda il collegamento tra amplificatori e altoparlanti esterni ASUS ha comunque pensato di inserire nella confezione un secondo cavo utilizzabile all'occorrenza.

Le cuffie Centurion dispongono anche di un microfono digitale con asta retraibile dotata di funzione ENC volta a ridurre il rumore ambientale indesiderato al fine di garantire una comunicazione chiara durante le sessioni multigiocatore con le altre persone. La cancellazione del rumore funziona tramite un piccolo microfono applicato nella parte superiore della stazione audio che misura i rumori ambientali indesiderati, ne trasmette le frequenze al software e quest'ultimo si occupa di eliminarli. La comunicazione di questi dati al sistema viene fatta tramite la connessione USB: quindi, la funzione di cancellazione del rumore per le comunicazioni tramite il microfono non funziona se la stazione audio non viene collegata al PC tramite la porta USB.

ASUS ROG Centurion 7.1

La cancellazione del rumore funziona tramite un piccolo microfono applicato nella parte superiore della stazione audio che misura i rumori ambientali indesiderati, ne trasmette le frequenze al software e quest'ultimo si occupa di eliminarli
Il microfono digitale fornisce prestazioni in termini di frequenza di risposta, rapporto segnale-rumore e sensibilità superiori rispetto ai microfoni analogici standard. Come noto, la frequenza di risposta è una misura quantitativa della gamma sonora che gli altoparlanti possono riprodurre. Più è ampia è la gamma e migliori saranno le prestazioni. Il rapporto segnale-rumore (SNR), invece, è una misura che confronta il livello del segnale desiderato al livello di rumore di fondo. Un SNR più alto è migliore. La sensibilità, infine, è la misura della potenza necessaria per attivare i trasduttori ed ottenere il livello di volume impostato. Una minore sensibilità richiede più potenza, una maggiore sensibilità richiede meno potenza.

Tutta questa versatilità si controlla tramite il software messo a disposizione da ASUS e conosciuto come Sonic Studio. Qui è possibile personalizzare il volume di ogni canale e optare per i profili preconfigurati sulla base del genere di gioco, come FPS, RPG e Racing. I tecnici di ASUS hanno fatto corrispondere una certa potenza sonora a ogni intervallo di frequenze sulla base delle caratteristiche dei vari generi di gioco. Il software permette anche di abilitare la modalità di potenziamento dei bassi e impostare il livello di chiarezza della voce, andando a privilegiare in questo caso le frequenze associate al parlato e quindi rivelandosi particolarmente utile soprattutto nel caso dei film.

ASUS ROG Centurion 7.1

Tutta questa versatilità si controlla tramite il software messo a disposizione da ASUS e conosciuto come Sonic Studio
Si può anche configurare il livello della compressione della gamma dinamica, ovvero il processo che modifica l'intervallo dinamico del segnale audio, così come il riverbero. Infine ci sono le regolazioni inerenti la pulizia del parlato per come viene trasmesso al microfono in termini di Noise Gate e Perfect Voice. All'interno del software si trova anche lo strumento Sonic Radar Pro: questo visualizza una bussola in overlay rispetto alla schermata di gioco che mostra la posizione in cui si trovano i nemici (si pensi a uno sparatutto multiplayer competitivo ancora una volta come Counter-Strike: Global Offensive) ricavandola appunto dalle informazioni sonore trasmesse al sistema. Sonic Radar Pro, però, funziona solo con cuffie con connessione analogica direttamente alla scheda madre Asus, e quindi non ci troviamo nel caso delle Centurion 7.1.

  Asus ROG Centurion 7.1
Connettori HDMI, USB per il PC tramite stazione audio
Dimensione degli altoparlanti 40mm, Sub-woofer: 40mm, Centrali: 30mm, Posteriori: 20mm, Laterali: 20mm
Materiali degli altoparlanti Magneti al neodimio
Impedenza 32 ohm
Risposta in frequenza 20Hz–20kHz
Cuscinetti auricolari Due paia: tessuto e pelle naturale memory foam
Peso 50g (senza cavi)
Dimensioni 221.5*229*111mm
Cavo Intrecciato 1.5M + 1.5M
Effetti di illuminazione Statico/Respiro/Off
Tipo di microfono Microfono digitale retraibile
Risposta in frequenza del microfono 100Hz–12kHz
Sensibilità del microfono -26 ± 3dB

ASUS ROG Centurion 7.1

Le Asus ROG Centurion 7.1 rappresentano una soluzione in grado di restituire un suono molto pulito e potente. Ovviamente vanno consigliate esclusivamente a quegli utenti che si aspettano prestazioni importanti in termini di spazialità, e quindi fondamentalmente ai giocatori. Se le usate per ascoltare musica, insomma, non si rivelano assolutamente la migliore soluzione in termini di qualità/prezzo, proprio per la loro natura multicanale. Prezzo che comunque rimane decisamente elevato, ma che corrisponde a una migliore qualità e pulizia rispetto alle soluzioni analoghe vendute a prezzo inferiore (penso al range 100/130 Euro).

Esteticamente non ci sentiamo di dire che siano aggraziate, e sono piuttosto ingombranti. Il supporto presente nella confezione può venire in soccorso, ma le Centurion rimangono in ogni caso troppo grosse. Evidentemente per poter consentire ai tecnici taiwanesi di disporre gli speaker all'interno dei padiglioni nel modo giusto. Ciò non si traduce in un peso eccessivo o in una perdita di comfort: anzi, le Centurion permettono quasi sempre di dedicarsi al gaming anche per molte ore di fila.

