iPad 2, il tablet della Mela diventa dual-core

iPad 2, il tablet della Mela diventa dual-core

Processore A5 dual-core, doppia fotocamera, giroscopio, spessore ridotto. Queste le novità di iPad 2, che porterà con se anche il nuovo iOS 4,3 e le due applicazioni iMovie e GarageBand

di Andrea Bai pubblicato il nel canale Apple
 

Introduzione

"Vieni a vedere di chi sarà l'anno il 2011". E' con questa sibillina affermazione che negli scorsi giorni Apple ha preannunciato l'evento di presentazione presso lo Yerba Buena Center for the Arts di San Francisco, la location prediletta per la Mela nel momento in cui c'è da levare il sipario sulle novità nel campo della digital lifestile, tutto ciò che è intrattenimento personale, multimedialità, svago, iPod, iPhone e iPad.

A grande sorpresa è il CEO della Mela, Steve Jobs, a salire sul palco nonostante il congedo medico annunciato a metà gennaio e mettendo inoltre a tacere qualche malelingua circolata nel corso delle passate settimane. Come di consueto l'avvio di questo genere di eventi è riservato ad una piccola puntualizzazione di alcuni risultati raggiunti dalla Mela: in questo caso si parte da iBookstore, la biblioteca virtuale della Mela dalla quale è possibile acquistare libri elettronici per iPad, iPhone e iPod touch. A tal proposito Jobs fa sapere che iBookstore ha tagliato il traguardo dei 100 milioni di libri scaricati e che tra gli oltre 2500 editori che distribuiscono le proprie opere tramite iBookstore si è aggiunta Random House, la più grande casa editrice di libri in lingua inglese al mondo. Con il nuovo ingresso la biblioteca virtuale si arricchirà di oltre 17 mila libri.

Il CEO di Apple snocciola in rapida successione un'altra serie di traguardi: la Mela ha raggiunto i 200 milioni di account AppleID (quelli necessari per accedere ad uno qualunque degli store della Mela), non molte settimane fa ha totalizzato i 2 miliardi di dollari pagati agli sviluppatori per la rivendita dei programmi tramite App Store ed è arrivata alla consegna del 100milionesimo iPhone.

Ma la presentazione odierna è dedicata all'iPad, un prodotto che Apple definisce come il "terzo blockbuster dell'era post-PC", anticipato cronologicamente da iPod e iPhone. Jobs sottolinea come attualmente la maggior parte del fatturato della Mela sia generato proprio da questo terzetto di prodotti e sfrutta l'occasione per servire al pubblico un altro risultato, ovvero i 15 milioni di iPad commercializzati fino ad ora.

Arriva il momento, anche in questo caso come tradizione vuole, delle frecciate alla concorrenza: si parte da Samsung che con il Galaxy Tab ha dichiarato di aver avuto un sell-in di 2 milioni di pezzi, ma è ignoto il reale volume di vendita all'utente finale. Si passa per Android "Honeycomb" per il quale, dice Jobs, esistono circa un centinaio di applicazioni contro le oltre 65 mila esistenti per iPad ed infine si tocca tutto il ventaglio dei concorrenti, con Jobs che annuncia che il 2011 sarà l'anno dei "copycat", dei copioni, riferendosi alla pletora di soluzioni tablet/slate che affolleranno il mercato nel corso dei prossimi mesi.