MacBook Pro 15 Retina Display, nuovi orizzonti per i portatili Apple

MacBook Pro 15 Retina Display, nuovi orizzonti per i portatili Apple

Per Apple è tempo di una nuova generazione di portatili: senza unità ottica, ad elevate prestazioni e con schermo ad elevatissima definizione. Pioniere di questo concept è il nuovo MacBook Pro 15 Retina Display proposto ad un prezzo, quello dell'esclusività, decisamente elevato

di Andrea Bai pubblicato il 09 Agosto 2012 nel canale Apple
 

Introduzione

Correva il 1998, quattordici anni fa, lo stesso anno in cui due sconosciuti di nome Larry Page e Sergey Brin fondarono Google, quando Apple fece debuttare sul mercato il primo iMac. Un sistema che con la sua scocca colorata e l'introduzione di diverse innovazioni tecnologiche, tra cui le porte USB, seppe rivoluzionare il panorama dei personal computer.

Uno dei tratti distintivi di iMac fu l'abbandono dell'unità floppy, un supporto che da qualche anno aveva imboccato la via del declino a favore dei più capienti e robusti Compact Disc e che negli anni seguenti entrò progressivamente a far parte della storia della tecnologia.

Oggi la storia si ripete: con il debutto della nuova famiglia di sistemi MacBook Pro con Retina Display, Apple prosegue nel solco tracciato con MacBook Air e decide di dismettere l'unità ottica anche su un sistema portatile da 15 pollici, un form factor che tradizionalmente non ha mai richiesto compromessi o rinunce come può essere, ad esempio, proprio come fu nel caso di MacBook Air.

Ma non si tratta di un azzardo, dopotutto. La Mela ha a lungo preparato questo momento dapprima proprio con l'introduzione delle soluzioni MacBook Air per sondare il polso del pubblico, in seguito preparando uno scenario dove l'utente possa sentire sempre meno l'esigenza dell'unità ottica. Elemento chiave di questa strategia è stato il lancio di MacApp Store, il servizio di digital delivery di applicativi e programmi del mondo Mac. E per dare un segnale forte Apple ha decisio di avviare in maniera esclusiva, tramite questo servizio, la distribuzione dei propri sistemi operativi a partire dal precedente Mac OS X 10.7 Lion e con il recente debutto di Mac OS X 10.8 Mountain Lion.

Se l'abbandono dell'unità ottica rappresenta un segnale di passaggio in direzione di una nuova concezione del portatile, l'elemento comunque più rappresentativo del nuovo portatile - e che da il nome al sistema stesso - è proprio il display ad alta densità di tipo "Retina". Per Apple il filone dei display ad alta densità prende il via nel corso del 2010 con il lancio di iPhone 4, equipaggiato con un pannello da ben 326ppi, e prosegue con il nuovo iPad immesso sul mercato lo scorso mese di marzo: portare questo tipo di display anche nel mondo dei portatili rappresenta la naturale continuazione di questa strategia, con lo scopo di offrire all'utente una migliore esperienza d'uso e, almeno fino ad ora, una proposta unica sul mercato.