Infine, un ulteriore "Pro" e ancora un "Contro". La confezione, come nella migliore tradizione delle periferiche Asus ROG, è elegante e graziosa; e, tra le altre cose, mette a disposizione un set di padiglioni di ricambio. Come "Contro", invece, segnaliamo un cavo di collegamento non così lungo (solamente un metro e mezzo), il che non sarà gradito da chi ama giocare a una certa distanza dal sistema/monitor.

Va specificato, infine, come le Centurion 7.1 siano compatibili solo con il PC e il Mac, non con le console.

PRO

  • Ottima qualità dell'audio
  • Box di controllo potente e facile da usare
  • Amplificatore professionale e microfono con tecnologia di cancellazione del rumore
  • Surround reale
  • Confezione di qualità come nella tradizione Asus ROG

CONTRO

  • Ingrombranti
  • Prezzo elevatissimo
  • Il cavo sarebbe potuto essere più lungo
  • Articoli Correlati
  • Pugio: punto di riferimento per il gaming da Asus ROG Pugio: punto di riferimento per il gaming da Asus ROG Abbiamo provato esaustivamente il nuovo Asus ROG Pugio, una periferica rivolta ai videogiocatori che potenzia alcune delle caratteristiche già viste nello Spatha. Scopriamo nella recensione quali sono i suoi punti di forza e di debolezza, anche in video
12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Masamune02 Agosto 2017, 15:57 #1
Vabbe, 220 euro non mi sembra un prezzo mostruosamente elevato.
hanno un 7.1 reale, riduzione del rumore, ottima qualità costruttiva, si sentono bene, box esterno, software per la gestione...
che altro devono fa? passare l'aspirapolvere?
non sono economiche ma tutto sommato potrebbe essere un buon acquisto per chi riesce a giocare con le cuffie.
tra i contro avrei messo "niente rgb!!! scaffale!!!"

jepessen02 Agosto 2017, 16:04 #2
Se la qualita' e' buona 220 non sono tanti, anche rispetto ad un normale sistema 2.1, ovviamente dedicati in ambito ludico (non e' che ci ascolterei musica con queste, anche se per certi generi potrebbero andare bene).

L'unico difetto secondo me e' che per quel prezzo potevano cercare di farle andare anche con le console, ma probabilmente li' si andrebbe di wireless fosse solo per la maggiore distanza fra player e hardware, avere cavi in mezzo potrebbe non essere il massimo.
Cfranco02 Agosto 2017, 17:09 #3
Il problema è la marca
Asus purtroppo ha una lunga tradizione nel rilasciare componenti e abbandonarli senza nessun aggiornamento anche a fronte di grossi bug.
Le Strix 7.1 sono state presentate a Dicembre 2014 e sono ancora in vendita, da sempre hanno grossi problemi di compatibilità con Windows 10, hanno avuto un solo aggiornamento firmware a Marzo 2015 e da allora sostanzialmente sono state abbandonate lasciando gli acquirenti nel guano con risposte ai loro problemi a dir poco fantasiose ( "E' colpa di Microsoft" )
https://answers.microsoft.com/it-it...9e-414b1026534f
Masamune02 Agosto 2017, 18:01 #4
Originariamente inviato da: Cfranco
Il problema è la marca
Asus purtroppo ha una lunga tradizione nel rilasciare componenti e abbandonarli senza nessun aggiornamento anche a fronte di grossi bug.
Le Strix 7.1 sono state presentate a Dicembre 2014 e sono ancora in vendita, da sempre hanno grossi problemi di compatibilità con Windows 10, hanno avuto un solo aggiornamento firmware a Marzo 2015 e da allora sostanzialmente sono state abbandonate lasciando gli acquirenti nel guano con risposte ai loro problemi a dir poco fantasiose ( "E' colpa di Microsoft" )
https://answers.microsoft.com/it-it...9e-414b1026534f


incuriosito ho dato un'occhiata però dal sito asus c'è un firmware upgrade di febbraio 2016.
non so se hai direttamente tu il problema con queste cuffie. ti metto il link al sito asus.
https://www.asus.com/Headphones-Hea...pDesk_Download/
TigerTank02 Agosto 2017, 18:52 #5
Troppo pacchiane e sanno troppo di "plasticoso"(box compreso che assomiglia ad una unità G di Gyver...). A meno si trovano pure delle Senheiser 7.1.
-]ExoDux[-02 Agosto 2017, 20:13 #6
Mi sudano le orecchie solo a guardarle
Angeland02 Agosto 2017, 20:20 #7
Almeno queste sono piu' carine esteticamente, le Strix 7.1 stile occhi del gufo sono orribili imho.
archangel98702 Agosto 2017, 21:08 #8
Da felice possessore delle Strix 7.1 sono incuriosito da questo nuovo modello che ha mooolto in comune con le vecchie (base assolutamente simile, cavetteria e connessioni, archetto superiore).
Mi ritengo fortunato/miracolato a non aver mai avuto problemi con Windows 10.
Come qualità audio già le mie sono davvero soddisfacenti, immagino queste...
tony7303 Agosto 2017, 16:57 #9
Io sono un "cuffiofilo" e con 220€ ci compro un cavo bilanciato di qualità medio/alta, quindi non mi scandalizzo di certo... Però quando sento la parola "qualità" abbinata a ste cinesate mi viene l'orticaria
Sealea04 Agosto 2017, 06:53 #10
Originariamente inviato da: tony73
Io sono un "cuffiofilo" e con 220€ ci compro un cavo bilanciato di qualità medio/alta, quindi non mi scandalizzo di certo... Però quando sento la parola "qualità" abbinata a ste cinesate mi viene l'orticaria


concordo. senti parlare di "qualità" poi quando te le metti in testa e accendi ti vengono i brividi.

soliti prodotti "gaming" tutto prezzo e niente qualità, un po' come i monitor.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^