HP, l'importanza di riutilizzare le cartucce

HP, l'importanza di riutilizzare le cartucce

Una visita guidata alla fabbrica di Thurnau, Germania, partner del colosso americano HP ci ha offerto la possibilità di raccontare, mostrare e analizzare come, la necessità di riciclare materiale, possa trasformarsi, al tempo stesso in una grande opportunità e una importante sfida tecnologica

di Gabriele Burgazzi pubblicato il nel canale Periferiche
 

Introduzione

Il termine green è, al giorno d'oggi, sulla bocca di tutti; per moda o per necessità, non esistono in epoca moderna aziende che non siano impegnate e che non rispettino i parametri di ecosostenibilità da tempo varati e a livello europeo e a livello internazionale. Ma come queste normative trovano impiego nella realtà e nei processi produttivi?

Se da un lato la normativa RAEE (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) ha rappresentato un importante passo in avanti per la realtà italiana e la gestione dei rifiuti elettronici, creando un sistema di gestione di tali componenti in grado di eliminare, almeno in parte, il problema alla radice, ci sono molti altri tipi di prodotti, magari meno ingombranti che non rientrano sotto il cappello RAEE ma ugualmente inquinanti e derivanti dal mondo tecnologico. In questo senso, tutti quegli elementi considerati usa e getta, rappresentano un enorme problema: nel caso specifico, oggi, andremo ad analizzare come HP ha approcciato il problema legato alle cartucce e quali saranno le prossime evoluzioni sul problema.

Una visita guidata alla fabbrica di Thurnau, Germania, partner del colosso americano HP ci ha così offerto la possibilità di raccontare, mostrare e analizzare come, la necessità di riciclare materiale, possa trasformarsi, al tempo stesso in una grande opportunità e una importante sfida tecnologica. Prima di parlare del processo di riciclo che consente di riutilizzare il materiale altrimenti destinato allo stoccaggio in normali discariche, è bene analizzare alcuni dati inerenti il mondo dell'IT e quanto questo influisca sull'inquinamento globale:

Come è possibile evidenziare dal grafico, il segmento definito IT rappresenta il 2% dell'intero inquinamento mondiale: questa perecentuale rappresenta però solo l'inquinamento diretto collegato al questo particolare mondo, e non tiene in considerazione l'inquinamento indiretto. Per fare un esempio: se per produrre cento PC saranno prodotti 200Kg di CO2, quanto andranno ad incidere questi cento PC una volta in funzione e accesi? La risposta a questa domanda è ovviamente difficile da dare. Un aspetto su cui però i produttori possono lavorare direttamente riguarda i consumi e i modi di riduzione degli stessi: una migliore gestione del consumo energetico, unito ad un accurato controllo sull'intera catena di fornitori, rappresenta un primo ed importante passo fondamentale per una migliore ecosostenibilità.

Oggi andremo invece ad analizzare come, grazie a diverse partnership, HP ha dato il via al riciclo delle proprie cartucce, quelle comunemente impiegate nelle stampanti a getto di inchiostro: la società americana consegna 110 mila stampanti ogni giorno e, nonostante il numero di cartucce non sia mai stato fornito con indicazioni precise, questo componente usa e getta, rappresenta un importante business per HP. Riuscire a riutilizzare i componenti e i materiali con cui le cartucce a getto di inchiostro sono sviluppate da HP è stato quindi l'obbiettivo che ha dato il via alla realizzazione della fabbrica di Thurnau, oggi avviata e una delle due al mondo in grado di eseguire questa operazione.