AMD Ryzen Threadripper 1950X e 1920X: la battaglia dei 16 core

AMD Ryzen Threadripper 1950X e 1920X: la battaglia dei 16 core

Sono in vendita da quest'oggi i primi due processori AMD della famiglia Ryzen Threadripper, proposte a 12 e 16 core destinate agli utenti che ricercano il massimo delle prestazioni sfruttando più applicazioni contemporaneamente, tutte in grado di saturare il gran numero di core a disposizione.

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Processori
AMDRyZenThreadripperASUSIntelCoreSkylake
 

ASUS X399 ROG Zenith Extreme: chipset X399

Con i processori Ryzen Threadripper AMD introduce, come abbiamo detto, nuovo chipset e socket abbinato: quest'ultimo è indicato con la sigla TR4 e vanta dimensioni decisamente imponenti rispetto alle altre proposte Ryzen e a quelle Intel della famiglia Core. La prima scheda madre con chipset X399 giunta in redazione è il modello ASUS X399 ROG Zenith Extreme, soluzione che si posiziona nel segmento di fascia più alta e che lascia ben poco a desiderare quanto a dotazione accessoria.

scheda_9_s.jpg (87072 bytes)

Le dimensioni complessive sono ovviamente importanti grazie al form factor E-ATX che è stato scelto da ASUS. Del resto il numero di componenti onboard, uniti all'ingombro del socket TR4, non permettono scelte di tipo diverso. Notiamo la presenza di 4 slot PCI Express di tipo 16x meccanico, con 8 slot per moduli memoria DDR4 così da sfruttare al meglio il controller quad channel integrato nei processori Ryzen Threadripper.

scheda_1_s.jpg (124506 bytes)

scheda_3_s.jpg (105246 bytes)

Tutti gli slot sono separati tra di loro da un altro slot, permettendo in questo modo l'installazione di 4 schede video ciascuna dotata di sistema di raffreddamento a 2 slot d'ingombro. Non mancano uno slot PCI Express 1x e uno 4x, per l'utilizzo di altre tipologie di periferiche. Notiamo come il chipset sia coperto da un voluminoso dissipatore di calore, che cela a sua volta uno dei 3 slot per soluzioni di storage via interfaccia M.2: le due restanti sono montate su una schedina fornita in dotazione, che va installata in un apposito slot presente accanto a quelli memoria.

scheda_2_s.jpg (74832 bytes)

Nessun problema di collegamento con le periferiche esterne grazie al gran numero di porte USB, compresa una Type-C che non è però compatibile Thunderbolt. Non mancano la scheda di rete Gigabit, una rete WiFi integrata onboard e una scheda di rete a 10 Gbit fornita quale accessorio in bundle e installata in uno degli slot PCI Express presenti sulla scheda. E' questo un accessorio interessante per chi vuole utilizzare questo sistema gestendo l'accesso a dati di storage montati su una qualche forma di NAS, ma che per venir sfruttato appieno implica necessariamente la presenza di una infrastruttura di rete tutta compatibile con trasmissioni a 10 Gbit.

scheda_4_s.jpg (138808 bytes)

L'area attorno al socket TR4 del processore, che nell'immagine vediamo installiamo, è caratterizzata dagli 8 slot per moduli memoria e dalla circuiteria di alimentazione ricoperta da un dissipatore di calore in alluminio. Una heatpipe trasferisce il calore verso un secondo dissipatore di calore, montato dietro le porte posteriori della scheda madre e celato dalla placca di copertura: questo radiatore è raffreddato da una piccola ventola integrata.

scheda_5_s.jpg (135925 bytes)

scheda_6_s.jpg (131317 bytes)

Per far fronte ai requisiti di alimentazione dei processori Ryzen Threadripper ASUS ha integrato su questa scheda madre due connettori a 8 pin ciascuno accanto a quello ATX a 24 pin; è possibile utilizzare il sistema con un solo connettore montato ma al momento dell'accensione il bios suggerisce di collegare anche il secondo connettore così da assicurare maggiore stabilità operativa nelle condizioni di pieno carico. Nella parte inferiore della scheda è presente anche un connettore Molex a 4 pin, con il quale fornire alimentazione supplementare agli slot PCI Express nel momento in cui si utilizzano più schede video contemporaneamente.

scheda_7_s.jpg (114447 bytes)

scheda_8_s.jpg (130160 bytes)

Durante i test con le due CPU AMD Ryzen Threadripper la scheda madre ASUS X399 ROG Extreme non ha evidenziato problemi legati alla stabilità di funzionamento. Siamo anche intervenuti a valutarne l'overclock con alcuni test preliminari, sfruttando l'utility AMD Ryzen Master e ottenendo una iniziale frequenza di clock attorno a 3.800 MHz con tutti i core della CPU Ryzen Threadripper 1950X utilizzati al 100%. A motivo della scadenza dell'embargo non c'è però stato tempo materiale per poter approfondire ulteriormente i test in overclock.

 
^